Tag: giornalismo

  • Thumbnail for the post titled: Decifrare le dinamiche destabilizzanti del Deep State ucraino

    Decifrare le dinamiche destabilizzanti del Deep State ucraino

    La stabilità del regime ucraino è messa alla prova come mai prima d’ora, perché le dinamiche dello “Stato profondo” non sono mai state così pericolose e destabilizzanti. Gli elementi anti-Zelensky sono probabilmente collusi con una delle fazioni dello “Stato profondo” degli Stati Uniti (anche se al momento non è chiaro quale), la sua polizia segreta è divisa in almeno due fazioni in feroce competizione e l’intelligence militare sta emergendo come un polo di potere separato in mezzo a tutto questo.

  • Thumbnail for the post titled: Complottista e pure terrapiattista!

    Complottista e pure terrapiattista!

    Quando la denigrazione allo stato puro diventa l’unico fine del giornalismo, tutto fa brodo pur di ottenere il risultato voluto. Senza nemmeno risparmiare il reale senso delle parole, il linguaggio viene allora volgarmente manomesso in modo da far sembrare ogni cosa quel che non è.

  • Thumbnail for the post titled: I migliori giornalisti sono perseguitati e disprezzati: Note dal bordo della matrice narrativa

    I migliori giornalisti sono perseguitati e disprezzati: Note dal bordo della matrice narrativa

    I migliori giornalisti occidentali sono disprezzati a dismisura, mentre i peggiori sono acclamati come milionari. La civiltà occidentale è costruita sulla menzogna, dipende dalla menzogna, è alimentata dalla menzogna. Non cercate l’approvazione diffusa. È inutile.

  • Thumbnail for the post titled: Facebook (Meta) conferma i legami con una campagna di propaganda militare statunitense

    Facebook (Meta) conferma i legami con una campagna di propaganda militare statunitense

    Nel caso non lo sapessi, le grandi aziende tecnologiche hanno collaborato con l’esercito degli Stati Uniti per controllare le narrazioni ufficiali usando la propaganda. Una di queste operazioni segrete è stata confermata da Meta, la società madre di Facebook, che stava spingendo narrazioni pro-USA e anti-Russia.

  • Thumbnail for the post titled: Il Daily Beast ha condiviso alcune valutazioni sorprendentemente accurate degli interessi cinesi

    Il Daily Beast ha condiviso alcune valutazioni sorprendentemente accurate degli interessi cinesi

    Le grandi vulnerabilità strategiche della Cina sono più acute oggi di quanto non lo siano state in qualsiasi altro momento dell’ultimo mezzo secolo, dal suo primo avvicinamento agli Stati Uniti. L’articolo del Daily Beast condivide alcune valutazioni sorprendentemente accurate al riguardo, anche se il titolo è un clickbait melodrammatico. Per quanto “politicamente scomode” possano sembrare ai sostenitori della Cina, le osservazioni di Andrew Small spiegano comunque perché la Cina stia esplorando una nuova distensione con gli Stati Uniti proprio ora.

  • Thumbnail for the post titled: Ci tengono concentrati su dicotomie esca: note dal bordo della matrix narrativa

    Ci tengono concentrati su dicotomie esca: note dal bordo della matrix narrativa

    Agli occidentali viene insegnato che i malvagi “regimi” stranieri non permettono ai loro cittadini di criticare il loro governo, mentre gli occidentali stessi vengono addestrati a non criticare mai il loro governo. Sono invece addestrati a criticare le dicotomie di facciata – false assurdità di parte – e non il vero potere.

  • Thumbnail for the post titled: Giornalisti sulla linea di tiro

    Giornalisti sulla linea di tiro

    La scorsa settimana, una cache di circa 17.000 documenti presumibilmente hackerati dall’emittente iraniana Press TV ha iniziato a fare il giro dei social media. Tra questi ci sono documenti che riportano il mio nome, la mia fototessera e la mia firma.

  • Thumbnail for the post titled: Ma guarda che caso

    Ma guarda che caso

    Biden in Giappone dichiara che nel caso la Cina allunga le mani su Taiwan gli USA interverranno militarmente. Biden sarà poi infornato che mentre lui faceva queste dichiarazioni, due formazioni di caccia, una russa e l’altra cinese, in manovra congiunta, senza violare lo spazio aereo, facevano il periplo del Giappone. In pratica un chiaro messaggio in codice di cui nessun media ci ha relazionato. Ci hanno solo riportato le dichiarazioni di inusitata durezza (contro gli USA) del primo ministro cinese Li Keqiang.

  • Thumbnail for the post titled: Lavrov, Hitler e i giornalisti in malafede

    Lavrov, Hitler e i giornalisti in malafede

    Il problema non è quel che pensa e dice Lavrov. Il problema è quello che vien fuori quando persone coltissime ed intelligenti come lui, indipendentemente dalla loro ideologia, di quel che pensano e a cui credono (e quindi anche di tutte le persone di pari intelligenza a lui avverse) si concedono al telecretinismo. Da persone colte ed intelligenti utilizzano con proprietà semantica ed etimologica alcune parole e concetti dando per scontato che chi le ascolta abbaino letto almeno un milionesimo dei libri da loro letti e sui quali hanno studiato.

  • Thumbnail for the post titled: Punti salienti dell’intervista di Lavrov con India Today

    Punti salienti dell’intervista di Lavrov con India Today

    L’intervista di Lavrov con India Today è stata particolarmente interessante perché gli osservatori hanno potuto vedere esattamente ciò che voleva sottolineare per questo enorme pubblico non occidentale. Questa interazione ha fornito uno sguardo alla politica di comunicazione strategica russa in evoluzione verso il Sud globale, che si prevede continuerà ad essere messa a punto fino alla perfezione, visto che questa enorme fascia di mondo è il vero campo di battaglia cognitivo della nuova guerra fredda.