Tag: sguardo

  • Thumbnail for the post titled: Martirio, violenza e religione (nel secondo trigesimo della morte di Darya Dugina)

    Martirio, violenza e religione (nel secondo trigesimo della morte di Darya Dugina)

    Nell’ambito di studio delle scienze religiose, alcuni indirizzi di ricerca hanno riscontrato la necessità di procedere ad una definizione differenziata del concetto di martirio, nell’ottica di una sua attualizzazione che tenesse conto di una diversa concezione dello stesso, emersa attraverso la disamina motivazionale di azioni violente perpetrate dal cosiddetto “fondamentalismo” o radicalismo religioso violento, primariamente di matrice islamica.

  • Thumbnail for the post titled: La poesia di Alexander Klimov: uno sguardo indietro di due anni

    La poesia di Alexander Klimov: uno sguardo indietro di due anni

    Due anni fa, il 26 agosto 2020, il poeta di Saratov Aleksandr Valentinovich Klimov si è spento volontariamente. Questo non vuol dire che non ci sia stata una risposta: poi è apparso un articolo su di lui nel giornale Zavtra, intitolato “Un romano sulle ceneri”, e Alexander Dedovich ha scritto una poesia in sua memoria. Tuttavia, Klimov è ancora poco conosciuto: le sue poesie sono ricordate soprattutto dai lettori di Zavtra, dai fan di Saratov e da una ristretta cerchia di ex abbonati. Solo una delle sue raccolte di poesie, “Red Faith”, ha raggiunto il livello nazionale. Ma oggi c’è motivo di parlare di nuovo della poesia di Klimov.

  • Thumbnail for the post titled: Alla vigilia dell’Eurasiatismo: un nuovo sguardo sul pensiero prerivoluzionario russo

    Alla vigilia dell’Eurasiatismo: un nuovo sguardo sul pensiero prerivoluzionario russo

    È ora disponibile la traduzione in russo della monografia di Marlene Laruelle Il mito ariano e il sogno imperiale nella Russia del XIX secolo [1]. La ricercatrice francese è nota al lettore russo per il suo imponente libro sull’eurasiatismo negli anni ’20 e ’30 [2], di cui ora è disponibile una sorta di prologo. Purtroppo il nuovo libro è molto disordinato, pieno di refusi e imprecisioni, anche nei nomi.