Sta per scoppiare una vera guerra in Ucraina?

image_pdfimage_print

di Paul Craig Roberts

Come i lettori sanno, sono un critico dell’“operazione militare limitata” di Putin in Ucraina.  È arrivata con otto anni di ritardo e il suo obiettivo limitato non è realistico. Putin doveva occupare Kiev nel momento in cui ha visto il colpo di Stato degli Stati Uniti.  In caso contrario, doveva reincorporare il Donbass nel 2014, prima della sua parziale occupazione da parte delle milizie neonaziste e dell’esercito ucraino. Non è riuscito ad agire tempestivamente perché è stato ingannato dall’Occidente con l’accordo di Minsk, che era una tattica dilatoria per tenere a bada la Russia finché gli Stati Uniti non avessero costruito ed equipaggiato un esercito ucraino.

Capisco perché il Cremlino ha limitato il suo intervento lo scorso febbraio allo sgombero delle repubbliche indipendenti del Donbass dalle forze ucraine. Putin non ha invaso l’Ucraina, perché non voleva morte e distruzione diffuse in Ucraina, da tempo parte della Russia con ampi scambi e mescolanze di popolazioni. Il Cremlino ha fallito perché non si è reso conto che Washington non avrebbe permesso che il conflitto si limitasse allo sgombero del Donbass.

Avendo ritardato l’azione necessaria per otto anni, Mosca aveva bisogno di un attacco fulmineo e travolgente che mettesse fuori gioco l’intera Ucraina immediatamente prima che Washington e la NATO potessero intervenire. Invece l’operazione militare limitata è stata circoscritta al territorio delle repubbliche secessioniste, ha proceduto lentamente per risparmiare vite civili e infrastrutture e ha coinvolto poco l’esercito russo.  I combattimenti sono stati intrapresi dalle milizie del Donbass e da un’organizzazione militare privata, il Gruppo Wagner, che funziona come ausiliario dell’esercito russo. Il Cremlino non aveva pronte le riserve per mantenere le linee sempre più lunghe della lenta avanzata russa che ha dato a Washington il tempo di allargare il conflitto. Questo ha reso possibili i limitati “contrattacchi” ucraini che non hanno avuto alcun effetto significativo.  Le linee russe in due settori si sono ritirate in anticipo e hanno reso impossibile la penetrazione.

Le ritirate russe sono state travisate come “sconfitte” e hanno dato vita a sciocchezze come “Ucraina in Crimea entro Natale”. Washington e la NATO si sono perse nella loro stessa narrazione e credono alla loro stessa propaganda. 

Mike Whitney ha cercato informazioni al di là della propaganda occidentale e presenta le sue scoperte secondo cui ci sono ora 540.000 soldati dell’esercito russo di stanza in Ucraina e in Bielorussia, dotati di un enorme numero di carri armati, artiglieria, razzi, missili e munizioni, pronti a lanciare questa volta una vera e propria invasione. Se questa notizia è vera, indica che Putin ha imparato dai suoi numerosi errori. Se la notizia è falsa, suggerisce che Putin è incapace di riconoscere la realtà che ha di fronte.

Nel mondo occidentale gli studi sulla Russia sono degenerati in russofobia. Gli esperti obiettivi appartengono al passato. Uno dei pochi esperti obiettivi rimasti si chiede se non sia ormai pronto il palcoscenico per una guerra di terra non prevista da Washington e dalla NATO. Se gli eventi hanno costretto Putin ad abbandonare la sua operazione limitata, l’Ucraina sarà semplicemente arrotolata. 

Il ministro della Difesa polacco sembra giungere a una conclusione simile.  Ci sono indicazioni che la mobilitazione sta iniziando con il richiamo di 200.000 riservisti. Non si sa se per proteggersi dagli attacchi russi o per occupare l’Ucraina occidentale, che la Polonia ancora rivendica, mentre la Russia prende la metà orientale, o per essere inviati come rinforzi all’Ucraina.

Se Zelensky e Washington sono capaci di ragionare, la forza d’invasione russa, se effettivamente presente, non dovrà essere utilizzata.  La distruzione dell’Ucraina può essere evitata con l’accettazione da parte di Washington della restituzione del territorio russo liberato alla Madre Russia e con l’accordo che l’Ucraina sarà uno Stato neutrale e disarmato e non sarà mai membro della NATO.

Putin ha affermato che, rifiutando la sua diplomazia, l’Occidente ha lasciato la forza come unico mezzo per trattare con l’Occidente. La precedente riluttanza di Putin a usare la forza ha peggiorato la situazione. Ora, se userà la forza in ritardo, Washington sarà confusa. Come reagirà Washington se l’esercito russo invaderà l’Ucraina?  Washington impegnerà il mondo in una guerra nucleare se pensa che un impegno di soldati americani in difesa dell’Ucraina possa fermare l’avanzata dell’esercito russo. I soldati americani verrebbero massacrati insieme agli ucraini rimasti. E allora? L’arrogante Washington, traboccante di presunzione, può accettare la sconfitta, con la conseguenza della probabile dissoluzione del suo impero europeo della NATO, o i pazzi che ci governano male premeranno il pulsante?

Traduzione a cura di Costantino Ceoldo

Foto: Idee&Azione

22 gennaio 2023

Seguici sui nostri canali
Telegram 
Facebook 
YouTube