Tag: luce

  • Thumbnail for the post titled: Paralisi europea

    Paralisi europea

    Basta dare un’occhiata ai titoli dei telegiornali della regione europea per capire che l’attuale crisi, che ha travolto decine di Paesi industrializzati e, fino a poco tempo fa, economicamente prosperi, è una realtà incipiente. E questa crisi sta per aggravarsi, con conseguenze devastanti per le economie, i cittadini, le infrastrutture e la coesione socio-politica. Nonostante gli appelli alla solidarietà dei burocrati della Commissione europea, le tendenze indicano che il sistema dei punti fermi politici è pronto a crollare in qualsiasi momento. Ed è improbabile che sia possibile tornare allo status quo.

  • Thumbnail for the post titled: Il sole dell’avvenire sorge a occidente

    Il sole dell’avvenire sorge a occidente

    Il sole dell’avvenire sorge a Occidente. Strana condizione, opposta alla realtà. Sulla terra il sole sorge a levante- da qui il nome- e tramonta a ponente. Ex Oriente lux, dicevano gli antichi, nell’ accezione naturale, religiosa e culturale. Ex Occidente lex, completavano, ammirando l’ordine e la chiarezza del diritto romano.

  • Thumbnail for the post titled: Omaggio bordelese a Darya Dugina: “Nella sua vita, Darya ha scelto la luce. L’ha ugualmente scelta nell’eternità.”

    Omaggio bordelese a Darya Dugina: “Nella sua vita, Darya ha scelto la luce. L’ha ugualmente scelta nell’eternità.”

    In seguito all’assassinio di Darya Dugina, avvenuto lo scorso 20 agosto, una quindicina di amici e compagni che l’avevano conosciuta bene durante i suoi studi a Bordeaux, si sono riuniti sabato 27 agosto per dedicare questa giornata alla sua memoria e per essere vicini alla sua famiglia nel pensiero e, per alcuni, nella preghiera.

  • Thumbnail for the post titled: Vieni, Luce vera!

    Vieni, Luce vera!

    È la grande festa della Trasfigurazione del Signore. La festa della Trasfigurazione, chiamata popolarmente festa delle mele, ha un grande significato per la struttura stessa del tempo ortodosso. Non è solo la fine dell’estate, è la dimensione spirituale più alta di quello che può essere chiamato il raccolto.

  • Thumbnail for the post titled: La Luce di Pasqua della storia russa [4/4]

    La Luce di Pasqua della storia russa [4/4]

    Cos’è l’Unione Eurasiatica? In sostanza, per come è stata formulata, è una formazione imperiale, una restaurazione dell’impero eurasiatico. Perché l’Eurasia è il territorio dove gli imperi sono sempre emersi, sotto un emblema o un altro. È dove è sorto l’impero di Gengis Khan, poi c’è stato l’impero dell’Orda. Gli imperi iraniani sono sorti lì. Tutti e quattro i grandi imperi russi sono emersi lì. E ancora una volta, l’Eurasia comincia a stringere i suoi spazi. Al di là, forse, della volontà dei popoli e delle élite, si comincia a creare uno stato eurasiatico.

  • Thumbnail for the post titled: La Luce di Pasqua della storia russa [3/4]

    La Luce di Pasqua della storia russa [3/4]

    Sullo sfondo di questa sofferenza russa, sono emerse nuove forme di nazionalismo russo, non tradizionalmente caratteristiche dei russi, ma molto acute e vivaci. Piena di gente sincera e sofferente, una pletora di nazionalisti dice che il popolo russo è stanco, il popolo russo si sta restringendo, i russi non hanno più la forza di reggere grandi spazi, una grande disgrazia si è abbattuta sui russi; dunque, basta alimentare il Caucaso, non dobbiamo nutrire il Caucaso, ma le province russe. La Russia è per i russi.

  • Thumbnail for the post titled: La Luce di Pasqua della storia russa [2/4]

    La Luce di Pasqua della storia russa [2/4]

    Quando la Russia è rimasta senza l’Ucraina e la Bielorussia, sembrava che la decomposizione stesse continuando, e il dumping dei margini non avrebbe messo fine alla storia russa. La Russia cominciò a buttare fuori il Caucaso, la regione del Volga, il Tatarstan, la Chuvashia, la Yakutia, e gli Urali, dove il governatore Rossel cominciò a stampare la propria moneta, e si parlava seriamente di una repubblica degli Urali. La Russia cominciò a scaricare la Siberia e l’Estremo Oriente, che non avevano assolutamente bisogno del centro, e tutta la massa dei territori cominciò a respirare, a muoversi, ad arrabattarsi e a disintegrarsi. Sembrava allora che la statualità russa, e con essa la civiltà russa, avesse raggiunto un’altra fine, un altro vuoto.

  • Thumbnail for the post titled: Ispirati dall’Alto

    Ispirati dall’Alto

    Una porta sbarrata non detta la via. Occorre molto di più. Il Male sembra aver conquistato la scena col suo ammaliante sorriso; è la sua ora e se la vuole godere tutta, ma non è immergendosi nelle ombre della notte che si diviene capaci di tracciare una rotta per il giorno.

  • Thumbnail for the post titled: Solo i portatori di luce possono entrare nei luoghi più oscuri

    Solo i portatori di luce possono entrare nei luoghi più oscuri

    C’è la convinzione diffusa che la battaglia in cui ci troviamo sia un’angoscia interminabile, un male non meritato che sembra peggiorare senza mai finire, e molti fanno di tutto per tentare di sfuggire alla sofferenza in cui siamo immersi. Il fatto è che questa sofferenza ci serve: è una porta di accesso al nostro vero Sé, apre un varco nella nostra coscienza e ci costringe a conoscerci in maniera più autentica e radicale; ci mette davanti i nostri valori e il nostro modo di vivere, dovendo ponderare se le due cose sono coerenti fra loro; ci impone di fare scelte, difficili, coraggiose, eroiche. Il dolore è un prediletto strumento di risveglio, ci fa penetrare anche lì dove non siamo mai stati

  • Thumbnail for the post titled: E anche quest’anno è arrivato il Natale… ma il vero Natale è ogni giorno

    E anche quest’anno è arrivato il Natale… ma il vero Natale è ogni giorno

    Anche quest’anno è arrivato il Natale… e già, come passa il tempo. Ti svegli che siamo a Luglio e ti ritrovi a Dicembre, con la città piena di luci, di festa, di gente, di bambini…. e di persone mascherate!! Quasi quasi lo stavo per dimenticare!