Si prepara il fatidico discorso di Putin: tre scenari

image_pdfimage_print

di Aleksandr Dugin

Noi – la Russia e il mondo – ci troviamo ora in uno stato che può essere ridotto al seguente schema. Stiamo parlando della situazione in Ucraina, che sta degenerando nell’inizio di una vera e propria guerra mondiale. Come ogni schema, semplifica la realtà, ma allo stesso tempo la rende significativa e la eleva a una certa struttura probabilistica. Questo schema prevede tre vettori oggettivi di possibili sviluppi e quattro versioni della posizione soggettiva. Pertanto, già all’inizio si delinea una certa asimmetria, il cui significato si rivelerà man mano che lo schema viene descritto.

Il livello oggettivo descrive la logica probabile del dispiegarsi delle catene di causa-effetto, già delineata su un piano concreto di fatti verificabili.

Il livello soggettivo comprende la percezione degli eventi da parte dei gruppi, tra i quali sono particolarmente importanti coloro che prendono le decisioni chiave che, a loro volta, influenzano gli eventi stessi in un modo o nell’altro.

 

Scenario catastrofico (per la Russia). Occupazione. De-imperializzazione. Finis Rossiae

Cominciamo con lo scenario peggiore. Supponiamo che il contrattacco dell’AFU e di fatto della NATO a Kharkiv e nel Donbass non sia un errore casuale della SMO, ma qualcosa di più sinistro. I pessimisti e gli osservatori critici (così come i partecipanti) descrivono le conseguenze e la continuazione di questo processo in mille modi.

Questo scenario è descritto in dettaglio nella propaganda ufficiale degli ucraini, che già prevedono il trasferimento delle ostilità in Crimea, nelle regioni di Belgorod, Kursk, Rostov e Voronezh e – al limite – un attacco a Mosca. È anche il sogno roseo dei russofobi occidentali e dei liberali russi. Si tratta essenzialmente di uno scenario per la fine della Russia, Finis Rossiae.

Significherebbe non solo la fine del regime, ma la fine di tutto e di tutti. E ciò che è importante è che la fine non sarebbe stata morbida e compensata (come nel 1991), ma sanguinosa e violenta. Se inizia il nostro ritiro (in un certo senso, continuerà), tutto cadrà – per cause sia esterne che interne.

Si tratta di una tendenza oggettiva a cui corrisponde anche una piattaforma politica e ideologica soggettiva: è il sogno della Kiev ufficiale, dei vertici russofobici e globalisti e dei sostenitori di Navalny*, Akhedzhakova e Ekho Moskvy, ovvero la quinta colonna all’interno della Russia.

I problemi esistenti con l’equipaggiamento tecnico dell’esercito, con gli errori di calcolo strategico (che si sono già manifestati nelle fasi precedenti della SMO), con la dipendenza della Russia dalla tecnologia straniera, a cui ora è stato tagliato l’accesso, che, come risulta, influisce direttamente sul nostro armamento, cioè sulla dipendenza critica complessiva dall’Occidente nelle fasi precedenti – possono rivelarsi fatali.

Ma se così fosse, la Russia come entità semplicemente scomparirà, e tutti – autorità e società – dovranno pagarne il prezzo. Nessuno riuscirà a fuggire.

 

Scenario apocalittico (per tutti). La fine della storia. La distruzione dell’umanità.

Il secondo scenario è un’apocalisse nucleare. È possibile che Mosca, che comincia a perdere seriamente (primo scenario), decida di usare le armi nucleari. Quello che si pensa di fare oggi è ovvio. La tesi “le potenze nucleari non perdono le guerre” è esattamente su questo tema. Vengono in mente anche le parole del Presidente su chi “morirà e chi andrà in paradiso” o che “non ci sarà pace senza la Russia”.

Probabile? Sì, probabilmente. Qualcuno in Russia sta considerando questa possibilità? Senza dubbio. Quindi c’è una catena oggettiva di eventi che può portare a questo, e ci sono forze soggettive che prendono una tale piega. Sono pronti per questo.

In altre parole, ci sono prerequisiti oggettivi per una tale svolta, nonché forze che possono prendere decisioni di conseguenza.

Putin ha detto che i suoi nemici non aspetteranno la sua resa volontaria, citando l’esempio di Salvador Allende, che ha combattuto con una mitragliatrice fino all’ultimo uomo, ma la differenza è che Allende non aveva un pulsante nucleare, poteva sacrificare solo se stesso e alcuni nemici.

Le cose potrebbero principiare proprio adesso. Se l bombardamento della centrale nucleare di Zaporizhzhia da parte dell’AFU raggiungesse il suo obiettivo, ciò sarebbe equivalente a un attacco nucleare mirato sul territorio russo – dopo tutto, le armi sono occidentali e gli istruttori occidentali sono impegnati nella ricognizione e nel puntamento. La risposta non verrebbe più dall’Ucraina, ma dal vero centro decisionale, che è molto più a ovest.

Tuttavia, la Russia potrebbe ricorrere alle armi nucleari in altre situazioni, poiché per la Russia – sia per lo Stato che per il popolo – perdere una guerra significherebbe l’annientamento totale, e non solo una sconfitta grave ma comunque tollerabile, che potrebbe essere superata, lo scenario nucleare non può essere scartato. L’Occidente sottovaluta chiaramente tale probabilità, ritenendola un bluff.

 

Uno scenario patriotticamente vittorioso (per la Russia e per i sostenitori di un mondo multipolare). La guerra santa.

Il terzo scenario è il più importante. E l’unico che si salva.

In Russia è in atto una rivoluzione dall’alto. Putin, che ha già rotto con l’Occidente, trasforma questa rottura totale e irreversibile in un’ideologia, in un corso, in una strategia e nell’unica linea guida dell’esistenza. Tutti i compromessi sono aboliti, la Russia sta diventando apertamente un impero popolare con una marcata etica religiosa e sociale (anticapitalista). Il liberalismo e l’occidentalismo sono banditi. Il sabotaggio, il furto, la pigrizia e la corruzione vengono bruciati con il ferro temprato secondo le leggi della guerra.

Lo Stato e il popolo si raggruppano e la SMO si trasforma in una guerra santa popolare. Essere o non essere.

La situazione può essere oggettivamente così? Naturalmente. Molti eventi, processi e fattori oggettivi – tra cui una reazione sana e decisa ai fallimenti precedenti e soprattutto agli eventi nella regione di Kharkiv – portano esattamente in questa direzione.

Questo scenario ha un soggetto? Senza dubbio. Innanzitutto, il popolo stesso, la società, la maggioranza patriottica, il popolo del fronte e una parte significativa della classe dirigente; sì, più alto è, meno ce ne sono, ma anche la classe dirigente non è qualcosa di omogeneo.

La società è pronta per questo. Tale è anche la posizione assunta da quasi tutte le persone coinvolte nella guerra, in un modo o nell’altro, ed è evidente a tutti che c’è bisogno soprattutto di mobilitazione e dell’ideologia della vittoria. Siamo giunti alla fine dei compromessi.

Tra i funzionari – se prendiamo tutti insieme – i patrioti sono probabilmente la maggioranza; tra la gente – praticamente tutti, tranne gli agenti d’influenza e le eccezioni patologiche (ci sono fenomeni da baraccone ovunque).

Se si verifica una tale rivoluzione patriottica dall’alto, la mobilitazione avverrà da sola e la Russia entrerà nella battaglia finale per l’esito della storia mondiale. In realtà, gli anziani ortodossi, i filosofi russi e i nostri eroici antenati vedevano il futuro in questo modo: arriverà il momento in cui i russi si solleveranno contro il male del mondo, contro l’Anticristo, e compiranno la loro missione di Padroni. Nell’era sovietica questo scenario aveva una versione leggermente diversa, ma la stessa essenza: la lotta contro l’Occidente per la salvezza dell’umanità e un futuro giusto e luminoso.

Quel momento è arrivato.

La cosa principale in questo scenario è una rapida interruzione di tutta la dipendenza dall’Occidente: ideologica, tecnologica, psicologica, economica, culturale. È stata questa dipendenza a paralizzarci nel momento critico. È emerso che l’Occidente detiene le chiavi di molte sfere vitali della nostra vita – informative, tecnologiche, culturali, finanziarie. Sì, avevamo un’importante carta vincente nel campo delle risorse naturali, ma era l’ideologia, la tecnologia e la metodologia occidentale che usavamo. L’hardware delle risorse è importante, ma il software ideologico e tecnologico è ancora più importante.

La rivoluzione popolare dall’alto è progettata per smantellare l’Occidente interno – sia nella forma del liberalismo residuo che in tutti gli altri codici – nel più breve tempo possibile.

Non è facile, ma se non lo è, si vedano i due scenari precedenti.

 

Lo status quo come illusione vuota e priva di significato

Ora rimane solo una direzione che esiste come posizione soggettiva, ma che non si basa su alcuna realtà oggettiva – perché semplicemente non esiste.

Questo è lo stato mentale del partito dello “status quo”, o “Rublevka collettivo”. È la categoria di quei funzionari e uomini d’affari di alto livello che – per ragioni che nessuno conosce – continuano a credere che il mondo prima del 24 febbraio 2022 e il mondo dopo il 24 febbraio 2022 siano essenzialmente la stessa cosa. Nulla – né i rapporti dal fronte, né gli atti terroristici sul fronte interno, né i cambiamenti tettonici in corso nell’ordine mondiale – sembra convincerli del contrario. Come prima, lottano per le loro posizioni, promuovono i loro incaricati al potere, sbaragliano i concorrenti, si assicurano di mantenere ciò che hanno, cioè vivono come se non fosse successo nulla, adattandosi reattivamente alla situazione.

Sono popolarmente considerati il “partito del tradimento”, il “prugna”, ma questo è un errore. Non possono né tradire né prosciugare nulla. Non sono né le autorità, né il popolo, e nessuno troverà un accordo con loro, né dall’Occidente né da Kiev. Abbiamo già superato questo punto.

La SMO ha acuito in modo eccessivo tutte le contraddizioni esistenti. Un mondo unipolare non può coesistere con uno multipolare. O meglio, non si può più pensare che il mondo sia “unipolare” e altri che sia “multipolare”. Se la Russia (così come la Cina) intende seriamente la propria sovranità, deve dimostrarlo in guerra, non c’è altro modo e questa guerra deve essere vinta. Se vinciamo, allora sarà multipolare; ma, se così non fosse, la Russia non esisterebbe in nessuna veste. Non sarà possibile tornare agli anni ’90 o all’epoca prima del 24 febbraio 2022, per nessuno.

Sono possibili tre scenari, un quarto non vi è. Esiste solo come tributo all’inerzia, cioè esiste nella mente, ma non nell’essere.

Naturalmente, molte persone ai vertici dell’élite politica russa occupano questa quarta posizione. Si dice che “tutto si risolverà in qualche modo” e questo suscita la giustificata rabbia dei patrioti; ma dato che nella pratica non esiste uno scenario del genere, non c’è bisogno di sprecare alcuno sforzo. La capitolazione era possibile negli anni ’90 e così è avvenuto. I compromessi – prima della SMO ci sarebbero potuti essere e infatti ci sono stati, ad esempio l’accettazione da parte di Mosca delle regole dell’Occidente globale in materia di divisione del lavoro e integrazione, gli accordi di Minsk, ecc.

Ora è tutto compiuto. Non resta che essere o non essere. Il “Collettivo Rublevka” non esiste più. Le ville sono in piedi, le guardie sorvegliano, le auto costose si muovono nello spazio. Si organizzano giornate cittadine e concerti. Persino Skolkovo sta funzionando, mentre altri mascalzoni, sostenuti da folli oligarchi, si stanno precipitando alla guida dell’Accademia delle Scienze russa, ma questa è una chimera, un miraggio. Essere o non essere abolisce la possibilità stessa di fantasticare più di tanto.

Se la Russia esiste, è già molto diversa da prima di tutto quello che è accaduto: popolare e mobilitata, in lotta a tutti i livelli – spirituale, ideologico, tecnico, economico, frontale – in battaglia con un nemico assoluto. Se non esiste, allora essa è già una colonia smembrata e occupata dalla NATO e dai nazisti ucraini, o un deserto post-apocalittico (vedi il primo e il secondo scenario).

Ci sono solo tre scenari oggettivi e solo coloro che lo capiscono a livello di soggetto e ne scelgono uno sono presi in considerazione, cioè vivono e decidono veramente per il loro destino, per il destino del loro Paese, del popolo e dell’umanità. Sono gli unici che hanno un significato nella scala della storia.

Il partito del tradimento semplicemente non esiste più, perché il tempo delle concessioni e dei compromessi è passato, come un dolore fantasma. Adesso siamo noi, solo noi. Tutto qui.

Pubblicato su TsargradTV

Foto: Idee&Azione

21 settembre 2022

Seguici sui nostri canali
Telegram 
Facebook 
YouTube