Tag: Bioetica

  • Thumbnail for the post titled: De Donno e la storia quasi dimenticata degli Iperimmuni

    De Donno e la storia quasi dimenticata degli Iperimmuni

    Antonino D’Anna è un giornalista che scrivendo un libro chiaro e scorrevole ha reso omaggio a una figura emblematica dell’emergenza sanitaria italiana. “Giuseppe De Donno. Il medico che guariva dal Covid con il plasma iperimmune” è la breve storia di un medico di altri tempi, che riusciva a guarire quasi tutti i malati di Covid gravi .

  • Thumbnail for the post titled: Parere sull’eticità e la trasparenza della comunicazione scientifico-sanitaria e sui doveri del giornalista nel quadro dell’emergenza Covid

    Parere sull’eticità e la trasparenza della comunicazione scientifico-sanitaria e sui doveri del giornalista nel quadro dell’emergenza Covid

    COMUNICAZIONE PANDEMICA: IL COMITATO INTERNAZIONALE PER L’ETICA DELLA BIOMEDICINA (CIEB) RILEVA CONFLITTO TRA DOVERI DEI GIORNALISTI E CONTRIBUTI STRAORDINARI EROGATI DAL GOVERNO
    Il Comitato Internazionale per l’Etica della Biomedicina (CIEB) ha adottato oggi il Parere sull’eticità e la trasparenza della comunicazione scientifico-sanitaria e sui doveri del giornalista nel quadro dell’emergenza Covid

  • Thumbnail for the post titled: Un’ordinanza in deroga ad un Decreto-Legge?

    Un’ordinanza in deroga ad un Decreto-Legge?

    Il Ministro della Salute pro tempore, Roberto Speranza, con ordinanza del 09 gennaio 2022 ha espressamente previsto all’art. 1, comma 1, nel periodo dal 10 gennaio al 10 febbraio 2022, la possibilità sia per l’accesso e l’utilizzo dei mezzi del trasporto pubblico funzionali agli spostamenti da e per le isole, sia per l’utilizzo dei mezzi di trasporto da e per le isole lagunari e lacustri, di esibire, da parte degli studenti di età pari o superiore ai dodici anni, una delle tre condizioni che consentono di ottenere la certificazione verde Covid-19 laddove sussistano documentati motivi di salute e di frequenza.

  • Thumbnail for the post titled: Gli studenti contro l’obbligo vaccinale

    Gli studenti contro l’obbligo vaccinale

    Gli Studenti contro il Green Pass si dichiarano fortemente contrari non soltanto al certificato verde (in ogni sua forma), ma anche all’obbligo vaccinale (difatti crediamo che l’imposizione compiuta nei confronti di varie categorie di lavoratori – quali medici, infermieri, operatori delle RSA, docenti e membri delle forze dell’ordine – sia sicuramente illegittima, e in quanto tale va disattesa).

  • Thumbnail for the post titled: Parere sulla somministrazione di terapie geniche a fini di sperimentazione scientifica nel quadro della cosiddetta campagna vaccinale anti-Covid

    Parere sulla somministrazione di terapie geniche a fini di sperimentazione scientifica nel quadro della cosiddetta campagna vaccinale anti-Covid

    Con il presente Parere il CIEB intende ribadire le criticità bioetiche e biogiuridiche concernenti la cosiddetta vaccinazione anti-Covid, alla luce delle notizie che danno per imminente la decisione del Governo italiano di estendere l’obbligo vaccinale a ulteriori, mirate categorie di cittadini o, addirittura, di introdurre un obbligo vaccinale generalizzato, tanto in via diretta quanto in via indiretta e surrettizia, e cioè sotto forma di Green Pass o strumenti analoghi.

  • Thumbnail for the post titled: CIEB: Parere sull’eticità della partecipazione del personale medico e sperimentatore alla somministrazione del vaccino anti-Covid

    CIEB: Parere sull’eticità della partecipazione del personale medico e sperimentatore alla somministrazione del vaccino anti-Covid

    Con il Parere sull’obbligatorietà del vaccino anti-Covid, reso d’iniziativa il 20 dicembre 2021, il CIEB ha richiamato l’attenzione dell’opinione pubblica sul fatto che l’immissione in commercio del cosiddetto “vaccino” anti-Covid è avvenuta secondo una procedura «condizionata», applicabile in via accelerata o d’urgenza esclusivamente ai «medicinali» per i quali «non siano stati forniti dati clinici completi in merito alla sicurezza e all’efficacia» (art. 3, n. 1, del regolamento della Commissione europea n. 507/2006 del 29 marzo 2006).

  • Thumbnail for the post titled: La gaia morte delle società sazie e disperate

    La gaia morte delle società sazie e disperate

    Nel 1985- sembra passata un’era geologica- il cardinale Giacomo Biffi definì Bologna, città di cui era arcivescovo, “sazia e disperata”. Quella frase gli fu rinfacciata per decenni dai cantori delle magnifiche sorti e progressive della nostra rugosa civilizzazione. Già all’epoca dell’osservazione del presule, Bologna, avvolgente e bellissima, era ai vertici del reddito pro-capite, in testa ai consumi voluttuari, ma al minimo della natalità. L’ Emilia batteva tristi primati di denatalità, accompagnati da suicidi doppi rispetto alla media nazionale. Tradussi in aggettivi i numeri, spiegò Biffi anni dopo. Per l’esperto pastore d’anime, una terra ricca, colta e civile, “sazia di beni, apparentemente piena di voglia di vivere e divertirsi, ma anche disperata perché non aveva voglia di trasmettere la vita e nemmeno di conservarla”.

  • Thumbnail for the post titled: CIEB: Parere sull’obbligatorietà del vaccino anti-Covid

    CIEB: Parere sull’obbligatorietà del vaccino anti-Covid

    Con il presente parere, reso d’iniziativa, il CIEB intende valutare le criticità della campagna vaccinale in atto, in Italia come in altri Paesi europei, di cui molti italiani stanno prendendo consapevolezza, talvolta con reazioni esasperate in assenza di informazioni coerenti e verificabili.

  • Thumbnail for the post titled: Una presa di poteri come mai prima nella storia del mondo?

    Una presa di poteri come mai prima nella storia del mondo?

    Blocchi (lock down), mandati e pass sanitari sono il problema principale del giorno con milioni di persone che protestano contro queste misure in tutto il mondo. In effetti, quello che è diventato noto come il movimento della “libertà medica” è probabilmente il movimento internazionale più grande e diversificato nella storia del mondo.

  • Thumbnail for the post titled: Società della responsabilità collettiva

    Società della responsabilità collettiva

    Nello studio di cosa sia l’intelligenza e di cosa sia composta sappiamo per paradosso sempre di più e insieme sempre meno. Sempre di più perchè aggiungiamo fattori ed elementi che sappiamo via via concorrere allo sviluppo della stessa. Sempre meno, perchè nella enorme dilatazione del suo significato anche il soggetto “intelligenza” si perde sullo sfondo.