Tag: notizie

  • Thumbnail for the post titled: Servi più realisti del re

    Servi più realisti del re

    Dopo giorni che non lo facevo, l’altro ieri sera accendo la TV per sentire un TG e vedere a che punto di sconcezza pornografica è nel frattempo giunta l’italica informazione. Capto al volo Barbara Palombelli che se ne viene fuori con un «I Russi bombardano la centrale nucleare di Zaporizia» quando da giorni pure i corrispondenti RAI più fanatici e azzerbinati nel leggere le veline di Kiev si limitano a dire semplicemente «La centrale viene bombardata» senza specificare da chi, perché ormai nessuno più può seriamente credere che i russi si auto bombardano.

  • Thumbnail for the post titled: Come i media statunitensi e alleati ingannano il pubblico affinché creda a ciò che il governo vuole che creda

    Come i media statunitensi e alleati ingannano il pubblico affinché creda a ciò che il governo vuole che creda

    di Eric Zuesse Uno dei modi principali con cui il regime statunitense e i suoi alleati (o nazioni vassalle) ingannano il pubblico è quello dei titoli falsi, che spesso non…

  • Thumbnail for the post titled: Ora basta, il limite è stato oltrepassato

    Ora basta, il limite è stato oltrepassato

    Ho fin qui praticato la tolleranza nei confronti di chi appartiene a quell’area politico-culturale-ideologica in cui io stesso mi sono originato e dalla quale, come è notorio, da anni mi sono emancipato. Un’area degenerata, incancrenita, ammalata, psicopatica, fattasi oggettivamente guardia bianca dell’imperialismo atlantista che maschera il proprio posizionamento con teorie astruse ed esilaranti.

  • Thumbnail for the post titled: La Russia, le fake news e gli analisti del mondo

    La Russia, le fake news e gli analisti del mondo

    In Russia è stata varata una legge che punisce con pena fino a 15 anni chi divulga fake news sulle operazioni militari in corso in Ucraina. Questa, per la stampa libera è un’ottima notizia. Significa che in Russia esiste una stampa non allineata al regime. Possiamo discutere se questa stampa va classificata come collaborazionista del rapace Occidente e quindi intende sobillare la popolazione contro Putin, se è stampa che intende opporsi alle menzogne del Cremlino e rivendica genuina e sana libertà di espressione. Possiamo discutere. Ma poi dobbiamo mettere sul tavolo i fatti reali.