Tag: elezioni

  • Thumbnail for the post titled: L’Egitto e i suoi proxy del TPLF stanno tramando per dividere e governare Etiopia e Sudan

    L’Egitto e i suoi proxy del TPLF stanno tramando per dividere e governare Etiopia e Sudan

    Il Cairo sta abilmente preparando il Sudan a fallire nel tentativo di dividere e governare sia il Sudan che l’Etiopia, al fine di creare le condizioni per esercitare l’egemonia egiziana sull’intera regione a spese di entrambi. I patrioti sudanesi probabilmente già sospettavano che ci fosse qualcosa di losco in ballo, ma forse non hanno ancora capito che l’Egitto sta letteralmente tramando per pugnalarli alle spalle.

  • Thumbnail for the post titled: Il primo ministro bulgaro fa il bambinone dopo aver perso il voto di sfiducia

    Il primo ministro bulgaro fa il bambinone dopo aver perso il voto di sfiducia

    Fare il bambinone espellendo così tanti diplomatici russi dopo che i populisti lo hanno punito per le sue politiche anti-russe che hanno schiacciato l’economia del Paese, non è altro che una provocazione politica del Primo Ministro bulgaro volta ad alimentare la narrazione dei media mainstream dell’Occidente guidati dagli Stati Uniti che cercano di incolpare il Cremlino per tutto ciò che di negativo accade al giorno d’oggi.

  • Thumbnail for the post titled: Le osservazioni dell’ambasciatore russo in Pakistan su Imran Khan sono state pragmatiche

    Le osservazioni dell’ambasciatore russo in Pakistan su Imran Khan sono state pragmatiche

    In un’intervista rilasciata domenica sera, all’ambasciatore russo in Pakistan Danila Ganich è stato chiesto di esprimere il suo pensiero sull’ex Primo Ministro Imran Khan. Ha descritto il leader estromesso come “un uomo onesto che desidera il bene del suo Paese”, che secondo lui ha compiuto notevoli progressi negli ultimi anni.

  • Thumbnail for the post titled: La Francia di Macron

    La Francia di Macron

    I risultati del suo primo mandato presidenziale e i suoi piani di politica estera.
    Macron è arrivato al suo nuovo mandato con il chiaro sostegno dei leader europei. Guardando i tweet dei leader dell’UE, dal presidente della Commissione europea ai primi ministri spagnolo e portoghese, fino al cancelliere tedesco Olaf Scholz, si ha l’impressione che non solo si siano congratulati con Macron, ma che abbiano esaltato il voto di fiducia nell’Europa che hanno trovato nella sua vittoria.

  • Thumbnail for the post titled: La crisi in Iraq si aggrava

    La crisi in Iraq si aggrava

    La crisi scoppiata in seguito alle elezioni irachene ha avvicinato l’Iraq al collasso dell’intero sistema politico. Ora è chiaro perché il trio del sionismo, degli Stati Uniti e degli Emirati Arabi Uniti (i Big Three di Satana) ha attivamente truccato le elezioni.

  • Thumbnail for the post titled: Onega entra nella sua quinta corsa presidenziale

    Onega entra nella sua quinta corsa presidenziale

    Le elezioni dell’agosto 2022 in Kenya rappresentano un momento fondamentale che determinerà il futuro del Paese o rifletterà il suo passato. Leo ni leo. Inawezekana (“Oggi è il giorno. È possibile”). Questo è il testo in swahili dell’inno della campagna presidenziale di Raila Odinga. Il veterano politico keniota, 77 anni, non ha perso l’ottimismo, nonostante si sia candidato per la quinta volta, ha partecipato nel 1997, 2007, 2013 e 2017.

  • Thumbnail for the post titled: La Corea del Sud ha un nuovo presidente

    La Corea del Sud ha un nuovo presidente

    Il presidente entrante della Corea del Sud Yoon Seok-yeol è un politico esordiente che ha attirato l’attenzione dell’opinione pubblica come procuratore grazie alle sue indagini intransigenti su alcuni degli scandali di corruzione di più alto profilo del Paese.
    Sembra intenzionato a portare la decima economia mondiale in una direzione diversa di politica estera, promettendo di abbandonare anni di delicata diplomazia e di intraprendere azioni dure nei confronti della RPDC.

  • Thumbnail for the post titled: “È ora che Parigi se ne vada”: gli africani si riuniscono a migliaia contro il neocolonialismo francese

    “È ora che Parigi se ne vada”: gli africani si riuniscono a migliaia contro il neocolonialismo francese

    Sebbene l’era delle potenze coloniali sia terminata a metà del secolo scorso, la Francia non ha ancora abbandonato i suoi tentativi di sfruttare gli Stati africani. In molti dei Paesi che hanno ottenuto l’indipendenza dalla metropoli, Parigi ha schierato politici fantoccio.
    I procuratori della Quinta Repubblica hanno costantemente aiutato i loro “padroni” a soddisfare interessi predatori a scapito del bene delle popolazioni indigene del Continente Nero. Tuttavia, negli ultimi anni la situazione è cambiata radicalmente.

  • Thumbnail for the post titled: La Francia a un bivio: le elezioni parlamentari come sfida a Macron

    La Francia a un bivio: le elezioni parlamentari come sfida a Macron

    La “vittoria di Pirro” di Macron alle elezioni presidenziali rischia la sconfitta del partito del presidente alle elezioni parlamentari che si terranno il 12 e il 19 giugno. Il partito di Macron e i suoi alleati hanno bisogno di un totale di 289 seggi nella Camera bassa per ottenere la maggioranza parlamentare. Senza una maggioranza, il margine di manovra del presidente francese si riduce notevolmente e potrebbe portare a quella che la scienza politica francese chiama una situazione di “coabitazione” – una situazione in cui il presidente rappresenta un partito e il primo ministro e il governo ne rappresentano un altro.

  • Thumbnail for the post titled: Il terrore dal Balochistan: uno strumento minaccioso per interrompere l’economia sino-pakistana

    Il terrore dal Balochistan: uno strumento minaccioso per interrompere l’economia sino-pakistana

    Questa è la storia concisa di come un attentato suicida può avere il potenziale di sovvertire l’intero, continuo e complesso processo di integrazione dell’Eurasia.
    Recentemente, il Balochistan Liberation Movement (BLA) ha rilasciato un video influenzato dall’ISIS, minacciando “funzionari e installazioni cinesi” nella vasta provincia del Pakistan.