Società e genere

image_pdfimage_print

di Anton Bryukov

In precedenza, abbiamo affrontato i problemi del monarchismo sociale, che è uno sviluppo della Quarta Teoria Politica, teorizzato dal filosofo Aleksandr Dugin. Vladimir Karpets, autore del libro Monarchismo Sociale, ha proposto lo sviluppo teorico e ideologico della Quarta Teoria Politica, basato sui valori e sull’esperienza storica della Russia-Eurasia. I predecessori della teoria del monarchismo sociale includono Konstantin Leontiev e Leo Tikhomirov.

In questo articolo affronteremo la questione del genere. Il genere è il tipo più importante di identità con cui una persona è nata e dalla quale viene modellata come persona per tutta la vita. Va subito detto che rifiutiamo due estremi radicali: il femminismo frenetico dell’Occidente decadente e le opinioni eccessivamente esagerate di alcuni esponenti dell’ala conservatrice. Essendo conservatori coerenti, procederemo secondo la logica della storia e della civiltà russa. Qual è stata la visione russa del genere? Questo è ciò che commenta Aleksandr Dugin sul tema della famiglia russa.

La famiglia russa non è esageratamente maschile o femminile, ma androgina, autosufficiente ed equilibrata. Ciò significa che la famiglia russa non ha “squilibri”, né in senso ultra-patriarcale né, tanto meno, nel matriarcato. La famiglia russa deve essere un tutto: marito e moglie. In un certo senso, questa è l’unità di base della società. L’ideale e la guida della società socio-monarchica sarebbe la famiglia dello Zar. In molti modi, le persone si ispireranno ai valori della famiglia, ammirando la famiglia reale.

La mascolinità esagerata dell’Occidente ha portato a nevrosi sociali, che, di conseguenza, hanno portato a un’ondata di femminismo radicale. Come altrove, quando la complessità crescente passa alla semplificazione secondaria, assistiamo al completo crollo dell’organismo sociale e della società. Una donna che si trova nella posizione del femminismo radicale è solo una parodia di una persona, che perde letteralmente la sua identità di genere, e con essa i suoi ruoli sociali e quindi il suo genere umano. L’ultra-femminismo è la lotta di una donna per essere “come un uomo” in tutto. Le femministe della “nuova ondata” hanno promosso l’idea secondo cui una donna è più importante di un uomo, e inoltre, il mondo non ha bisogno di un uomo. La lesbica Julie Bindel, ad esempio, ha suggerito di “mettere gli uomini nei campi di concentramento” e poi “gestirli a partire da lì”. Tutto ciò è la prova delle profonde malattie della società, nonché dei disturbi mentali di massa di questi cittadini.

Anche lo “sciovinismo” ultra-patriarcale non vede nulla nelle donne tranne che “schiave da cucina”. Tale etica è emersa in Occidente come risultato delle caratteristiche della sua civiltà e ha generato, tra l’altro, il fenomeno del femminismo sopra descritto. Entrambi gli estremi sono malattie sociali e devono essere estranei ai valori dei conservatori russi.

E se a livello cellulare il monarchismo sociale presuppone solo una stretta adesione all’essenza della famiglia russa nel suo aspetto equilibrato, allora l’aspetto politico del problema richiede una considerazione a parte.

Per cominciare, abbiamo notato qualcosa di importante. Le identità maschili e femminili sono fondamentalmente diverse. Sono differenti come il giorno e la notte. La civiltà dell’Europa occidentale, nel suo sforzo di semplificazione secondaria e onniscienza, cerca di capovolgere tutte le forme di identità, compreso il genere. Abbiamo già scritto dei risultati di questo sopra. Non riconosciamo la disuguaglianza di genere, ma la sua alterità. Ciò significa che alcuni archetipi di coscienza, tratti caratteriali e processi di pensiero sono diversi per i rappresentanti di generi diversi, il che non dovrebbe portare all’idea della loro disuguaglianza radicale. Invece, seguendo le idee del filosofo russo Gregory Skovoroda, affermiamo l’idea di affinità, che è necessaria per lo sviluppo armonioso dell’essere umano. L’affinità implica lo sviluppo di ciò che è disponibile per una persona. Di conseguenza, quando si tiene conto del ruolo sociale nella società, è necessario tenere conto dell’identità di genere di una persona, senza la quale il suo sviluppo armonioso è impossibile.

È anche necessario menzionare la questione del monachesimo. La Russia è un Paese ortodosso, nonostante la civiltà eurasiatica sia una fiorente complessità in cui, oltre all’ortodossia, operano altre religioni tradizionali, il ruolo fondamentale dell’ortodossia nella formazione dello Stato non può essere negato. Konstantin Leontiev ha scritto del monachesimo: «L’ideale della più grande rinuncia, una volta assimilato sia dalla ragione che dal cuore, influenzerà sicuramente l’uno più e l’altro meno – nei gusti personali mondani, nei sentimenti di un tale Stato, nelle regole familiari. Il monachesimo è già così utile ai laici che vogliono affermarsi nel cristianesimo, che insegna, prima di tutto, a prendersi cura di se stessi, a prendersi cura della propria vita futura, e “tutto il resto verrà da lì”. E per quanto cattivi possiamo essere, o per nostra natura o per le condizioni sfavorevoli del nostro precedente sviluppo, con un’analoga cura di noi stessi, per paura di peccare, in memoria del Giudizio Universale di Cristo, tuttavia, saremo un po’ più rispettoso degli altri, più giusti e gentili».

Il monachesimo è la via della parte eletta della società, la sua vera élite spirituale, ma questo ideale estremo della rinuncia può e deve essere un faro per i laici e guidare la famiglia. Va ricordato che nell’Ortodossia la vita familiare è benedetta e non è intesa come peccato, come in alcune eresie e in parte nel cattolicesimo. Non si riduce solo ai “doveri”, non solo alla nascita. È anche importante tenere a mente che l’aborto è comunque un omicidio. La vita familiare è una manifestazione di amore e un baluardo dell’integrità familiare. La concezione ortodossa della famiglia ideale si unisce al maggior valore dell’ascesi monastica come guida per la famiglia, ma non richiede la stessa ascesi della vita familiare. In questo caso, naturalmente, la vita familiare è il servizio della famiglia come Piccola Chiesa nei confronti di Dio, e il monachesimo è la via per una profonda ascesi personale. Per gli altri popoli dell’Impero, la loro tradizione spirituale deve plasmare le loro vite, compresa la loro vita familiare.

Non affronteremo il fenomeno della femminilità e della mascolinità, poiché questo è un argomento per uno studio separato. Né parleremo di alcune eccezioni che accadono nella vita (es. Giovanna d’Arco). Ciò di cui stiamo parlando vale per la maggioranza sociologica.

Passiamo alla sfera politica. Il monarchismo sociale presuppone un sistema di rappresentazioni patrimoniali (aziendali). Tra le rappresentazioni professionali e patrimoniali, come le vede Vitaly Tretyakov, c’è, ovviamente, un posto per la rappresentazione femminile. Quanto alla partecipazione delle donne a tutti gli altri ambiti di attività, tutto dipende dalla compatibilità dell’identità femminile e della posizione proposta. Dobbiamo scartare le grandi illusioni egualitarie secondo cui uomini e donne sono creati per qualsiasi tipo di lavoro. È chiaro che i dipartimenti del potere con il loro aspetto kshatriya (militari) erano e sono in misura maggiore prerogativa degli uomini. Di conseguenza, i capi di questi dipartimenti devono essere uomini. Il contrario, pur con le buone qualità personali del presunto leader, potrebbe rompere la scala gerarchica e portare a conseguenze irreversibili. Il capo di tali dipartimenti deve innanzitutto possedere qualità puramente coraggiose.

Tuttavia, allo stesso modo vediamo che, ad esempio, il ministro della Cultura potrebbe benissimo essere una donna. La presenza di atlete è assolutamente lecita, tuttavia, va ricordato che gli sport professionistici sono estremamente dannosi per la salute, contrariamente alle credenze popolari. L’educazione fisica e il GTO [1], necessari per lo stato, lasciano gradualmente il posto alla moderna “corsa al doping”. È possibile effettuare sfilate di atleti in cui l’immagine femminile occupa anche uno dei posti chiave.

Inoltre, le donne possono e devono svolgere un ruolo importante in materia di autogestione locale, industria leggera, persino la gestione di alcune industrie e la supervisione, ad esempio, dell’artigianato popolare. In un certo senso, sarebbe preferibile. Naturalmente, questa persona deve avere le giuste opinioni conservatrici. In futuro, il sovrano potrà farsi carico della cultura. Per vedere le cose con sobrietà, dobbiamo rimuovere il velo generale che l’Occidente sta promuovendo in modo così aggressivo e contro il quale Konstantin Leontiev ha combattuto. Questo problema può essere parzialmente risolto con un ritorno alla formazione e all’istruzione separate di ragazzi e ragazze. L’immagine sarà completata da una divisa scolastica realizzata con le tradizioni insite nella nostra storia.

Ora, per quanto riguarda il processo di genesi dello Stato. Lev Tikhomirov nel suo studio “Stato monarchico”, dedicato alla formazione e al destino futuro della monarchia nei diversi imperi, scrisse: «Per quanto riguarda il proprio sociale, l’umanità attraversa generalmente due fasi di sviluppo: la vita patriarcale… e la vita civile, passando dall’una all’altra attraverso fasi discrete. La vita patriarcale è la vita di una famiglia allargata, i cui membri sono legati non solo dalla comune origine, ma anche da tutto il loro potere morale e disciplinare. […] Il potere patriarcale è essenzialmente monarchico».

Notiamo anche che lo Stato in quanto tale (almeno quando si tratta del nostro Stato) è stato inizialmente guidato e creato dal principe e dalla sua squadra. Rurik fu chiamato a creare uno stato che non fosse basato sul principio tribale. Anche qui torniamo alle opere di Leo Tikhomirov: «L’idea principesca del patrimonio era sempre restrittiva del potere del Granduca e si batteva contro l’idea dell’autocrazia, considerandola l’usurpazione della legge patrimoniale dei Rurikovikij. Una monarchia pura su queste basi non sarebbe potuta sorgere se non ci fossero state altre condizioni favorevoli per essa».

Vale la pena notare che tra le nazioni che preservano il matriarcato, lo stato non si è sviluppato in quanto tale: è rimasto al livello della comunità del clan. Non teniamo conto del matriarcato iniziale come fenomeno metafisico, anche questo è oggetto di studi individuali, parliamo più degli esempi storici di costruzione dello stato imperiale che conosciamo. Questo fatto indiscutibile mostra anche l’essenza maschile apollinea dello Stato. Non ne consegue affatto che le donne in generale debbano essere private della possibilità di lavorare nell’apparato statale, inoltre, vediamo sempre che c’è una certa percentuale di donne che sono più adatte a questo lavoro. Qui abbiamo bisogno del principio della selezione ideocratica dominante di cui parlavano gli eurasiatisti. In questo caso, ovviamente, lo scopo dell’educazione per il bene dell’equazione non dovrebbe essere preso in considerazione. In termini di quadri dirigenti, oltre alle forze dell’ordine, bisogna prima considerare la qualità e l’ideologia di una persona, il suo senso del dovere e la sua percezione della gerarchia. Di conseguenza, naturalmente, una parte dell’apparato sarà occupata da personale femminile qualificato. In nessun caso questo dovrebbe essere evitato, ma dovrebbe essere chiaramente compreso che ci sarà una minoranza di tali donne.

In alcuni casi è anche possibile fare affari con una donna. Tuttavia, questo non è ciò che offre il mondo occidentale moderno. In un certo senso, la moderna donna d’affari è tanto una parodia di un uomo quanto una femminista, anche se questo non è sempre così chiaramente manifestato. Nel nostro caso, “affari” implica una gestione russa molto tradizionale, anche nel suo aspetto commerciale. È gradita anche la partecipazione delle donne alla formazione dell’élite creativa del Paese, sia nella scrittura che nell’arte e nel cinema. Ciò include anche il canto, la danza, il teatro. L’archetipo femminile nell’estetica, così caratteristico della cultura russa, deve continuare a ispirare la creatività di molte persone.

Detto questo, notiamo che in una sana società tradizionale, come abbiamo già detto, la famiglia è l’unità fondamentale. E per una donna, uno Stato che ha una funzione sociale deve, soprattutto, fornire tutte le condizioni per una maternità felice, ma allo stesso tempo non deve limitarsi ad essa, permettendo a chi ne ha bisogno di svilupparsi in tutti gli aspetti sopra descritti. In generale, l’approccio sovietico alla sfera sociale, escluso il marxismo e il prolet-cultismo, combinato con i valori tradizionali dei popoli della Russia e dell’Eurasia, e prima di tutto, ovviamente, l’ortodossia, dovrebbe creare un’esperienza completamente unica dello stato sociale del patrimonio aziendale, ma non senza elevazioni sociali. Garantendo la creazione di un programma per aiutare una giovane famiglia, che funzioni bene e sia libero da ostacoli, ad esempio, dal moderno programma di mutui. Anche il capitale materno deve rimanere. Dovrebbe essere leggermente aumentato.

La questione chiave del monarchismo sociale è il ritorno dei popoli dell’Eurasia e, soprattutto, del popolo russo, alla terra. Questo può essere definito un programma di deurbanizzazione volontario. Alle giovani famiglie deve essere data la terra in uso gratuito, ma senza il diritto di venderla.

Il monarchismo sociale implica una combinazione di deurbanizzazione riflessiva, sviluppo rurale, combinata con il passaggio dalla tecnosfera al sesto ordine tecnologico.

Di conseguenza, il monarchismo sociale presuppone la conservazione della struttura sociale della società tradizionale, mentre l’atteggiamento verso il genere deve basarsi sui valori russo-eurasiatici, evitando gli estremi, purtroppo, così caratteristici nell’epoca odierna. Ivan Solonevich definì la monarchia una “dittatura della coscienza” e disse che il sistema monarchico, in particolare la Russia moscovita, in primo luogo, corrispondeva al buon senso. Sulla questione del genere, questa regola va rispettata.

Note:

[1] Готов к труду и обороне (ГТО) [“Gotov k trudu i oborone” (GTO)]. In italiano sta per “Preparazione per il lavoro e la difesa”, fu un programma di allenamento ed educazione fisica in tutta l’Unione. Introdotto nell’URSS l’11 marzo 1931 su iniziativa del VLKSM, fu il complemento del Sistema di classificazione unificato degli sports dell’URSS. Mentre quest’ultimo forniva all’Unione Sovietica un sistema di educazione fisica solamente per atleti, il GTO fu un programma per tutti i sovietici e per ogni età. Dopo la dissoluzione dell’URSS nel 1991, il programma GTO fu eliminato nelle ex Repubbliche sovietiche. In Russia il programma GTO non esistette per 10 anni ma fu ripreso a partire dal 2003. Eppure, nelle remote aree rurali degli ex Stati sovietici, la sua propaganda è sempre stata presente. [N.d.T.]

Traduzione a cura di Alessandro Napoli

Foto: Idee&Azione

18 marzo 2022