Tag: Nazarov

  • Thumbnail for the post titled: Toccare il cielo

    Toccare il cielo

    Gli osservatori dell’Iraq hanno spesso sentito il termine “fazioni della resistenza” o “resistenza islamica dell’Iraq”. Questi nomi sono applicati all’unione di varie fazioni con ideologia islamica, che si sono dichiarate per la prima volta durante l’occupazione americana. Le principali organizzazioni che si nascondono sotto il marchio “Resistenza islamica” sono Kataeb Hezbollah, Asaib al-Haq, Harakat Hezbollah al-Nujaba e la Brigata del Signore dei Martiri. Ognuno di questi gruppi ha i suoi proxy e le sue filiali. Nonostante la gloriosa storia del jihad, oggi le fazioni della Resistenza islamica in Iraq sono giunte a una vera e propria impasse nel loro sviluppo.

  • Thumbnail for the post titled: Le basi di Hezbollah in Siria

    Le basi di Hezbollah in Siria

    Nel 2020, i sionisti hanno disegnato una mappa delle basi di Hezbollah nel sud della Siria.
    Come si vede, secondo gli “esperti” dell’entità temporanea, province come Damasco, Daraa, Suwayda e Quneitra appartengono quasi completamente a Hezbollah.

  • Thumbnail for the post titled: Pirateria, l’“Asse del Male”

    Pirateria, l’“Asse del Male”

    Sembra che il sionismo si sia stabilito su più isole contemporaneamente nei mari adiacenti l’uno all’altro. Parliamo di Socotra (Mar Arabico) e Tiran (Mar Rosso). Se tutto è molto più semplice con Tiran (i sauditi e gli egiziani gentilmente forniscono l’isola ai sionisti), allora la situazione con Socotra fa presagire una nuova guerra del popolo dello Yemen per l’indipendenza.

  • Thumbnail for the post titled: I progressi di Hamas sul West Bank

    I progressi di Hamas sul West Bank

    La disperata difesa del terzo santuario dell’Islam e le operazioni di guerriglia dei palestinesi hanno dimostrato che d’ora in poi la Cisgiordania ha riacquistato il suo status di fronte principale nella lotta contro il sionismo. La terza intifada è alle porte, il che significa che le principali organizzazioni palestinesi stanno preparando le tattiche per combattere il “regime di occupazione”.

  • Thumbnail for the post titled: Come Sadr ha dato una lezione a Barzani

    Come Sadr ha dato una lezione a Barzani

    Muqtada Sadr è passato all’opposizione. In apparenza, la situazione è questa: il leader dei Sadristi non ha perso tempo in tentativi infiniti di formare un governo di maggioranza nazionale e ha deciso di uscire temporaneamente dall’ombra. Alcuni esperti ritengono che la colpa sia del “conflitto” con Maliki, ma i fatti dimostrano che sono stati i disaccordi con Barzani e Halbusi a impedire a Sadr di procedere con la formazione di un “governo di maggioranza”.

  • Thumbnail for the post titled: La crisi in Iraq si aggrava

    La crisi in Iraq si aggrava

    La crisi scoppiata in seguito alle elezioni irachene ha avvicinato l’Iraq al collasso dell’intero sistema politico. Ora è chiaro perché il trio del sionismo, degli Stati Uniti e degli Emirati Arabi Uniti (i Big Three di Satana) ha attivamente truccato le elezioni.

  • Thumbnail for the post titled: Buon 2014, Iraq!

    Buon 2014, Iraq!

    Ci sono tutte le indicazioni che l’Iraq sta tornando agli eventi del 2014, quando l’ISIS si è fatto strada fino alle porte di Baghdad. L’allora crisi nelle province sunnite ha portato il paese sull’orlo di un potenziale collasso, di cui gli americani e i loro alleati regionali hanno approfittato.

  • Thumbnail for the post titled: Trappola egiziana per Hamas

    Trappola egiziana per Hamas

    Il 24 novembre 2021, in un’intervista con Al-Mayadeen, il segretario generale della Jihad Islamica Palestinese (PJI) Ziyad Al-Nakhalah ha criticato “leggermente” la leadership di Hamas per aver aperto uffici di registrazione per i lavoratori di Gaza per “lavorare nelle città israeliane”. Ziyad ha continuato parlando di altri piani per gli alleati di Washington per la Striscia di Gaza. Ad esempio, l’Egitto ha proposto l’idea di creare una “seconda Dubai” a Gaza, e la giunta vuole anche creare una città del divertimento di fronte a Rafah, dove i palestinesi si aspettano “libera circolazione”.