Tag: fisica

  • Thumbnail for the post titled: C’è l’inverno davanti a noi

    C’è l’inverno davanti a noi

    Due giorni fa ho riacceso il televisore, giusto in tempo per sentire un paio di opinionisti molto accreditati sostenere che i russi, dopo aver passato settimane ad autobombardarsi nella centrale nucleare di Zaporizhzhia, invece di chiudere definitivamente i rubinetti del gas, si sono autosabotati il North stream 1 e 2.

  • Thumbnail for the post titled: Il cosmo come spazio della geopolitica

    Il cosmo come spazio della geopolitica

    Lo spazio è diventato un’arena di rivalità geopolitica tra tre potenze mondiali: Stati Uniti, Cina e Russia, con la Russia che interpreta il ruolo di outsider.
    All’inizio del XXI secolo, il politologo americano Everett Dolman nel suo articolo “Geostrategy in the Space Age” utilizzò per la prima volta il termine “astropolitica”, definendolo geopolitica estesa al “regno dello spazio esterno” [1]. Inoltre, E. Dolman ha definito l’astropolitica come “lo studio del rapporto tra spazio esterno, tecnologia e sviluppo della strategia politica e militare” [2].

  • Thumbnail for the post titled: Il Metaverso: una lettura luxemburghiana

    Il Metaverso: una lettura luxemburghiana

    Nel suo famoso saggio “Riforma sociale o rivoluzione?” Rosa Luxemburg affronta una questione dirimente per i tempi (anni ’10 del ‘900): può il capitalismo, attraverso alcuni strumenti quali il debito e l’azionariato, perpetuarsi senza problemi?

  • Thumbnail for the post titled: Questione di Princìpi

    Questione di Princìpi

    Nonostante si sia prossimi a festeggiare il centenario del Principio di Indeterminazione e di Incompletezza, rispettivamente dal tedesco Werner Heisenberg, 1927, e dall’austriaco Kurt Gödel, 1930, la loro potenza rivoluzionaria nella concezione della natura e della realtà non è stata sufficiente ad aggiornare l’assolutismo razionalistico, materialistico ed economico delle culture del mondo.

  • Thumbnail for the post titled: Elementare, Watson!

    Elementare, Watson!

    Ci si dà da fare con strumenti inadatti. Il razionalismo, per esempio, è un treno senza rotaie quando lo si impiega per indagare il mistero. Ma con gli strumenti idonei possiamo trovare il tassello che sempre manca alla conoscenza.