Un tentativo di dialogo tra civiltà

image_pdfimage_print

di Redazione di Katehon

spirituale e sociale dell’umanità nel periodo post-pandemico”. Vi partecipano più di cento delegazioni provenienti da 50 Paesi. Tra i leader religiosi che partecipano al congresso vi sono rappresentanti della Chiesa ortodossa russa (il metropolita Antonio di Volokolamsk, presidente del Dipartimento per le relazioni ecclesiastiche esterne del Patriarcato di Mosca; il metropolita Alessandro di Astana e del Kazakistan; il segretario del Dipartimento per le relazioni ecclesiastiche esterne per le relazioni interreligiose, segretario esecutivo del Consiglio interreligioso della Russia sacerdote Dimitri Safonov), leader di comunità e organizzazioni musulmane, come l’imam supremo di Al-Azhar Sheikh Muhammad Ahmad At-Tayeb. Per le Chiese ortodosse era presente anche Teofilo III, Santissimo e Beato Patriarca della Città Santa di Gerusalemme, di tutta la Palestina, dell’Arabia, della Siria, delle Due Sponde del Giordano, di San Sion e di Cana di Galilea.

Nonostante il nome del forum, nell’elenco dei partecipanti si possono trovare sette aperte, come i mormoni (nome completo e politicamente corretto – “Chiesa di Gesù Cristo dei Santi degli Ultimi Giorni”, anche se, ovviamente, non hanno nulla a che fare con la Chiesa e con Cristo), così come organizzazioni non governative occidentali con evidenti sfumature politiche. Tra gli oratori ci sono diversi rappresentanti di organizzazioni ebraiche. Ci sono anche buddisti e pagani (induisti).

A questo proposito, è lecito chiedersi se le religioni tradizionali e mondiali siano davvero il criterio principale per la selezione dei partecipanti. Poiché esistono definizioni riconosciute di religione mondiale, e le sette protestanti e simili spesso non vengono nemmeno considerate come cristianesimo, per cui ci sono buone ragioni. Allo stesso modo nell’Islam alcuni movimenti modernisti non sono riconosciuti. Naturalmente, i culti sincretistici non sono religioni mondiali e tradizionali. Ciononostante, un rappresentante di tale movimento (bahaismo) ha parlato alla convention del 14 settembre

Sorprende anche il richiamo al format del Forum di Davos nel programma dell’evento. Lo spirito del Forum di Davos è chiaramente in totale contrasto con le religioni tradizionali. Non è chiaro cosa si intenda per formato: un pool di rappresentanti di varie istituzioni, organizzazioni e rami del governo? O l’unificazione in un unico tema? Ma un simile protocollo si può trovare in vari eventi internazionali senza ulteriori riferimenti alla laica Davos.

È interessante notare che, nonostante la natura turca del Paese ospitante, non ci sono rappresentanti della Turchia tra i partecipanti principali. Probabilmente erano imbarazzati dalla presenza dei tradizionalisti musulmani. È nota la controversia tra Al-Azhar del Cairo e la versione turca dell’Islam, che ha portato alla decisione dei chierici turchi di istituire una propria università islamica internazionale nel 2014.

Va notato che l’organizzazione di un simile congresso contribuisce all’immagine politica del Kazakistan come Stato dalla cultura tollerante. Il presidente kazako Kassym-Jomart Tokayev, durante l’incontro con Papa Francesco e i rappresentanti della società civile e del corpo diplomatico a Nur-Sultan, ha sottolineato che la Repubblica ha costruito il proprio modello di armonia interetnica e interreligiosa nel corso degli anni di indipendenza.

Il Presidente del Kazakistan ha osservato nel suo discorso: “Possiamo osservare come la società si stia frammentando e polarizzando sotto l’influenza delle tecnologie digitali. Per molti, il mondo virtuale sta già sostituendo quello reale. Pertanto, nella nuova realtà digitale è necessario sollevare la questione della coltivazione dei valori spirituali e delle linee guida morali in un modo nuovo. Il culto della conoscenza e dell’istruzione senza un adeguato sistema di educazione delle giovani generazioni non porterà l’umanità al progresso e al benessere universale. Le religioni hanno sempre svolto questa funzione fondamentale di educazione. Il Corano, la Bibbia, la Torah e altre sacre scritture sono impregnate di idee di umanesimo, compassione e misericordia. Rifiutano l’aggressione, il radicalismo, condannano la violenza e predicano la tolleranza e la moderazione. Nei tempi moderni, l’alta missione dei leader religiosi è quella di portare queste verità fondamentali alle persone.

L’enfasi sull’umanesimo pone anche una domanda: che tipo di umanesimo si intende? Si tratta di un appello all’eredità antica, alla coltivazione delle virtù (che possono essere intese anche in modi diversi, ad esempio l’individualismo è considerato una virtù in Occidente) o di una sorta di religione secolare? Nelle dichiarazioni di pathos dei politici, questo argomento non viene svelato e, come i “diritti umani”, diventa oggetto di varie interpretazioni e speculazioni.

Le riunioni degli organi di lavoro sono iniziate due giorni prima, il 12 e 13 settembre. Il 12 settembre si è svolta una riunione del Gruppo di lavoro del Congresso dei leader delle religioni mondiali e tradizionali presieduta da B. Sarsenbayev, Commissario per la promozione degli obiettivi del Congresso dei leader delle religioni mondiali e tradizionali, Presidente del Centro per lo sviluppo del dialogo interreligioso e intercivile N. Nazarbayev. 

Il 13 settembre, durante la riunione della Segreteria del Congresso, presieduta dal suo capo M.S. Il 13 settembre i rappresentanti delle religioni mondiali e delle organizzazioni internazionali hanno partecipato alla riunione del Segretariato del Congresso, presieduta da M.S. Ashimbayev, nel Palazzo della Pace e dell’Armonia: Sheikh-ul-Islam Allahshukur Pashazade, capo dell’Ufficio Islam del Pontificio Consiglio per il Dialogo Interreligioso Monsignor Khaled Akashe, rappresentante dell’ordine buddista sudcoreano “Chogye” in Asia Centrale Monaco Jo Joo, rappresentante del Ministro degli Awqaf della Repubblica Araba d’Egitto Mohammed al-Shahhat al-Jindi, rappresentante della Chiesa Anglicana Vescovo Joe Bailey Wells, Muhammad Zia ul Haq, Direttore generale dell’Istituto di studi islamici dell’Università islamica internazionale di Islamabad, la dott.ssa Zahra Rashidbeighi, rappresentante del Presidente del Centro per il dialogo tra le religioni e le culture dell’Organizzazione della cultura islamica e delle relazioni islamiche della Repubblica islamica dell’Iran, Muhammad bin Abdulwahed Al-Arifi, Vice Ministro degli affari islamici, della coscrizione e della guida del Regno dell’Arabia Saudita e altri.

In seguito alla riunione del Segretariato è stata approvata la bozza del documento finale – Dichiarazione del VII Congresso dei leader delle religioni mondiali e tradizionali ed è stata stabilita la sede e la data dell’VIII Congresso e della XXI riunione del Segretariato del Congresso, che si terranno rispettivamente nel 2025 e nel settembre 2023.

Il presidente del Dipartimento per le relazioni esterne della Chiesa del Patriarcato di Mosca, il metropolita Antonio di Volokolamsk, intervenendo all’apertura del VII Congresso dei leader delle religioni mondiali e tradizionali, ha affermato che “lo scopo del forum interreligioso è quello di superare le divisioni interreligiose e di essere in grado di agire insieme superando le barriere che dividono le nostre religioni tradizionali”. Non si tratta della nostra dottrina o del nostro dogma, ma del nostro ruolo nella società. Gli scontri politici, economici e sociali stanno sempre più coinvolgendo praticamente tutto il mondo. Siamo chiamati a costruire un mondo in cui non ci saranno persone di prima e seconda classe, né egemoni e satelliti, ma un mondo costruito sui più alti valori morali concessi dall’Onnipotente

Queste parole possono essere interpretate come una sorta di multipolarità religiosa. Poiché l’egemonia globale spetta ancora agli Stati Uniti (anche se in rapido declino), è ovvio a chi fossero rivolte queste parole.

Il metropolita ha anche invitato a rafforzare i valori tradizionali nella situazione attuale. “La comunità mondiale sta attraversando un periodo molto difficile in questo momento. La polarizzazione tra singoli Paesi e centri di potere globali è più forte che mai. La minaccia della fame di massa, la minaccia di un conflitto globale e persino la minaccia di una catastrofe nucleare sono diventate molto chiare. Oggi la responsabilità del destino delle persone, del loro stato morale è ricaduta su di noi, i leader religiosi. Storicamente, è la fede l’unica barriera che separa l’umanità dal caos e dall’anarchia. Nei momenti più difficili della storia umana, le persone si sono rivolte a Dio per chiedere aiuto, perché non avevano altra speranza. Il nostro compito come leader religiosi è quello di istruire, dare speranza, confortare e riconciliare le persone con Dio e tra loro.

Il paradigma della cultura di massa che ci è stato offerto negli ultimi tempi dai difensori della coscienza laica e persino atea sta chiaramente fallendo. In questo sistema di valori, tutto è costruito sul culto dell’uomo come essere supremo. Questo comporta il culto dei suoi desideri, delle sue passioni e dei suoi vizi. Il culto dell’egocentrismo comporta l’erosione dei valori del matrimonio, della famiglia, del rispetto per gli anziani. Comporta l’esaltazione dei vizi e delle deviazioni umane rispetto ai valori di una società umana sana che sono stati ispirati dal Creatore e conservati per migliaia di anni”, ha affermato.

A ciò ha fatto eco il messaggio ai partecipanti al congresso del Patriarca Kirill, che ha osservato che “l’umanità oggi sta attraversando uno dei periodi più difficili della storia moderna”. Alle sfide poste dalla pandemia di coronavirus si sono aggiunti i problemi alimentari, energetici ed economici causati dai tentativi di costruire un mondo senza riferimenti ai valori morali. Questi tentativi degli ultimi due decenni hanno portato non solo alla perdita della nozione di giustizia nelle relazioni internazionali, ma anche a scontri violenti, conflitti militari e alla diffusione del terrorismo e dell’estremismo in varie parti del mondo.

Oggi più che mai, le persone hanno difficoltà a navigare nel flusso di informazioni, a resistere all’indottrinamento ideologico e a mantenere una mente sobria e la pace mentale. Abbiamo assistito a una distorsione dei fatti storici e a una manipolazione senza precedenti della coscienza di massa. Non è forse questo il motivo per cui nella società c’è sempre meno amore, misericordia e compassione? Sempre più spesso sentiamo e leggiamo nello spazio pubblico parole piene di odio contro interi popoli, culture e religioni. La strada della dittatura, della rivalità e dello scontro scelta da alcuni governanti di questo mondo porta l’umanità alla rovina. E in queste circostanze, è la fede che può far riflettere le persone, riportarle sulla via del dialogo e della cooperazione, perché nelle religioni tradizionali rimangono immutabili i principi morali fondamentali dell’esistenza umana”.

Sebbene il vero dialogo di civiltà sia ancora lontano e l’avvertimento di Samuel Huntington sul conflitto di civiltà si stia avverando, questa piattaforma, con alcuni aggiustamenti, può servire come canale di comunicazione. Ciò è particolarmente importante dal punto di vista dell’informazione dei delegati stranieri sugli obiettivi e sui vari aspetti della SWE in Ucraina. I media globali occidentali distorcono i fatti e conducono deliberatamente una guerra di informazione contro la Russia, cercando di interrompere la cooperazione di Mosca con i partner e gli alleati.

Traduzione a cura di Lorenzo Maria Pacini

Foto: Idee&Azione

23 settembre 2022

Seguici sui nostri canali
Telegram 
Facebook 
YouTube