Spiragli di crepuscolo del globalismo a Bali

image_pdfimage_print

di Redazione di Katehon

Il 15-16 novembre si è tenuto a Bali, in Indonesia, il Vertice del G20.  Il motto ufficiale del forum era “Recuperare insieme, recuperare più forte”. Le priorità principali dell’agenda annunciata dal Paese ospitante del vertice, l’Indonesia, sono state l’architettura sanitaria globale, la digitalizzazione e la transizione energetica sostenibile. Tuttavia, l’attenzione dei media mondiali era rivolta ad altre questioni.

 

Negoziati tra Stati Uniti e Cina

Il Presidente cinese Xi Jinping e il Presidente degli Stati Uniti Joe Biden hanno avuto colloqui nel primo giorno del vertice, il 15 novembre. L’incontro è durato tre ore ed è stato il primo in cui Joe Biden ha incontrato Xi Jinping in veste di presidente.

Biden, in una parte dell’incontro aperta ai giornalisti, ha affermato che Washington è pronta a competere con Pechino, ma è intenzionata a non trasformare la competizione in un conflitto. Xi Jinping ha accettato. “È nel nostro interesse prevenire i conflitti ed evitare gli scontri. I sistemi economici della RPC e degli Stati Uniti sono strettamente integrati. Dobbiamo beneficiare di uno sviluppo congiunto”, ha dichiarato il leader cinese alla TASS.

Xi Jinping ha affermato che la politica statunitense di imporre la democrazia nel mondo è superata. A sua volta, il leader statunitense ha affermato che il suo Paese si impegna per una Cina unita. Entrambi i leader hanno sottolineato di essere contrari all’uso di armi nucleari in Ucraina. In precedenza, la Russia ha accusato l’Ucraina di aver cercato di creare una “bomba sporca” e di utilizzarla nelle zone di conflitto.

A seguito dei colloqui tra i leader statunitensi e cinesi, è stata concordata una visita del Segretario di Stato americano Anthony Blinken in Cina e l’istituzione di gruppi di lavoro per risolvere questioni controverse, che vanno dalla dimensione umanitaria (“diritti umani”) alle questioni economiche e tecnico-scientifiche.

Gli esperti statunitensi sono generalmente positivi sull’esito dell’incontro tra i leader statunitensi e cinesi, considerando l’importanza dei contatti ad alto livello.

 

Questione ucraina

Il conflitto in Ucraina è stato al centro dell’attenzione dei partecipanti alla conferenza fin dall’inizio. Un gruppo di Paesi occidentali, guidati dagli Stati Uniti, ha cercato di promuovere la propria visione del conflitto, accusando la Russia di “aggressione”. I Paesi dell’America Latina (Brasile, Argentina, Messico), l’India, la Cina, la Turchia, l’Arabia Saudita e l’Indonesia non si sono uniti alla condanna della Russia. Pertanto, la dichiarazione finale del vertice ha incluso la questione ucraina, ma con la dicitura che la maggior parte dei Paesi del G20 condanna l’azione militare in Ucraina, ma ci sono “altri punti di vista sulla situazione”. Alla vigilia del vertice, il presidente indonesiano Joko Widodo ha invitato i rappresentanti occidentali a moderare la retorica antirussa.

Il 15 novembre, il Presidente ucraino Volodymyr Zelenskyy ha tenuto un discorso video ai partecipanti al vertice. Ha criticato la Russia e ha chiesto nuove garanzie di sicurezza agli altri partecipanti al forum. Allo stesso tempo, la questione ucraina è stata discussa durante gli incontri tra il presidente cinese Xi Jinping, Joe Biden e il presidente francese Emmanuel Macron. Tuttavia, non vi è alcuna indicazione che sia stato raggiunto un compromesso.

Il 15 novembre Sergei Lavrov, che ha rappresentato la Russia al vertice del G20, ha parlato con il presidente Emmanuel Macron, il cancelliere tedesco Olaf Scholz, il segretario generale delle Nazioni Unite António Guterres, il ministro degli Esteri cinese Wang Yi e il ministro degli Esteri turco Mevlüt Çavuşoğlu. Il Ministro degli Esteri russo Sergey Naryshkin e il Direttore della CIA William Burns hanno avuto colloqui in concomitanza con il vertice del G20. Formalmente, la questione ucraina è stata sollevata durante i contatti del ministro russo, ma non ci sono sviluppi significativi nel processo negoziale.

 

Cina e Stati Uniti: chi terrà insieme il mondo globale?

In assenza del presidente russo Vladimir Putin, il leader cinese Xi Jinping è stato il critico più coerente dell’unipolarismo al vertice. In particolare, il leader cinese ha sottolineato che la Cina non accetta sanzioni unilaterali e misure restrittive.

Il leader cinese ha anche sottolineato: “Tracciare linee ideologiche o promuovere la politica dei gruppi e il confronto tra blocchi non farà altro che dividere il mondo e ostacolare lo sviluppo globale e il progresso umano”.

Il Presidente della RPC ha auspicato uno sviluppo globale più inclusivo e un maggiore sostegno del G20 ai Paesi in via di sviluppo. La Cina, tra le preoccupazioni degli altri leader mondiali per le questioni geopolitiche interne e regionali, si sta affermando come motore dello sviluppo globale a beneficio dell’intero pianeta.

I disaccordi politici tra i centri di potere mondiali ostacolano una politica coordinata per affrontare le sfide globali, come la lotta alle crisi dell’economia mondiale e la soluzione dei problemi ambientali, come sottolineano molti esperti. Tuttavia, il vertice ha dimostrato che la Cina e gli Stati Uniti – ciascuno dei quali, a suo modo, pretende di essere una potenza unificatrice – non possono di fatto fare a meno di creare istituzioni competitive.

Durante l’evento, Biden ha illustrato una serie di investimenti da parte degli Stati Uniti e dei loro alleati. In particolare, l’iniziativa del G7 “Partnership for Global Infrastructure and Investment” che, secondo la Casa Bianca, “mira a mobilitare 600 miliardi di dollari nei prossimi cinque anni insieme ai partner del G7 per garantire infrastrutture sostenibili e promuovere gli interessi della sicurezza nazionale ed economica degli Stati Uniti”. L’iniziativa è vista come un contrappeso all’iniziativa cinese “Una cintura, una strada”.

Biden ha poi annunciato la Fair Energy Transition Partnership con l’Indonesia (la Casa Bianca ha diffuso una scheda informativa), che mira a raccogliere 20 miliardi di dollari in fondi pubblici e privati “per sostenere gli sforzi dell’Indonesia per ridurre le emissioni” e passare dai combustibili fossili alle fonti di energia rinnovabili.

Il leader della RPC, da parte sua, si è dimostrato un partner gradito che tutti gli alleati degli Stati Uniti hanno voluto incontrare. Dopo la visita del Cancelliere Olaf Scholz nella RPC, Xi Jinping ha avuto colloqui con il Primo Ministro australiano Anthony Albanese, il Presidente sudcoreano Yoon Suk Yeol, il Primo Ministro canadese Justin Trudeau e il Presidente francese Emmanuel Macron al Vertice di Bali.

Un incontro con il Primo Ministro britannico Rishi Sunak è stato cancellato a causa di problemi di programmazione, ha dichiarato Downing Street. Nel corso della settimana Xi incontrerà il primo ministro giapponese Fumio Kishida.

Nella loro dichiarazione, i Paesi del G20 hanno concordato di aumentare i tassi di interesse con cautela per evitare effetti di ricaduta e hanno messo in guardia da una “maggiore volatilità” dei tassi di cambio. I leader si sono impegnati a intraprendere un’azione coordinata per affrontare i problemi di sicurezza alimentare e hanno accolto con favore l’iniziativa del “patto del grano”. Sono stati riaffermati i precedenti accordi sulla lotta al cambiamento climatico. Gli Stati Uniti e la Cina hanno anche concordato nei colloqui bilaterali di riprendere la cooperazione sulle questioni ambientali. Tuttavia, tutte le dichiarazioni multilaterali sul “cambiamento climatico”, sulla salute globale e sulla riduzione della povertà appaiono scontate e di scarsa rilevanza sullo sfondo del conflitto in Ucraina e della dimostrazione della rivalità globale tra Stati Uniti e Cina proprio durante il vertice.

Il fondatore del World Economic Forum, il globalista Klaus Schwab, intervenendo al G20 ha riconosciuto che il mondo si sta muovendo verso il multipolarismo, ma ha chiesto di evitare una “significativa segmentazione” del mondo. Tuttavia, è improbabile che si possa evitare la segmentazione in zone macroeconomiche e geopolitiche intorno a pochi poli.

Traduzione a cura della Redazione

Foto: Katehon.com

21 novembre 2022

Seguici sui nostri canali
Telegram 
Facebook 
YouTube