Un’operazione militare speciale è uno scontro tra due tipi di ordine mondiale

image_pdfimage_print

di Aleksandr Dugin

L’operazione speciale militare (Special Military Operation in inglese) può finire solo con una vittoria russa. Intervista con Alexander Dugin.

1.Ci sono due opinioni principali su ciò che sta accadendo in Ucraina. Alcuni dicono che è una “guerra civile”, altri dicono che è uno scontro di civiltà. Cosa ne pensate?

L’operazione militare speciale (SMO) in Ucraina è un fenomeno di portata globale. Può essere interpretato in modi diversi e le singole interpretazioni non si contraddicono ma si completano a vicenda. È uno scontro di civiltà, secondo Huntington. Dopo la fine del mondo bipolare, c’è stato un mondo unipolare (fine della storia di Fukuyama) per qualche tempo, ma è arrivato alla fine. La Russia si sta affermando come una civiltà separata e rifiuta di sottomettersi all’Occidente e al globalismo liberale. Si tratta quindi di un conflitto di due civiltà: l’Occidente, che rivendica ancora l’universalità e l’unità (egemonia, globalismo); e il russo, ortodosso-eurasiatico.

La SMO è una guerra civile all’interno di una singola nazione slava orientale. La sua parte sud-occidentale (i Malorussi) passò sotto l’influenza dell’Atlantismo. Un’identità ucraina nazista artificiale è stata impiantata ed è stata così creata l’Anti-Russia. Oggi, la Russia sta combattendo l’Anti-Russia, ma su un unico territorio. Pertanto, le azioni dell’esercito russo in Ucraina e gli attacchi delle truppe ucraine sul territorio russo (Belgorod, Rostov, Kursk oblasts, Krasnodar Krai) – equipara lo spazio di Ucraina e Russia in qualcosa di unificato. Qui ci sarà o una potenza eurasiatica o una atlantica, ma la lotta stessa si svolge su un territorio comune all’interno della stessa nazione artificialmente divisa. Ecco perché questa guerra è una guerra civile.

La SMO è una battaglia tra due tipi di ordine mondiale: unipolare e multipolare. La Russia sta combattendo non solo per i suoi interessi nazionali, ma anche per un nuovo modello di architettura mondiale, non può essere il secondo polo oggi, sta lottando per il diritto di essere uno dei vari poli e invita altri partecipanti a diventare un polo, come la Cina, polo già disponibile, l’India, i paesi islamici, l’America Latina, l’Africa e anche l’Europa.

  1. La Russia, secondo lei, rappresenta la cultura tradizionale. L’Occidente, d’altra parte, è una specie di anti-Cristo. Perché?

La Russia rappresenta una società tradizionale, ma naturalmente non fino in fondo. In ogni caso la Russia è più tradizionale dell’Occidente. Quindi i valori tradizionali – religione, famiglia, fedeltà alla storia, identità, divieto del matrimonio gay sono tutti contenuti nella nostra Costituzione. In Occidente i valori sono proprio l’opposto, anti-tradizionali. Ma chi è il principale nemico della tradizione sacra? Chi rovescia il sistema di valori chiamando bene il male? L’Anticristo. Il moderno Occidente liberale globalista è l’Anticristo.

  1. È vero che la parola guerra non può essere usata in Russia. Rientra nella propaganda o ci sono altre ragioni?

La SMO non è una guerra, perché l’Ucraina non è il nemico. L’operazione è contro il nazismo ucraino e la russofobia. Nella misura in cui il governo ucraino sostiene il nazismo e incoraggia la russofobia, nella misura in cui anch’esso diventa un obiettivo della SMO.

  1. Pensa che stiamo andando verso una terza guerra mondiale?

È molto possibile. La NATO sostiene e arma attivamente l’Ucraina e i battaglioni della morte nazisti. Così la NATO non solo non sta cercando di porre fine al conflitto, ma lo sta infiammando. Mosca non può non vedere il ruolo attivo dei paesi della NATO in questa situazione. Il mondo è sull’orlo di una guerra nucleare.

  1. E sull’orlo di un nuovo ordine mondiale?

Il nuovo ordine mondiale implica l’istituzione di un governo mondiale. Questa idea è apertamente espressa dai liberali dell’OI (è apertamente descritta in ogni libro di testo dell’OI), dagli ideologi del Forum di Davos e dai sostenitori del Grande Reset. La Russia e la Cina come due poli sovrani sono ostacoli sulla strada verso il Nuovo Ordine Mondiale.

La SMO è diretta esattamente contro questo, contro il Nuovo Ordine Mondiale, il Governo Mondiale e il Grande Reset.

  1. È l’aggressore, non l’aggredito, che è colpevole di guerra. Almeno, questo è spesso il caso. Questo potrebbe danneggiare l’immagine della Russia?

Il colpevole è sempre quello che ha perso. Gli Stati Uniti sono stati l’aggressore molte volte nel ventesimo e ventunesimo secolo e nessuno (o quasi) accetta la colpa del bombardamento della Jugoslavia, dell’invasione dell’Iraq, dell’occupazione dell’Afghanistan o della complicità nelle guerre civili in Libia e Siria sugli Stati Uniti e sulla NATO. Chiunque vinca ha ragione. L’immagine della Russia sarà rovinata solo se non riuscirà ad attuare gli obiettivi fissati e dichiarati nella SMO: la completa smilitarizzazione e denazificazione dell’Ucraina. I vincitori non vengono mai giudicati e i perdenti vengono sempre giudicati.

  1. O pensa che gli ucraini siano gli aggressori?

Gli aggressori sono l’Occidente e le élite globaliste, che hanno creato artificialmente un regime nazista russofobo aggressivo in Ucraina, che ha distrutto la popolazione pacifica del Donbass per 8 anni e si sta preparando per un’offensiva nel prossimo futuro. La Russia ha intrapreso un’azione preventiva.

  1. Come uscirà Putin da questo conflitto?

Solo come vincitore. Non ha altra via d’uscita da questa situazione per ragioni esterne e interne.

  1. Lei ha affermato che Putin è stato costretto a lanciare un’operazione militare contro l’Ucraina. Vorrebbe spiegare questo suo pensiero?

Putin è stato costretto ad avviarla perché l’esercito ucraino era pronto a lanciare un attacco sul Donbass. Se avesse avuto successo in questo, sarebbe seguita un’aggressione militare contro la Crimea. Putin non ha aspettato che questo iniziasse e ha colpito per primo. Qualsiasi sovrano al suo posto, impegnato nella sovranità del suo potere, avrebbe fatto lo stesso.

  1. Cosa pensa del battaglione Azov?

È un’entità terroristica nazista simile all’ISIS (un’organizzazione terroristica vietata nella Federazione Russa). È stato creato e addestrato da istruttori occidentali. Azov ha torturato, ucciso, violentato e sterminato senza pietà la popolazione locale del Donbass, perché la maggior parte di essa è stata reclutata dall’Ucraina occidentale, un’entità etnica molto diversa. Azov resiste oggi così ferocemente all’esercito russo perché i suoi membri sono stati messi fuori legge dalla Russia e sono soggetti allo sterminio, come terroristi.

  1. Come persona di cultura, come spera che quello che sta succedendo finisca? E soprattutto quando e come pensate che finirà?

Nessuno lo sa. La cultura non c’entra niente. La SMO può finire solo con la vittoria della Russia. Se non c’è vittoria, non ci sarà la fine delle ostilità.

Traduzione a cura di Lorenzo Maria Pacini

Foto: Idee&Azione

20 aprile 2022