Tag: Syed

  • Thumbnail for the post titled: Il discorso del rabbino è un progetto per la guerra in Ucraina, la de-popolazione, i vaccini forzati, i palestinesi e gli slavi nei campi di riserva

    Il discorso del rabbino è un progetto per la guerra in Ucraina, la de-popolazione, i vaccini forzati, i palestinesi e gli slavi nei campi di riserva

    Se si dicesse che il Covid fa parte di un programma di vaccinazione forzato e non testato per limitare la popolazione mondiale o che la guerra in Ucraina è stata pianificata nel 1994 da un influente rabbino, considerato dagli ebrei di tutto il mondo come un Messia, che sosteneva: “Torneremo in questo territorio e costruiremo la Grande Khazaria – lo Stato ebraico – su queste terre fertili, nello stesso modo in cui, 50 anni fa, abbiamo creato Israele, schiacciando i palestinesi”.

  • Thumbnail for the post titled: “Ya Hussain” ha ispirato Soleimani e continua ad ispirare i gruppi di resistenza che combattono l’ISIS, Israele e le incessanti guerre degli Stati Uniti

    “Ya Hussain” ha ispirato Soleimani e continua ad ispirare i gruppi di resistenza che combattono l’ISIS, Israele e le incessanti guerre degli Stati Uniti

    I fautori dell’ordine liberale basato su regole devono aver guardato con preoccupazione le immagini di milioni di uomini sciiti che si battevano il petto cantando “Ya Hussain”, provenienti da Paesi che la NATO sta continuando a destabilizzare, come l’Iraq, l’Iran, la Siria e il Libano, Paesi visti come asse di resistenza da quelle potenze che sostengono che milioni di morti civili e di sfollati sono un piccolo prezzo da pagare per stabilire il Nuovo Ordine Mondiale.

  • Thumbnail for the post titled: La caccia di Israele all’Imam Mahdi, l’Iran e la guerra in Ucraina?

    La caccia di Israele all’Imam Mahdi, l’Iran e la guerra in Ucraina?

    Il presidente Biden ha fatto un’affermazione sbagliata su quanto “poco” sapesse dei “dettagli dell’Islam”: “Ne sapevo qualcosa, ma non sapevo che differenza ci fosse. Non sapevo cosa fosse l’Imam nascosto” e ha cambiato rapidamente argomento, sapendo che non avrebbe dovuto menzionare ad alta voce un segreto aperto.

  • Thumbnail for the post titled: Perché il Sud globale non dovrebbe sostenere  la guerra nazista dei suprematisti bianchi in Ucraina

    Perché il Sud globale non dovrebbe sostenere  la guerra nazista dei suprematisti bianchi in Ucraina

    Mentre il governo pakistano appena insediato battibecca con milioni di cittadini sul fatto che “non c’è stato alcun colpo di Stato istigato dagli Stati Uniti per sostituire Imran Khan”, il governo del Primo Ministro Sheriff ha inavvertitamente fornito la prova che Washington sta chiaramente esercitando la sua influenza sulle politiche del Paese. Il ministro delle Finanze pakistano, parlando alla CNN, ha ammesso che il governo è pronto ad acquistare petrolio russo a prezzi scontati se non ci fossero minacce di sanzioni statunitensi.

  • Thumbnail for the post titled: I patrioti “Assolutamente no” contro gli “Assolutamente sì”

    I patrioti “Assolutamente no” contro gli “Assolutamente sì”

    Dopo l’estromissione delle forze americane dall’Afghanistan, l’importanza del Pakistan per la guerra ibrida degli Stati Uniti contro la Russia e la Cina è stata evidenziata da una lettera congiunta dei capi di ventidue missioni diplomatiche che esortavano il Pakistan a sostenere una risoluzione delle Nazioni Unite per condannare l’invasione russa dell’Ucraina.

  • Thumbnail for the post titled: Il colpo di Stato contro Imran Khan, la guerra in Ucraina e la Belt and Road Initiative

    Il colpo di Stato contro Imran Khan, la guerra in Ucraina e la Belt and Road Initiative

    Si potrebbe dibattere su quale sia la correlazione tra il colpo di stato per il cambio di regime in Pakistan, la guerra in Ucraina e la Belt and Road Initiative cinese? La risposta è abbastanza semplice per quegli analisti e attenti osservatori delle manovre politiche statunitensi, come il giornalista americano Caleb Maupin che spiega la correlazione in poche righe. «I monopolisti di Wall Street vogliono smantellare il corridoio economico Cina-Pakistan e fermare lo sviluppo in tutta l’Asia centrale. Rimuovere Khan fa parte di quella strategia».

  • Thumbnail for the post titled: Gli Stati Uniti tentano di far deragliare le Olimpiadi invernali di Beijing

    Gli Stati Uniti tentano di far deragliare le Olimpiadi invernali di Beijing

    Il segno di un impero che fallisce è quando si proietta come un bastione della “democrazia e dei diritti umani” ma è privo di una bussola morale. Gli Stati Uniti, che sono stati sul piede di guerra perpetuo fin dalla loro esistenza, si preparano ora alla guerra con la Cina e la Russia. È su questo sfondo che le Olimpiadi di Pechino sono state politicizzate e armate dagli Stati Uniti e dai suoi cinque alleati, perché come ha avvertito il noto miliardario George Soros “segnerà una vittoria propagandistica” per la Cina.