Tag: Crooke

  • Thumbnail for the post titled: L’inquietudine di Davos e la paura non dichiarata del fallimento

    L’inquietudine di Davos e la paura non dichiarata del fallimento

    Il timore inespresso che inquieta i partecipanti a Davos è la paura di un’altra débacle, dopo quella dell’Afghanistan.

  • Thumbnail for the post titled: L’impalcatura strutturale di una potenziale guerra in Medio Oriente

    L’impalcatura strutturale di una potenziale guerra in Medio Oriente

    L’impalcatura strutturale è stata messa in piedi all’inizio degli anni Novanta. Ma quella struttura è stata eretta su false premesse e pigre idee sbagliate. I suoi difetti, tuttavia, sono stati coperti per quasi due decenni; ma ora i cambiamenti nel paradigma regionale generale significano che l’impalcatura si sta invertendo: non contiene più i conflitti latenti, ma ci sta portando a capofitto verso di essi.

  • Thumbnail for the post titled: Il coinvolgimento degli Stati Uniti nel conflitto in Ucraina è a una svolta?

    Il coinvolgimento degli Stati Uniti nel conflitto in Ucraina è a una svolta?

    Per ora, l’obiettivo dell’Ucraina e dei suoi alleati della NATO dovrebbe essere quello di contenere l’offensiva russa nel sud-est dell’Ucraina, respingere le forze di Putin ove possibile e rendere questa guerra troppo dolorosa perché la Russia continui indefinitamente.

  • Thumbnail for the post titled: I nemici interni e il disagio della verità

    I nemici interni e il disagio della verità

    Il “totalitarismo” europeo di oggi è di tipo più raffinato – non così violento, e quindi meritevole di un “lasciapassare”?
    Ricordate Jamal Khashoggi? Lo conoscevo un po’ e l’ho incontrato diverse volte nel corso degli anni. Chiaramente non era un “hacker” del regime. Aveva le sue divergenze con la leadership saudita, ma era essenzialmente un patriota saudita di comprovata integrità.

  • Thumbnail for the post titled: L’era del Bosco Morto

    L’era del Bosco Morto

    La divisione non può più essere nascosta.
    Cos’è l’era del Bosco Morto? È lo iato tra la lenta decomposizione del corpo dell’immediato dopoguerra – il suo zeitgeist, le sue strutture politiche ed economiche – e i germogli della nuova era, appena spuntati, ma il cui stelo e le cui foglie non sono ancora visibili.

  • Thumbnail for the post titled: Questa è una guerra e l’escalation sta arrivando

    Questa è una guerra e l’escalation sta arrivando

    È davvero una guerra. La NATO è in guerra con la Russia. I giuristi tedeschi potrebbero dire di no, ma quando l’Occidente arma l’Ucraina, quando le forze speciali della NATO sono a Kiev (cioè la SAS britannica) e addestrano i loro protetti della milizia a usare le loro armi per uccidere i russi, importa davvero quale spalla spara il (britannico- realizzato) Missile Starstreak che abbatte un elicottero russo?

  • Thumbnail for the post titled: Può l’Occidente usare la guerra per fermare il suo declino e il passaggio a un nuovo ordine monetario globale?

    Può l’Occidente usare la guerra per fermare il suo declino e il passaggio a un nuovo ordine monetario globale?

    A volte i cambiamenti rivoluzionari si insinuano in noi in modo furtivo, arriviamo ad apprezzare la grande biforcazione solo quando ce ne accorgiamo, nello specchietto retrovisore. Questo è particolarmente vero quando coloro che hanno premuto il grilletto per primi non apprezzano pienamente – loro stessi – ciò che hanno fatto.
    Che cosa è stato fatto? In un momento di pregiudizio viscerale, alcuni collaboratori del Team Biden hanno deciso di far leva sul loro piano per far crollare il valore del rublo. Così hanno trovato lo stratagemma di sequestrare le riserve di dollari, euro e titoli del Tesoro della Banca Centrale della Russia.

  • Thumbnail for the post titled: Un’opportunità unica al mondo

    Un’opportunità unica al mondo

    L’era della globalizzazione liberale è finita. Davanti ai nostri occhi si sta formando un nuovo ordine economico mondiale.
    Wow! Come gira rapidamente la ruota della fortuna. Sembra ieri che un ministro delle finanze francese parlava dell’imminente crollo dell’economia russa, e il presidente Biden celebrava il rublo “ridotto in macerie” – l’Occidente collettivo ha sequestrato le riserve in valuta estera della Banca centrale di Russia; ha minacciato di sequestrare tutto l’oro russo su cui poteva mettere le mani; oltre a imporre sanzioni senza precedenti su individui, aziende e istituzioni russe. Guerra finanziaria totale!

  • Thumbnail for the post titled: La geopolitica si trasforma in ogni momento

    La geopolitica si trasforma in ogni momento

    Molto occasionalmente, un singolo aneddoto può riassumere quasi completamente un momento della Storia. E questo l’ha fatto: nel 2005, Zbig Brzezinski, l’architetto dell’Afghanistan come pantano per l’Unione Sovietica autore di “La grande scacchiera” (che incorporava il detto Mackinder di “chi controlla il cuore dell’Asia controlla il mondo” – nella politica estera degli Stati Uniti), si è seduto a Washington con Alexandr Dugin, il sostenitore di una rinascita culturale e geopolitica del “cuore della terra”.

  • Thumbnail for the post titled: La potenziale catastrofe di percepire erroneamente la “guerra totale” come guerra tattica

    La potenziale catastrofe di percepire erroneamente la “guerra totale” come guerra tattica

    Lo zeitgeist di oggi è che tutta la politica non è altro che un arazzo manicheo dei “buoni” e di coloro che non sono riusciti a “decolonizzare” il loro passato.
    La guerra in corso in Ucraina è stata intesa da un lato – la più ampia visione occidentale – in termini di espressione laica della cultura occidentale odierna. In genere, viene presentata come una lotta di questa cultura, vagamente confezionata come “democrazia” contro la cultura autoritaria di Russia, Iran e Cina, culture che riflettono valori offensivi, nativisti e repressivi “scorretti”.