Tag: ebrei

  • Thumbnail for the post titled: Gli estremisti ebrei armati possono scatenare una guerra regionale

    Gli estremisti ebrei armati possono scatenare una guerra regionale

    Il 29 maggio migliaia di israeliani hanno attraversato il quartiere musulmano della Città Vecchia di Gerusalemme in una Marcia delle Bandiere, che ricorda l’occupazione da parte di Israele nella guerra arabo-israeliana del 1967. La marcia è stata organizzata da gruppi di coloni ebrei che hanno chiesto di celebrare riti religiosi nella Moschea di Al Aqsa, vietati da un accordo in vigore dal 1967 che permette ai non musulmani di entrare nel sito durante le ore di visita, ma è stato loro impedito di pregare.

  • Thumbnail for the post titled: La storia oscurata dal Pale o Settlement. Alla scoperta di un’area cruciale per i destini del mondo [2/2]

    La storia oscurata dal Pale o Settlement. Alla scoperta di un’area cruciale per i destini del mondo [2/2]

    Nel corso degli ultimi due decenni, particolarmente negli Stati Uniti, questi filoni culturali si sono agglutinati molto scompostamente in quella che ormai noi tutti – e siamo già fuori tempo – dovremmo chiamare a chiare lettere e riconoscere come l’ideologia politica “NeoGlobal”.

  • Thumbnail for the post titled: La storia oscurata dal Pale o Settlement. Alla scoperta di un’area cruciale per i destini del mondo [1/2]

    La storia oscurata dal Pale o Settlement. Alla scoperta di un’area cruciale per i destini del mondo [1/2]

    Le due mappe sottostanti [1], che prego il lettore osservare subito, riproducono il “Pale of Settlement”, l’area geografica nella quale gli Zar russi rinchiusero le comunità ebraiche dal 1791 al 1917, per 126 anni. L’area comprende le attuali Ucraina e Bielorussia, e parti delle attuali Polonia e Russia, con una estensione totale più o meno pari a quella della Francia. Nonostante l’estensione geografica e l’evidente importanza storica, nei programmi scolastici ed universitari occidentali il “Pale of Settlement” viene a stento menzionato, e le allegate mappe vengono sistematicamente ignorate – come se fossero solo “un dettaglio” della storia europea.