1

Think tank della NATO

di Redazione di Katehon

Il Consiglio Atlantico (Atlantic Council) è un think tank americano nel campo delle relazioni internazionali fondato nel 1961. Gestisce dieci centri regionali e programmi funzionali legati alla sicurezza internazionale e alla prosperità economica globale. È un’organizzazione indesiderata in Russia.

Negli anni successivi alla firma del Trattato del Nord Atlantico nel 1949, nei Paesi membri dell’Alleanza del Nord Atlantico (NATO) sono sorte organizzazioni volontarie per promuovere la cosiddetta comprensione pubblica e sostenere le istituzioni che avrebbero rafforzato la sicurezza collettiva. Nel 1954 è stata creata l’Associazione del Trattato Atlantico e una rete internazionale di associazioni di cittadini è stata formalmente collegata.

Nel 1961, gli ex Segretari di Stato Dean Acheson e Christian Herter, insieme a Will Clayton, William Foster e Theodore Achilles, raccomandarono la creazione di una nuova entità, il Consiglio Atlantico degli Stati Uniti, che avrebbe riunito i cittadini statunitensi che sostenevano l’Alleanza Atlantica.

Per tutti gli anni Sessanta, il Consiglio ha prodotto una serie di rapporti sull’opinione pubblica dei Paesi membri dell’Alleanza Nord Atlantica e ha promosso attivamente la necessità di una partecipazione pubblica agli affari internazionali attraverso spot televisivi, una rivista accademica e una newsletter. Nel 1967 il Consiglio ha prodotto il suo primo volume curato, Building the US-European Market: Planning for the 1970s. Nel 1975 il Consiglio ha prodotto numerosi documenti politici, libri e monografie e in seguito ha ampliato la portata del suo lavoro per includere la regolamentazione ambientale e le relazioni tra Giappone e Occidente.

Nel 1979 il vicepresidente del Consiglio Atlantico, Theodore Achilles, ha istituito un Comitato per l’istruzione. Lo ha spiegato così: voleva che “i futuri politici sentissero la solidarietà che è semplicemente necessaria tra persone con la coscienza pulita se vogliono costruire un mondo migliore”.

Nel 1980, il Consiglio ha iniziato a reclutare professionisti di medio livello attraverso una borsa di studio di un anno. Questa iniziativa era necessaria per offrire a funzionari governativi, ricercatori, rappresentanti dei media e altri leader del settore privato di tutto il mondo un anno di studio indipendente. Nel 1985 è stato avviato l’Ufficio informazioni della NATO, in collaborazione con il Dipartimento di Stato americano. Il suo compito principale era quello di concentrare l’attenzione del pubblico su questioni importanti per la sicurezza collettiva degli Stati Uniti.

Nel 1988, il Consiglio ha organizzato una grande conferenza internazionale sulla ricostruzione delle relazioni tra Est e Ovest, alla quale hanno partecipato il Presidente Ronald Reagan, l’allora candidato alla presidenza Michael Dukakis, Zbigniew Brzezinski, Jeanne Kirkpatrick, Colin Powell e Brent Scowcroft.

Dopo la caduta del comunismo, i programmi hanno iniziato a esaminare il periodo di transizione e il suo svolgimento nell’Europa orientale e nelle ex repubbliche sovietiche, nonché le conseguenze a lungo termine dei conflitti nei Balcani e gli sforzi verso l’integrazione europea.

Dal 1996, il Consiglio assegna annualmente il premio Outstanding International Leader attraverso la sua rivista. Nel 2004, il Consiglio è diventato partner statunitense del Comitato britannico-nordamericano, sostenuto da un gruppo di leader aziendali e accademici di Regno Unito, Stati Uniti e Canada.

Fin dall’inizio, il Consiglio ha gestito programmi per esplorare questioni politiche, economiche e di sicurezza. Le attività di questi programmi hanno riguardato l’Asia, il Nord e il Sud America e altre regioni.

Fin dall’inizio, il Consiglio ha dichiarato di “essere un’istituzione apartitica i cui membri rappresentano l’ala internazionalista moderata di entrambi i partiti” degli Stati Uniti. Per statuto, il Consiglio è indipendente dal governo degli Stati Uniti e dalla NATO, ma questo ha sollevato dubbi in molti analisti.

Nel settembre 2014, Eric Lipton ha riportato sul New York Times che il Consiglio Atlantico aveva ricevuto donazioni da più di venticinque governi stranieri dal 2008. Ha dichiarato che il Consiglio è uno dei numerosi think tank che ricevono ingenti fondi stranieri e svolgono attività che “si adattano alle agende dei governi stranieri”.

Il Centro Rafik Hariri per il Medio Oriente, parte del Consiglio Atlantico, è stato istituito con una donazione di Bahaa Hariri e la sua fondatrice è Michelle Dunne. Dopo la destituzione di Mohammed Morsi come presidente dell’Egitto nel 2013, Dunn ha chiesto agli Stati Uniti di sospendere gli aiuti militari all’Egitto e ha definito la destituzione di Morsi un “colpo di Stato militare”. Bahaa Hariri si lamentò con il Consiglio Atlantico per le azioni di Dunn e Dunn si dimise quattro mesi dopo.

Nel 2014, il Consiglio Atlantico ha prodotto un rapporto che promuoveva il Partenariato transatlantico per il commercio e gli investimenti (TTIP) – un accordo commerciale tra l’Unione europea e gli Stati Uniti – con il finanziamento di FedEx, che contemporaneamente faceva pressioni sul Congresso per ridurre le tariffe transatlantiche.

Nel 2015 e nel 2016, i primi tre donatori che hanno elargito più di un milione di dollari ciascuno sono stati la milionaria statunitense Adrienne Arsht, il miliardario libanese Bahaa Hariri e gli Emirati Arabi Uniti. La Burisma Holdings, con sede in Ucraina, ha donato 100.000 dollari all’anno per tre anni al Consiglio Atlantico, a partire dal 2016. L’elenco completo dei donatori comprende molti enti militari, finanziari e aziendali.

Il Consiglio Atlantico crea un luogo di incontro per i capi di Stato e i leader militari di entrambe le sponde dell’Atlantico. Nel 2009, il Consiglio ha ospitato il primo discorso di rilievo negli Stati Uniti dell’ex Segretario generale della NATO Anders Fogh Rasmussen, che ha discusso questioni quali la missione della NATO nella guerra in Afghanistan, la cooperazione della NATO con la Russia e le più ampie relazioni transatlantiche. Il Consiglio organizza eventi con capi di Stato e di governo in carica, tra cui l’ex presidente georgiano Mikheil Saakashvili, il primo ministro ucraino Arseniy Yatsenyuk e l’ex presidente lettone Vaira Vike-Freiberga.

Il Centro per la sicurezza internazionale di Brent Scowcroft organizza eventi noti come Commanders Series, in cui i leader militari degli Stati Uniti e dell’Europa sono invitati a parlare dei conflitti di interesse nella comunità atlantica. La Commanders Series ha visto la partecipazione di leader militari statunitensi come l’ex generale George Casey e l’ex ammiraglio Timothy Keating e di leader europei come l’ex capo della Difesa francese, generale Jean-Louis Jorgelin, e il tenente generale olandese Ton van Loon, che hanno parlato della guerra in Iraq, della guerra in Afghanistan e delle minacce alla sicurezza in Asia e Africa.

Traduzione a cura di Lorenzo Maria Pacini

Foto: Wikipedia

6 agosto 2022