Tag: fisco

  • Thumbnail for the post titled: Manovra di bilancio in Russia, una necessità categorica

    Manovra di bilancio in Russia, una necessità categorica

    L’agitazione di Russia Unita per il bilancio federale 2023 elaborato dai liberali del Ministero delle Finanze è stata paradossale: dicono che è improbabile che le entrate in esso contenute vengano riscosse (cioè, il bilancio è consapevolmente e palesemente fittizio) e quindi (!!) dovrebbero assolutamente votarlo.

  • Thumbnail for the post titled: Mezzo pratico per pagare i debiti della pubblica amministrazione ed aumentare la liquidità senza aumentare il debito pubblico

    Mezzo pratico per pagare i debiti della pubblica amministrazione ed aumentare la liquidità senza aumentare il debito pubblico

    L’idea dei minobot era buona, ma il nome scelto -minibot- la condannava ad abortire. Ad abortire per lingua di Mario Draghi, il quale abilmente ha osservato: il minibot o è debito, e allora aumenta l’indebitamento; oppure è moneta, e allora viola l’art. 128 del TFUE, che riserva l’emissione dell’euro alla BCE, e non si può fare. Tertium non datur.

  • Thumbnail for the post titled: Il contabile eco-femminista

    Il contabile eco-femminista

    Ve lo ricorderete sicuramente dai tempi del Komsomol. Quando gli attivisti si riunivano e alcuni Jinx [iettatori] dovevano fare autoaccusa. All’improvviso, qualcuno che fino ad un momento prima consideravate un buon collega si alzava e sibilava velenosamente: “E penso che un buon ingegnere possa essere solo un ingegnere marxista!”.
    Immaginatevi lo stesso ora: deve solo essere un’eco-femminista.

  • Thumbnail for the post titled: Riforma dell’IRPEF e Parlamento “esautorato”

    Riforma dell’IRPEF e Parlamento “esautorato”

    Uno studio dell’Ufficio parlamentate di Bilancio, organo indipendente costituito nel 2014, ha analizzato l’impatto della riforma dell’IRPEF voluta dal Governo Draghi e dalla sua maggioranza, la quale guarda non ai singoli contribuenti, ma al nucleo familiare e chiarisce che il 20% delle famiglie più povere è «sostanzialmente escluso» dai benefici per effetto dell’incapienza fiscale.