Russia indipendente

image_pdfimage_print

di Redazione di Katehon

Per molti anni l’URSS ha vissuto sotto il giogo delle dure sanzioni imposte dai “partner” dei Paesi occidentali. Questo non fa eccezione per la Russia contemporanea. Oggi, quasi ogni azione nell’arena politica può servire da pretesto per l’introduzione di un nuovo pacchetto di restrizioni.

 

La questione della Crimea

Gli Stati Uniti hanno sempre cercato di assumere il controllo della Russia. Gli Stati Uniti hanno indebolito la loro politica estera in Europa e aumentato la loro influenza nel Caucaso e in Medio Oriente. Come si è visto, tali azioni hanno avuto poco effetto deterrente sulla Russia. Gli Stati Uniti hanno poi rivolto la loro attenzione alla dimenticata Ucraina. Sembrava che gli eventi del 2004 fossero già passati e che la situazione nello Stato confinante fosse diventata fedele alla Russia. Tuttavia, una nuova turbolenza attendeva il mondo. Nel 2013-2014, in Ucraina si sono verificati drammatici cambiamenti di potere. Nel 2014, a seguito di questi eventi, la Crimea si è staccata dall’Ucraina e si è unita alla Russia. Questo evento ha comportato un moderno pacchetto di sanzioni contro il nostro Paese.

Otto anni di relazioni tese hanno portato all’imposizione di 2.754 sanzioni. In risposta alle azioni dell’Occidente, furono imposte restrizioni speculari e fu sviluppato un pacchetto di misure politiche ed economiche interne. Il governo ha optato per una politica di sostituzione delle importazioni. Le merci in deficit sono state fornite attraverso i Paesi di transito. Tale approccio ha permesso agli alleati della Russia di aprire sul loro territorio nuovi impianti per la produzione di prodotti alimentari, la cui importazione era vietata dai Paesi dell’UE e dagli Stati Uniti.

L’Occidente sperava che le nuove sanzioni avrebbero indebolito in modo significativo la Russia. Tuttavia, le loro aspettative non sono state soddisfatte. Né il sistema politico, né l’economia, né il settore bancario hanno sofferto abbastanza da causare un default o un’iperinflazione nel Paese.

 

Un nuovo inizio

Le liste di sanzioni contro la Russia sono state significativamente ampliate nel 2022. L’operazione militare speciale in Ucraina ha dato all’Occidente un’opportunità unica di usare una nuova leva contro lo Stato.

Così, dopo l’inizio dell’operazione speciale, sono state imposte alla Russia 7.796 sanzioni rivoluzionarie. Attualmente, il pacchetto di sanzioni è composto da 1.550 restrizioni. Non sorprende che le innovazioni abbiano avuto conseguenze più gravi per la Federazione Russa.

Il governo russo ha immediatamente ingaggiato una “lotta” con l’Occidente. Era importante capire che per contrastare le restrizioni era necessario reagire rapidamente e, soprattutto, in modo efficace. Le controsanzioni dovrebbero avere lo stesso effetto distruttivo delle misure dei “partner” occidentali.

 

Un mondo senza risorse russe

Forse la questione più acuta sulla scena mondiale è la vendita delle risorse energetiche russe. Il Presidente russo Vladimir Putin ha obbligato i Paesi importatori di gas naturale russo ad aprire conti in rubli nelle banche russe e a pagare le forniture di gas naturale in rubli.

Tali misure hanno seminato confusione in Europa. Inizialmente, tutti i Paesi hanno respinto la richiesta della Russia. Temevano che avrebbe neutralizzato l’effetto delle restrizioni economiche imposte.

Tra gli Stati europei nacquero dei disaccordi. Soprattutto, ci sono state preoccupazioni per i possibili problemi di sicurezza dell’approvvigionamento causati dall’attuale alto livello di dipendenza dalla Russia. Queste difficoltà si riflettono nella questione del pagamento del gas naturale in rubli e dell’apertura di conti in rubli nelle banche russe, nonché nella questione dell’interruzione totale degli acquisti di energia dalla Russia.

Alcuni Paesi si sono rifiutati di passare a pagare il gas russo in rubli. La Russia, a sua volta, ha smesso di fornire risorse naturali a Polonia, Bulgaria e Finlandia, che hanno respinto la richiesta.

Gli Stati Uniti non sono stati lasciati fuori. Lo Stato si è rifiutato di importare il petrolio russo. Questa decisione ha innescato un costante aumento dei prezzi del carburante. A giugno il prezzo del gallone di benzina ha superato i 5 dollari. E in California, dove il carburante costa sempre più di 6,4 dollari. Allo stesso tempo, i prezzi continuano a salire.

Le materie prime provenienti dalle riserve strategiche statunitensi hanno permesso un leggero calo del prezzo del carburante all’inizio di aprile. Il presidente americano sostiene che l’aumento del prezzo della benzina nel Paese è dovuto esclusivamente agli eventi in Ucraina.

Certo, questi Stati sono stati in grado di sfruttare mezzi di approvvigionamento energetico alternativi. Tuttavia, la Russia ha chiarito che, quando sarà il momento, non esiterà a usare la sua arma energetica. Inoltre, è chiaramente difficile per i Paesi europei ridurre la loro forte dipendenza dalla Russia in un periodo di tempo così breve.

Nonostante il rifiuto di alcuni Stati di accettare le condizioni della Russia, non ci sono problemi per quanto riguarda i ricavi da gas naturale e petrolio. L’annuncio di Gazprom mostra che circa la metà delle 54 piccole, medie e grandi imprese che hanno stipulato accordi con Gazprom hanno aperto conti in rubli per poter acquistare gas naturale dalla Russia. Questo dimostra che la Russia ha ancora una notevole influenza nel settore e continuerà a usare la sua carta vincente in campo energetico.

 

Restrizioni di finanziamento

L’Occidente ha cercato di rendere difficile l’attività di alcune grandi aziende russe. Gli Stati hanno imposto sanzioni settoriali, che implicano restrizioni su tutte le transazioni, i finanziamenti e altre operazioni che coinvolgono nuovo debito con scadenza superiore a 14 giorni e nuove azioni. Tra le principali aziende russe interessate dalle restrizioni vi sono: Gazprombank, Rosselkhozbank, Alfa Bank, Moscow Credit Bank, Gazprom, Gazprom Neft, Transneft, Rostelecom, RusHydro, ALROSA, Sovcomflot e Russian Railways.

Ci si aspettava che la parte russa agisse con decisione. Sono state adottate diverse misure per imporre restrizioni di ritorsione agli Stati ostili.

Ad esempio, un decreto del presidente russo Vladimir Putin ha stabilito che le società russe possono pagare i debiti ai creditori stranieri solo in rubli, secondo una procedura speciale. È stata inoltre introdotta una procedura temporanea per le organizzazioni russe, la Federazione Russa, le sue entità costitutive e le municipalità per adempiere ai propri obblighi in materia di prestiti e strumenti finanziari nei confronti di creditori stranieri provenienti da Paesi che hanno commesso “atti ostili” nei confronti della Russia. I pagamenti di tali obbligazioni saranno effettuati in rubli su un conto speciale aperto su richiesta del debitore presso una banca russa o un depositario centrale a nome del creditore straniero (conto di tipo C).

È stato inoltre introdotto il divieto di concedere prestiti e crediti in rubli a persone appartenenti alla lista degli Stati ostili senza l’autorizzazione della commissione governativa per il controllo degli investimenti esteri. Le persone possono essere registrate in questi Stati, svolgervi attività economiche prevalenti e trarne prevalentemente profitto. Questo divieto si applica anche alle entità controllate, indipendentemente dal luogo in cui sono registrate. Tuttavia, non si applica alle persone straniere controllate da persone russe, a condizione che tale controllo sia comunicato alle autorità fiscali.

Tali decisioni hanno rafforzato la posizione del rublo non solo sul mercato interno, ma anche all’estero. L’Occidente deve convertire la propria valuta in rubli russi. In questo modo, i Paesi occidentali sostengono in modo significativo la nostra moneta nazionale. Il divieto di prestito, a sua volta, priva l’Occidente della possibilità di ottenere denaro dalla Russia.

 

Divieto di esportazione

L’Occidente ha imposto restrizioni alle importazioni di prodotti ad alta tecnologia. La Russia ha risposto a queste azioni stilando una propria lista di merci che non possono lasciare lo Stato.

Pertanto, a partire dal 10 marzo 2022 è vietato esportare dalla Russia apparecchiature tecnologiche, di telecomunicazione e mediche, veicoli, macchinari agricoli, apparecchiature elettriche, legname, vagoni e locomotive ferroviarie, turbine. Inoltre, sono state imposte restrizioni alle esportazioni di macchine per la lavorazione del metallo e della pietra, console e pannelli, zucchero e cereali.  La decisione rimarrà in vigore fino alla fine del 2022.

Per molte merci è vietata l’esportazione verso tutti i Paesi stranieri, ad eccezione degli Stati membri dell’Unione Economica Eurasiatica (UEE), dell’Abkhazia e dell’Ossezia del Sud. Tuttavia, i permessi di esportazione temporanea possono essere concessi per le merci incluse nei decreti governativi con una decisione del governo.

Tali azioni migliorano la circolazione dei beni sopra citati nei territori amici. Inoltre, questa misura contribuirà a proteggere il mercato alimentare nazionale di fronte alle restrizioni esterne. Questa strategia presenta alcuni svantaggi. Ad esempio, priva gli imprenditori russi della possibilità di guadagnarsi da vivere sui mercati dei cambi.

 

Avere il giusto

Secondo il decreto governativo del 29 marzo 2022, è stato approvato un elenco dei gruppi di beni in relazione ai quali non possono essere applicate alcune disposizioni del Codice civile della Federazione Russa sulla tutela dei diritti esclusivi sui risultati dell’attività intellettuale. A questo proposito, l’assenza del consenso del titolare del diritto all’uso del marchio per l’importazione nel territorio della Russia dei prodotti originali specificati nell’elenco non costituisce una violazione dei diritti esclusivi del titolare del diritto al marchio.

Questo regolamento permette, contro la volontà dell’Occidente, che alcuni prodotti entrino nel Paese senza il permesso del proprietario. Questa mossa intelligente contribuisce a stabilizzare il fatturato delle importazioni del Paese.

 

Popolazione sicura

Nell’ambito dell’opposizione all’aggressione occidentale, è fondamentale anche lo sviluppo del mercato interno. Il partito politico Russia Unita ha preparato un nuovo pacchetto di misure per rendere l’economia russa più sostenibile di fronte alle sanzioni. Tutte le istituzioni del partito sono state coinvolte nel processo di creazione.

Una delle aree di sviluppo più importanti è garantire la stabilità della produzione di farmaci e la sostituzione delle importazioni. Attualmente sono in corso lavori per la produzione nazionale di prodotti farmaceutici. Per attuare pienamente questa strategia, è necessario un approvvigionamento anticipato in modo che i magazzini e le cliniche russe dispongano delle scorte necessarie di farmaci.

Dmitry Khubezov, coordinatore del programma popolare “Salute umana” di “Russia Unita”, presidente del Comitato della Duma di Stato per la protezione della salute, ha sottolineato l’importanza di localizzare la produzione di attrezzature mediche e di fissare nella legge l’ordine statale per esse, in modo che il produttore sia a conoscenza dell’esatta quantità di attrezzature mediche da vendere.

“Edinaya Rossiya” ha anche avanzato proposte per il sostegno ai produttori agricoli e alla sicurezza alimentare. La Parte ha chiesto che venga presa in considerazione la questione dello stanziamento di fondi aggiuntivi dal bilancio federale per la campagna di raccolta del foraggio e per la campagna di raccolta.

Lo sviluppo di un finanziamento adeguato per il sottoprogramma sulla selezione delle colture orticole e la produzione di sementi nell’ambito del programma scientifico e tecnico federale sembra importante anche per la stabilità economica. È inoltre necessario modificare la legge sugli appalti pubblici. Queste misure consentiranno ai produttori agricoli regionali di fornire in via prioritaria i loro prodotti alle istituzioni sociali ed educative situate nei loro territori.

Dal punto di vista strategico, è necessario occuparsi adeguatamente della manodopera e del personale scientifico, per evitare che gli specialisti vadano all’estero, perché l’Occidente cercherà di continuare la fuga dei cervelli dalla Russia.

***

La Russia, come attore forte sulla scena politica mondiale, è costantemente sotto attacco da parte dell’Occidente. L’operazione militare speciale in Ucraina ha dato ai Paesi stranieri un’ottima scusa per fare pressione sulla Russia con un nuovo pacchetto di sanzioni. Tuttavia, è soprattutto l’Occidente a soffrire in questa battaglia. Le controsanzioni della Russia stanno mostrando una tendenza positiva e hanno migliorato la situazione all’interno del Paese. Le condizioni di crisi hanno favorito lo sviluppo di nuovi progetti nel Paese.

Il Presidente russo Vladimir ha dichiarato che l’economia russa sta affrontando con dignità il colpo delle sanzioni. Tutti i principali indicatori macroeconomici possono confermare che l’economia sta superando le restrizioni.

In Occidente, tuttavia, la situazione non è così rosea. La dipendenza dalle nostre risorse energetiche la pone in una posizione scomoda. In America i prezzi dei carburanti aumentano, l’Europa non riesce a trovare fornitori alternativi e inizia a condurre operazioni in rubli. Le restrizioni sui prestiti e sui mutui li privano del denaro russo. Le sanzioni occidentali li hanno colpiti di nuovo.

Traduzione a cura di Lorenzo Maria Pacini

Foto: Idee&Azione

1° luglio 2022