Storia della cartografia occidentale

image_pdfimage_print

di Ricardo Duchene

Una chiara descrizione della genesi e dello sviluppo della cartografia occidentale dall’antichità ai giorni nostri. L’autore ha cercato di rispondere al perché il mondo moderno onora la tradizione dei cartografi europei e americani.

La maggior parte dei più grandi cartografi della storia – e letteralmente il 100% dopo il 1400 – proveniva dall’Occidente. La storia della cartografia può infatti gettare luce su quello che il filosofo tedesco G. W. F. Hegel (1770-1831) chiamava “il principio della mente europea […] che è convinta che non vi possa essere alcuna barriera insuperabile, e che quindi si interessa a tutto per includerlo in sé […] per fare proprio questo, l’Altro opposto, per dimostrare che c’è un tipo, una legge, un universale, un pensiero, una razionalità interiore nelle forme private del mondo”. Sia teoricamente che praticamente, la mente europea… sottomette il mondo esterno fino in fondo con un’energia che le ha garantito il dominio del mondo.

 

Cartografia cinese

Sebbene la Cina avesse una tradizione di mappatura e avesse creato un sistema di griglie rettangolari, la maggior parte delle mappe cinesi è andata perduta. La cartografia cinese si basava sul concetto di Terra piatta, mentre quella occidentale adottava il concetto di Terra sferica, le cui origini risalgono all’antica Grecia. La monumentale opera in 15 volumi di Joseph Needham, Scienza e civiltà in Cina, comprende una sezione sulla cartografia cinese, in cui si sostiene che, dopo il grande cartografo greco Tolomeo (100-178), la cartografia scientifica “era sconosciuta agli europei” fino al 1400 circa, quando essi riscoprirono il lavoro di Tolomeo. Per tutto questo tempo, i cinesi hanno sviluppato costantemente la propria tradizione “scientifica” fin dall’antichità, fino a quando hanno iniziato a copiare l’Occidente dopo l’arrivo dei gesuiti. Tuttavia, ha dovuto ammettere che i cinesi non avevano idea di come determinare le dimensioni e la curvatura della Terra e che i cartografi cinesi costruivano i loro calcoli partendo dal presupposto che la Terra fosse piatta. Egli sostiene in modo convincente che il “sistema a griglia rettangolare” è “certamente” antico quanto le mappe di Pei Xu (224-271 d.C.). Egli definisce Xu “il padre della cartografia scientifica in Cina”. Xu può essere giustamente riconosciuto come uno dei “più grandi cartografi” per il suo metodo di distribuzione del reticolo “per raffigurare le giuste relazioni tra le varie parti della mappa” e per il suo “metodo di fissare le lunghezze delle distanze derivate dai triangoli rettangoli”, come afferma Cheng Cheng-xiang.

Needham e Cheng citano molti altri cartografi e fanno riferimento a molti libri di mappe e cartine. Ma molti di questi libri e mappe sono andati perduti, per cui ci si affida a riferimenti a queste mappe e cartografi in altri materiali, come quelli che oggi chiameremmo rapporti burocratici. Leggendo lo Sviluppo storico della cartografia in Cina di Cheng Cheng-xiang, si ha l’impressione che l’autore abbia migliorato il metodo di divisione in griglie dopo Pei Xiu, creando un maggior numero di mappe con “una maggiore varietà di terre straniere e aree di frontiera”, anche se molte mappe sono in gran parte pittoriche nei loro disegni di montagne, fiumi, aree irrigue, città e palazzi. Non abbiamo ancora visto una mappa della Cina che superi la famosa mappa di Yu Ji Tu del 1137 d.C., il che è davvero notevole.

È difficile accettare senza qualche riserva il giudizio di Needham secondo cui la Cina avrebbe coltivato una tradizione “scientifica” nella cartografia quando i cinesi non avevano alcuna idea della sfericità della terra, di come determinare le dimensioni della terra e di come integrare la geografia nella cartografia in modo coerente e sistematico. Non avevano nemmeno idea dell’importanza di avere un’idea di, secondo le parole di Tolomeo, “una Terra intelligibile e vivibile come unità indipendente” per realizzare mappe in scala, né un collegamento sistematico tra astronomia e geografia, poiché non comprendevano l’importanza delle misure astronomiche di latitudine e longitudine per determinare le distanze.

 

Tolomeo

Claudio Tolomeo (100-170 d.C.) è stato il più grande cartografo della storia prima dell’arrivo di Herald Mercator nel XVI secolo. Fu una figura importante nella tradizione della cartografia greca (combinata con la geografia, l’astronomia e la matematica) che risale a Ecateo (550-476 a.C.), Piteo di Massalia (350-306 a.C.), Eratostene (276-196 a.C.) e Ipparco (190-120 a.C.). Il Giro del mondo di Ecateo, basato sui suoi numerosi viaggi, che si concludevano sulla costa atlantica del Marocco lungo le coste del Mediterraneo e del Mar Nero, e la sua Mappa del mondo, rivelano uno sforzo cartografico di guardare oltre il suo luogo di nascita per coprire l’intera geografia della Terra, nonostante la completa assenza di un sistema di coordinate.

Questa visione del mondo si riflette ulteriormente nell’opera di Pitea Sull’oceano, che racconta un viaggio straordinario (310 a.C. circa) a nord della Bretagna, attraverso la Manica, la Cornovaglia, il Mar Baltico, le coste della Norvegia e persino l’Islanda. Mentre i cinesi mantennero l’idea di una Terra piatta fino a quando i gesuiti non insegnarono loro il contrario, nell’antichità Eratostene (276-185 a.C.) determinò la posizione dell’Europa in relazione all’Atlantico e al Mare del Nord e calcolò le dimensioni sferiche della Terra con una precisione del 5% rispetto alle sue dimensioni reali.

Poi arrivò Ipparco, “il primo a utilizzare un reticolo di gradi e a insistere sul fatto che la mappa dovesse basarsi solo su misure accurate di latitudine e longitudine”, a determinare la latitudine con misure stellari piuttosto che con l’altitudine solare, e a determinare la longitudine con il tempo delle eclissi lunari, piuttosto che con calcoli accurati. Ipparco elencò anche le latitudini di diverse decine di località e migliorò i calcoli di Eratostene per le latitudini di Atene, della Sicilia e della punta meridionale dell’India. Ma tutti concordano sul fatto che Claudio Tolomeo (85-165 circa) meriti l’onore di essere il “padre della cartografia”. Fu il primo a definire l’argomento e spiegò che il compito principale del cartografo era quello di “rilevare il mondo intero nelle sue giuste proporzioni”, cioè di disegnare una mappa in scala. Si rese conto che “l’estensione della nostra terra abitata da est a ovest… è molto più grande della sua estensione dal polo nord a quello sud”. Era interessato a mappare l’intera Terra, non solo la parte abitata, e a inserirla nello schema dell’universo. Infatti, egli afferma che la cartografia dovrebbe essere contrapposta a quella che chiama “corografia”, che consiste semplicemente nel descrivere o mappare una regione o un’area. Possiamo dire che la cartografia cinese era più una corografia?

Tolomeo insisteva (seguendo le orme di Ipparco) sul fatto che l’astronomia e la matematica fossero discipline indispensabili per tracciare la Terra così come si tracciavano i cieli. Era interessato alla relazione tra la Terra e il Sole e tra la Terra e la Luna. Il suo trattato Analemma era una descrizione matematica di una sfera proiettata su un piano e un metodo per determinare la posizione del sole. Il suo Planispherium descrive una sfera proiettata sull’equatore, con l’occhio visibile al polo. Nel suo Almagesto gettò le basi della trigonometria ed espose la sua famosa visione geocentrica dell’universo. La sua “Ipotesi geografica” era, nelle sue parole, una “guida geografica alla cartografia” sia dell’intero mondo abitato che delle province romane, comprendente i necessari elenchi topografici e le didascalie delle mappe, nonché la natura dei materiali e l’esperienza dei cartografi. Tolomeo era ben consapevole di conoscere solo un quarto del globo. Questo trattato fu indispensabile fino al XVI secolo.

 

L’età della scoperta

Needham ci spiega che la Cina ha “costantemente” sviluppato la sua tradizione cartografica scientifica nel corso della sua storia, mentre la tradizione cartografica europea è “degenerata” dopo Tolomeo in “cosmografia religiosa”. È vero: le mappe di Tolomeo offrivano una visione cartografica più realistica e accurata del mondo rispetto alla cosiddetta mappa mundi medievale, che forniva illustrazioni vivaci di dettagli costieri, montagne, città e province, oltre a figure e storie della Bibbia e della mitologia classica. La cartografia cinese, d’altra parte, come ho notato sopra, non è migliorata rispetto a quanto fatto da Yu Ji Tu nella sua mappa del 1137 d.C. La prospettiva della “terra piatta” persisteva.

Nel frattempo, il XV secolo avrebbe visto l’inizio di una meravigliosa età europea delle scoperte, preceduta dagli eventi dei viaggi di Marco Polo (1254-1324), che si riflettono nell’atlante catalano del 1375, una sintesi della mappa mundi medievale e della letteratura di viaggio dell’epoca, che mostra linee di bussola e un profilo abbastanza preciso del Mediterraneo. Il XIV secolo vide anche la comparsa della bussola nautica, che permetteva di localizzare una nave in relazione a qualsiasi oggetto costiero, porto o isola. Dobbiamo riconoscere il contributo islamico del cartografo al-Idrisi, che ha creato una grande mappa planisferica a rilievo in argento. Era originale in quanto non raffigurava l’Oceano Indiano con l’accesso al mare e offriva informazioni più accurate sulla costa orientale della Cina. Ma la geografia islamica non è andata oltre. La prima vera svolta che portò direttamente alla rivoluzione cartografica del XVI secolo fu la scoperta e la mappatura pianificata dai portoghesi, sotto la guida di Enrico il Navigatore, della costa occidentale dell’Africa fino alla punta meridionale dell’Africa nel corso del XV secolo. Ha circumnavigato l’intero enorme continente e ha rivelato l’intera estensione di questa “Terra incognita” o “terra sconosciuta”. Solo due anni dopo che Dias ebbe doppiato il Capo, Henricus Martell realizzò la sua Mappa del Mondo del 1490, che tracciava sia l’Africa nel suo complesso sia la posizione specifica di numerosi siti lungo la costa occidentale dell’Africa, descrivendo in dettaglio i progressi dell’avanzata portoghese a tappe.

Allo stesso modo, pochi anni dopo le scoperte di Colombo, Juan de la Casa disegnò nel 1500 la prima mappa del mondo che raffigurava il Nuovo Mondo. Nel 1507, Martin Waldseemüller pubblicò la sua Cosmographia Universalis cosmographia (Universale cosmographia), considerata la prima mappa a utilizzare il nome “America” in onore dell’esploratore italiano Amerigo Vespucci. Waldseemüller fu anche il primo a mappare l’America del Sud come continente separato dall’Asia, il primo a creare una carta murale stampata dell’Europa e il primo a sottolineare l’importanza scientifica della misurazione e a utilizzare qualcosa di simile a una prima versione del teodolite, che chiamò “polimetrum”, uno strumento ottico per la misurazione degli angoli.

Ci furono altri cartografi europei, ma nessuno grande come Gerard Mercator, che risolse l’annoso problema di come tradurre una Terra sferica in un piano cartografico.

Tra l’altro, Mercatore si rese conto che per creare una corretta proiezione del globo su una superficie piana, “la distanza tra i paralleli di latitudine avrebbe dovuto aumentare gradualmente dall’equatore ai poli” e che “l’estensione dei paralleli avrebbe dovuto essere esattamente nella stessa proporzione di quella dei meridiani”. Mercatore non era il solo: nel 1570 Abraham Ortelius, pur non essendo egli stesso un cartografo, pubblicò la prima edizione del Theatrum orbis terrarum, che comprendeva settanta mappe prodotte da molti cartografi.

 

La cartografia nell’età della scienza moderna

Da quando l’età delle scoperte si è incrociata con l’ascesa della scienza moderna e lo sviluppo della geodesia, nata come metodo geodetico per determinare con precisione la posizione sulla terra, che ha comportato l’invenzione di precisi strumenti di misura e lo sviluppo di nuovi metodi matematici (tutti inventati in Europa), tutti i cartografi che si sono succeduti nella storia sono stati europei. Alcuni degli strumenti e delle tecniche di rilevamento che permisero il rilievo idrografico dettagliato delle coste marine e delle isole, della topografia terrestre e delle alture di colline e montagne comprendevano l’uso comune della lavagna per stabilire e registrare gli angoli; il metodo della triangolazione per determinare le distanze da oggetti distanti senza entrarvi; gli strumenti per misurare gli angoli, le distanze e le altezze… e l’orologio “a longitudine” di John Harrison (1693-1776), che risolse finalmente il problema della determinazione della longitudine in mare.

Si dice che la famiglia Cassini sia stata la prima a mappare l’interno della Francia e che César-François Cassini (1714-1784) sia stato il primo a utilizzare nuovi strumenti di rilevamento come la triangolazione. Stabilì che i poli della Terra erano appiattiti e creò anche una mappa accurata della Francia.

James Cook (1728-1779) è conosciuto soprattutto come uno dei più grandi esploratori di tutti i tempi: compì tre viaggi nel Pacifico tra il 1768 e il 1779, raggiunse la costa sud-orientale dell’Australia per la prima volta nella storia, doppiò la Nuova Zelanda, il Circolo Polare Artico per tre volte ed esplorò il Passaggio a Nord-Ovest fino allo Stretto di Bering. Egli ha incarnato lo spirito faustiano dell’esplorazione nella sua forma più pura, spinto unicamente dal desiderio di esplorare senza interessi personali o zelo missionario; riconoscendo un’ambizione che “mi porta non solo più lontano di chiunque altro prima di me, ma anche molto al di là di ciò che sembra impossibile da raggiungere per l’uomo”. Molti non sanno che Cook è stato anche uno dei più grandi cartografi della storia. I suoi viaggi furono modelli di cartografia esplorativa. Ha prodotto i primi rilievi idrografici della costa di Terranova basati su un’accurata triangolazione. Scoprì la Nuova Zelanda e ne mappò l’intera costa utilizzando un sestante, misurando la distanza angolare tra due oggetti visibili. Ha rilevato e mappato la Georgia del Sud. Alla ricerca del Passaggio a Nord-Ovest, mappò la costa fino allo Stretto di Bering. Queste furono le principali imprese di Cook. Oggi è disprezzato come un “colonizzatore” che non scoprì nulla perché le terre che trovò erano già abitate da indigeni, anche se Cook mostrò “un atteggiamento civile del tutto nuovo nei confronti degli indigeni di quelle terre”.

La storia conosce troppi grandi cartografi europei da citare. Francis Beaufort realizzò la prima mappa dell’Irlanda nel 1792; era considerato il grande idrografo della sua generazione. Egli insegnò agli esploratori che stavano preparando le mappe che “le altezze di tutti i promontori, delle colline isolate e delle alture prominenti dovrebbero essere determinate trigonometricamente…” e disse loro di studiare “il carattere della costa, se alta roccia, bassa scogliera o spiaggia piatta… il materiale della spiaggia, fango, sabbia, ghiaia o pietre”. Non parlerò di coloro che hanno iniziato a mappare l’interno dell’India, ma dirò solo qualche parola su coloro che hanno iniziato a rilevare e mappare gli Stati Uniti. Dovremmo iniziare con Lewis e Clark, che hanno compiuto uno dei viaggi più famosi della storia. Dall’agosto 1803 al settembre 1806 attraversarono l’inesplorato Ovest americano, descrivendo nei dettagli la geografia e la fauna e producendo circa 140 mappe della zona. A loro seguì John Charles Fremont (1813-1890), primo candidato repubblicano alla presidenza e cartografo del tratto di territorio compreso tra il Missouri e le Montagne Rocciose, l’Oregon e l’Alta California e la “grandezza immobile e solitaria” del Grande Lago Salato. Poi c’era Almon Harris Thompson, cartografo del Colorado, del Grand Canyon, dello Utah meridionale e di parte dell’Arizona, che creò mappe topografiche per illustrare fiumi, canyon e montagne da una prospettiva geologica.

 

Cartografi dei fondali oceanici e dell’universo

Nonostante ciò, è stato stimato che nel 1885 era stato rilevato meno di un nono della superficie terrestre, il che non dovrebbe sorprenderci, dato che il resto del mondo non era impegnato nella cartografia. Era soddisfatto delle conoscenze acquisite in Occidente. Nel 1884, l’Occidente esortò il mondo ad adottare il Meridiano di Greenwich, che divideva la Terra in emisfero orientale e occidentale, lungo una linea immaginaria di 0° di longitudine, stabilendo una linea internazionale dove un giorno passa nell’altro.

Con la convergenza dell’aviazione occidentale e della tecnologia delle macchine fotografiche, compresa la fotogrammetria aerea, la cartografia si è nuovamente rivoluzionata, portando alla rapida mappatura del globo nel XX secolo. Da questo momento in poi, i cartografi pionieri hanno cessato di esistere e sono emersi i cartografi “universitari”, assistiti da scienziati di mestiere. Hanno poi sviluppato nuove tecnologie, tecniche di automazione, distanziometri elettronici, sistemi di navigazione inerziale, radar ad alta risoluzione, telerilevamento e computer che hanno rivelato grandi dettagli geografici su lunghe distanze. Queste tecnologie hanno permesso di convertire in mappe le immagini radar di regioni impenetrabili, come l’Amazzonia, includendo mappe geologiche e sismiche del terreno sottostante.

Hanno anche iniziato a mappare le montagne, gli abissi e le pianure sotto gli oceani utilizzando ecoscandagli, magnetometri e sonar subacquei. Hanno anche iniziato a mappare l’Universo. Gli europei iniziarono a mappare la Luna già nel XVII secolo, quando il cartografo lunare Johann Hevelius creò la sua famosa mappa della Luna nel 1647. Oggi, centinaia di team di scienziati lavorano con tecnologie sofisticate, come i telescopi spaziali Hubble e Spitzer, che mappano tutto, dai confini più remoti dell’universo alle particelle più infinitesimali al suo interno. Questa ricerca faustiana per dominare l’ignoto ha portato (a partire dal 2010) a immagini tridimensionali di 43.000 galassie basate sui telescopi a terra della 2MASS Redshift Survey.

Le nostre università non possono essere all’altezza dell’ideale di “istruzione superiore” se ignorano e sopprimono le conquiste della civiltà occidentale solo per il gusto di gonfiare “l’autostima degli studenti che non fanno scienze tradizionali”. Dobbiamo sempre impegnarci per la verità, riconoscendo ciò che Isaiah Berlin chiamava “le vette, non le valli, delle conquiste umane”.

Traduzione a cura di Lorenzo Maria Pacini

Foto: Idee&Azione

2 giugno 2022