Tag: nazioni

  • Thumbnail for the post titled: Analisi dei primi combattimenti nella Prima Guerra Mondiale, 108 anni

    Analisi dei primi combattimenti nella Prima Guerra Mondiale, 108 anni

    Il 1914 fu un anno terribile, di gran lunga peggiore di quanto si potesse immaginare all’epoca e forse tra i peggiori della Storia dell’umanità.
    Tra la fine di luglio e l’inizio di agosto del 1914, soprattutto a Parigi, Berlino e Londra, la folla percorse le strade durante gli ultimi giorni della crisi che precedeva la Prima guerra mondiale, iniziata ufficialmente il 28 luglio 1914. Alcuni tra i marciatori intonarono canzoni patriottiche, manifestarono davanti alle ambasciate nemiche e commisero atti di violenza casuale.

  • Thumbnail for the post titled: Fukuyama: avanti fino al 1984

    Fukuyama: avanti fino al 1984

    Cosa è giusto e cosa è sbagliato nel pensiero del filosofo americano riguardo alla sua valutazione del conflitto in Ucraina come una sfida all’ordine mondiale liberale.
    Il filosofo liberale americano Francis Fukuyama ha scritto il testo “La guerra di Putin contro l’ordine liberale”. L’idea principale dell’uomo che 30 anni fa predisse che la “fine” della storia non sarebbe mai arrivata è corretta. Le azioni della Russia in Ucraina significano il rifiuto di Mosca di rispettare le regole dell’”ordine mondiale liberale”. Quest’ultima iniziò a prendere forma in parte dopo la Seconda guerra mondiale con la formazione di istituzioni come l’OMC, il FMI, la Banca Mondiale, ma raggiunse il suo trionfo dopo la fine della Guerra Fredda e il crollo dell’Unione Sovietica. Poi gli Stati Uniti sono diventati l’unico centro di potere in grado di imporre (con la coercizione e la persuasione) le proprie idee su ciò che è giusto e ciò che è sbagliato sull’intero pianeta.

  • Thumbnail for the post titled: La più lunga guerra del XXI secolo

    La più lunga guerra del XXI secolo

    Gli Stati Uniti e la Russia negoziano sulla limitazione della corsa agli armamenti, che ora è ancora più ovvia. I media centroeuropei minacciano l’opinione pubblica con lo slogan “Nuova Yalta”, promettendo allo stesso tempo l’inevitabile vittoria dell’unico sistema euro-atlantico di destra. Nel frattempo, la situazione geopolitica e geostrategica è più complessa e molto più pericolosa, non solo per l’intera Europa, essendo qualcosa di diverso dalla semplice nuova demarcazione di sfere di influenza tra i poteri.

  • Thumbnail for the post titled: Tecno-geopolitica: le tendenze globali

    Tecno-geopolitica: le tendenze globali

    Nella sua opera classica “Democratic Ideals and Reality”, Halford Mackinder ha sottolineato che lo sviluppo dell’economia di Gran Bretagna e Germania nel XIX secolo e le successive azioni dei governi di questi Paesi che hanno portato alla Prima Guerra Mondiale sono stati influenzati dalla stessa fonte – il libro di Adam Smith “The Wealth of Nations”.