Tag: Moldavia

  • Thumbnail for the post titled: Dimitrie Cantemir sul destino dell’Impero Russo

    Dimitrie Cantemir sul destino dell’Impero Russo

    La fine del XVII secolo e l’inizio del XVIII secolo portarono grandi cambiamenti negli equilibri di potere nell’Europa orientale e settentrionale. In questo contesto geopolitico, paesi minori, come il Principato di Moldavia, stanno riorientando le loro relazioni diplomatiche e di politica estera, a seconda dell’evolversi degli eventi e del risultato del confronto militante tra le due grandi potenze dell’epoca, rappresentate dall’Impero Ottomano e l’Impero Russo, che era in fase di espansione.

  • Thumbnail for the post titled: Transnistria. Il meno è il più

    Transnistria. Il meno è il più

    Transnistria. Una piccola nazione che potrebbe giocare un grande ruolo negli affari dell’Europa dell’Est mentre guardiamo al futuro.

  • Thumbnail for the post titled: La guerra di liberazione continentale o la liberazione delle nazioni prigioniere

    La guerra di liberazione continentale o la liberazione delle nazioni prigioniere

    Siamo nazioni prigioniere della plutocrazia globalista, che ci ha devastato economicamente e moralmente, ci ha polverizzati politicamente e ci sta usando ciecamente contro il suo nemico strategico – la Russia. Tutta la storia degli ultimi tre decenni e qualcosa non è che una continua marcia dell’Occidente collettivo sull’area ex-comunista per colonizzarla e sfruttarla. Nel quadro dell’applicazione di questa strategia, agli occidentali non importa quale regime politico sia in Russia, né quale sia esattamente il suo leader, lo zar Nicola II, Stalin o Putin. Le aspettative geopolitiche rimangono incrollabili: la Russia deve essere distrutta. E solo dopo la distruzione finale della Russia diventa possibile esercitare un dominio assoluto su tutto il continente eurasiatico.

  • Thumbnail for the post titled: A chi potrebbero andare i territori dell’Ucraina?

    A chi potrebbero andare i territori dell’Ucraina?

    Il conflitto in Ucraina ha mostrato l’estrema debolezza dello stato con capitale a Kiev. Ottenendo l’indipendenza in confini in gran parte casuali che una volta erano solo amministrativi, questo stato, dopo due settimane di ostilità, sta crollando. Anche se i combattimenti si trascinano all’infinito, la sconfitta dell’Ucraina è inevitabile. In quest’ultimo caso, il prossimo passo è quello di riformare lo spazio politico dell’ex Ucraina.
    In questo caso, i vicini dell’Ucraina possono richiamare le loro rivendicazioni territoriali o formularne di nuove. Quasi tutti i paesi che circondano l’Ucraina hanno una tale opportunità.