Sanità: tagli, tagli, tagli. Perchè il Governo non è intervenuto sulle stime?

image_pdfimage_print

di Daniele Trabucco

Per il Servizio Sanitario Nazionale la Nadef (Nota di aggiornamento al Documento di Economia e Finanza) 2022, adottata dal Governo Draghi, ha previsto: nel 2023 un taglio di oltre 2 miliardi del finanziamento dai € 134 mld del 2022 a € 131,7 nel 2023; nel 2024 un taglio di ulteriori 3 miliardi essendo previsto che si passi da €131,7 mld del 2023 a €128,7 mld.; nel 2025 un incremento nominale di € 0,570 mld rispetto al 2024, pari ad un incremento dello 0,5%, assolutamente incongruo con le dinamiche di incremento annuale dei prezzi.

È vero che la Nota di aggiornamento al Documento di Economia e Finanza, da presentarsi alle Camere entro il 27 settembre di ogni anno ai sensi dell’art. 2 della legge ordinaria dello Stato n. 39/2011, è un’eredità del pessimo Esecutivo Draghi, ma in presenza di una forte inflazione è opportuno concentrarsi anche sulle voci che non cambiano e che, per questa ragione, possono riservare brutte sorprese.

Il Governo Meloni non ha cambiato alcunché sulle previsioni in termini assoluti della spesa sanitaria, spalancando le porte ad una crescente privatizzazione. Patrioti…

Foto: Idee&Azione

24 novembre 2022

Seguici sui nostri canali
Telegram 
Facebook 
YouTube