Soros avverte che “la civiltà potrebbe non sopravvivere” alla guerra di Putin

image_pdfimage_print

di Luciano Lago

George Soros chiede la sconfitta di Vladimir Putin. L’Agente del NWO ha affermato che la Russia che invia truppe in Ucraina “potrebbe essere stato l’inizio della terza guerra mondiale e la nostra civiltà potrebbe non sopravvivere”.

A meno che la Russia non venga rapidamente sconfitta in Ucraina, l’Occidente collettivo non sarà in grado di affrontare il cambiamento climatico in tempo per salvare la civiltà, ha detto martedì il finanziere miliardario George Soros al World Economic Forum di Davos. Ha anche definito Russia e Cina le maggiori minacce al suo concetto di società aperta.

L’ invio di truppe da parte della Russia in Ucraina “potrebbe essere stato l’inizio della terza guerra mondiale e la nostra civiltà potrebbe non sopravvivere”, ha detto Soros al WEF, e anche quando i combattimenti si fermeranno, “la situazione non tornerà mai più a quella di prima. “

Nel suo racconto, l ‘”invasione” è avvenuta nel mezzo di una lotta tra “due sistemi di governo diametralmente opposti l’uno all’altro: società aperta e società chiusa”, il primo incarnato dall’Occidente e il secondo da Russia e Cina.

Soros, 91 anni, ha ricordato i “giorni emozionanti” della disintegrazione dell’Unione Sovietica, quando la sua ricchezza è aumentata al punto da poter spendere $ 300 milioni all’anno nel 1987, e le sue fondazioni nell’Europa orientale “si sono rivelate più efficaci di quanto da lui stesso previsto.”

Il finanziere ungherese non ha però menzionato il crollo del tenore di vita che è seguito per i cittadini comuni.

Ha affermato che la marea ha iniziato a cambiare dopo gli attacchi dell’11 settembre del 2001, “i regimi repressivi sono ora in ascesa e le società aperte sono sotto assedio”, con Cina e Russia che rappresentano “la più grande minaccia”.

Tuttavia, Soros era ottimista su come sarebbe andata quella lotta. Secondo lui, le truppe russe si aspettavano di essere accolte in Ucraina come liberatori e di uscire vittoriose in pochi giorni o settimane, ma l’Ucraina è stata in grado di “sconfiggerle” con l’aiuto degli Stati Uniti e della NATO. Nel frattempo, ha affermato che il leader cinese Xi Jinping ha danneggiato la sua legittimità con il blocco del Covid-19 a Shanghai e altrove.

Ciò che veramente preoccupava Soros, tuttavia, era che il conflitto in Ucraina interferisse con l’agenda ambientale, il che significa che il cambiamento climatico potrebbe diventare irreversibile.

“Potrebbe essere la fine della nostra civiltà”, ha detto, insistendo sul fatto che “dobbiamo mobilitare tutte le nostre risorse per porre fine presto alla guerra”.

“Il modo migliore e forse l’unico per preservare la nostra civiltà è sconfiggere Putin il prima possibile”, ha aggiunto.

Lunedì, l’ex segretario di Stato americano Henry Kissinger ha esortato il WEF a mediare una pace in Ucraina nei prossimi due mesi, prima che la Russia venga spinta in “un’alleanza permanente con la Cina” che destabilizzerebbe l’Europa.

“La Russia è stata per 400 anni una parte essenziale dell’Europa”, ha osservato il 98enne Kissinger, avvertendo coloro che cercano la “sconfitta” di Mosca. Bisogna che l’Ucraina faccia delle concessioni territoriali alla Russia per ottenere la pace, ha aggiunto Kissinger.

Foto: Geopolitica.ru

27 maggio 2022