Tag: declino

  • Thumbnail for the post titled: Il pericolo

    Il pericolo

    Di fronte ai vari richiami all’astensionismo intelligente e riflessivo, credo sia utile un breve richiamo allo scenario incombente.
    Premessa. Sono trent’anni giusti – incidentalmente dalla stipula del trattato di Maastricht – che l’Italia è in una fase ininterrotta di declino.

  • Thumbnail for the post titled: Africa: il declino dell’influenza francese e la ricerca di sovranità

    Africa: il declino dell’influenza francese e la ricerca di sovranità

    Il 25 maggio il mondo ha celebrato la Giornata della liberazione africana. La giornata, istituita dalle Nazioni Unite per celebrare la fondazione dell’Organizzazione dell’Unità Africana (oggi Unione Africana), ha coinciso con un’altra protesta nel Continente Nero. Gli africani stanno ancora combattendo per la loro sovranità. Quali sono le aree di lotta più significative emerse negli ultimi giorni? Leggete questo articolo di Katehon.

  • Thumbnail for the post titled: Cronache del declino cognitivo: parte ennesima

    Cronache del declino cognitivo: parte ennesima

    Se si leggesse la storiografia specializzata si troverebbe espressa come consenso generalizzato l’opinione per la quale Adolf Hitler non intendesse scatenare la Seconda Guerra Mondiale, nel senso che il governo tedesco aveva invece scommesso sull’acquiescenza anglofrancese di fronte all’attacco alla Polonia.

  • Thumbnail for the post titled: L’Occidente: egemonia o declino. Elementi del dibattito sull’egemonia, la politica e le civilizzazioni

    L’Occidente: egemonia o declino. Elementi del dibattito sull’egemonia, la politica e le civilizzazioni

    L’Occidente, quale spazio di libertà politica e religiosa, Stato di diritto, equilibrio dei poteri ed economia di mercato, si è imposto nel mondo come modello di pluralismo e di contrappeso istituzionale tra la forza vincolante della Costituzione e dello Stato e l’esigente libertà degli individui e delle forze intermedie della società. Un equilibrio che non ha eguali in altri contesti civili, la cui debolezza congenita è rappresentata dal deficit di «senso», che è la componente «hard» della mente umana e la forza trainante dell’egemonia storica.