1

Stati Uniti una potenza in declino

di Sherish Khan

Gli Stati Uniti hanno avvertito la Cina che dovrà affrontare sanzioni economiche insieme alla Russia se le fornirà aiuti militari ed economici. L’avvertimento è stato dato dal consigliere per la sicurezza nazionale statunitense Jack Sullivan in un’intervista televisiva e successivamente in un incontro con il capo del ministero degli Esteri cinese a Roma, in Italia. L’incontro è durato circa sette ore. Testimoni oculari in seguito hanno affermato che l’incontro si è svolto in un’atmosfera tesa e nessuna delle parti era pronta a fare marcia indietro. Le due parti hanno discusso una vasta gamma di questioni. Lo scopo principale dei colloqui era quello di trovare una soluzione ragionevole ai problemi emersi dalla crisi ucraina. Gli Stati Uniti hanno chiarito alla Cina che nel caso dell’Ucraina è meglio stare alla larga dalla Russia. L’inviato degli Stati Uniti potrebbe aver voluto dire che così come state lontani dall’Ucraina, dovreste stare lontani dalla Russia!

Che la minaccia americana sia pericolosa o meno, è risaputo che è pericolosa! L’Unione Europea non va avanti da sola. Sta perseguendo una politica di scuse attraverso gli Stati Uniti. La minaccia degli Stati Uniti alla Cina è una chiara indicazione che non è più la superpotenza. Il registro della Storia mostra che l’America ha fatto quello che voleva in sette decenni. Gli Stati Uniti non credono nell’intimidazione. Minacciare la Cina e consigliarle di non andare d’accordo con la Russia significa chiaramente che non è più in grado di intraprendere alcuna azione diretta contro nessun Paese potente. La domanda non è quanta o quanta poca potenza militare statunitense ci sia. Nessuna nazione può svilupparsi sulla base della sola forza militare, ne può avanzare negli affari mondiali. La leadership americana non è un tale organismo da non capire nemmeno un simile fronte. Coloro che hanno governato il mondo hanno un’idea precisa di quanto potere avevano quando e di quanto è rimasto adesso.

La fase di avvertimento, intimidazione e avvertimento arriva quando il potere di fare qualcosa direttamente è svanito. Gli Stati Uniti sono ben consapevoli delle difficoltà che potrebbero sorgere in caso di collisione con la Russia. Ecco perché, dall’invasione russa dell’Ucraina, si sono limitati a lanciare allarmi. Uno dei problemi principali è che molti Paesi si rifiutano di ascoltare gli Stati Uniti quando si tratta di valutare il loro potere in declino. Dopo l’invasione russa dell’Ucraina, quando il prezzo del greggio nel mercato mondiale ha cominciato a salire, gli Stati Uniti hanno dovuto collaborare con l’Europa per controllare questo problema e prevenire una crisi energetica globale. A questo proposito, gli Stati Uniti hanno anche chiamato i governanti arabi. Molti governanti arabi si rifiutarono categoricamente di ascoltare l’appello del presidente degli Stati Uniti. Non vogliono impegnarsi a mantenere bassi i prezzi del greggio in questa fase. Gli Stati Uniti sono ben consapevoli che se la Russia interromperà le forniture di petrolio e gas, l’Europa dovrà affrontare serie difficoltà il prossimo inverno. In questi casi, è naturale che i prezzi aumentino. Quando l’America e l’Europa insieme possono plasmare la politica e l’economia mondiale a loro piacimento, allora quale peccato ha commesso il mondo arabo per impedirgli di farlo? Anche quello arabo ha il diritto di beneficiare del mutare delle circostanze.

Sulla base di ciò che gli Stati Uniti e l’Europa hanno fatto finora, alcuni Paesi li supportano mentre altri sono contrari. Questa divisione è ora più importante perché sono disponibili nuove opzioni sotto forma di Cina e Russia. Al momento, gli Stati Uniti e l’Europa vogliono che tutto ciò che accade nel mondo avvenga per loro volere. In assenza di un sistema globale efficace, l’intero sistema mondiale sarebbe allo sfascio. Lo status delle Nazioni Unite è ora come quello di un membro sospeso. Le Nazioni Unite sono state generalmente spettatori per sette decenni. In questo caso la necessità di una nuova configurazione si fa sentire un po’ troppo. Molte regioni si lamentano con gli Stati Uniti e l’Europa di non esitare a realizzare i propri interessi. La crisi ucraina è in grado di dare origine a molte crisi. La domanda è come costruire un sistema globale migliore e più efficace rispetto alla formazione di un nuovo blocco. Quello che è successo all’Ucraina potrebbe succedere a chiunque altro. Gli Stati Uniti e l’Europa insieme hanno calpestato molti Paesi. Quando criticano la Russia, i media occidentali dovrebbero ricordare il momento in cui l’intero Occidente si è unito e ha ucciso la gente di un Paese disarmato e molto debole come l’Afghanistan come pecore e capre. È ora di scaricarlo e andare avanti.

Traduzione a cura di Costantino Ceoldo

Foto: Idee&Azione

31 marzo 2022