Talebani dentro o fuori?

image_pdfimage_print

di Florence Gaub e Viole Fee Dreikhausen

Introduzione

La cattura di Kabul da parte dei talebani (il movimento talebano è bandito nella Federazione Russa – N.d.R.) nell’estate del 2021 sembrava prevedibile a posteriori. Analisti ed esperti, compreso l’ex leader sovietico Mikhail Gorbaciov, da allora hanno considerato il ritorno al potere dei talebani come un’inevitabilità storica. La trascrizione analitica che sembra essere alla base di tali valutazioni suggerisce che gli afgani sono troppo tribali e conservatori per accettare la democrazia e l’uguaglianza, che le strutture statali sono endemicamente corrotte e che il paese è troppo montuoso e grande per essere difeso con successo da forze straniere.

Se questa serie di ipotesi è corretta, sappiamo già cosa accadrà dopo: i talebani rimarranno. Solo che le ipotesi sono solo convinzioni non verificate. In questa recensione, miriamo ad andare oltre le ipotesi non verificate per scoprire cosa riserva il futuro per l’Afghanistan nei prossimi cinque anni e perché. Iniziamo identificando sette incertezze critiche che probabilmente determineranno la futura traiettoria di sviluppo dell’Afghanistan. Nella seconda sezione delineiamo lo scenario che determina i fattori che minacciano il potere dei talebani e nella terza sezione indichiamo le condizioni che permetterebbero ai talebani di rafforzare il loro regime. Concludiamo riflettendo sul significato di questi risultati per l’Unione Europea.

Incertezze afgane

Sebbene lo stato di incertezza sia spesso confuso con i concetti di minaccia o rischio, il termine si riferisce in realtà allo stato di non sapere con certezza. Il futuro stesso è incerto per una serie di ragioni, sia perché ci mancano i dati e i modelli giusti, sia perché ci troviamo di fronte ad attori le cui scelte non sono facili da determinare. Tuttavia, non tutte le incertezze sono uguali: mentre possiamo avere semplici livelli di incertezza, le domande diventano più complesse più opzioni ci sono e più partecipanti sono coinvolti.

Lo scopo della previsione è di ridurre tale incertezza. Tuttavia, non tutti gli strumenti di previsione funzioneranno con ogni livello di incertezza. In generale, abbiamo quattro livelli di incertezza: il livello 1 è caratterizzato dalla disponibilità di dati e dalla relativa semplicità della questione in esame (ad esempio, le proiezioni demografiche si basano solitamente sull’incertezza di livello 1).

L’incertezza di livello 2 è più complessa perché offre due o più opzioni discrete, ciascuna con risultati futuri diversi. Pertanto, mentre è possibile immaginare diversi futuri diversi con questo livello di incertezza, la gamma di possibili risultati rimane ben definita. Ciò contrasta con il Livello 3, dove ci sono troppe scelte e partecipanti, spesso correlati, per prevedere la gamma di possibili risultati.

Infine, un livello di incertezza pari a 4 descrive uno stato di cose troppo complesso o ambiguo per essere prevedibile. In questa recensione, valutiamo il futuro politico dell’Afghanistan come un livello di incertezza 3. In tal modo, identifichiamo sette incertezze critiche sulla capacità dei talebani di consolidare il proprio potere nei prossimi cinque anni.

Minaccia di ricaduta post-conflitto

In quanto stato postbellico, l’Afghanistan ha una probabilità del 51% di tornare alla violenza nei prossimi cinque anni. Questo perché, da un punto di vista strutturale, la probabilità di un conflitto non è mai superiore a quella degli Stati che sono appena usciti da un conflitto armato. Con i suoi ricorrenti cicli di conflitto dagli anni ’70, l’operazione di questa “trappola del conflitto” è chiaramente visibile in Afghanistan.

Dopo aver preso il potere nell’agosto 2021, è probabile che la feroce resistenza al regime talebano provenga da tre fonti chiave. In primo luogo, il Fronte di Resistenza Nazionale Afgano, guidato da Ahmed Massoud e Amrullah Saleh (che ora conta circa 8.000 combattenti), ha avviato una campagna di violenta resistenza contro i talebani nella primavera del 2022. In secondo luogo, lo Stato Islamico della provincia di Khorasan, ISKP (stimato in un numero compreso tra 500 e 2.000 combattenti) ha lanciato 18 attacchi da quando i talebani hanno preso il potere ed è probabile che continui la sua rivolta nonostante una relativa tregua negli ultimi anni. Infine, stanno già emergendo gruppi nuovi e/o precedentemente sconosciuti poiché ex poliziotti e militari rimangono disoccupati, aggiungendosi al pool di possibili combattenti della resistenza.

La minaccia di un’insurrezione violenta proveniente da queste tre fonti è esacerbata dalla complessa geologia e dal terreno montuoso dell’Afghanistan, che offrono vaste aree di potenziali nascondigli e limitano la capacità dei talebani di reprimere i loro oppositori.

Mezzi di guerra incerti

La guerra è anche più probabile quando attori non statali possono facilmente raccogliere fondi attraverso la vendita di materie prime come droghe, diamanti o legname. Attualmente, l’85% della fornitura mondiale di oppio proviene dall’Afghanistan e un terzo dei villaggi del paese è coinvolto nella produzione di oppio. Si prevede che il cambiamento climatico aumenterà ulteriormente tale produzione. Questo perché il papavero richiede molta meno acqua per crescere rispetto a molte colture di sussistenza, il che lo rende attraente per gli agricoltori che devono affrontare frequenti siccità in Afghanistan.

Anche se questo è abbastanza preoccupante, ci sono altre cattive notizie: poiché il mercato globale dell’eroina è saturo, ora ci sono indicazioni che la produzione di droga afgana si stia spostando verso la produzione di droghe sintetiche come le metanfetamine. Dal 2018 la produzione di questi farmaci in Afghanistan è quasi decuplicata, riflettendo una tendenza globale che interessa anche l’Europa.

Legame tra povertà e conflitto

Questa dinamica è rafforzata dal fatto che il rischio di recidiva dei conflitti è più alto negli stati a basso reddito. L’Afghanistan è il paese meno sviluppato dell’Asia e si colloca al 169° posto su 189 paesi nell’indice di sviluppo umano delle Nazioni Unite.

Con gli aiuti non umanitari all’Afghanistan, tagliati e sequestrati, da parte dell’UE e di altri donatori critici nei confronti dei talebani al potere, il Programma di sviluppo delle Nazioni Unite (UNDP) stima che il 97% della popolazione dell’Afghanistan potrebbe scendere al di sotto della soglia di povertà internazionale entro la metà del 2022. Sfortunatamente, il cambiamento climatico potrebbe esacerbare ulteriormente questa precaria situazione economica: l’80% degli afgani dipende dall’agricoltura per il proprio sostentamento, un settore che rischia di essere duramente colpito sia dalla siccità che dalle inondazioni.

Si prevede che la frequenza di tali eventi aumenterà così drammaticamente che l’Afghanistan diventerà il quinto paese più vulnerabile al mondo quando si tratta di rischio di catastrofi. Si prevede che la siccità, combinata con il rapido scioglimento delle nevi primaverili, provocherà il degrado del suolo e una significativa perdita di vegetazione, con impatti devastanti sui pastori e sugli agricoltori delle zone aride.

Fattore di stabilità

L’Afghanistan ha i mezzi per uscire da questo circolo vizioso di povertà e conflitto. Tuttavia, ciò richiederà alla sua leadership politica di garantire la stabilità interna per circa due decenni: ecco quanto tempo ci vorrà per costruire le infrastrutture necessarie per sfruttare le vaste riserve di litio in Afghanistan. Il litio è un elemento delle terre rare (REE) altamente reattivo che è un componente essenziale delle batterie ricaricabili e di altre tecnologie vitali per la transizione energetica globale. Di conseguenza, si prevede che la domanda globale di REE aumenterà del 756% entro il 2030, portando alcuni esperti a riferirsi a questo elemento come al “nuovo petrolio”.

La Cina, leader mondiale nella fornitura di litio riciclato, ha già ottenuto l’accesso ai contratti di locazione di minerali afgani (sebbene l’instabilità, la corruzione e la mancanza di infrastrutture significassero che il loro sfruttamento è rimasto limitato sotto i precedenti governi afgani) ed è stato uno dei primi paesi ad annunciare la sua volontà di svolgere un “ruolo costruttivo” nello sviluppo economico dell’Afghanistan dopo che i talebani sono saliti al potere nell’agosto 2021. Combinati con le sue operazioni minerarie in altri contesti soggetti a conflitti, questi fattori suggeriscono che, dato un livello di stabilità praticabile, Pechino potrebbe essere incline a considerare gli investimenti necessari per continuare a sviluppare i giacimenti di minerali e terre rare dell’Afghanistan.

Raggiungere un accordo interno

L’incertezza è anche legata al fatto che negli ultimi 15 anni il sostegno popolare ai talebani è diminuito notevolmente. Questo cambiamento di sentimento può essere spiegato dal fatto che, a differenza del 1996, i talebani non sono più visti come una forza per ristabilire l’ordine in un Afghanistan diviso e dilaniato dai conflitti: oggi sono visti come responsabili del caos e dell’instabilità circostanti. Nei tre anni precedenti la caduta di Kabul, tra gli 8.800 ei 10.000 civili sono stati uccisi o feriti ogni anno. I talebani sono stati i principali autori di queste violenze, ed hanno subito più vittime di qualsiasi altra parte in conflitto.

Inoltre, il sostegno afgano alla democrazia e ai diritti delle donne è costantemente aumentato nel tempo. Non è inoltre chiaro se la leadership talebana, che include molte delle stesse figure che avevano durante il suo governo negli anni ’90, possa entrare in contatto con un elettorato molto più ampio e giovane. La popolazione dell’Afghanistan è più che raddoppiata dal 1996 e si prevede che continuerà a crescere fino a raggiungere i 43 milioni entro il 2025. Due terzi della popolazione non hanno memoria della prima volta al potere dei talebani.

La questione della coesione di regime

Mentre la coesione interna dei talebani sarà fondamentale per il consolidamento del regime, le realtà del governo – a differenza del periodo dell’insurrezione – metteranno alla prova l’unità del gruppo. Le differenze corrono lungo diverse linee: concessioni di condivisione del potere contro gli intransigenti, pashtun contro non pashtun, giovani contro anziani.

Anche le sfide della governance nelle circostanze attuali sono varie: l’Afghanistan ha perso il 75% del suo budget perché proveniva da donatori stranieri e i beni all’estero sono ancora congelati. Anche se le tensioni interne non porteranno alla distruzione dell’unità del gruppo, complicheranno almeno il gigantesco compito di gestire uno stato afgano instabile, minando così ulteriormente la legittimità interna dei talebani e rafforzando le pretese dei loro rivali.

Supporto internazionale inaffidabile

Infine, il governo dei talebani dipenderà in ultima analisi dal sostegno che il gruppo può ottenere dai partner internazionali, in particolare dal Pakistan e dall’Iran. L’Iran ha espresso preoccupazione per gli attacchi dell’ISIS alla minoranza sciita dell’Afghanistan e per una potenziale rivolta salafita-jihadista, spingendo la mediazione dei negoziati tra i talebani e i loro oppositori dall’Iran e dal Pakistan. Entrambe le parti dovrebbero mediare l’influenza sul regime, che a sua volta potrebbe fornire una certa stabilità e quindi incoraggiare gli investimenti, ad esempio dalla Cina.

Finora, la Cina è stata preoccupata per l’addestramento di gruppi estremisti in Afghanistan e per le molestie al suo personale e alle sue missioni in Pakistan, come è successo ripetutamente negli ultimi anni. Ridurre questa minaccia aprirebbe la porta al rafforzamento delle relazioni con Pechino. Sebbene la Russia nutra preoccupazioni simili per i gruppi estremisti nel Caucaso settentrionale, è improbabile che diventi presto un partner prezioso per Kabul a causa del suo isolamento e della sua concentrazione sull’Ucraina.

La somma di queste incertezze critiche significa che siamo a un punto in cui non ci sono risultati futuri evidenti. In queste condizioni, gli scenari sono strumenti utili per comprendere le interrelazioni delle diverse direzioni di incertezza, identificare possibili effetti di spillover e guidare le decisioni politiche.

Sebbene le considerazioni di tempo e spazio ci portino a proporre due scenari, non devono essere scambiati per una scelta binaria di possibilità future. Gli scenari non servono a prevedere il futuro, ma a identificare le interdipendenze e le possibili conseguenze di scelte critiche. Di conseguenza, i due scenari di seguito delineati mirano a migliorare la politica individuando i poli estremi delle opportunità future.

In effetti, ci aspettiamo che le incertezze critiche delineate nell’analisi precedente portino a un risultato più sottile di quanto suggerirebbe qualsiasi scenario. Nel formulare questi scenari, ci chiediamo: quali condizioni permetteranno al regime talebano di sopravvivere nei prossimi cinque anni, e a quali condizioni perderanno il loro potere? Conduciamo analisi basate sulle tendenze più recenti che determinano la probabilità prevista per lo sviluppo di ogni scenario. È interessante notare che sono un riflesso della nostra valutazione qualitativa e non il risultato di calcoli matematici.

Scenario 1: Riavvio della Guerra Civile (Probabilità: 70%)

In questo scenario, i talebani perseguono una strategia coercitiva e intransigente per cui non fanno concessioni sul fronte ideologico. Sebbene un tale approccio fornirebbe coesione interna ai talebani, comporta diverse sfide, in particolare la sicurezza: se non riescono a mantenere l’ordine pubblico e a risolvere i conflitti, i talebani non saranno in grado di stabilizzare l’economia e di costruire relazioni critiche con i loro partner geostrategici.

Poiché è probabile che i talebani affrontino la resistenza popolare dato il loro estremismo ideologico, dovranno ricorrere a una massiccia espansione del loro apparato di sicurezza per garantire la resilienza. Un simile approccio comporterebbe una serie di problemi: in termini di manodopera necessaria, il controllo del territorio è molto più intenso della conquista territoriale.

Sebbene si stima che oggi i talebani abbiano 75.000 combattenti, dovranno espandere le loro forze a circa 195.000 per raggiungere ciò che è generalmente considerato sufficiente per proteggere un paese con una popolazione pari all’Afghanistan. Una tale espansione delle loro forze armate richiederebbe ai talebani di riunire ex polizia e personale militare, il che causerebbe un danno significativo al bilancio, appena tagliato del 50%.

Anche in questo caso, sorgerà la questione dell’ideologia, poiché i talebani dovranno accettare il ritorno degli ufficiali che hanno lavorato per il precedente governo e quindi hanno combattuto attivamente per reprimere i talebani fino all’acquisizione nell’agosto 2021. Sebbene si possa presumere che in questa fase della crisi umanitaria in costante peggioramento dell’Afghanistan, le entrate contano più del costo per la maggior parte degli ufficiali e delle truppe, la questione dei casellari giudiziari rimane un ostacolo, poiché mina non solo l’ordine formale ma anche la coesione più in generale.

Inoltre, espandere l’apparato di sicurezza dei talebani è davvero un’opzione solo se può ottenere un rapido accesso al sostegno finanziario. Questo perché il regime non ha alternative praticabili quando si tratta di generare reddito: saturare il mercato internazionale dell’oppio con un aumento della coltivazione e della produzione di papavero, una delle principali fonti di reddito dei talebani negli ultimi due decenni, non porterà a un forte aumento del loro reddito. Poiché l’Afghanistan non dispone delle infrastrutture minerarie e di trasporto necessarie per trasformare le sue vaste risorse naturali in un vantaggio economico, anche minerali importanti come il litio o il rame non appariranno come una fonte di reddito nel prossimo futuro.

Pertanto, in questo scenario, assumiamo che i talebani non saranno in grado di aumentare il loro apparato di sicurezza alle dimensioni o al ritmo necessari per mantenere un livello di sicurezza soddisfacente. È probabile che tale mancanza porti a un’insurrezione e all’aumento di gruppi estremisti che prendono di mira sia la popolazione afgana che i lavoratori cinesi e le rappresentanze in Pakistan. Potrebbe anche portare a un aumento del numero di organizzazioni estremiste che prendono di mira la Russia o l’Europa. Questo, a sua volta, danneggerà le relazioni con Iran, Pakistan, Cina e Russia, minerà gli investimenti cinesi e quindi negherà l’accesso ai potenziali guadagni delle esportazioni di REE.

Pertanto, il regime talebano si troverà in una posizione difficile finanziariamente ed economicamente. Inoltre, non saranno preparati ad affrontare disastri naturali come siccità e inondazioni, che si prevede aumenteranno in modo significativo nel prossimo decennio a causa del cambiamento climatico. Questo, a sua volta, potrebbe spingere più afgani a emigrare.

In questo scenario, l’Afghanistan vedrà di conseguenza un graduale scivolamento nello stato di guerra civile che il paese ha vissuto negli anni ’90, quando i talebani controllavano circa due terzi del territorio afgano. Fu in queste condizioni che vi trovò rifugio Al-Qaeda (bandita nella Federazione Russa – N.d.R.). Le cose sono diverse negli anni 2020: ISKP e altri non opereranno dall’Afghanistan con il permesso del governo, ma tali gruppi opereranno comunque dall’Afghanistan.

Scenario 2: Stabilità tanto attesa (probabilità: 30%)

Un percorso più economico e sostenibile per il consolidamento del regime comincerebbe con le concessioni ideologiche ai talebani. Ciò inizierà con il regime che farà accordi politici con avversari come il Fronte di resistenza nazionale e si sposterà gradualmente verso una struttura politica inclusiva che includa rappresentanti di un ampio spettro della società afgana. Ciò richiederà ai talebani di allentare le restrizioni sul ruolo delle donne nella vita pubblica. Anche se questo percorso non risolverà tutti i problemi del regime, ridurrà significativamente l’opposizione popolare al governo talebano.

Pertanto, i talebani avranno l’opportunità di concentrarsi su gruppi estremisti che rischiano non solo di sfidare il loro governo, ma anche di minare le loro relazioni con Cina, Iran, Russia ed Europa. In questo scenario, è probabile che l’opposizione dei gruppi estremisti si intensifichi ancora di più perché il regime sarà visto come un avversario ideologico ancora più grande. Gruppi estremisti come l’ISKP vedono già il regime talebano come nazionalista e quindi contrario alla loro agenda panislamica.

Le concessioni sul fronte ideologico rafforzeranno una narrazione che dipinge i talebani come privi di impegno per la creazione di uno stato basato sui principi islamici. Spingerà anche le fazioni talebane più radicali, che rimangono intransigenti e si oppongono ai compromessi necessari, verso l’ISKP o entità completamente nuove con una visione politica radicale.

Un fattore che potrebbe indebolire ulteriormente i talebani è la più ampia internazionalizzazione dell’ISKP, che attira combattenti dello Stato Islamico (IS) da altri campi di battaglia. I primi segnali di movimento di combattenti dalla Siria e dall’Iraq all’Afghanistan sono già visibili e la nomina di un comandante siriano o iracheno anziché afgano come comandante è un’ulteriore prova di questa tendenza.

La mancanza di cooperazione di intelligence con i partner internazionali, come avviene attualmente, significa che sarà ancora più facile per tali elementi estremisti infiltrarsi in Afghanistan. Il percepito indebolimento della Russia in Siria potrebbe sostenere gruppi come Tahrir al-Sham (bandito nella Federazione Russa – N.d.R.) e, di conseguenza, gruppi che la pensano allo stesso modo altrove.

In queste circostanze, l’ISIS ha la possibilità di replicare la frequenza degli attacchi al livello del 2018, quando era quasi uguale ai talebani. Sotto il suo nuovo comandante, Sanaullah Ghafari (noto anche come Shahab al-Muhajir), è probabile che la violenza si sposti dalla campagna terroristica dei talebani in gran parte rurale che utilizza ordigni esplosivi improvvisati (IED) a un conflitto identitario settario contro individui ufficiali, missioni straniere e minoranze come i musulmani sciiti del paese. Ghafari ha altre competenze che non fanno ben sperare per i talebani: l’esperienza nella produzione di droghe sintetiche come fonte di reddito.

Poiché l’Afghanistan sta già mostrando segni di passaggio dalla produzione di papavero da oppio alla produzione di droghe sintetiche, il GPCI potrebbe trarre vantaggio dalla domanda globale di sostanze come le metanfetamine per finanziare la sua rinascita. Tuttavia, in questo scenario, i talebani dovranno affrontare un’insurrezione più piccola rispetto allo scenario del riavvio di una guerra civile, il che significa che il loro bisogno di più personale di sicurezza sarà meno acuto e quindi i loro bisogni finanziari saranno meno urgenti.

Dato un approccio meno rigoroso all’ideologia, ciò potrebbe anche riaprire l’accesso ai finanziamenti di donatori internazionali come l’UE e attrarre investitori. Ma i talebani devono mantenere un discreto grado di stabilità prima che la Cina tenti di espandere i suoi diritti minerari di litio o di collegare l’Afghanistan al corridoio economico Cina-Pakistan (CPEC), una propaggine della Belt and Road Initiative (BRI) attraverso la quale Pechino ha investito miliardi nello sviluppo delle infrastrutture in Pakistan. Un modo per tenere sotto controllo l’ISIS è garantire che i funzionari della sicurezza afgana guadagnino stipendi abbastanza alti da non essere tentati di impegnarsi in connessioni alternative.

Oltre a dare priorità al riscatto finanziario e alla lealtà, i talebani dovranno garantire che i tecnocrati in grado di mantenere la fornitura dei servizi rimangano nel paese. Sebbene la sospensione degli aiuti significhi che i dipendenti pubblici afgani non sono stati pagati per mesi, i talebani dovranno dare la priorità a una combinazione di creazione di una struttura politica più inclusiva con la fornitura di beni pubblici al fine di ottenere l’accettazione, se non il sostegno diffuso, del pubblico afgano.

Questa legittimità basata sui risultati (intesa insieme alla fornitura di servizi pubblici), piuttosto che il ricorso alla coercizione e all’ideologia, alla fine aprirà la strada a una forma più credibile di consolidamento del regime. Ma come mostra l’analisi precedente, questo scenario del “caso migliore” non è affatto un’opzione facile per il regime talebano.

Cosa significa questo per l’UE?

La nostra analisi mostra che è molto probabile che l’Afghanistan ricada in un conflitto e che questo percorso non è inevitabile. Riteniamo infatti che il rispetto dei parametri di riferimento dell’UE possa offrire ai talebani le maggiori possibilità di stabilità del regime e, in definitiva, migliorare le condizioni di vita della popolazione afgana.

Consiglio dell’Unione Europea: Linee guida per la politica e l’azione per il futuro impegno con i Talebani. Nel settembre 2021 l’UE ha individuato cinque parametri di riferimento come criteri per il suo impegno con il governo talebano. Prevedono che i talebani: (I) consentano l’uscita sicura, protetta e ordinata di tutti gli stranieri e gli afgani che desiderano lasciare il paese; (II) promuovere, proteggere e rispettare i diritti umani, in particolare delle donne e delle minoranze, lo stato di diritto e le libertà fondamentali; (III) fornire libero accesso alle operazioni umanitarie (compreso il personale femminile) in conformità con il diritto internazionale umanitario; (IV) impedire il finanziamento, l’organizzazione o il sostegno di attività terroristiche all’interno dell’Afghanistan e tagliare tutti i legami con il terrorismo internazionale; e (V) infine, istituire un governo inclusivo e rappresentativo attraverso la negoziazione.

Ma i segnali attuali, come i nulla osta di sicurezza e la caccia agli individui contrari al governo talebano, suggeriscono che il regime è su un percorso ideologico per reprimere la criminalità, i conflitti e la corruzione. Date queste dinamiche, l’UE si trova essenzialmente ad affrontare un “problema insidioso” in Afghanistan: sebbene il suo approccio possa essere alla fine vendicato dall’aperta opposizione della popolazione afgana al regime dei talebani, ciò avrà un costo umano enorme. Significherà anche che l’Afghanistan diventerà una forza destabilizzante nell’esteso vicinato orientale dell’UE, compresa l’Asia Centrale, una fonte di importanti migrazioni verso l’Europa e un terreno fertile per i gruppi estremisti. Data questa prospettiva, creare le condizioni che mettano l’Afghanistan sulla strada della stabilità relativa è una priorità internazionale, ma che alla fine dipende dalla volontà del regime talebano di fare concessioni.

In connessione con questa analisi, proponiamo le seguenti considerazioni politiche:

Sostenere gli sforzi di mediazione di Iran e Pakistan: entrambi gli stati hanno cercato di promuovere un accordo di pace tra i talebani ei loro avversari afgani, anche se finora senza successo. Tuttavia, il fatto che questi attori regionali chiave abbiano tentato di mediare indica che Iran e Pakistan condividono l’opinione che le possibilità di stabilità, una priorità regionale chiave, saranno maggiori se sarà in vigore un governo afgano inclusivo.

Fornire sostegno politico ai leader dell’opposizione afgana: la legittimità dei leader dell’opposizione afgana negli sforzi di mediazione potrebbe essere rafforzata se l’UE offre una qualche forma di sostegno internazionale a questi attori e cerca di convincere tutte le parti dei vantaggi di un approccio inclusivo. Ciò richiederà all’UE di assumere una posizione proattiva nel sostenere i rappresentanti afgani disposti a impegnarsi in negoziati con i talebani, segnalando così un impegno indiretto con i talebani.

Garantire il monitoraggio della situazione della sicurezza in Afghanistan per rilevare tempestivamente l’escalation: dato che la lotta al terrorismo è una delle principali priorità politiche e di sicurezza in Afghanistan, l’UE dovrebbe prestare molta attenzione al movimento dei “combattenti stranieri” europei dai campi di battaglia in Siria e Iraq fino all’Afghanistan. Tale migrazione è un probabile indicatore dell’ascesa e dell’espansione dell’ISKP, che è di grande importanza per la capacità dei talebani di ristabilire l’ordine e sedare il conflitto in Afghanistan.

Garantire il controllo del mercato delle metanfetamine: l’aumento della produzione e della vendita di metanfetamine in Afghanistan dovrebbe essere attentamente monitorato e trattato come un segnale di allerta precoce per l’espansione di gruppi come IGPC. L’aumento dei tassi di produzione di sostanze come la metanfetamina cristallina indica un’espansione della principale fonte di reddito per un certo numero di gruppi estremisti che operano in Afghanistan, indicando una maggiore probabilità di conflitto.

Prepararsi a una maggiore migrazione verso l’Europa di richiedenti asilo dall’Afghanistan: gli afgani costituiscono già uno dei più grandi gruppi di rifugiati al mondo, con 2,6 milioni di persone che vivono fuori dal proprio paese di origine. Oggi, la maggior parte delle domande di asilo nell’UE sono presentate da cittadini afgani. Sia il Pakistan che l’Iran, i due vicini più prossimi dell’Afghanistan, hanno già accolto milioni di rifugiati afgani ed è improbabile che accolgano una nuova ondata di migranti. Poiché la crisi umanitaria e politica continua a peggiorare, è probabile che più afgani lascino le loro case. Prepararsi a un aumento della migrazione consentirà inoltre all’UE di impedire che i rifugiati afgani vengano utilizzati come merce di scambio politica dalle potenze regionali rivali.

Traduzione a cura di Alessandro Napoli

Foto: Idee&Azione

22 aprile 2022