Sull’attentato terroristico a Istanbul

image_pdfimage_print

di Redazione di Katehon

L’attacco terroristico nel centro di Istanbul di domenica scorsa, 13 novembre, ha mostrato ancora una volta la vulnerabilità della Turchia al terrorismo internazionale. Sei persone sono rimaste uccise e circa 90 sono rimaste ferite in modo più o meno grave. Si sa che almeno un cittadino russo è rimasto ferito nell’attacco.

Sebbene attentati di questo tipo siano già avvenuti in passato, l’attentato nel centro storico di Istanbul, in una zona affollata, ha dimostrato il ritorno di una minaccia che non si vedeva da più di cinque anni.

Il 5 gennaio 2017, un agente di polizia turco e un impiegato del tribunale sono stati uccisi in un attentato con autobomba nella città costiera dell’Egeo di Smirne e altre 10 persone sono rimaste ferite. Le autorità hanno dichiarato che dietro l’attacco ci sono militanti del Partito dei Lavoratori del Kurdistan (PKK).

31 dicembre 2016. L’ISIS ha rivendicato la responsabilità della sparatoria di massa della notte di Capodanno che ha ucciso 39 persone. Un uomo armato solitario ha poi aperto il fuoco in un affollato nightclub di Istanbul.

Il 17 dicembre 2016, un attentato con autobomba nella città centrale di Kayseri ha ucciso 13 soldati e ne ha feriti 56. Il veicolo è esploso vicino a un autobus che trasportava personale militare non in servizio. Il ramo del PKK ha rivendicato la responsabilità dell’attacco.

Il 10 dicembre 2016 si sono verificate due esplosioni a Istanbul. Un ordigno esplosivo è stato piazzato in un’auto e l’altra bomba è stata fatta esplodere da un attentatore suicida, uccidendo 44 persone, la maggior parte delle quali agenti di polizia. Oltre 150 persone sono rimaste ferite nei pressi dello stadio di Istanbul. Una propaggine del PKK, i Falchi della Libertà del Kurdistan, ha rivendicato la responsabilità dell’attacco.

Il 26 agosto 2016, un attentato suicida con un camion fuori da un quartier generale della polizia a maggioranza curda nel sud-est della Turchia ha ucciso almeno 11 persone e ne ha ferite altre decine. Il PKK ha rivendicato la responsabilità dell’attacco.

Le organizzazioni curde, l’ISIS (vietato in Russia) e i gruppi radicali di sinistra sono stati immediatamente i principali sospettati. Tutti loro sono stati precedentemente coinvolti in incidenti simili.

La polizia turca ha arrestato quasi subito 46 persone in relazione all’attacco di domenica, tra cui la donna sospettata di aver piazzato la bomba. Secondo i dati ufficiali, si tratta di Ahlam Albashir, di nazionalità siriana, che ha confessato di essere stata addestrata dal Partito dei Lavoratori del Kurdistan.

I filmati diffusi dalla polizia di Istanbul mostrano che Albashir aveva anche una pistola e alcune munizioni nella sua residenza, oltre a una notevole quantità di denaro e oro. È stato dichiarato che se Albashir non fosse stata arrestata, avrebbe potuto fuggire in Grecia. Il Ministro degli Interni ha inoltre dichiarato che le autorità hanno intercettato alcune persone, rivelando che il PKK aveva ordinato l’assassinio di Albashir dopo aver compiuto l’attentato e che le autorità avevano già arrestato l’uomo che intendeva ucciderla.

Nel frattempo, le autorità turche hanno collegato l’attentato al sostegno di Washington all’YPG, un gruppo curdo siriano che è partner degli Stati Uniti in Siria, ma che la Turchia considera un ramo siriano del PKK. Fahrettin Altun, direttore delle comunicazioni del presidente turco, ha dichiarato che tali attacchi “sono il risultato diretto e indiretto del sostegno che alcuni Paesi danno alle organizzazioni terroristiche”. Il ministro degli Interni turco Suleyman Soylu ha paragonato le condoglianze statunitensi a “un assassino che arriva per primo sulla scena del crimine”. Soylu ha detto che l’attacco è stato ordinato a Kobani, una città nel nord della Siria conosciuta in arabo come Ain al-Arab, dove le forze turche hanno condotto operazioni contro l’YPG negli ultimi anni. Albashir stava attraversando Afrin, una regione controllata dalla Turchia nel nord della Siria, diretta a Istanbul.

Va notato che il bombardamento arriva nel contesto dell’intensificazione delle operazioni militari turche contro la leadership del PKK in Siria e in Iraq, compreso l’uso di attacchi con i droni, che hanno ucciso diverse persone negli ultimi mesi, da funzionari di medio livello del PKK a quelli della leadership. Inoltre, numerose operazioni militari turche nel nord dell’Iraq hanno spinto il PKK a spostarsi verso sud.

È probabile che ora la Turchia intensifichi le sue operazioni militari nel nord dell’Iraq e in alcune parti della Siria. Potrebbero esserci operazioni speciali anche nella stessa Turchia, soprattutto nella parte sud-orientale del Paese, dove vive la popolazione curda.

Come minimo, le autorità turche hanno promesso di vendicare i curdi per l’attacco. E utilizzeranno l’incidente per legittimare le loro azioni al di fuori del Paese con il pretesto di combattere il terrorismo. Tuttavia, non è del tutto chiaro come la Turchia possa vendicarsi degli Stati Uniti per aver aiutato l’YPG. In precedenza, la leadership turca ha ripetutamente affermato l’inammissibilità del sostegno statunitense a tali organizzazioni, ma ciò non ha cambiato nulla. Gli aiuti militari e finanziari sono continuati per molti anni. Nel frattempo, la questione dell’estradizione di persone ricercate dalla Svezia e dalla Finlandia, che è un requisito turco per la ratifica del protocollo sull’adesione di questi Paesi alla NATO, è ancora irrisolta.

La Turchia potrebbe anche consolidare le sue azioni con l’Iran, dove esiste anche un risentimento da parte di alcune organizzazioni curde sia all’interno dell’Iran che dal territorio iracheno. L’attuale ondata di proteste in Iran, soprannominata “crisi dell’Hijab”, è stata sostenuta anche dai curdi, per il fatto che la ragazza morta era di origine curda. Se la Turchia e l’Iran accettano di coordinarsi contro i curdi (e quindi di creare un rapporto di fiducia tra i due Paesi), questo potrebbe cambiare definitivamente l’equilibrio strategico della regione. Almeno, non solo sulle questioni interne, ma anche sul tema dell’Iraq settentrionale, Turchia e Iran avranno un certo consenso.

D’altra parte, i curdi difficilmente intendono rinunciare alle loro posizioni. Oltre ai loro luoghi di residenza storici, un’ampia diaspora curda vive nei Paesi europei e utilizzerà la propria lobby per continuare le proprie azioni anti-turche e anti-iraniane.

Traduzione a cura della Redazione

Foto: AGI

16 novembre 2022

Seguici sui nostri canali
Telegram 
Facebook 
YouTube