Una svolta negli affari mondiali

image_pdfimage_print

di Alastair Crooke

Gli inglesi e gli americani spingono incessantemente per l’operazione Kherson. Sarebbe però ironico che questa operazione sia l’errore di giudizio dell’Occidente che tira il primo filo del suo progetto ucraino.

Kiev sta perdendo la sua disperata scommessa di mostrare al mondo che la sua guerra con la Russia non è una causa persa. Il team Zelensky è stato sottoposto a forti pressioni occidentali per lanciare la sua lunga controffensiva su Kherson. Lo scorso luglio, Richard Moore, il capo dell’MI6, parlando all’Aspen Security Forum, aveva predetto che le forze russe erano “sul punto di esaurire le forze” e che l’arresto dell’avanzata russa avrebbe dato alle forze ucraine “l’opportunità di vendicarsi con le crescenti quantità di armi di qualità che hanno ricevuto”.

Questo era un chiaro messaggio dell’intelligence britannica che ci si aspettava un contrattacco da Zelensky.

Ebbene… era luglio. E pochi giorni fa è stata finalmente lanciata la controffensiva di Kherson, nonostante il notevole clamore dei media anglosassoni. Rapporti e fotografie corroboranti, tuttavia, suggeriscono che non solo l’offensiva è iniziata con un macabro fallimento – con gli ucraini respinti dai pochi villaggi che avevano originariamente preso come parte di una spinta tattica – ma anche che le forze ucraine hanno subito pesanti perdite. Più di 1700 uomini furono persi durante questo primo confronto.

Quanto velocemente cambiano i contesti in questi tempi tumultuosi: i russi non sono mai stati bloccati; è semplicemente appropriato che Mosca “rallenta” le sue operazioni militari in Ucraina. L’estensione della durata dell’operazione militare offre semplicemente un maggiore margine di manovra per far sentire la pressione energetica esercitata da Mosca sull’Europa. La classica guerra di artiglieria incrementale limita anche le vittime russe, infliggendo maggiori perdite al nemico.

Questo per quanto riguarda il contesto ristretto. Il contesto più ampio rivela che il terreno trema sotto i piedi di Zelensky: l’opinione pubblica europea ha iniziato a criticare a cascata le sanzioni europee contro la Russia e la stanchezza della guerra sta crescendo con l’avanzare del rullo compressore lento e del fuoco calibrato dell’artiglieria russa. Zelensky rischia di vedere il suo sostegno occidentale diminuire o scomparire.

In particolare, l’Ucraina non è stata in grado di rafforzare le posizioni assediate, né di contrattaccare, quindi di tenere i territori riconquistati. Di conseguenza, abbiamo visto il contributo finanziario dell’UE all’Ucraina sempre più messo in discussione, poiché la sua popolazione deve affrontare l’austerità a causa dell’inflazione e le consegne di sistemi d’arma dall’UE stanno diminuendo. Anche gli americani stanno riducendo le consegne di armi mentre le loro scorte (esplicitamente insufficienti) stanno affondando verso la soglia critica.

Gli europei sono in crisi e devono affrontare enormi bollette energetiche. Le piccole e medie imprese in bancarotta si rivoltano contro i loro leader. Questo è il motivo per cui l’Occidente considera così importante mostrare all’elettorato almeno un risultato tangibile e duraturo della sua guerra in Ucraina, anche se questa “vittoria” riguarda più l’immagine e le pubbliche relazioni, che sostanza. La controffensiva di Kherson avrebbe dovuto essere quel risultato, ma non funzionerà. E le conseguenze si ripercuoteranno sulla politica americana ed europea.

L’ansia occidentale tocca strati più profondi. Non è solo legato all’Ucraina. La struttura del mondo sta cambiando. Il commercio come lo conosciamo – un sistema che dipendeva da un mondo interconnesso e da linee di approvvigionamento lunghe e complesse – è già scomparso e non sta per tornare.

Inoltre, l’interruzione di queste complesse linee di approvvigionamento “just-in-time” a causa delle sanzioni imposte alla Russia è il motivo per cui l’inflazione galoppante non sarà tenuta sotto controllo in tempi brevi. Le complesse catene di approvvigionamento funzionano solo in tempo di pace, ma non quando il mondo è in guerra, che si tratti di una guerra calda o di una guerra economica.

Ancora più importante è il “quadro generale” che preoccupa l’Occidente, e cioè che la vecchia interconnessione che ora si frattura palpabilmente in distinte sfere commerciali ha semplicemente contribuito a una bassa inflazione occidentale (prodotti cinesi a buon mercato ed energia russa a buon mercato). Questa bassa inflazione è stata accompagnata da un periodo di bassi tassi di interesse che è durato per decenni. Tutti questi elementi costituiscono l’essenza stessa del successo economico globale dell’Occidente e ne definiscono anche la vulnerabilità: l’eccessivo indebitamento.

L’Occidente è diventato molto ricco “stampando” denaro per acquistare beni di consumo molto più numerosi del valore della produzione garantito. Ma questa capacità di “stampare” è nata da circostanze uniche di bassa inflazione, resa possibile dalle esportazioni a basso costo dalla Russia e dalla Cina.

Certo, l’Occidente non vuole certo che finisca il paradigma della bassa inflazione, ma in questa epoca di conflitto in cui materie prime, fabbriche e flotte navali sono dominate da Stati (Russia e Cina) in conflitto con l’Occidente, il mondo la bassa inflazione è giunta al termine.

Nel paradigma odierno – quello di un “flop” della controffensiva di Kherson – i leader occidentali saranno quantomeno costretti a testare la fattibilità di continuare il loro quadro politico, poiché la realtà mostra che l’approvvigionamento energetico limita inesorabilmente la misura quale queste politiche di “salvataggio Ucraina” possono essere perseguite (senza provocare una rivolta popolare nel paese).

Questa ‘realtà’ emergente, ovviamente, limita anche, per estensione, l’obiettivo geostrategico occidentale associato all’Ucraina – che è la salvaguardia dell”ordine di governo liberale’ (così centrale per l’Occidente). un ordine che è già minacciato dal cambiamento strutturale geostrategico.

Ciò che è paradossale in questa vicenda sono le notizie secondo cui Zelensky è stato avvertito dal suo capo di stato maggiore, Zaluzhny, e dall’alto comando, che l’attacco dei russi nella regione di Kherson potrebbe portare le forze ucraine in una trappola – un’esca, in altre parole. Lo misero in guardia contro l’offensiva di Kherson (su un terreno pianeggiante della steppa con poche trincee fortificate e poca copertura forestale), poiché rischiava di causare notevoli perdite di manodopera, nonché la demoralizzazione delle truppe. Hanno invece proposto un’offensiva centrata su Izium nell’oblast di Kharkiv.

Ma sono stati respinti. Zelensky, a dire il vero, si trova di fronte a un dilemma: inglesi e americani stanno spingendo per l’operazione Kherson, ne parlano da mesi, e sono loro a “pagare il pifferaio”. Tuttavia, sarebbe ironico se fosse l’errore di giudizio dell’Occidente a tirare il primo filo del suo progetto ucraino.

Traduzione a cura di Luciano Lago

Foto: Controinformazione.info

7 settembre 2022