Spezzare la Russia per salvare l’“ordine liberale”, mentre i passanti diventano vittime collaterali della strada

image_pdfimage_print

di Alastair Crooke

È comprensibile che gli Stati del Medio Oriente rimangano in disparte, come “spettatori”, ma ciò non significa che eviteranno di diventare “vittime della strada” in questa collisione con l’euro. Lo diventeranno.

Berlusconi ha scritto su Il Giornale di questa settimana che l’Occidente è isolato – a causa della sua monomania ucraina:

“La risposta dell’Occidente [all’Ucraina] è stata unanime – ma cosa intendiamo per Occidente? Gli Stati Uniti, l’Europa e alcuni Paesi della regione del Pacifico che hanno legami tradizionali con gli USA, tra cui Australia e Giappone. E dagli altri Paesi del mondo? Quasi nulla.”

Proprio così. L’Ucraina è una lotta identitaria intraeuropea che risale alla caduta di Roma.

È comprensibile che gli Stati del Medio Oriente rimangano in disparte, come “spettatori”, ma ciò non significa che eviteranno di diventare “vittime della strada” in questa collisione europea. Lo diventeranno.

In sostanza, nella sua furia di danneggiare la Russia, l’establishment occidentale ha rovesciato i delicati equilibri alla base della struttura finanziaria globalista. Impulsivamente e senza riflettere, hanno “liberato” le materie prime – dal cibo, all’energia, agli elementi rari – per farle salire di valore, come “qualcosa” di nuovo visto come un valore intrinseco.

Invece di essere la base collaterale soppressa di una piramide di “beni” valutati in valuta fiat che l’inflazione mangia ogni anno, le materie prime, non i dollari o gli euro fiat, stanno diventando la valuta verso cui il “mondo degli astanti” è attratto, come via alternativa al commercio.

Naturalmente, non è solo l’Ucraina la causa di tutto questo. Altri due fattori chiave stanno giocando un ruolo importante: in primo luogo, la nozione di “economia Krugman” secondo cui i governi dovrebbero “stampare per spendere”. L’idea di “fare le cose in grande” con la spesa pubblica aveva già innescato l’inflazione (prima dell’Ucraina) e attualmente sta facendo vacillare la fiducia nelle valute fiat che si stanno deprezzando e che non hanno alcun appiglio di valore.

Il secondo è l’adesione dell’élite occidentale a una “transizione globale” (cioè a una fuga a capofitto) dai combustibili fossili. Perché? Perché quando si sentono affermazioni che sono irrimediabilmente assolute, come ad esempio: “lo dice la scienza”, ci si rende conto di avere a che fare con un culto, non con la scienza. Inquadrato in termini assoluti, non ammette altre scienze o prospettive più ampie che possano qualificare la meta-narrazione.

L’Europa si stava già affrettando a fare i conti con la “transizione”. L’Ucraina, evidentemente, “serve” più che altro come acceleratore, per “svezzare” (notare il linguaggio carico) l’Europa dalla dipendenza energetica dalla Russia.

Tuttavia, come se questo non fosse sufficiente ad accendere il fuoco sotto le pentole dei prezzi delle materie prime, l’Europa ha poi superato sé stessa sostenendo il divieto di acquisto dell’energia russa, accendendo così ulteriormente la fiamma e facendo letteralmente bollire le pentole. I prezzi sono saliti alle stelle, poiché gli europei pagheranno di più per le forniture energetiche sostitutive, anche se un divieto più completo si è rivelato impossibile da attuare.

Ok, un conto è che l’Europa e gli Stati Uniti dicano che l’inflazione che ne deriverà, la contrazione industriale che ne deriverà, l’emergenza alimentare che si aggraverà e i dolori della fame che si estenderanno a tutta la società, ne valgono la pena.

Che “riaffermare l’ordine liberale, salvando l’Ucraina” – anche se rischiando il collasso economico dell’Europa – è pienamente giustificato dall’umiliazione di Putin ad ogni costo. Ma perché anche gli Stati del Medio Oriente che non sono produttori di materie prime dovrebbero pagare il prezzo estremo per la vanità dell’Europa?

Come ha fatto intendere Berlusconi, questi Stati non vedono necessariamente Putin o la Russia come un loro nemico. Molti vedono piuttosto quest’ultima come un potenziale alleato – ma certamente il Medio Oriente, l’Africa e l’America Latina sono tutt’altro che legati all’“Ordine” basato sulle regole imposte dagli Stati Uniti. Non sono coinvolti in questa lotta intraeuropea.

Eppure, ciò che attende le loro società è già scritto sul muro: in Sri Lanka e in Pakistan. Il Pakistan deve restituire oltre 21 miliardi di dollari di debito estero entro il prossimo anno fiscale. Sta anche lottando con una forte inflazione alimentare e con le interruzioni della catena di approvvigionamento, mentre il governo cerca di importare almeno 3 milioni di tonnellate di grano e 4 milioni di tonnellate di olio da cucina per alleviare la carenza.

Allo stesso tempo, circa 40.000 fabbriche di Karachi rischiano di chiudere a causa dell’aumento dei costi dell’elettricità, rendendo quasi impossibile l’attività. Le élite, fissate con il loro programma di “transizione”, sembrano aver perso di vista il fatto che l’energia – risorse umane e fossili, alimentari e materiali – sono effettivamente l’economia. Una componente vede la crisi piuttosto come un’opportunità – seppur dolorosa – per accelerare la transizione.

Ora, un establishment occidentale disperato sembra intenzionato a perseguire una “lunga guerra di logoramento” per procura militarizzata per indebolire la Russia. Purtroppo, questa strategia probabilmente farà morire molti di fame. Il direttore esecutivo del Programma alimentare mondiale ha avvertito che 49 milioni di persone in 43 Paesi rischiano di morire presto di fame.

L’emergenza alimentare, come l’inflazione, non è causata dall’Ucraina, anche se le circostanze di un importante produttore di grano coinvolto in un conflitto militare, ovviamente, la aggravano. La crisi alimentare è più direttamente legata a fattori di “transizione” (produzione alimentare “ecologica”) e ai cambiamenti strutturali nelle economie neoliberiste (dove la produzione alimentare è stata delocalizzata).

La perversità di tutto questo dolore in arrivo sta nella sua brutale incuranza: L’Europa non ha riflettuto a fondo sulla sua strategia di sanzioni alla Russia prima di scatenarla, tanto era sicura che la Russia sarebbe crollata quasi immediatamente. I ministeri degli Esteri che hanno elaborato i piani non hanno considerato nemmeno per un attimo la possibilità che la Russia non subisse un collasso economico, né tantomeno che la sua economia potesse stabilizzarsi (come è successo).

E i pianificatori non hanno pensato all’effetto della loro guerra militare per procura sull’opinione pubblica russa. Hanno ipotizzato, senza riflettere, che le forze militari russe fossero così incapaci da dover inevitabilmente perdere. Non hanno mai discusso la possibilità che l’opinione pubblica russa si indurisse, man mano che l’operazione militare procedeva. Hanno dato per scontato, piuttosto, che l’opinione pubblica russa si sarebbe rivoltata contro Putin quando la marea si fosse rivolta contro le forze russe e che egli sarebbe stato cacciato dal suo incarico. L’idea che la Russia potesse vincere in Ucraina era vista come un segno di slealtà in Occidente, se non di tradimento.

I leader della UE devono infine affrontare i propri elettori per questi gravi errori di valutazione, amplificati da una propaganda trionfalistica che si vedrà aver ingannato gli elettori e per la quale essi saranno arrabbiati. Ma il punto cruciale – purtroppo – è che questi vari mali del sistema economico occidentale sono strutturali. Un nuovo gruppo di leader non avrà una “pallottola d’argento” per porvi fine rapidamente.

Traduzione a cura di Costantino Ceoldo

Foto: Dmitry Lovetsky, AP Photo/picture alliance

13 giugno 2022