Tecnocrazia sovrana

image_pdfimage_print

di Aleksandr Dugin

Stiamo proiettando vecchi atteggiamenti e percezioni sulle nuove condizioni della Russia. L’impressione è che stiamo ancora applicando i criteri di una battaglia disperata tra due campi – i traditori liberali trattenuti (sesta colonna) e i patrioti disperatamente trattenuti, sui quali il governo avrebbe dovuto logicamente contare, ma che rimangono ancora chiusi in un recinto o in cantina. Si ha talvolta l’impressione che i due campi siano bloccati in un combattimento mortale – e questo nonostante il lancio di un’operazione militare speciale.

Ma questa operazione, per il fatto stesso del suo inizio, ha abolito del tutto la piattaforma dei liberali in Russia (sia il 5°, nel suo insieme, è fuggito, sia il 6°, nel suo insieme, rimanendo colonna). La Russia stessa è stata scollegata dall’Occidente dalla rete globale di cui la sesta colonna era parte integrante.

Tuttavia, si ha l’impressione che i liberali sognino la vendetta e si difendano (per di più al contrattacco) disperatamente come i nazisti di Azov a Mariupol, vietati in Russia.

La reazione sia in Russia che soprattutto in Novorossiya, tra i civili, i volontari e anche le truppe regolari coinvolte nell’operazione speciale, ai gesti e alle parole di Medinsky e Abramovich a Istanbul è una valanga di indignazione, sconcerto e orrore. Kadyrov, che si trova oggi nel ruolo di speaker del mondo russo, lo ha espresso onestamente e apertamente. Ma questa reazione abbastanza logica, che le autorità avranno sicuramente notato e che nelle circostanze delle operazioni militari e dei primi attacchi del nemico sul nostro territorio (i bombardamenti a Belgorod e così via) avrebbe dovuto provocare un giustificato allarme, ancora non si adegua alla logica degli eventi.

Una volta lanciata un’operazione militare speciale, Mosca semplicemente non ha altra opzione che sconfiggere completamente il nemico e attuare i suoi obiettivi dichiarati, ovvero la totale smilitarizzazione e denazificazione dell’Ucraina. Anche tutta la Novorossiya non è sufficiente per questo, figuriamoci il Donbass.

Kiev non accetterà mai nulla di ciò di cui abbiamo veramente bisogno, e anche se finge di essere d’accordo, non rispetterà mai gli accordi, e Putin lo capisce meglio di chiunque altro. Lanciando un’operazione speciale ha già commesso l’irreversibile.

Ecco perché la battaglia tra la sesta colonna e i patrioti, apparentemente feroce, è in realtà un fantasma virtuale, uno spettro di pace fino al 22 febbraio 2022.

Oggi sono entrati in vigore altri criteri: non è un fatto che tutti i patrioti siano efficaci nelle condizioni prevalenti, né è un fatto che tutti i membri dell’élite al potere siano portatori di puro sabotaggio.

Definirei il nuovo criterio di adeguatezza come “tecnocrazia sovrana”. Nelle condizioni estreme in cui la Russia si è irreversibilmente trovata, l’unica cosa che conta è l’efficienza.

L’efficacia nell’attuazione dell’obiettivo stabilito significa solo una cosa – contribuire attivamente ed efficacemente alla Vittoria. Non è importante quali siano le opinioni ideologiche e il background della persona che è efficace nel raggiungere la vittoria. Se il patriota è incapace di fare qualcosa e si limita a brontolare e criticare per inerzia, non è necessario. Se il “liberale” di ieri è utile al paese, all’esercito e al popolo, è degno di sostegno e di fiducia. La valutazione è ora fondamentalmente diversa.

La tecnocrazia sovrana è la modalità attualmente predominante e introduce un nuovo criterio: l’efficacia del lavoro per la nostra vittoria.

Non vale la pena trascinare i vecchi argomenti ideologici nel nuovo ambiente. Se i liberali, i patrioti o gli uomini di sinistra non risparmiano nessuno sforzo e nessuna vita per la nostra vittoria comune, allora siamo tutti uno. In generale, in condizioni così radicali dovremmo introdurre una moratoria sulle controversie ideologiche interne, dobbiamo introdurre un “codice di vittoria” che dice, ad esempio, «non sparare alla tua gente» [N.d.T. è un chiaro riferimento alla strage di Odessa del 2014]. E avendo capito che gli addetti ai lavori sono coloro che sostengono pienamente il presidente, il paese e l’operazione Z, e nessun altro, allora dovremmo essere guidati solo da una cosa: come le parole si correlano ai fatti, quanto ciascuno di noi è stato utile alla Patria nel momento critico.

Oggi, tale approccio è il prezzo della vita e della morte. Naturalmente, gli oppositori dell’operazione Z tra i liberali sono traditori, non c’è dubbio su questo, dato che stanno dalla parte del nemico e ciò non è in discussione ed è la cosa più chiara di tutte. Tuttavia, possiamo vedere che le critiche provengono sia dalla sinistra che dai patrioti. Nonostante il ragionamento dietro alcune tesi – sì, vorremmo tutti che l’impegno bellico fosse più veloce e più facile, ma un’operazione speciale è un’operazione speciale – i patrioti e la sinistra attraversano troppo spesso la linea del tabù nel criticare le autorità. A volte, i liberali che si sono schierati dalla parte della sovranità cercano di regolare i conti con i loro avversari di ieri.

Tutti per il fronte, tutti per la vittoria, questo dovrebbe essere il messaggio unitario. E da qui la continuazione logica: cosa hai fatto, tu, per questo? Ciò è più importante degli “errori” del potere. Il Codice del Samurai afferma: «quel signore è buono se un buon samurai lo serve bene», e che il buon servizio stesso rende buono il signore, non il contrario. Questa è la “tecnocrazia sovrana”: fate quello che potete per la Grande Russia, per la nostra Madrepatria in un momento difficile, e voi – proprio voi – sarete la goccia che sposta l’equilibrio verso la Vittoria

Due cose si oppongono a questo principio: le dispute ideologiche all’interno e la sfiducia, e a volte la critica, del Supremo. Entrambe le linee, rimaste dall’era pre-Operazione Z, oggi equivalgono effettivamente a un sabotaggio. Questo non è un buon momento per una lotta di potere, qualsiasi accenno in circostanze così critiche potrebbe facilmente portare a niente per cui lottare. La conservazione e il consolidamento della sovranità dipendono solo dalla Vittoria, e dalla nostra unità. Questo è il motivo per cui lo slogan “lavorare, fratelli” è meglio compreso. Fratelli, non carrieristi amareggiati e critici assillanti.

Traduzione a cura di Lorenzo Maria Pacini

Foto: Idee&Azione

1° aprile 2022