Sulla crisi alimentare

image_pdfimage_print

di Redazione di Katehon

In tutto il mondo c’è un aumento dei prezzi per i prodotti vitali e necessari. In particolare, il prezzo del grano è salito. L’Occidente attribuisce alla Russia la provocazione della crisi alimentare globale, a causa della quale molte persone sul pianeta potrebbero soffrire. Tuttavia, dimenticano che le numerose sanzioni imposte hanno influito direttamente sulla capacità del Paese di esportare cibo. Ora la Russia, insieme a numerose organizzazioni, sta cercando di trovare una via d’uscita a questa situazione per prevenire il problema globale della fame.

I principali esportatori e importatori del mondo

Secondo la classificazione educativa comune, i prodotti alimentari comprendono: frutta e verdura – prodotti ad alto valore biologico e basso contenuto calorico (frutta fresca, verdura, funghi); farina di cereali (pane, pasta, cereali, farina, grano); latticini (latte e tutti i prodotti caseari); zucchero, miele, amido, confetteria; aromi (spezie, tè, caffè, alcol, sale); grassi commestibili (tutti i grassi vegetali e animali, oli, margarina e maionese); carne (carne e pollame, anche sotto forma di conserve); pesce (pesce in qualsiasi forma, caviale di pesce e frutti di mare, alghe); uovo (uova, nonché uova in polvere e melange).

La quota principale delle forniture internazionali ricade sul grano, il 35% del mercato totale. Ciò è dovuto al fatto che il grano è utilizzato nella produzione di farina e mangimi. Insieme alla segale fa parte della meslina, un derivato di una coltura di cereali. Riso, mais, orzo, ecc. seguono il grano con un enorme distacco. I primi tre esportatori di grano includono Cina, Russia e India. Tuttavia, Cina e India, per la maggior parte, mirano a soddisfare la domanda interna, il che consente alla Federazione Russa di occupare una posizione di leadership in termini di esportazioni di grano.

I leader nelle importazioni di grano sono l’Egitto, l’Indonesia, la Turchia, le Filippine e, stranamente, la Cina. Tra i maggiori acquirenti di grano ci sono anche l’Iran e l’Arabia Saudita.

Il riso merita una menzione speciale. In totale, nel 2019 sono state prodotte quasi 784 milioni di tonnellate di riso in tutto il mondo. I leader tra i produttori sono Cina (214 milioni di tonnellate), India (172 milioni di tonnellate), Indonesia (83 milioni di tonnellate), Bangladesh (56 milioni di tonnellate) e Vietnam (44 milioni di tonnellate). La Cina produce circa il 27% della produzione mondiale, la Russia è al 35° posto, produce poco più di 1 milione di tonnellate di riso all’anno. La principale produzione di riso in Russia è concentrata nel sud del paese nel territorio di Krasnodar e nella regione di Rostov. I principali importatori di riso sono il Benin, il Niger e le Comore.

Il latte è un importante prodotto di consumo. Oltre ad essere popolare come bevanda, il latte di mucca viene utilizzato per preparare un’ampia gamma di prodotti, tra cui formaggio, panna, burro, yogurt, gelato, proteine del siero di latte e molti altri.

I principali paesi esportatori di latte vaccino nel mondo sono la Cina (35,7 mila tonnellate), l’India (60,6 mila tonnellate) e gli Stati Uniti (91,3 mila tonnellate). Messico, Arabia Saudita, Canada, Taiwan, Bangladesh, Emirati Arabi Uniti, Nepal, Bhutan e Afghanistan dipendono rispettivamente da questi paesi.

Pesce e carne sono anche considerati i principali prodotti. La Cina è il più grande esportatore mondiale di pesce e prodotti ittici. Rappresenta il 14% delle esportazioni mondiali. Seguono Norvegia, Vietnam, Thailandia e Stati Uniti. Il più grande mercato unico per il pesce è l’Unione Europea. I maggiori importatori di pesce e prodotti ittici finiti nel 2020 sono stati gli Stati Uniti, il Giappone, la Germania, l’Italia e il Regno Unito. Per quanto riguarda i prodotti a base di carne, i principali produttori nel mercato mondiale sono Cina, Stati Uniti e Brasile. I maggiori paesi importatori sono Cina, USA e Giappone.

Inoltre, una delle componenti importanti delle esportazioni russe è l’acqua potabile. Lo afferma Gleb Finkelstein, specialista nel dipartimento di ricerca strategica di Total Research. Inoltre, ha osservato che a causa del cambiamento climatico, le forniture di acqua dolce nel mondo stanno diminuendo. Di conseguenza, la Cina, i paesi dell’Asia centrale e dell’Europa meridionale hanno problemi con l’acqua potabile. La Russia, invece, ha enormi riserve di acqua dolce e può venderle.

Trattati sulla sicurezza alimentare

L’obiettivo principale della politica agricola comune dell’UE, attuata con il pretesto di combattere la fame nel mondo, resta quello di garantire la sicurezza alimentare dei cittadini dell’Unione Europea. Allo stesso tempo, l’élite politica e la lobby agraria nell’UE usano spesso la naturale preoccupazione per il benessere della loro popolazione e la tesi della protezione dell’”indipendenza alimentare” come un argomento forte per giustificare misure protettive in relazione all’agricoltura nell’UE. Tali misure comprendono strumenti di sostegno all’agricoltura (sussidi diretti a carico del bilancio e pagamento unico agricolo), nonché diverse tariffe, dazi e tasse (prezzo di intervento, prezzo soglia, dazio all’importazione, sovvenzione all’esportazione, ecc.).

La Russia ha anche una dottrina sulla sicurezza alimentare adottata nel 2020. Secondo essa, l’obiettivo strategico della sicurezza alimentare è fornire alla popolazione del paese prodotti agricoli sicuri, pesce e altre risorse biologiche acquatiche. Inoltre, i compiti principali per garantire la sicurezza alimentare, indipendentemente dai cambiamenti delle condizioni esterne e interne, sono: la previsione tempestiva, l’identificazione e la prevenzione delle minacce interne ed esterne alla sicurezza alimentare, riducendo al minimo le loro conseguenze negative dovute alla costante disponibilità del sistema di approvvigionamento alimentare per i cittadini, la formazione di scorte strategiche di prodotti alimentari.

Questa dottrina russa è in qualche modo simile a quella cinese. La legge sulla sicurezza alimentare della Repubblica Popolare Cinese è stata adottata dalla VII sessione del Comitato permanente dell’XI Assemblea Nazionale del Popolo nel 2009 e modificata nel 2015. Il popolo cinese è anche responsabile del problema della politica alimentare, e se si verifica un grave incidente di sicurezza alimentare nel Paese, il dipartimento di ispezione alimentare e dei farmaci del governo popolare a livello di città regionale e superiore condurrà immediatamente un’indagine con le autorità competenti dei dipartimenti per stabilirne la responsabilità (articolo 106).

Secondo il rapporto del Comitato per la politica alimentare mondiale delle Nazioni Unite 2017, identificare e dare priorità alle azioni per raggiungere la sicurezza alimentare e la nutrizione e il diritto universale a un’alimentazione adeguata richiede una comprensione delle cause strutturali e alla base dell’insicurezza alimentare e della malnutrizione. Il Comitato ritiene che in futuro dovranno essere affrontate una serie di nuove questioni nel campo della sicurezza alimentare e della nutrizione. In particolare, soddisfare le esigenze alimentari e nutrizionali di una popolazione urbana e rurale in crescita di fronte alle mutevoli preferenze alimentari; aumentare la produzione agricola sostenibile e aumentare la produttività; costruire la resilienza ai cambiamenti climatici; ricerca di soluzioni sostenibili al problema della maggiore concorrenza per le risorse naturali.

Il 13 aprile, la Banca Mondiale, il Fondo Monetario Internazionale (FMI), l’Organizzazione Mondiale del Commercio (OMC) e il Programma Alimentare Mondiale delle Nazioni Unite (WFP) hanno chiesto alla comunità mondiale di agire immediatamente per prevenire la carestia. Le organizzazioni ritengono che le conseguenze del conflitto in Ucraina abbiano esacerbato le conseguenze della pandemia di coronavirus. Secondo loro, il cambiamento climatico incide anche sulla sicurezza alimentare. «L’impennata dei prezzi degli alimenti di base e la carenza di forniture hanno aumentato la pressione sulle famiglie di tutto il mondo e stanno spingendo milioni di persone nella povertà», hanno affermato le organizzazioni in una dichiarazione congiunta.

Nei porti ucraini, secondo il WFP, sono rimaste bloccate fino a 4,5 milioni di tonnellate di grano. Il 16 maggio, il capo della diplomazia europea, Josep Borrell, ha annunciato la disponibilità dell’UE a “svuotare” i granai dell’Ucraina.

Tuttavia, le forze armate dell’Ucraina, all’inizio dell’operazione speciale russa, hanno minato i porti e le acque ad essi adiacenti. Allo stesso tempo, Mosca si è offerta di iniziare lo sminamento, ma Kiev ha evitato di interagire.

Il segretario generale delle Nazioni Unite António Guterres sta ora cercando di risolvere il problema. Ha ripetutamente affermato che la comunità mondiale non può fare a meno dei fertilizzanti della Federazione Russa e della Bielorussia, così come del pane dell’Ucraina, quindi “i prodotti e i fertilizzanti russi dovrebbero avere pieno e illimitato accesso ai mercati mondiali”. In risposta, su suggerimento del Segretario Generale, dovrebbero essere organizzati “corridoi verdi” per il passaggio delle navi con il grano.

Allo stesso tempo, i paesi occidentali sono sicuri che la crisi sia causata dai problemi in Ucraina e che la colpa sia della Russia. Il capo del WFP David Beasley ha rilasciato una dichiarazione sulla “fame come arma”. Il ministero degli Esteri russo, a sua volta, ha definito la dichiarazione inappropriata.

Nel frattempo, il presidente russo Vladimir Putin ha osservato che la crisi globale è provocata dalle sanzioni occidentali contro la Russia. Secondo lui, «il proseguimento dell’ossessione per le sanzioni porterà inevitabilmente alle conseguenze più complesse e difficili da ribaltare per l’Unione Europea». Putin ha anche messo in guardia sui problemi degli “Stati più poveri che già corrono il rischio della carestia”. Mosca, d’altra parte, vuole adempiere ai suoi obblighi nei confronti della comunità mondiale e non rifiuta le consegne.

Il 30 maggio, prima del vertice dell’Unione Europea, il capo della diplomazia europea, Josep Borrell, ha affermato che l’UE deve raggiungere un accordo con la Russia sull’esportazione di 20 milioni di tonnellate di grano dall’Ucraina.

«Stiamo esaminando come esportare 20 milioni di tonnellate di grano ucraino. Non è semplice. Per l’utilizzo della rotta marittima è richiesto il consenso della Russia. Questo è l’argomento più importante», ha spiegato.

Al vertice è intervenuto anche il presidente del Consiglio italiano Mario Draghi. Ha affermato che “il rischio di una catastrofe alimentare è reale, e se non si trova una soluzione”, allora in questo caso, come crede, la colpa sarà del leader russo.

Ora il problema della sicurezza alimentare, in connessione con le sanzioni europee, è diventato piuttosto acuto. Il fatto è che, imponendo sanzioni, l’Occidente contraddice i propri codici e dottrine. Fermando la capacità di esportare della Russia, distruggono un sistema economico ben coordinato, quindi il tema della fame globale è più attuale che mai.

Traduzione di Alessandro Napoli 

Foto: Idee&Azione

25 giugno 2022