Una lista della spesa: cosa manca al pensiero alternativo

image_pdfimage_print

di Lorenzo Centini

1) Manca cosa contrapporre non al capitalismo inteso come fenomeno storico ma come modello di selezione raziocinante. Fino ad oggi abbiamo prevalentemente analizzato il capitalismo come modello o morale-etico (“Sangue contro oro”, “Morale dei mercanti”, mercificazione-feticcio, mentalità ebraico-protestante Vs mentalità indoeuropea ecc.) o storico (monarchia commerciale inglese, fine del servaggio e della divisione in caste, liberazione delle forze produttive nel Basso Medioevo ecc.). Dobbiamo principiare a pensare al capitalismo come quel luogo storico e sociale dove l’allocazione delle risorse segue il Mercato; cominciare ad intendere quest’ultimo non come un fatto storico puntuale o un’emanazione di potentati ma come criterio di allocazione delle risorse, del tempo e delle energie umane. Criterio che, va concesso, ha realizzato ciò che prometteva: la massimizzazione della produzione materiale.  O si sviluppa un’alternativa al Mercato come modo di allocazione più razionale oppure si è doppiamente condannati: prima a fallire e poi a inseguirlo.

Proposta: Il mercato funziona ottimamente per massimizzare la produzione, ma la stessa massimizzazione NON È l’unico criterio possibile. Imparare cosa rende il mercato davvero unico e “vincente”: aver compreso che l’attribuzione del valore a tempo, energie e materiale è individuale e che tale valore non può essere DECISO perchè sta nella realtà delle sue interazioni. E poi rovesciarlo: la valutazione individuale pone il problema dello scopo per il quale la valutazione individuale comincia. In parole povere: davvero la felicità individuale è la base di quella collettiva?

2) Manca il coraggio di rompere col concetto di Diritto Umano. Senza rompere col Diritto Umano inteso come diritto che l’uomo ha in quanto uomo e dal quale si parte sempre o si finisce per essere ipocriti o si finisce per essere inefficaci. Bisogna prendersi la responsabilità di dichiarare il ricatto che il concetto di Diritto Umano fa al mondo e provare a sostituirlo con qualcosa che MANTENGA NEI FATTI il diritto alla vita, alla libertà, etc. ma che non parta da essi.

Proposta: Far risaltare come il Diritto Umano sia una concezione storicamente installata e come il Diritto sia alla fine una PRETESA ai danni della realtà. Il Diritto è come voler sommare una pera e una mela e pensare che il risultato sia il numero astratto 2.

Foto: Idee&Azione

12 dicembre 2022

Seguici sui nostri canali
Telegram 
Facebook 
YouTube