Tag: divisione

  • Thumbnail for the post titled: Della necessità di superare il concetto di superamento

    Della necessità di superare il concetto di superamento

    La criticità della situazione attuale sta facendo emergere con drammatica chiarezza una caratteristica che a noi italiani piace attribuirci: la parcellizzazione. Dividiamo, scomponiamo, tipicizziamo e moltiplichiamo ogni progetto, ogni sforzo ed idea, dandogli delle caratterizzazioni in base al territorio, al dialetto, alla tradizione culinaria, alla corrente religiosa, alle previsioni metereologiche.

  • Thumbnail for the post titled: The Social Dilemma e Don’t look up, ovvero come Netflix utilizzi l’intelligenza analitica per perpetuare il mito destra-sinistra

    The Social Dilemma e Don’t look up, ovvero come Netflix utilizzi l’intelligenza analitica per perpetuare il mito destra-sinistra

    The Social Dilemma e Don’t Look Up sono due opere assolutamente diverse sul piano linguistico-formale, ma parimenti omogenee dal punto di vista pedagogico e ideologico; tanto che, messe assieme, delineano quale siano il ruolo e l’indirizzo strategico di Netflix all’interno dell’ideologia dominante.
    Nel docu-drama The Social Dilemma, il regista Jeff Orlowski descrive con rara efficacia come il meccanismo di profilazione che – a scopo pubblicitario e di profitto – investe gli utenti dei social media, implichi altresì la polarizzazione progressiva ed estrema delle opinioni politiche. Al culmine di quest’analisi impeccabile ed eccellente sul piano tecnico-divulgativo, però, l’opera scivola nella più banale delle propagande ideologiche mostrando come il processo di polarizzazione sopra descritto abbia portato alle vittorie elettorali di Trump e Bolsonaro.

  • Thumbnail for the post titled: Padre contro figlio. Moglie contro marito

    Padre contro figlio. Moglie contro marito

    Lo scontro finale tra il Signore e il regno di Satana sarà sulla famiglia e sul matrimonio. Così ci avvertiva Suor Lucia, veggente di Fatima.
    Per oltre un decennio schiere di conservatori hanno fatto di questa profezia un vessillo di guerra e con l’orgoglio di chi si sente in missione per conto di Dio ha levato scudi a difesa dei “Princìpi Non Negoziabili” di fronte alla deriva antropologica progressista che inneggia ai diritti civili conditi di aborto, eutanasia, divorzio breve, utero in affitto, blocco della pubertà, matrimonio omosessuale, negazione della natura maschile e femminile dell’essere umano.