Tag: forma

  • Thumbnail for the post titled: L’uomo senza contenuto

    L’uomo senza contenuto

    Ormai inoltrati nel Terzo Millennio dell’era cristiana – l’ultimo, se prestiamo fede ai soli segni materiali- ci troviamo al cospetto dell’uomo senza contenuto, pronto ad essere trasceso, superato dall’inquietante figura del transumano, il cyberuomo ibridato, guidato dalla macchina, invaso dagli apparati artificiali. L’uomo senza contenuto è un saggio di filosofia dell’arte di Giorgio Agamben che esplora l’estetica moderna vista con il prisma dell’autoannientamento dell’arte.

  • Thumbnail for the post titled: Cinema: invito al viaggio

    Cinema: invito al viaggio

    La Storia, ovvero Colui che la governa, non cessa di inviarci dei Segni, affinché noi possiamo finalmente sollevarci dal sonno di polvere in cui siamo schiacciati. Eppure continuiamo a non avvedercene, opponendo verso di essi la più tenace forma di “resistenza psicologica”.

  • Thumbnail for the post titled: Anarchia sancita dallo Stato

    Anarchia sancita dallo Stato

    Le rivolte del 2020 sono state un vero e proprio tentativo di anarco-tirannia, dove il disordine diffuso in nome delle prerogative della Sinistra costringe la gente comune a diventare complice.
    A Washington, una città in cui tutti ostentano le proprie credenziali, l’elezione di Trump ha “spalancato le porte” a persone come Julio Rosas per ottenere un lavoro.

  • Thumbnail for the post titled: Il crepuscolo delle liberaldemocrazie

    Il crepuscolo delle liberaldemocrazie

    Nelle discussioni pubbliche sul conflitto tra Russia e Ucraina, al netto dei molti e spesso confusi argomenti che si affastellano, l’ultima linea del fronte mentale sembra correre lungo una singola contrapposizione: quella tra “democrazie” e “autocrazie”. Qualunque fatto potrà essere vero o falso, qualunque argomento potrà essere valido o invalido, ma alla fine il punto è che, grazie al cielo, da una parte ci siamo “noi”, le democrazie, e dalla parte opposta ciò che democrazia non è. Su un lato dell’abisso starebbero le “democrazie”, identificabili con le liberaldemocrazie sviluppatesi sotto l’ala statunitense (Europa occidentale, Canada, Australia, Israele, e poco altro), sull’altro starebbero “autocrazie”, o “pseudo-democrazie corrotte” (essenzialmente indistinguibili dalle autocrazie).