Ucraina: dall’Euroamaidan all’Afghanistan

image_pdfimage_print

Di Davor Slobodanovich Vuyachich

Di recente, Douglas MacArthur, colonnello in pensione e consigliere del Segretario alla Difesa degli Stati Uniti nell’amministrazione Trump, un veterano di guerra pluridecorato, ha apertamente criticato la politica ufficiale di Washington, che secondo lui cercava deliberatamente di trasformare l’Ucraina in una versione dell’Europa orientale dell’Afghanistan. È risaputo che per gli Stati Uniti la guerra è prima di tutto un affare, un’opportunità per fare soldi sui sanguinosi conflitti di lunga data che Washington sta alimentando in tutto il mondo con una guerra ibrida globale contro tutte le nazioni e i gruppi etnici disobbedienti. Come in tutte le guerre precedenti avviate o sponsorizzate dagli USA con l’uso di queste perfide tattiche, anche l’Ucraina è vista come una nuova grande opportunità per il complesso militare-industriale americano controllato dal Deep State per realizzare profitti favolosi.

Nel vero Afghanistan, nel cuore dell’Asia, gli Stati Uniti hanno speso oltre 14 trilioni di dollari dall’ottobre 2001 fino al ritiro delle truppe americane e dei loro alleati nell’agosto dello scorso anno. Le principali società americane come Boeing, Lockheed Martin, Northrop Grumman, General Dynamics e altre hanno beneficiato maggiormente di quella guerra, che ha portato solo sofferenza, morte e distruzione alla gente comune e si è conclusa con grandi vittorie per i talebani e Al Qaeda. Solo sui servizi di oltre 700 lobbisti, queste società hanno messo da parte 2,5 trilioni di dollari durante la guerra in Afghanistan. Gli americani, gli inglesi e i loro alleati hanno lasciato l’Afghanistan sconfitto e hanno lasciato dietro di sé non solo la devastazione, ma anche enormi quantità di armi originariamente destinate all’esercito regolare afghano. Gli Stati Uniti hanno speso 89 trilioni di dollari per equipaggiare e addestrare queste forze in 20 anni. Tuttavia, nonostante tutti questi investimenti, l’esercito afgano si è rapidamente disintegrato nella lotta contro i talebani e enormi quantità delle loro armi, così come quelle degli americani e dei loro alleati, sono finite nelle mani di terroristi, cartelli della droga e altri gruppi criminali. Per gli americani, tuttavia, vincere la guerra nelle remote backwaters asiatiche, anche se l’Afghanistan è il più grande produttore di oppio del mondo, non sembra importante quanto mantenere in vita la stessa industria delle armi.

In Ucraina, Washington vede ora un’opportunità non solo per indebolire la Russia, ma anche per stabilire un controllo più stretto sui suoi “partner” europei. Come ha osservato il presidente Putin nell’aprile 2015, gli Stati Uniti non hanno bisogno di alleati ma di vassalli, quindi gli Stati Uniti usano la creazione dell’instabilità come scusa per tenere l’Europa sotto il tallone per sempre. Washington è felice di sacrificare gli ucraini fino alla fine per usarli nel suo sporco gioco e creare un nuovo focolaio di instabilità e conflitto armato a lungo termine. I vantaggi di trasformare l’Ucraina in un Afghanistan dell’Europa orientale per gli americani sono molteplici. Innanzitutto, consente agli americani di mantenere in vita la NATO, anche se la vita naturale di questa organizzazione è finita nel 1991 con la fine della Guerra Fredda. D’altro canto, si apre un’opportunità commerciale per un grande profitto del complesso militare-industriale nei 10 o più anni previsti, a condizione che gli Stati Uniti forniscano assistenza militare all’Ucraina e costringano i suoi partner subordinati a fare lo stesso. Farlo in Ucraina, che, a differenza dell’Afghanistan, ha un significato geopolitico molto importante, crea una pressione enorme e duratura sulla Russia, che non dovrebbe essere in grado di sopportarla a lungo. Scegliendo questa tattica, l’America gioca con il fuoco perché, nonostante tutte le precauzioni che prende, il conflitto tra Russia e Ucraina può facilmente e inaspettatamente trasformarsi in una guerra aperta tra Russia e NATO, la guerra mondiale in cui sarebbe molto difficile evitare l’uso di armi nucleari come ha apertamente sottolineato il ministro degli Esteri russo Sergey Lavrov.

I piani degli USA non sono di entrare in un conflitto aperto con la Russia in questo momento, come dimostrano le dichiarazioni di Stoltenberg, quasi in preda al panico, così come le dichiarazioni di altri funzionari della NATO in questi giorni, che negano qualsiasi disponibilità dell’Alleanza del Nord Atlantico a farsi coinvolgere nel guerra in Ucraina. Ciò non sorprende, perché l’obiettivo di Washington non è scomparire tra le nuvole di polvere radioattiva dopo lo scambio di attacchi nucleari con la Russia, ma continuare a guadagnare bene, tenere al guinzaglio i suoi satrapi europei e indebolire sistematicamente la Russia senza dover entrare in un confronto militare diretto con essa. Naturalmente, per molte ragioni, agli americani non piace la vittoria russa rapida o alquanto più lenta, che metterebbe l’intera Ucraina sotto il controllo delle forze armate russe. Questo è il motivo per cui gli americani faranno di tutto per consegnare quante più armi possibile all’Ucraina, come loro inconscio partner di guerra per procura, che, dopo tutto, è esattamente ciò che porta profitto reale. Tuttavia, un’analisi attenta porta alla conclusione che gli americani, in effetti, non gradirebbero un’ipotetica vittoria ucraina in questo conflitto, per quanto allettante possa sembrare a Washington per ragioni geopolitiche. Solo lo sviluppo di eventi che assicurino il conflitto più a lungo possibile avvantaggia gli Stati Uniti, cioè trasformando l’Ucraina in un focolaio di spargimenti di sangue e distruzione.

Con un gioco magistrale, gli Stati Uniti hanno spinto gli ucraini in prima linea e, nel caso in cui il conflitto si intensifichi, gli europei sono quelli che dovrebbero sentire la rabbia russa sulla loro pelle e affrontare le conseguenze della loro obbedienza a Washington.

Se gli Stati Uniti stimano che ci sarà una guerra inevitabile tra l’UE e la Russia, nonostante l’esistenza del sistema di sicurezza collettiva della NATO, si ritireranno per ridurre il rischio di attacchi nucleari di rappresaglia da parte dei sottomarini “invisibili” russi che sono in costante servizio di combattimento nell’Atlantico e nel Pacifico. L’America vuole guardare il conflitto a suo favore da lontano e combattere fino all’ultimo ucraino ed europeo, ma vuole anche che il conflitto militare tra Russia e Ucraina duri almeno quanto la guerra tra Iraq e Iran. Pertanto, gli Stati Uniti e l’UE cercheranno non solo di continuare ad armare le forze ucraine durante l’operazione speciale russa, ma anche di intensificarla molte volte. Ancora una volta, gli Stati Uniti stanno portando irresponsabilmente la sopravvivenza del pianeta sull’orlo del collasso. Vale a dire, Sergei Ryabkov, viceministro degli Esteri russo, ha avvertito che nel caso in cui gli Stati Uniti e l’UE continueranno ad armare l’Ucraina, i convogli che trasportano armi diventerebbero un bersaglio legale di feroci attacchi russi. Naturalmente, anche questo può portare allo scoppio della Terza Guerra Mondiale, ma quando si cerca il colpevole che mette in pericolo la sicurezza planetaria, tutte le strade portano a Washington.

La Russia voleva evitare a tutti i costi lo scoppio di conflitti armati e per otto anni ha cercato di risolvere i problemi con l’Ucraina attraverso la diplomazia. I funzionari russi sapevano che per ciascuna delle loro reazioni più dure, la Russia sarebbe stata ulteriormente sanzionata da un isolamento più profondo e da sanzioni economiche e di altro tipo più severe. In secondo luogo, le mani della Russia erano legate a causa di oltre 8 milioni di russi etnici e ancora più ucraini russofoni in Ucraina, ed era esattamente quella parte della popolazione grazie alla quale le relazioni russo-ucraine sono state cordiali fino al colpo di stato del 2014 con cui gli Stati Uniti riuscirono a portare al potere i suoi agenti di influenza. Gli americani avevano intenzioni più che ovvie di aprire le porte dell’inferno in Ucraina, cosa che alla fine riuscirono a fare. Proprio a causa del sostegno e delle promesse di Washington, L’Ucraina ha rifiutato di risolvere il conflitto al tavolo, attraverso la diplomazia e si è rifiutata di rispettare gli accordi di Minsk. Invece, l’Ucraina si armava da otto anni e si preparava alla guerra e alla violenta conquista della Crimea, della Repubblica Popolare di Donetsk e della Repubblica Popolare di Lugansk. I servizi di intelligence russi si sono imbattuti in prove inconfutabili dei preparativi dell’Ucraina per l’aggressione, e questo era finalmente il momento per la Russia di intervenire militarmente, sebbene il Presidente Putin fosse riluttante a farlo fino all’ultimo momento. Lo scontro militare dell’Ucraina con la Russia è diventato inevitabile a causa della politica estremamente ostile e aggressiva del regime di Kiev nei confronti della Russia, e gli Stati Uniti ne hanno la piena responsabilità.

Nell’attuale fase dell’operazione speciale, la Russia sta combattendo battaglie nei territori densamente popolati dalle popolazioni russa e filorussa, ed è per questo che le sue azioni militari hanno un carattere molto delicato, simile a quelle delle operazioni di liberazione di ostaggi. Si tratta della popolazione già citata, che nei russi riconosce tradizionalmente i popoli fraterni con cui condividono lingua e religione. Tuttavia, nessuna di queste persone comuni ora è troppo felice che la guerra abbia raggiunto le loro case e che le forze ucraine le utilizzino continuamente come scudi umani. La Russia sta già pensando a tutte le possibili conseguenze di ciò che sta facendo ora, e non vuole rivoltare quella popolazione contro se stessa, quindi le sue azioni militari attualmente sembrano una passeggiata molto attenta e lenta nel mezzo di aspri combattimenti. Parlando di questo, il ministro degli Esteri russo Sergey Lavrov ha sottolineato che la Russia è consapevole di quanto sia grave che in Ucraina muoiano persone innocenti ora, ma che nessuno in Occidente abbia prestato attenzione ai 14.000 russi uccisi nel Donbass negli ultimi otto anni. Quindi, questa operazione non importa quanto dolorosa, alla fine porterà alla pace e alla fine del massacro. Teniamo presente che Mosca, a differenza di Kiev, non ha avviato nemmeno una mobilitazione parziale delle sue enormi forze militari e che in Ucraina, per esempio, ha deciso di condurre queste operazioni militari speciali con forze molto limitate ed evitando notevolmente l’uso delle più moderne e distruttive armi usate dai russi in Siria.

Questo perché la Russia non vuole che la sua operazione speciale si trasformi in una vera guerra, ma vuole solo costringere il regime di Kiev a negoziare e soddisfare le richieste russe per le quali Mosca non si arrenderà mai: denazificazione e smilitarizzazione dell’Ucraina (rimozione di attacchi offensivi, biologici, chimici e armi radiologiche), il riconoscimento dell’indipendenza della Repubblica Popolare di Donetsk e della Repubblica Popolare di Lugansk, il riconoscimento della Crimea come parte della Russia e il ritiro permanente dell’Ucraina dall’adesione alla NATO. La Russia non vuole, non può e non deve fermare la sua operazione speciale fino a quando non rimuoverà completamente ogni pericolo militare dal regime di Kiev, che ha reso l’Ucraina, un tempo culla della nazione e dello stato russo, ora il più grande nemico della Russia. Accettando di essere il nido della russofobia più aggressiva di tutti i tempi, superando persino l’odio dei nazisti tedeschi della Seconda guerra mondiale e unendosi agli sforzi americani del cosiddetto “contenimento della Russia”, l’Ucraina è divenuta una minaccia militare diretta e immediata alla sopravvivenza del suo enorme vicino orientale. Era qualcosa che non poteva rimanere impunito. Quando questa parte scrupolosa e lenta dell’operazione speciale russa sarà finalmente conclusa e quando i civili saranno liberati dal ruolo di ostaggi e scudi umani delle forze ucraine, ci si può aspettare che Mosca inizi un feroce confronto con l’Ucraina occidentale, che è un focolaio di estremismo, sciovinismo e neonazismo. Se sarà necessario, la Russia distruggerà fino in fondo l’esercito ucraino, pazientemente, passo dopo passo, e alla fine irromperà ai confini dei membri della NATO, sapendo che Mosca è proprio dietro di loro e che è in gioco la sopravvivenza dello Stato e della nazione russi. E tutto quel male, sfortuna e sofferenza da entrambe le parti, sono il risultato di decenni di guerra ibrida americana, speciali operazioni psicologiche e di propaganda, indottrinamento ideologico dei giovani, corruzione a lungo termine di politici ucraini, lobbying, ricatti e altre azioni sporche.

Gli anni trascorsi dall’Ucraina sotto la forte influenza politica degli Stati Uniti e dei suoi consiglieri politici e istruttori militari porteranno a conseguenze gravi e imprevedibili perché numerosi vasi di Pandora sono stati irrimediabilmente aperti. Innanzitutto, mentre le forze armate russe distribuiscono acqua, cibo e altri beni di prima necessità alla popolazione nelle zone di combattimento, il regime di Kiev ha distribuito indiscriminatamente, secondo alcuni dati, oltre 240.000 unità di armi leggere e di piccolo calibro. Zelensky ha firmato frettolosamente una legge che consente a tutti i cittadini ucraini di possedere e usare liberamente armi durante l’operazione speciale russa e la Verkhovna Rada ucraina ha già confermato la sua entrata in vigore. Riuscite a immaginare come e in che modo tutte quelle armi un giorno saranno sottratte a questi cittadini?

La stessa cosa potrebbe accadere con armi più avanzate. Ci sarà un boom del commercio illegale di armi che si estenderà all’Europa occidentale e l’esperienza finora ha dimostrato che quando ciò accade, le armi finiscono sempre nelle mani sbagliate. Il regime di Kiev ha anche rilasciato dal carcere i peggiori criminali per servire presumibilmente la patria. Tutti i criminologi e gli psicologi esperti consiglierebbero di non dare armi a queste persone. Assassini, stupratori e banditi in guerra non diventano persone migliori, ma tutto il contrario. Bande di rapinatori composte da estremisti ucraini stanno già operando sul campo, conducendo le loro guerre private in cerca di risorse, depredando indiscriminatamente la popolazione e distribuendo la loro giustizia sciovinista uccidendo sul colpo civili russi. Ci sono testimonianze, video e altre prove che questi civili armati stanno attaccando e terrorizzando anche i membri della normale polizia ucraina. Quindi, sul terreno sotto il controllo del regime di Kiev, c’è una totale anarchia. I battaglioni nazisti come “Azov”, “Aidar”, “Pravij Sektor” e altri, il cui numero totale di soldati prima dell’inizio dell’operazione speciale russa era di circa 80.000, ormai non obbediscono agli ordini di Kiev. È più che probabile che anche dopo gli accordi raggiunti sulla cessazione delle ostilità tra Russia e Ucraina, nei territori che considerano di loro competenza, questi battaglioni continueranno a terrorizzare la popolazione civile e ad attaccare le forze regolari. Anche ora, i comandanti ucraini locali si comportano come signori della guerra feudali che lavorano a loro discrezione. Il miglior esempio di ciò è la prevenzione dell’evacuazione della popolazione civile dalle città circondate dalle forze russe, che è stata concordata da Kiev e Mosca. Gli estremisti di destra ucraini sono anche strettamente legati alla produzione e al traffico illegale di droga, e molti di loro sembrano essere essi stessi tossicodipendenti; quindi, questa è un’altra cosa che potrebbe influenzare l’Europa.

Gli americani hanno aperto più di trenta laboratori per lo sviluppo e la produzione di armi biologiche in Ucraina, e ora ci sono prove inconfutabili a riguardo. Allo stesso modo, le centrali nucleari e i centri di ricerca nucleare sono teatro di forti ostilità e il controllo su di esse è debole o inesistente.

Infine, ci sono prove che i battaglioni nazisti possiedano armi chimiche e altre armi proibite dalla Convenzione di Ginevra. Vi è quindi il giustificato timore che alcuni estremisti entrino in possesso di agenti biologici, armi chimiche o materiali radioattivi. La Russia ha risorse praticamente illimitate, forze molte volte più numerose, armi migliori e più moderne di quelle dell’Ucraina e, naturalmente, armi nucleari. Sotto la pressione delle sue forze armate, la maggior parte degli estremisti, in particolare quelli dell’Ucraina occidentale, si ritroverà presto nei paesi e nelle città europee e le loro abitudini estremiste si riverseranno lì, cambiando in modo forte e permanente il mondo politico e criminale europeo. Si può dire che l’estremismo tornerà in Europa come un boomerang. Proprio come un tempo i terroristi islamici riuscivano a contrabbandare armi da fuoco classiche nei paesi europei con cui compivano numerosi attentati terroristici, così i nazisti ucraini potranno portare armi pericolose, comprese quelle biologiche e chimiche, nel cuore dell’Europa e metterle sul mercato nero. Dopodiché, quest’arma potrebbe essere facilmente trovata nelle mani di tutti i possibili estremisti radicali. Questa potrebbe diventare un’altra conseguenza fatale della disastrosa politica americana, la cui essenza può essere riassunta in queste parole: “Non importa quanto sia brutto e sbagliato qualcosa, e chi ne sarà ucciso, se ucciderà anche i russi”. Ma è l’Europa che pagherà il prezzo pieno come tante altre volte. Il diritto internazionale è morto, la cosiddetta “comunità internazionale” e le sue istituzioni sono sul libro paga americano, e la vera democrazia in Occidente è stata sepolta da tempo. Tutte le mascherine sono cadute e la Russia deve togliersi i guanti.

Traduzione a cura di Alessandro Napoli

Foto: Controinformazione.info

16 marzo 2022