Russofobia: fenomeno, ideologia, pratica

image_pdfimage_print

di Aleksandr Prokhanov

La russofobia è vecchia di secoli. Fin dall’antichità, prima di attaccare la Russia, l’Occidente ha demonizzato i russi. Li hanno dichiarati barbari, mostri, subumani. E poi cominciarono le invasioni: i Cavalieri Teutonici, i predoni polacchi, le guardie francesi, le truppe delle SS. Lo scopo di queste invasioni era quello di impadronirsi dei territori, schiacciare il potere tradizionale russo e trasformare i russi in schiavi.

Ma la Russia, sopravvissuta alle invasioni e caduta nell’abisso delle catastrofi nazionali, rinacque di nuovo, la resurrezione pasquale ebbe luogo di nuovo, e nacque un nuovo Stato imperiale russo che raggiunse vette senza precedenti.

La russofobia di oggi sta assumendo la natura di un progetto. Il progetto della russofobia ha come obiettivo la distruzione di quell’essenza profonda e nascosta, da cui ogni volta la Russia sorge. Il seme nascosto da cui ricominciano a crescere i grandi raccolti imperiali. La Russia e i russi devono essere sterminati come fenomeno. I russi devono essere cancellati dalla storia del mondo una volta per tutte. Il progetto “Russofobia” prevede la creazione di un gigantesco bulldozer che, partendo da Minsk e Smolensk, attraversa l’intera Eurasia slava e raschia la Russia fino all’Oceano Pacifico. E questa landa desolata sarà cosparsa di sale sulfureo, così che non vi crescerà nemmeno un filo d’erba.

I moderni centri russofobici sono alla ricerca dell’essenza russa nascosta, del grano magico della civiltà russa. Questi centri sono costituiti da militari, ufficiali dei servizi segreti, economisti, psicologi sociali, propagandisti, maestri dell’attacco informativo, culturologi, esperti di religione, occultisti, maghi. Esplorano la Russia nella sua interezza, setacciando gli imperi russi, immergendosi negli abissi russi, setacciando gli angoli della cultura russa, cercando di trovare il seme magico. Questo seme è chiamato Sogno russo. Il Sogno Russo è l’aspirazione del popolo russo all’esistenza divina ideale, chiamata nel linguaggio dei templi e dei sermoni ecclesiastici Regno dei Cieli.

I codici del destino russo portano il popolo a raggiungere l’alto ideale divino. Questi codici non sono riportati nella tabella. Non sono scolpite su tavole. Questi codici sono conoscenze nascoste, accessibili ai russi risvegliati da Dio. Il sovrano russo risvegliato da Dio, sia esso zar, principe o leader, possiede la conoscenza sacra. È in grado di risvegliare i codici russi in una sequenza tale da spingere la storia russa in un’impennata creativa. I codici magici hanno portato la Russia fuori da tutti gli shock e i buchi neri, trascinandola verso il Sogno Russo. Sono contenuti nei racconti russi dell’acqua viva e morta, dell’immortalità. Negli insegnamenti dei grandi mistici ortodossi, come Starets Philotheus, creatore della teoria di Mosca – la Terza Roma, e il Patriarca Nikon, costruttore del monastero della Nuova Gerusalemme vicino a Mosca. Negli insegnamenti dei cosmisti russi, la grandiosa visione del mondo di Nikolai Fëdorov, che prometteva all’umanità l’immortalità. Nei trattati e nelle dottrine politiche dei bolscevichi, che sognavano di creare un’esistenza ideale sulla terra, di portare il regno celeste sulla terra.

Questi codici sono preziosi e sparsi nella cultura e nella letteratura russa. Pertanto, il progetto “russofobia” prevede la soppressione della cultura russa, sradicandola, bandendola dallo spazio mondiale, trovando nella cultura russa questa conoscenza intima, questi codici magici russi, e sopprimendoli uno per uno.

Pushkin è uno scrigno prezioso che, come le gemme, custodisce i codici magici della Russia. L’odio dei russofobi è rivolto a Pushkin. In lui i russofobi hanno indovinato la fonte della rinascita russa, l’immortalità spirituale russa.

Hitler si rivolse alle profondità del paganesimo germanico, agli oscuri segreti del germanesimo: l'”Oro del Reno”, i Nibelunghi, Sigfrido, le Valchirie, le rune. La società segreta Ahnenerbe attinse a queste energie profonde e le instillò nei cuori delle legioni tedesche che, con fulmini runici all’occhiello, conquistarono mezza Europa e marciarono sull’Unione Sovietica.

Nel 1937 Stalin diede ordine di fare di Puškin il poeta sovietico più letto, il più popolare. Le opere di Puškin sono state pubblicate in milioni di copie. Pushkin veniva letto nelle scuole, negli avamposti, recitato nelle unità militari. Sui palcoscenici dei teatri venivano messe in scena fiabe, opere liriche, basate sulle opere di Puškin. Pushkin ha nutrito il popolo sovietico prima della guerra con la sua grande energia. E nel 1941 sui campi di battaglia Pushkin e “Ahnenerbe” si incontrarono.

I pesci rossi di Pushkin si dimostrarono più forti dei demoni del Reno. L’Eugenio Onegin di Pushkin ha sconfitto il truce Sigfrido. Puškin arrivò a Berlino insieme a Zhukov e le sue mani, insieme a quelle dei fanti sovietici, tennero la bandiera della vittoria sulla cupola del Reichstag.

Il progetto di “russofobia” è incluso in un altro progetto ancora più grandioso: il progetto di “grande nullificazione”. L’Occidente, aspirando al dominio su tutta l’umanità, aspira a distruggere tutta la varietà e l’originalità dei popoli, la loro varietà e sovranità, a trasformare l’umanità in una massa appiccicosa, grigia, tagliata fuori dalle basi divine e monocolore, al di sopra della quale i superuomini controllano il corso della storia, a cancellare dalla storia i popoli indesiderati, tra i quali sono inclusi innanzitutto i russi.

Nelle profondità del Grande Progetto di Nullificazione, sta prendendo forma una nuova enigmatica entità mondiale, provvisoriamente chiamata “il fascismo tecnotronico del XXI secolo”. La sua nascita si è vista in Ucraina sull’esempio di Zelensky. Non c’è bisogno di schernire continuamente Zelensky, di deriderlo e di chiamarlo pagliaccio o buffone. Lasciate che sia il Kukryniksy a farlo. Mentre noi, che ci battiamo sul “territorio dei significati”, dobbiamo svelare Zelensky come soggetto sinistro.

Zelensky è una storta in cui viene versata una moltitudine di soluzioni, una moltitudine di essenze che compongono un misterioso cocktail bollente. In Zelensky, che indossa il vyshyvanka, c’è un antico paganesimo slavo, precristiano, con i Perun, gli idoli, gli dei degli antichi slavi. In lui c’è un sottosuolo spirituale germanico con il suo simbolismo magico, che si può vedere sui cadaveri del reggimento Azov*. Contiene l’orgoglio della Russia originale con Kiev, la madre delle città russe. Ha l’ideologia ultra-liberale dell’Occidente con le parate del gay pride, un culto infernale del piacere, lo show business che sostituisce la cultura e la fede. Ha una misteriosa mistica ebraica, misteri cabalistici. E tutto questo miscuglio fantasmagorico è irradiato dalle energie della realtà digitale, dotate di intelligenza artificiale, che si mescolano, ribollono, generano energie fantastiche inedite che affascinano il mondo.

In Ucraina, a Khreshchatyk, è nata questa fantastica entità sinistra chiamata fascismo tecnotronico del XXI secolo. Dal laboratorio ucraino, dove è stato sintetizzato, è stato trasferito nel mondo. La Polonia è affascinata. Si sta affascinando la Germania, dove i discendenti delle SS sono saliti al potere. E le democrazie europee, indebolite dalla tolleranza, incapaci di dare vita a leader, si stanno costantemente trasformando in Stati nazionali totalitari. Zelenskie emergerà in Francia, Italia, Spagna e Scandinavia.

L’America è affascinata. Il nuovo fascismo dell’America non è il Ku Klux Klan, lo sciovinismo bianco o la stravagante rabbia di Trump. Sono Hillary Clinton, Obama, Biden, il razzismo dei neri, l’estremismo di sinistra, la cultura eugenetica che non è mai morta in America e che ha sempre avuto come obiettivo quello di aggiustare l’umanità escludendo i subumani da essa.

La cultura eugenetica dell’America degli anni ’20 portò alla sterilizzazione di massa degli americani inferiori, alle camere a gas con il gas della famiglia Cyclone. La cultura eugenetica fu portata in Germania e generò Hitler e la teoria del superuomo, accese i forni crematori in tutta Europa e rese gli ebrei combustibile nei forni di Auschwitz e Majdanek.

Oggi in Ucraina il Sogno Russo combatte contro il fascismo tecnotronico. Ad Avdiivka e Popasna, che il mondo non ha mai conosciuto, si decide il destino di questo mondo. Gli “uragani” e i “laureati” russi, i “kalibra” e i “pugnali” russi, le milizie del Donbass e i battaglioni aviotrasportati stanno attaccando il progetto russofobico, bucandolo. E ancora una volta la Russia, lavata nel sangue, incoronata e immortale, prende su di sé il peccato del mondo – ha luogo la grande abluzione russa.

E ci sono così tante lacrime e sangue nell’acqua viva russa.

*Organizzazione terroristica vietata nella Federazione Russa.

Traduzione a cura di Lorenzo Maria Pacini

Foto: Kethon.com

13 agosto 2022