Tag: Nord Stream 2

  • Thumbnail for the post titled: Guerra aperta

    Guerra aperta

    Ora che i contendenti non sono più occultabili, e così la posta in gioco – egemonia mondiale americana, sopravvivenza della Russia e suo spazio nel mondo – anche le armi finora tenute a freno potrebbero avere occasione di uscire dal cassetto e far risuonare la loro voce in campo aperto.

  • Thumbnail for the post titled: Le falsità degli Stati Uniti sulla Cina – Parte 3: la diplomazia coercitiva

    Le falsità degli Stati Uniti sulla Cina – Parte 3: la diplomazia coercitiva

    Il Ministero degli Affari Esteri della Repubblica Popolare Cinese ha pubblicato un documento dal titolo “Reality Check: Falsehoods in US Perceptions of China”, nel quale si elencano alcune falsità che la propaganda statunitense diffonde sul conto della Cina. Di seguito l’analisi della terza menzogna anticinese.

  • Thumbnail for the post titled: L’impatto della cooperazione strategica USA-UE sull’energia

    L’impatto della cooperazione strategica USA-UE sull’energia

    Ding Yifan e Shi Junqi, ricercatori dell’Istituto Taihe di Pechino, hanno pubblicato un articolo che analizza la dipendenza energetica dell’Europa ed in particolare la cooperazione energetica tra Stati Uniti e Unione Europea alla luce dei recenti avvenimenti in Ucraina. Di seguito la traduzione dell’articolo.

  • Thumbnail for the post titled: Nessuna resa o compromesso

    Nessuna resa o compromesso

    La classica strategia europea dell’Inghilterra, che le assicurò il dominio a lungo termine nel mondo, era impedire l’unificazione del continente attorno a qualsiasi forza (dal momento che la stessa Inghilterra era gravemente priva di forze per dominare l’Europa). Ogni volta che si presentava la prospettiva di una tale unione, l’Inghilterra faceva ogni sforzo per minarla – con ogni mezzo, ad ogni costo.

  • Thumbnail for the post titled: Korybko ai media argentini: Gli Stati Uniti hanno tentato la Russia perché intervenisse in Ucraina dal 2014

    Korybko ai media argentini: Gli Stati Uniti hanno tentato la Russia perché intervenisse in Ucraina dal 2014

    OneWorld pubblica la versione inglese dell’intervista che Andrew Korybko ha rilasciato a Santiago Mayor di Primera Línea, pubblicata per la prima volta sul loro sito con il titolo “EE.UU. ha tentado a Rusia para que intervenga en Ucrania desde 2014”. https://primera-linea.com.ar/2022/04/03/eeuu-rusia-militar-ucrania-desde-2014/

  • Thumbnail for the post titled: Il rifiuto del petrolio russo potrebbe provocare una catastrofe per il mercato mondiale

    Il rifiuto del petrolio russo potrebbe provocare una catastrofe per il mercato mondiale

    Il rifiuto del petrolio russo porterà a conseguenze catastrofiche per il mercato mondiale secondo quanto dichiarato dal vice primo ministro Alexander Novak. “L’aumento dei prezzi sarà imprevedibile: più di $ 300 al barile”, ha spiegato il funzionario, sottolineando inoltre che per sostituire le materie prime russe nel mercato europeo, ci vorrà più di un anno e che i consumatori pagheranno per questo.

  • Thumbnail for the post titled: Cosa sta succedendo ai prezzi dell’energia?

    Cosa sta succedendo ai prezzi dell’energia?

    L’aumento dei prezzi dell’elettricità è spesso presentato oggi come un nuovo shock dell’offerta, il che non è corretto. Per le famiglie britanniche, l’aumento dei prezzi osservato, il più alto dal 2018, significa un calo del reddito disponibile e quindi dei consumi e della domanda aggregata. È anche uno dei principali catalizzatori dell’aumento dell’inflazione, che stiamo vedendo in tutta Europa.

  • Thumbnail for the post titled: Non esistono terze vie

    Non esistono terze vie

    Le sanzioni alla Russia non solo saranno un boomerang per l’Europa (gli USA non ne patiranno, come già non ne hanno patito con quelle del 2014) ma colpiranno essenzialmente gli oligarchi russi, il vero problema (cancro) interno non risolto da Putin: e qui, c’è di più di quel che ha detto l’ambasciatore russo in Svezia: “A Putin delle sanzioni non frega niente” (testuale). Largamente previste e, come sostiene il Cremlino, già decise a prescindere.

  • Thumbnail for the post titled: Nord Stream 2: la guerra economica americana contro la Germania

    Nord Stream 2: la guerra economica americana contro la Germania

    Quando si hanno amici così, non si ha bisogno di nemici. Oltre alla Commissione europea, l’amministrazione americana in particolare si concede un’audacia dopo l’altra: mentre gli Stati Uniti continuano a comprare milioni di tonnellate di greggio direttamente dalla Russia, Joe Biden sta nello Studio Ovale davanti alla stampa mondiale riunita e annuncia che un’escalation nella crisi ucraina significherebbe la fine dell’oleodotto russo-tedesco Nord Stream 2. Il cancelliere tedesco se ne sta in disparte come uno scolaretto ben educato e rimane in silenzio.

  • Thumbnail for the post titled: Farewell to Donetsk

    Farewell to Donetsk

    Nella (probabile) onda di riflusso il vero sconfitto è l’esperienza autonoma della Repubblica di Donetsk.
    Putin si ritira (o meglio, evita di continuare a premere) perchè gli pare d’aver ottenuto due importanti passi avanti: ha stoppato in modo convincente l’iter di entrata della NATO dell’Ucraina e ha introdotto un piccolo iato tra gli europei e gli americani nelle questioni orientali.