Tag: apocalisse

  • Thumbnail for the post titled: L’ interruttore della storia

    L’ interruttore della storia

    È come se all’improvviso fosse impazzito l’interruttore della luce. Il dito pigia compulsivamente, ma la lampada non si accende. Di tanto in tanto manda bagliori, squarci di chiarore accecante che mostrano scenari paurosi, ma non è la nostra volontà a premere. E’ tornata- non invitata – la storia e noi non sappiamo cosa metterci. Prima l’epidemia, con il terrore, la sofferenza, il ritorno della Grande Rimossa, la morte. Poi le menzogne associate, i pipistrelli, la scoperta dell’esistenza di laboratori che sperimentano quello che pudicamente chiamano “guadagno di funzione”, il rafforzamento di ceppi virali e la creazione di nuovi virus.

  • Thumbnail for the post titled: Colpire la bestia da fuori

    Colpire la bestia da fuori

    Il Katéchon è quella figura della teologia cristiana che si presenta alla fine dei tempi per trattenere la bestia, e molti analisti e filosofi hanno visto questo particolare ruolo proprio nella Russia del presidente Putin, almeno negli ultimi anni di politica internazionale.

  • Thumbnail for the post titled: La catastrofe dell’umana follia

    La catastrofe dell’umana follia

    Ieri è arrivato anche lo psichiatra in TV a dire che i contrari all’inoculamento sostanzialmente si dividono in 4 categorie: fobici; ignoranti, paranoici e narcisisti. Non sto qui ad esporvi come ha declinato nel merito queste quattro categorie cui, da “buon” psichiatra, ha poi attribuito una serie infinita di sottocategorie. Ovviamente tutti sani di mente i favorevoli anche se pure un deficiente, quando ascolta i Pavone, gli Scanzi, i Severgnini (solo per citarne tre) si accorge subito che dal punto di vista psichiatrico c’è molto lavoro per un bravo dottore.

  • Thumbnail for the post titled: Le due armate

    Le due armate

    Il cielo caliginoso copre il campo di battaglia. Il sole, consumato il suo ciclo, attende paziente oltre l’orizzonte, di là da ogni sguardo. La vista è corta. Le tinte bluastre e grigie rivestono uomini e vegetazione modellando un paesaggio insaturo e omogeneo. I due schieramenti si stuzzicano. Il più grande avanza e sembra sferrare un attacco, ma è solo una mossa di fastidio. L’altro cerca di parare il colpo e tenta una controffensiva che ha però breve durata.