Tag: dimensione

  • Thumbnail for the post titled: La caverna di Platone e la verità della storia segreta

    La caverna di Platone e la verità della storia segreta

    “Storia segreta”. Questo termine, o meglio nozione, evoca intuizioni e sospetti appassionati. Per alcuni, “storia segreta” suona immediatamente come uno slogan provocatorio, dietro il quale si nasconde un vaso di Pandora di “teorie del complotto” che confondono, distorcono o, come si dice ufficialmente e alla moda oggi, “disinformano” vicende umane altrimenti “spiegabili”. Per altri, invece, la “storia segreta” parla proprio della realtà “troppo umana” a un livello più profondo. Da un lato, si afferma che gli esseri umani hanno un’agenzia e che le agenzie di alcuni (o di tutti, se è per questo) non sono mai completamente trasparenti agli altri.

  • Thumbnail for the post titled: Il cosmo come spazio della geopolitica

    Il cosmo come spazio della geopolitica

    Lo spazio è diventato un’arena di rivalità geopolitica tra tre potenze mondiali: Stati Uniti, Cina e Russia, con la Russia che interpreta il ruolo di outsider.
    All’inizio del XXI secolo, il politologo americano Everett Dolman nel suo articolo “Geostrategy in the Space Age” utilizzò per la prima volta il termine “astropolitica”, definendolo geopolitica estesa al “regno dello spazio esterno” [1]. Inoltre, E. Dolman ha definito l’astropolitica come “lo studio del rapporto tra spazio esterno, tecnologia e sviluppo della strategia politica e militare” [2].

  • Thumbnail for the post titled: La crisi ucraina e l’Occidente: la dimensione ideologica

    La crisi ucraina e l’Occidente: la dimensione ideologica

    La crisi intorno all’Ucraina ha dimensioni sia geopolitiche che ideologiche. Fin dall’inizio dell’aggravarsi della situazione ai confini orientali di questo paese, varie forze politiche negli Stati Uniti e in Europa hanno valutato gli eventi in corso in modo diverso. I liberali e i globalisti si sono uniti a Kiev, i rappresentanti di altri movimenti ideologici hanno preso una posizione più favorevole alla Russia. L’inizio delle ostilità su larga scala contro l’attuale regime di Kiev da parte della Russia ha causato diverse reazioni: dall’isteria da parte dei liberali, alla condanna con la richiesta di iniziare immediatamente un dialogo da parte dei conservatori.