Strategia militare dell’Ucraina e interessi nazionali degli Stati Uniti [2]

image_pdfimage_print

di Leonid Savin

Se ci si rivolge agli Stati Uniti, da cui dipendono in larga misura sia la capacità di combattimento dell’esercito ucraino sia le decisioni politiche di Kiev, ci si deve chiedere: perché lo fanno? Si può avere l’impressione che la posizione degli Stati Uniti sia nel loro interesse nazionale: rifornire ulteriormente l’Ucraina di armi, ritardando così un’operazione militare speciale da parte della Russia e indebolendo Mosca. A questo si aggiungono i continui tentativi di isolare la Russia sulla scena internazionale (per lo più falliti) e le costanti campagne di informazione sui media occidentali.

Tuttavia, all’interno dell’establishment statunitense ci sono disaccordi su quale debba essere esattamente la posizione di Washington sull’Ucraina. Lo confermano le diverse visioni sulla risoluzione del conflitto da parte del Dipartimento della Difesa statunitense (che vorrebbe vedere le due parti al tavolo dei negoziati il prima possibile) e dell’amministrazione della Casa Bianca, che continua a piegare la propria linea sul ritiro completo delle truppe russe dal “territorio ucraino”. È l’amministrazione di Joe Biden a rendere la situazione stessa una situazione di stallo, perché dopo i referendum e l’incorporazione alla Russia di quattro regioni nel 2022, che in precedenza erano regioni dell’Ucraina, c’è una diversa concezione di questo territorio. Come parte perdente, Kiev sta cercando di vendicarsi con la forza militare, ma dal punto di vista della sovranità della Russia e dell’inalienabilità delle sue regioni, questo è visto come un’invasione che dovrebbe essere soppressa con qualsiasi mezzo disponibile (per inciso, comprese le armi nucleari, motivo per cui la questione è stata sollevata con tanta ostinazione dai politici e dai media occidentali). Pertanto, qualsiasi contrattacco temporaneo da parte dell’Ucraina non farà altro che prolungare l’attuale conflitto, provocare inutili vittime e peggiorare complessivamente la situazione, soprattutto in Europa.

Ciò solleva la questione se gli Stati Uniti abbiano la giusta comprensione dei loro interessi nazionali. Naturalmente, per parlare degli interessi nazionali di questo Paese, è meglio passare la parola al suo rappresentante.

Joshua Shifrinson su The National Interest spiega in modo dettagliato l’errata comprensione di ciò che sta accadendo da parte dei responsabili dei dipartimenti statunitensi competenti.

Per riassumere il suo articolo, a Washington ci sono due schieramenti, uno dei quali teme i successi della Russia in Ucraina, per cui sono necessarie misure per limitare le capacità della Russia. Questo schieramento si nasconde dietro dichiarazioni astratte e prive di fondamento sulle minacce ad altri vicini. A ciò si aggiungono le preoccupazioni per il potenziale potenziamento da parte di altri attori, in particolare la Cina, che potrebbe sfruttare la situazione per invadere Taiwan.

Il secondo schieramento parla di un contesto più ampio, come il Segretario di Stato Anthony Blinken, che ha dichiarato che “l’ordine internazionale basato sulle regole, fondamentale per mantenere la pace e la sicurezza, è messo alla prova dall’invasione ingiustificata e non provocata dell’Ucraina da parte della Russia”.

Questa divisione non è casuale e riflette la posizione della scuola di realismo e della scuola del liberalismo nelle relazioni internazionali. In realtà, però, entrambi i campi distorcono queste teorie, come conferma Shifrinson.

La verità è che nessuno degli interessi dichiarati dagli Stati Uniti in Ucraina regge a un esame approfondito. Inoltre, credere che si tratti di interessi statunitensi contraddice i principi fondamentali della grande strategia degli Stati Uniti da lungo tempo consolidata; fare politica sulla base di tali preoccupazioni rischia di creare ulteriori dilemmi strategici per gli Stati Uniti, l’Ucraina e la Russia in modi che possono solo peggiorare le conseguenze del conflitto attuale”.

In effetti, perché la Russia dovrebbe attaccare altri vicini, specialmente i Paesi della NATO, se questo causerebbe un contraccolpo violento? Inoltre, gli Stati Uniti non hanno mai veramente protetto le democrazie degli altri Paesi. Washington ha permesso colpi di Stato militari in Pakistan e ha sostenuto dittature e leader autoritari ovunque e in qualsiasi momento, purché fossero loro alleati. L’azione militare saudita in Yemen, per qualche motivo, non ha attirato la stessa attenzione dell’operazione militare russa in Ucraina, anche se il conflitto in Yemen ha portato a un disastro umanitario.

E dove sono le prove che la Russia sta davvero distruggendo l’ordine internazionale esistente? Se la Russia è stata costretta a passare alle valute nazionali, è perché gli Stati Uniti e l’Unione Europea hanno bloccato l’uso di SWIFT per i regolamenti bancari. Se la Russia sta reindirizzando i suoi accordi commerciali verso altri Paesi, è perché i Paesi occidentali si sono dimostrati partner inaffidabili e hanno bloccato (di fatto: rubato) le riserve d’oro e di valuta estera della Russia e altri beni.

Si ha l’impressione che sotto le accuse di distruzione dell’“ordine internazionale liberale” ci sia una sorta di reazione difensiva degli Stati Uniti e si cerchi di incolpare altri per le disfunzioni di questo sistema, che sta fallendo. Non è colpa della Russia se l’unipolarismo viene sostituito dal multipolarismo per una serie di ragioni oggettive. Anche se la Russia è ora costretta a promuovere attivamente la costruzione di questo multipolarismo per proteggere i propri interessi e la propria sovranità. Ma anche altri Paesi si stanno muovendo passo dopo passo verso un sistema mondiale multipolare, il che dimostra l’oggettività di questa tendenza. Non solo i critici degli Stati Uniti, ma anche i loro alleati, come l’Unione Europea, hanno il desiderio di cambiare lo status quo, che sta diventando sempre più pesante a causa della dipendenza da Washington. Non è un caso che l’Italia abbia sospeso le forniture di armi all’Ucraina. Forse altri membri del Commonwealth seguiranno l’esempio. Infine, lo stesso progetto di autonomia strategica della UE suggerisce piani per un graduale ritiro dalla schiavitù transatlantica. Quanto prima ciò avverrà, tanto meglio sarà per l’Europa stessa.

Quanto agli Stati Uniti, dovrebbero considerare un ruolo più limitato nella storia mondiale e assumersi la responsabilità di azioni più modeste.

Traduzione a cura di Costantino Ceoldo

Foto: NR-Italia

24 novembre 2022

Seguici sui nostri canali
Telegram 
Facebook 
YouTube