Un futuro alternativo per le relazioni sino-russe

image_pdfimage_print

di James Gibbs, Andrew Falkenstein e Sean Madden

Analisi dei futuri alternativi

In questo articolo lo strumento dell’Analisi Futura Alternativa è usato come guida per discutere quattro risultati plausibili per la continuazione delle relazioni sino-russe. L’Alternate Futures Analysis è un esercizio di gruppo per aiutare a prevedere un futuro probabile, ed è insegnato come parte del Programma di 12 settimane Special Operations Campaign Artistry Program (SOCAP) a Fort Leavenworth. (SOCAP) a Fort Leavenworth. Four Ways of Seeing è un altro esercizio cognitivo che incoraggia a guardare un problema complesso da diverse prospettive, in questo caso dalla prospettiva della Cina e della Russia stesse e l’una dell’altra. Presi insieme, questi strumenti forniscono una potente analisi del futuro plausibile derivante dalla relazione sino-russa in corso.

La forza di questa analisi sta nell’esplorazione di risultati plausibili concorrenti senza considerare la probabilità che si verifichino. Questa distinzione permette un campo più ampio per i risultati creativi e un assaggio di alcune possibilità estreme. Questi sono solo risultati plausibili che gli alti dirigenti militari e civili dovrebbero tenere a mente quando prendono decisioni che influiranno sulle relazioni sino-russe.

Ci sono quattro possibili percorsi per lo sviluppo delle relazioni sino-russe. Il risultato più probabile è una partnership continua in cui ogni paese aiuta l’altro quando ne beneficia. Un’alleanza formale tra Cina e Russia è anche probabile e potrebbe contrastare gli sforzi degli Stati Uniti nella regione e nel mondo. Il risultato preferito è un ritorno alla relazione ostile tra i due paesi che abbiamo visto nel corso della storia. Infine, a causa della loro vicinanza reciproca e delle ideologie concorrenti, così come le loro differenze culturali e il desiderio che il mondo li percepisca come leader sulla scena mondiale, un deterioramento delle relazioni sino-russe potrebbe portare alla guerra tra i due paesi. La figura 1 mostra la quantità di cooperazione tra Cina e Russia sull’asse X e la quantità di influenza USA/globale sull’asse Y. Cominciamo con il più probabile e passiamo al più pericoloso.

 

Probabili conseguenze delle relazioni sino-russe in corso (Analisi alternativa del futuro)

Status quo

Senza alcun cambiamento nella politica o nella strategia degli Stati Uniti verso la Cina e la Russia, il futuro più probabile è una migliore partnership sino-russa. Il motore chiave di questo partenariato in evoluzione sarà l’economia russa. Le sanzioni economiche e le esclusioni dai vertici economici internazionali hanno rallentato la crescita del PIL della Russia (1,7 trilioni di dollari; Kramer, 2020), rendendo la sua economia l’11° al mondo nel 2020. Mentre i paesi occidentali continuano a esercitare pressione economica attraverso le sanzioni, Putin si è rivolto alla Cina per un aiuto. Questa politica economica ha messo la Russia ancora più sotto l’influenza cinese. Il pericolo di questo futuro sta nella geografia. Se la Cina e la Russia continuano a vedere l’Occidente (in particolare gli Stati Uniti) come una minaccia maggiore, è probabile che mettano da parte le loro differenze e continuino a cooperare contro l’Occidente quando ciò va direttamente a beneficio della loro agenda. L’America e i suoi alleati potrebbero ritrovarsi a dover combattere una guerra su due fronti contro due paesi, ognuno dei quali combatte su un solo fronte.

Ci sono prove dirette di questo possibile futuro, con la Russia che accumula truppe al suo confine con l’Ucraina e la Cina che minaccia ritorsioni se gli Stati Uniti interferiscono con i suoi sforzi a Taiwan e nel Mar Cinese Meridionale. Questa partnership allargata potrebbe portare a un risultato meno preferibile, un’alleanza formale sino-russa simile alla NATO, dove Cina e Russia si impegnano ad aiutarsi a vicenda in caso di attacco. Una tale alleanza potrebbe attirare i paesi che si oppongono all’influenza degli Stati Uniti e potrebbe incoraggiare ulteriormente la Cina e la Russia a costruire una forza militare per riconquistare i territori perduti.

 

Un rapporto stretto

Un’alleanza formale sino-russa potrebbe far perdere agli Stati Uniti e all’Occidente nel suo insieme l’influenza globale, oltre a danneggiare le relazioni degli Stati Uniti con i paesi in via di sviluppo che potrebbero preferire il governo autoritario di Cina e Russia alla democrazia. Un’alleanza formale potrebbe emergere se la Cina guadagnasse una significativa influenza economica e politica sulla Russia. Questa analisi ha dimostrato che un’alleanza sino-russa potrebbe formarsi in un momento in cui la Russia sente che un’alleanza è necessaria per garantire la sua sopravvivenza, se l’aumento delle sanzioni statunitensi ed europee si traduce in un indebolimento percepito della Russia.

Invece di sedersi al tavolo dei negoziati, Putin potrebbe rivolgersi a Xi per un sostegno. Questo diventa ancora più pericoloso dell’attuale partnership, perché la Cina sarebbe in grado di utilizzare direttamente le azioni politiche, economiche e militari della Russia per rafforzare il programma della Cina di sostituire l’egemonia degli Stati Uniti entro il 2049 (Mingfu, 2015). Il futuro probabile e preferibile è un ritorno della Cina e della Russia a un rapporto conflittuale.

 

Creare controversie

Ci vorrebbe uno sforzo strategico, che coinvolga un approccio a livello di governo degli Stati Uniti, per influenzare le relazioni sino-russe per aumentare la quantità di attrito nel rapporto. Mentre una relazione ostile è preferibile, è anche improbabile al momento. Un modo efficace per raggiungere questo obiettivo è quello di ridurre la dipendenza del mondo dall’economia della Cina e dall’energia della Russia. Le tendenze attuali sono contrastanti, con sempre più aziende che spostano la loro produzione in outsourcing in paesi asiatici più economici e in Messico (Rapoza, 2020). Tuttavia, l’Europa rimane fortemente dipendente dalle fonti energetiche russe (Freedman, 2022). Le aziende devono essere consapevoli dei pericoli delle partnership economiche con la Cina e hanno bisogno di una valida alternativa alla produzione cinese a basso costo (ad esempio, gli investimenti degli Stati Uniti nella tecnologia di automazione). Aziende come Nike e Apple non se ne faranno carico. Questo richiederà al governo degli Stati Uniti di prendere misure deliberate per informare le aziende quando le agenzie governative a tutti i livelli non sosterranno le aziende (un rischio per la proprietà intellettuale e il governo degli Stati Uniti che non offre titoli per fornire sicurezza e supporto).

I Paesi europei hanno bisogno di un’alternativa credibile all’energia russa. Quando i Paesi invertiranno queste tendenze, la Cina e la Russia perderanno influenza, e potrebbero diventare meno inclini a cooperare l’uno con l’altro, rendendo più probabile che rivolgano nuovamente la loro aggressività l’uno sull’altro. Oltre a separare l’economia e l’energia della Russia da quella della Cina, gli Stati Uniti dovrebbero anche fare pressione diretta sulle loro relazioni. Rafforzare le aree di disaccordo sarà la chiave per mantenere il rapporto teso. Paul Stronski e Nicole Ng indicano le aree di allontanamento quando dicono: «Gli interessi commerciali in espansione della Cina in Asia centrale, nell’Estremo Oriente russo e nell’Artico probabilmente aumenteranno la competizione tra Cina e Russia» (Stronski, 2018). La ragione per cui questo risultato è preferibile è che entrambi i paesi diventerebbero troppo isolati per far degenerare qualsiasi conflitto in guerra, poiché dovrebbero combattere gli Stati Uniti su un fronte e l’Europa sull’altro senza garanzie che i loro alleati vengano in loro aiuto. Mentre una guerra tra Cina e Russia è il risultato meno probabile, è anche il più pericoloso a causa dell’impatto catastrofico che avrebbe sul resto del mondo.

 

Un crollo totale delle relazioni

La faida sino-russa avrà il suo prezzo perché la comunità internazionale non può limitare la crescita della Cina. È improbabile che gli eventi in corso portino alla guerra. Tuttavia, dato che per concezione lo strumento di analisi del futuro è il potenziamento, è utile parlare della possibilità della guerra. Mentre Xi consolida il suo controllo sull’Asia meridionale e orientale, potrebbe alla fine decidere che Putin sta interferendo troppo con i suoi piani e rompere la partnership. La Cina potrebbe intensificare le tensioni rivolgendo la sua attenzione al territorio controllato dalla Russia (come la tundra russa e il Circolo Polare Artico (Ng, 2021)). Sentendosi minacciata, la Russia potrebbe rispondere con la sua unica vera arma contro la Cina, cioè le forze convenzionali. Questo conflitto potrebbe degenerare in una guerra mondiale poiché la Cina usa il suo potere economico e politico sui paesi asiatici per attirarli nel conflitto.

L’Occidente dovrà allora fare una scelta difficile: schierarsi con la Russia per evitare che la Cina usi questo potere per bloccare l’accesso del mondo alle risorse asiatiche. Se l’Occidente non interviene, c’è il rischio aggiuntivo che la Russia ricorra al suo arsenale nucleare come ultima difesa, lasciando il mondo allo sbando. Si tratta di una lunga catena di possibili risultati che potrebbero servire come indicatori che le relazioni stanno andando in direzione della guerra. Il governo degli Stati Uniti non è attualmente impostato in modo da influenzare con successo le relazioni per ottenere un risultato positivo.

 

Conclusione

L’attuale struttura organizzativa del Ministero della Difesa e del Dipartimento di Stato divide la Cina e la Russia in due comandi e direzioni separate, rispettivamente. Questo sposta qualsiasi tentativo di influenzare le relazioni sino-russe al livello dipartimentale. Per superare questo, entrambe le agenzie devono riallineare il modo in cui dividono il mondo in modo che un’organizzazione si occupi sia della Cina che della Russia, o un’organizzazione inter-agenzia che sia responsabile di influenzare il loro rapporto nell’interesse degli Stati Uniti. Un altro fattore importante che gli Stati Uniti devono affrontare è la loro dipendenza dalla produzione cinese.

Il governo degli Stati Uniti dovrebbe fare una priorità nazionale per creare un’iniziativa per disaccoppiare le aziende statunitensi esistenti dalla produzione cinese investendo nella tecnologia di automazione a livello nazionale. In linea con questo, i diplomatici statunitensi dovrebbero lavorare con i paesi che confinano con la Cina e la Russia o che fanno parte dell’iniziativa One Belt, One Road per offrire alternative allo sviluppo della trappola del debito cinese.

La nostra raccomandazione finale è di investire in programmi che affrontino le aree di conflitto tra Cina e Russia. Solo attraverso uno sforzo strategico sincronizzato gli Stati Uniti possono creare e mantenere un divario gestibile tra la Cina e la Russia.

 

Riferimenti

Kramer, A. (2020). Le prospettive pessimistiche in Russia rallentano gli investimenti e l’economia. New York Times. https://www.nytimes.com/2020/02/18/business/russia-economic-growth.html.

Mingfu, L. (2015). Il mondo è troppo importante per essere lasciato all’America. The Atlantic. https://www.theatlantic.com/international/archive/2015/06/china-dream-liu-mingfu-power/394748.

Ng, A. (2021). Le tensioni cresceranno probabilmente quando la Cina cercherà un ruolo più grande nell’Artico. CNBC. https://www.cnbc.com/2021/05/20/tensions-likely-to-grow-as-china-seeks-a-bigger-role-in-the-arctic.html.

Rapoza, K. (2020). Nuovi dati mostrano che le aziende statunitensi stanno sicuramente lasciando la Cina. Forbes. https://www.forbes.com/sites/kenrapoza/2020/04/07/new-data-shows-us-companies-are-definitely-leaving-china/?sh=4738e31e40fe.

Freedman, A. e Ben Geman. (2022). La dipendenza energetica dell’Europa dalla Russia è uno scudo cruciale per Putin. AXIOS. https://www.axios.com/eu-gas-scramble-russia-ukraine-crisis-d8402d82-0888-47b2-a89d-6586c4eb2013.html.

Stronski, P. (2018). Cooperazione e competizione: Russia e Cina in Asia centrale, Estremo Oriente russo e Artico. https://carnegieendowment.org/2018/02/28/cooperation-and-competition-russia-and china-in-central-asia-russian-far-east-and-arctic-pub-75673

Traduzione a cura di Lorenzo Maria Pacini

Foto: Geopolitica.ru

13 aprile 2022