Sovranità integrale

image_pdfimage_print

di Aleksandr Dugin

Il Paese [N.d.T. la Russia] si trova oggi in uno stato molto particolare. È come stare in bilico tra un passato che è già finito e un futuro che non è ancora iniziato, o meglio è iniziato ma non è ancora stato realizzato o accettato. Si tratta di questioni fondamentali: l’atteggiamento della Russia nei confronti dei processi globali e, soprattutto, dell’Occidente collettivo.

Dopo il crollo dell’URSS, abbiamo attraversato due fasi:

– Negli anni ’90 abbiamo cercato disperatamente di integrarci nel mondo occidentale a qualsiasi condizione, ma non abbiamo avuto molto successo e nel Paese si è instaurato un sistema di controllo esterno;

– Dopo l’ascesa al potere di Putin, abbiamo anche cercato di integrarci nel mondo occidentale, ma solo a condizione che la Russia mantenesse la propria sovranità; non ci siamo mai riusciti, ma siamo riusciti a rafforzare la nostra sovranità, che ha portato al 24 febbraio 2022.

Perché abbiamo avviato la SMO? Trump non ha prestato molta attenzione alla crescita della sovranità russa, non era un convinto atlantista e giudicava la modesta performance dell’economia russa che, dal suo punto di vista, non rappresentava una seria minaccia per gli Stati Uniti; non gli importava della Crimea, era molto più preoccupato per la Cina. Biden, invece, è un convinto atlantista e globalista, ed è ben consapevole che qualsiasi successo russo nell’espandere la propria influenza mette in discussione la globalizzazione, il mondo unipolare e l’egemonia americana. Per questo motivo, dopo aver messo da parte il mondo islamico, ha spostato la sua attenzione sul confronto con la Russia, senza ovviamente dimenticare la Cina.

Dall’estate del 2021, gli Stati Uniti e la NATO hanno iniziato a preparare un’operazione militare per conquistare il Donbass e un attacco alla Crimea. Pertanto, il Donbass è stato trasformato in un potente centro di future aggressioni militari contro la Russia. Compresi istruttori e mercenari stranieri.

Putin non ha aspettato l’inizio di marzo, quando l’operazione era stata pianificata, e ha colpito per primo. Da qui la preponderanza iniziale nella prima fase dell’operazione, che ha predeterminato l’esito a nostro favore. Ma lasciamo da parte l’aspetto militare della SMO. Dopo il suo inizio, la seconda fase delle relazioni della Russia con l’Occidente nel periodo post-sovietico si è conclusa. L’idea di integrarsi nel mondo occidentale è tramontata per ragioni oggettive. Alla Russia è rimasta solo la propria sovranità, la cui protezione, conservazione e rafforzamento si è rivelata del tutto incompatibile con la complicità della Russia nei processi globali su basi occidentali.

Abbiamo rotto irrimediabilmente e radicalmente con l’Occidente, ma questo non è ancora stato compreso. La seconda fase è finita, la terza non è ancora iniziata.

Qual è questa terza fase che gli occhi e le orecchie dell’élite russa non vogliono assolutamente percepire? Rappresenta un periodo indefinitamente lungo di esistenza della Russia in isolamento dall’Occidente e sotto la sua pressione dura e puramente negativa. Se si accetta come un fatto compiuto che questa direzione è per sempre tagliata fuori per noi, gli orizzonti del futuro diventano abbastanza chiari, ma bisogna fare uno sforzo per andare verso questo futuro. Allo stesso modo, il popolo sovietico non poteva credere che l’URSS e il comunismo fossero crollati e i liberali degli anni ’90 credevano che Putin fosse temporaneo, non serio e che tutto sarebbe tornato indietro. È difficile credere nel nuovo. Sempre. Incluso ora.

Essere senza l’Occidente e, per di più, in un netto confronto quasi militare con esso, significa attuare due vettori contemporaneamente:

– il russo e

– Eurasiatico.

Non si contraddicono, non c’è bisogno di scegliere tra loro. Ma sono comunque diversi.

Il primo significa un rapido e drammatico rafforzamento della sovranità della Russia, garantendo la possibilità di contare solo sulle proprie forze in caso di necessità. E non stiamo parlando di una concezione limitata della sovranità, che è già riconosciuta – anche se nominalmente – da ogni Stato indipendente, ma di una sovranità a scala integrale, che comprende

– civiltà,

– cultura,

– istruzione,

– scienza,

– economia,

– finanza,

– valori,

– identità,

– il sistema politico.

– e soprattutto l’ideologia.

Finora, a parte la sovranità politica e militare, tutte le altre sfere che abbiamo sono parzialmente occidentali o completamente occidentali, e non c’è ideologia. Di conseguenza, la costruzione di una Russia veramente sovrana, una Russia integralmente sovrana, richiede una profonda trasformazione di tutte queste sfere, la loro liberazione dai paradigmi globalisti liberali profondamente radicati nella nostra società e nell’establishment durante la prima e la seconda fase della storia post-sovietica.

Ciò richiederà un’istituzionalizzazione del corso di Putin, non solo la fedeltà a lui personalmente. Ciò comporterebbe l’instaurazione di una nuova ideologia, una sorta di “putinismo” in cui verrebbero sanciti i principi fondamentali della sovranità integrale e poi anche altri meccanismi politici e amministrativi devono essere inseriti al loro interno.

La Russia sta inevitabilmente passando a una fase ideologica. Non possiamo reggere il confronto con l’Occidente senza una nostra vera e propria ideologia. Questo è un fatto del tutto oggettivo, a prescindere dal fatto che ne siamo entusiasti o infuriati. L’ideologizzazione della Russia è inevitabile, non può essere impedita.

La Russia deve rafforzare molte volte la propria identità per resistere non solo senza l’Occidente, ma nonostante l’Occidente. Ventidue anni fa, avendo scommesso sulla sovranità, Putin ha predeterminato l’inevitabilità di questo momento. Oggi è qui, è giunto.

O la sovranità o l’Occidente. Ed è irreversibile.

Non si tratta affatto di isolare la Russia dal mondo, come vorrebbe l’Occidente. L’Occidente, nonostante le sue pretese di egemonia e universalismo, non è il mondo intero. La Russia dovrà quindi cercare nuovi partner e amici al di fuori dell’Occidente. Questa dovrebbe essere definita una politica eurasiatica, una svolta verso est.

Scoprendo il non-occidente globale, la Russia scoprirà di avere a che fare con civiltà completamente diverse: cinese, indiana, islamica, latinoamericana, africana. E ognuno di loro è diverso da noi stessi, dagli altri e dall’Occidente. Un tempo ci interessavamo ad essa, studiavamo l’Oriente e il grande poeta russo Nikolai Gumilev componeva inni ispirati alla gloria dell’Africa. Ma poi l’Occidente si è impadronito delle nostre menti. È un’intossicazione occidentalizzata, una dipendenza dall’Occidente. Il filosofo iraniano Heideggeriano Ahmad Fardid ha dato a questo fenomeno un nome, gharbzadegi, westoxificatio [N.d.T. traducibile in italiano come “intossicazione dovuta all’Occidente”].

Gli eurasiatici russi sono stati i primi a ribellarsi a questa svolta occidentalista della cultura russa, chiedendo, come gli slavofili, di rivolgersi alla propria identità russa e alle culture e civiltà non occidentali. Questa è ora l’unica via d’uscita per la Russia. Solo i BRICS+, la SCO, lo sviluppo di relazioni con i nuovi poli del mondo, con civiltà che sono emerse, apparentemente dimenticate da tempo, ma che ora stanno tornando alla storia.

Dove finisce l’Occidente, non finiscono affatto il mondo e l’umanità. Al contrario, è un nuovo inizio. E il posto della Russia è in Eurasia, non in Occidente. Una volta era una questione di scelta. Oggi è semplicemente inevitabile. Oggi tutto dipende da come costruiamo le relazioni con la Cina, l’India, la Turchia, l’Iran, i Paesi arabi, gli Stati africani o l’America Latina.

Questo è il futuro in arrivo/non in arrivo. Esiste già, ma l’élite si rifiuta di accettarlo. E non ha via d’uscita né scelta. Anche il tradimento, che è improbabile, non cambierà nulla. Inoltre, rovinerà la Russia tutta in una volta. Non c’è nemmeno più questa possibilità: il posto dei traditori e dei liberali è predeterminato dalle leggi del tempo di guerra e dell’emergenza. Le inevitabili e assolutamente necessarie epurazioni, che tuttavia non sono ancora iniziate, ma che inizieranno sicuramente, non sono la cosa principale o addirittura secondaria. Invano la nostra élite si preoccupa di dimissioni e arresti. Chi non è d’accordo con la sovranità e l’eurasiatismo è già morto. Questo è fuori discussione.

Tuttavia, la questione è un’altra: come possiamo difendere e ricostruire la nuova Russia, la Russia della terza fase? Cosa fare lo impone la vita. Ma cosa fare, come farlo, da dove iniziare e a cosa dare priorità sono questioni aperte. Qui tutto è più complicato.

Penso che dobbiamo iniziare con la cosa principale, ovvero l’Idea. Tutto il resto è secondario. Qualcosa mi dice che quelli di noi che sono al potere e che sono veramente responsabili del destino del Paese e del popolo la pensano esattamente allo stesso modo.

Traduzione a cura di Lorenzo Maria Pacini

Foto: Idee&Azione

5 luglio 2022