Tecnologie di chiusura, la chiave d’oro del futuro

image_pdfimage_print

di Mikhail Delyagin

L’essenza della crisi economica globale è semplice: il capitalismo, che esiste attraverso l’espansione dei mercati, ha finalmente creato un mercato globale, cioè onnicomprensivo, ed è stato ostacolato dai suoi limiti fondamentali.

Non c’è nessun posto dove espandere il mercato globale (soprattutto perché non è il denaro a diventare la valuta principale, ma l’attenzione delle persone, che per definizione non può essere emessa).

Questa limitazione ha già messo fine al tradizionale progresso tecnologico, basato sull’aumento della complessità e del costo della tecnologia nell’interesse dei maggiori monopoli.

La scoperta di nuovi principi tecnologici è quasi cessata, continua solo la commercializzazione delle vecchie scoperte. Dopo tutto, il progresso tecnologico tradizionale è impossibile senza l’espansione del mercato, che crea lo spazio per una più profonda divisione del lavoro.

Avendo perso l’opportunità di espandere il mercato, il capitalismo ha perso l’opportunità di un progresso tecnologico generatore di reddito e rimane sospeso nel vuoto.

Oltre al progresso tecnologico, il raggiungimento del limite dell’espansione del mercato globale ha minato anche la concorrenza: i monopoli stabiliti nel mercato globale hanno iniziato a ristagnare.

La stagnazione dei monopoli si manifesta nella contrazione della domanda commerciale, rendendo questa domanda il principale deficit dell’epoca e generando una lotta disperata per ottenerla – principalmente attraverso il protezionismo. Dopo l’aggravarsi della crisi globale alla fine del 2008 e all’inizio del 2009, la Russia è stata l’unico Paese del G20 a non aumentare la protezione protezionistica della propria economia – per cinque lunghi anni, fino a quando non siamo stati colpiti dalle sanzioni.

L’aumento del protezionismo significa che quasi tutti i mercati globali si stanno frammentando in mercati macroregionali. Questo sta già portando alla rottura di una serie di catene tecnologiche e al collasso dell’umanità in una depressione globale.

La minaccia principale, insieme al crollo dei mercati speculativi indotto dai consumi, è la perdita di alcune tecnologie familiari che diventeranno troppo complesse e costose per le macroregioni. Le macroregioni semplicemente non avranno il numero di consumatori necessario non solo per lo sviluppo, ma anche per il semplice mantenimento.

E se possiamo fare a meno degli aerei a lungo raggio, fermare lo sviluppo degli antibiotici, ad esempio, in meno di un decennio ci riporterà al Medioevo, quando ogni graffio poteva essere fatale.

La via d’uscita è rappresentata da tecnologie semplici e a basso costo, sviluppate al di fuori della logica monopolistica dei costi gonfiati, in primo luogo all’interno dell'”industria della difesa” sovietica – l’unico luogo al mondo in cui sono state stanziate enormi somme di denaro per la ricerca senza la promessa di risultati. Alcuni non si basavano su strumenti materiali ma su campi elettromagnetici e vibrazioni di diverse frequenze, mentre altri si basavano sulla mobilitazione delle capacità latenti del corpo.

La loro supercapacità li ha resi in grado di “chiudere” intere industrie – e quindi inaccettabili non solo per i monopoli tradizionali, ma anche per gli Stati interessati alla stabilità sociale. Sono sopravvissuti e si stanno sviluppando “nei pori” degli organismi sociali – e la caduta della monopolizzazione, il crollo del modello tradizionale di progresso tecnologico e la distruzione della protezione sociale abituale nella Depressione Globale permetteranno loro di diventare la base di un nuovo modo di sviluppo umano, la base tecnologica di una nuova formazione socio-economica – tecnosocialismo o nuovo comunismo.

In questo campo la Russia ha enormi opportunità: queste tecnologie non solo sono state sviluppate, ma sono state conservate principalmente qui, non solo per ragioni storiche, ma anche perché corrispondono alle specificità della cultura russa, proprio come le scienze ingegneristiche tradizionali corrispondono alle specificità della vecchia cultura tedesca (già uccisa).

Stiamo entrando in una nuova era che ci offre enormi vantaggi competitivi e dobbiamo capire cosa sta succedendo per non perdere questi vantaggi, come è successo tante volte in passato.

Traduzione a cura della Redazione

Foto: Katehon.com

27 dicembre 2022

Seguici sui nostri canali
Telegram 
Facebook 
YouTube