USA, la democrazia come arma: tutti i segreti della NED [1/2]

image_pdfimage_print

di Giulio Chinappi

La National Endowment for Democracy (NED) è un’agenzia statunitense fondata nel 1983 con l’obiettivo dichiarato di “promuovere la democrazia” nei Paesi terzi. In realtà, si tratta di una vera e propria arma politica a disposizione di Washington, come dimostra l’analisi pubblicata dal Ministero degli Esteri della Repubblica Popolare Cinese, che qui riportiamo in traduzione.

Gli Stati Uniti hanno a lungo utilizzato la democrazia come strumento e arma per minare la democrazia in nome della democrazia, per incitare alla divisione e al confronto e per intromettersi negli affari interni di altri Paesi, causando conseguenze catastrofiche.

La National Endowment for Democracy (NED), in quanto uno dei principali “soldati di fanteria”, “guanti bianchi” e “crociati per la democrazia” del governo degli Stati Uniti, ha sovvertito i governi legali e coltivato forze fantoccio pro-USA in tutto il mondo con il pretesto di promuovere democrazia. Il suo passato vergognoso ha suscitato un forte malcontento nella comunità internazionale.

Nel mondo di oggi, la pace e lo sviluppo sono il tema dei tempi e la tendenza verso una maggiore democrazia nelle relazioni internazionali è inarrestabile. Qualsiasi tentativo di interferire negli affari interni di altri Paesi in nome della democrazia è impopolare ed è destinato al fallimento.

  1. Struttura organizzativa della NED

Dopo la seconda guerra mondiale, gli Stati Uniti hanno aperto un fronte segreto contro l’Unione Sovietica attraverso la Central Intelligence Agency (CIA) e altri apparati di intelligence. Negli anni ’60, gli Stati Uniti si erano resi conto gradualmente che era tutt’altro che sufficiente per “promuovere la democrazia” solo con mezzi segreti. C’era un urgente bisogno di istituire un “meccanismo pubblico-privato” per fornire apertamente i finanziamenti. Nel 1983, e con gli sforzi dell’allora presidente degli Stati Uniti e di altre persone, la NED è stata fondata come istituzione bipartisan senza scopo di lucro.

La NED è nominalmente una ONG che fornisce sostegno alla democrazia all’estero, ma in realtà si basa sul continuo sostegno finanziario della Casa Bianca e del Congresso degli Stati Uniti e prende ordini dal governo degli Stati Uniti. Attraverso la fornitura di finanziamenti, ha manipolato e indirizzato le ONG in tutto il mondo a esportare valori americani, condurre sovversione, infiltrazione e sabotaggio e incitare i cosiddetti “movimenti democratici” nei Paesi e nelle regioni target. È essenzialmente il “guanto bianco” del governo degli Stati Uniti che serve gli interessi strategici degli Stati Uniti.

Già nel 1991il fondatore della NED Alan Weinstein ha affermato senza mezzi termini in un’intervista al Washington Post che molto di ciò che stavano facendo era ciò che la CIA aveva fatto 25 anni fa. La NED divenne quindi conosciuta a livello globale come la “seconda CIA”.

La NED ha quattro istituti principali: il National Democratic Institute e l’International Republican Institute, principalmente responsabili del sostegno ai gruppi politici locali; l’American Center for International Labour Solidarity responsabile della promozione dei sindacati e dei movimenti sindacali; e il Center for International Private Enterprise per la cooptazione di imprese private. Attraverso questi quattro istituti, la NED è diventata la mente dietro le rivolte separatiste, le rivoluzioni colorate, le crisi politiche, le bugie e le voci e le infiltrazioni in tutto il mondo, con un elenco sempre crescente di mali.

  1. Istigare rivoluzioni colorate per sovvertire il potere statale

La NED è stata vista dietro le rivoluzioni colorate istigate e orchestrate dagli Stati Uniti, inclusa la disintegrazione dell’Unione Sovietica, la Rivoluzione delle Rose in Georgia, la Rivoluzione arancione in Ucraina e la Primavera araba.

  1. La NED ha istigato rivoluzioni colorate contro paesi “ostili”. I primi documenti della NED hanno rivelato le attività della NED principalmente nell’Europa orientale per sovvertire il potere statale già alla fine degli anni ’80.

◆ Il 27 agosto 1989, il Washington Post ha pubblicato un rapporto intitolato “Come abbiamo aiutato Solidarność a vincere”, sottolineando che la NED ha fornito sostegno finanziario a Solidarność in Polonia per aiutarli a rovesciare l’allora governo polacco, annunciando drastici cambiamenti nell’Europa orientale.

◆ Nell’ottobre 2000, la NED ha finanziato e istigato la Rivoluzione di velluto in Serbia che ha rovesciato il governo Milošević. Nel 1999 e nel 2000, la NED ha finanziato l’opposizione serba rispettivamente con 10 milioni e 31 milioni di dollari USA per la sua rapida espansione. La NED ha anche aiutato la formazione segreta di un gruppo di studenti universitari prima di consegnarli alla guida di un gruppo studentesco chiamato Otpor! (Resistenza!) che in seguito istigò rivolte. Il Washington Post ha scritto nella sua analisi postuma della Rivoluzione di velluto serba che i consiglieri finanziati dagli Stati Uniti hanno svolto un ruolo chiave dietro le quinte in quasi ogni aspetto del movimento anti-Serbia. Hanno monitorato i sondaggi, formato migliaia di attivisti dell’opposizione e hanno contribuito a organizzare la cruciale tabulazione dei voti paralleli.

◆ Nel 2003 in Georgia è scoppiata la Rivoluzione delle Rose, e poi il presidente Eduard Shevardnadze è stato costretto a dimettersi. In questa rivoluzione colorata, la NED ha pianificato e partecipato all’intero processo dalla “selezione” dei leader dell’opposizione, addestrando l’opposizione e fornendo enormi fondi. Dopo il successo della rivoluzione, la NED ha continuato a offrire “fondi generosi”. Solo nel 2004, la NED ha fornito quasi 540.000 dollari a 12 ONG in Georgia.

◆ Alla fine del 2004, durante la Rivoluzione arancione in Ucraina, gli Stati Uniti hanno offerto 65 milioni di dollari USA all’opposizione ucraina attraverso la NED e altre organizzazioni. Quando nel 2013 sono scoppiate massicce manifestazioni anti-governative in Ucraina, la NED ha finanziato fino a 65 ONG nel Paese e ha persino fornito ingenti fondi per pagare i “stipendi” a tutti i manifestanti. RIA Novosti ha riferito che la NED aveva investito 14 milioni di dollari USA in un progetto in Ucraina che ha portato alle grandi manifestazioni nel 2014 che hanno rovesciato l’allora governo Janukovyč.

  1. La NED è stato un importante fattore abilitante dietro le Primavere Arabe. In Egitto, Yemen, Giordania, Algeria, Siria, Libia e altri Paesi, la NED ha fornito sostegno finanziario a individui e gruppi filoamericani sostenendo il femminismo dichiarato, la libertà di stampa e le attività sui diritti umani. Ha esportato vari tipi di idee anti-governative, incitato a rivoluzioni colorate e ha precipitato il mondo arabo in guerre, disordini sociali e recessione economica.

◆ Alla fine di gennaio 2011, in Egitto sono scoppiate manifestazioni anti-governative su larga scala. L’11 febbraio il presidente Hosni Mubarak si è dimesso. Secondo i cablogrammi diplomatici statunitensi e altri materiali ottenuti da WikiLeaksla NED ha svolto un ruolo importante nell’organizzazione e nella manipolazione di manifestazioni anti-governative in Egitto. Attraverso ONG come l’Associazione nazionale per il cambiamento e il Movimento giovanile del 6 aprile, la NED ha fornito finanziamenti, formazione e altro supporto alle manifestazioni. Il nome e lo slogan della National Association for Change sono identici a quelli delle organizzazioni antigovernative di altri Paesi che hanno ricevuto una formazione dalla NED.

◆ In Libia, la NED ha finanziato, tra gli altri, i fondatori delle organizzazioni anti-governative Libya Forum for Human and Political Development, Libyan Transparency Association e il fondatore di Libya akhbar fuggito a Londra. Questi gruppi erano attivi nella guerra civile libica del 2011.

◆ In Yemen, la NED ha finanziato e lavorato a stretto contatto con ONG come “Women Journalists Without Chains” e ha svolto un ruolo importante nelle proteste antigovernative del 2011 in Yemen. La fondatrice delle “Donne Giornaliste Senza Catene” Tawakkol Karman ha organizzato e guidato manifestazioni studentesche contro il governo Saleh.

◆ In Algeria, un certo numero di organizzazioni coinvolte nelle proteste della Primavera Araba hanno ricevuto finanziamenti dalla NED. I rapporti annuali della NED hanno rivelato che la Lega algerina per la difesa dei diritti umani ha ricevuto finanziamenti statunitensi nel 2003, 2005, 2006 e 2010. L’Unione nazionale autonoma del personale della pubblica amministrazione aveva stretti legami con il Centro americano per la solidarietà internazionale del lavoro affiliato alla NED.

  1. La NED ha istigato la “rivoluzione colorata” in Bolivia, costringendo il presidente Evo Morales a dimettersi e ad andare in esilio. Durante i quasi 14 anni di governo del governo di sinistra sotto Morales, la Bolivia ha goduto di stabilità politica e del tasso di crescita più rapido del Sud America. Il suo tasso di povertà ha continuato a diminuire, i mezzi di sussistenza delle persone sono notevolmente migliorati e le tensioni tra i bianchi e gli indigeni si sono notevolmente attenuate. Il governo Morales ha vinto le elezioni generali, ma è stato costretto a dimettersi dai “movimenti di piazza” e dall’esercito e dalla polizia. La NED ha giocato un ruolo in più di un modo.

Primo, ha governato le forze anti-Morales nel corso degli anni. Tra il 2013 e il 2018, la NED e la USAID hanno fornito, con vari mezzi, 70 milioni di dollari USA all’opposizione in Bolivia, finanziato élite bianche, ex esponenti politici di destra e altri elementi anti-Morales, hanno intrecciato una rete anti-Morales che si estende attraverso le università, gruppi di riflessione e organizzazioni civili, e ha persino coinvolto gli indigeni boliviani per opporsi a Morales. Un certo numero di figure di spicco dell’opposizione ha ricevuto tale sostegno finanziario o ha avuto strette interazioni con gli Stati Uniti.

In secondo luogo, la presunta “frode elettorale” in una campagna di lavaggio del cervello. A partire dal 2018, NED ha investito rispettivamente 45.000 e 42.000 dollari USA attraverso la Fundación para el Periodismo (Fondazione per il Giornalismo) e l’Agencia de Noticias Fides Compañía de Jesús (Agenzia stampa Fides Compagnia di Gesù) per incoraggiare i media di destra in Bolivia a scavare nella sporcizia sulla corruzione e l’abuso di potere da parte del governo Morales e di etichettare Morales, che chiedeva la rielezione, come un “dittatore”. Ha stanziato 45.000 dollari USA attraverso la Fundación Milenio (Fondazione Millennio) per sponsorizzare università, consigli economici e ONG per promuovere “elezioni eque” e “trasparenza giudiziaria”, al fine di creare aspettative pubbliche per la “frode elettorale” di Morales.

Terzo, ha diretto i movimenti di strada. Il 29 ottobre 2019, dopo la pubblicazione del risultato delle elezioni generali, i leader dell’opposizione, tra cui Carlos Mesa, hanno organizzato una “manifestazione pacifica”, chiedendo una replica delle elezioni e distribuendo denaro ai manifestanti. Il leader dell’opposizione José Antonio Camacho, che, in seguito, divenne un fulcro della propaganda dei media di destra sostenuti dalla NED, incitò scioperi a livello nazionale e divenne un portavoce audace e controllabile degli Stati Uniti. Il NED ha anche speso 200.000 dollari USA attraverso l’International Republican Institute, un istituto centrale della NED, per migliorare le capacità di mobilitazione e organizzazione dei partiti di opposizione e dare consigli ai “movimenti di strada”.

III. Collusione con i gruppi politici locali per immischiarsi nell’agenda politica di altri Paesi

Infiltrandosi nei Paesi bersaglio, coltivando le forze antigovernative locali e alimentando le tensioni sociali, la NED ha messo le mani negli affari interni di altri Paesi.

  1. Ingerenza nelle elezioni di Hong Kong e interferenza negli affari interni della Cina. La NED ha contattato partiti, gruppi e organizzazioni di opposizione a Hong Kong attraverso il suo affiliato National Democratic Institute for International Affairs o National Democratic Institute (NDI). Dal 1997, l’NDI ha pubblicato 18 rapporti di valutazione volti a influenzare lo “sviluppo democratico” di Hong Kong. Nel 2002, l’NDI ha aperto un ufficio a Hong Kong. Nel 2003 ha finanziato le “marce del 1º luglio” orchestrate dall’opposizione per ostacolare la legislazione sull’articolo 23. Nel 2004 ha finanziato la partecipazione di partiti e gruppi di opposizione a workshop e seminari e ha fornito consulenza personale sulle capacità di campagna per i loro leader. Nel 2005 ha condotto un programma per giovani leader politici per sostenere i gruppi politici emergenti nell’affrontare il governo. Nel 2006 ha finanziato un “Progetto di transizione ad Hong Kong”. Nel 2007 ha suddiviso le sue attività a Hong Kong in quattro programmi, ovvero una serie di rapporti intitolati “The Promise of Democratization in Hong Kong”, un’indagine sulle percezioni, l’impegno pubblico dei giovani e la partecipazione politica delle donne. Nel 2008 ha organizzato un vertice per gli studenti. Nel 2010 ha pianificato, insieme ai membri dell’opposizione del Consiglio Legislativo (LegCo), un “referendum in cinque distretti”. Nel 2012, ha finanziato l’Università di Hong Kong nell’apertura di un sito Web denominato “Design Democracy Hong Kong”, ha reclutato stagisti universitari e ha finanziato il vertice per gli studenti. Nel 2014 ha diretto e finanziato l’opposizione e i giovani radicali nell’orchestrare il movimento illegale “Occupy Central”.

Secondo il sito web della NED, nel 2020 sono stati spesi 2 milioni di dollari USA per 11 progetti legati a Hong Kong, con particolare attenzione all’interruzione delle elezioni del Consiglio Legislativo. I progetti chiave includono: “Rafforzare l’osservazione elettorale dei cittadini“, che ha offerto assistenza tecnica e finanziaria ai gruppi destabilizzanti di nuova formazione a Hong Kong e li ha incoraggiati a ostacolare le elezioni del Consiglio Legislativo attraverso il monitoraggio delle elezioni, metodi di ritiro del voto, ecc.; “Amplificare le prospettive dei cittadini sulla partecipazione politica“, che ha raccolto e diffuso i risultati di un’indagine sullo sviluppo democratico e ha indotto i giovani di Hong Kong a condividere le loro esperienze di partecipazione politica su Internet; “Sostenere l’unità tra gli attivisti studenteschi“, che ha chiesto un migliore coordinamento tra i gruppi studenteschi di Hong Kong prima delle elezioni del Consiglio Legislativo, e li ha istruiti e formati per creare capacità di “cambiamento democratico” e comunicazione internazionale e per svolgere un ruolo nello sconvolgere l’ordine elettorale; e “Costruire la solidarietà regionale e rafforzare il movimento di Hong Kong“, che ha cercato di rafforzare il “movimento democratico” di Hong Kong attraverso la costruzione di reti, coltivare “attivisti leader” di prossima generazione a Hong Kong e creare una rete di “movimento democratico” in Asia.

  1. Interferire nelle elezioni russe e minacciare la sicurezza costituzionale, di difesa e nazionale russa. Secondo l’Ufficio del procuratore generale della Federazione Russa, tra il 2013 e il 2014, la NED ha stanziato 5,2 milioni di dollari USA alle organizzazioni russe. Nel luglio 2015, la NED è stata dichiarata “organizzazione indesiderata” dalla Russia. Una dichiarazione ufficiale dalla Russia ha sottolineato che la NED “ha partecipato al lavoro per riconoscere i risultati elettorali come illegittimi, per organizzare l’azione politica con l’obiettivo di influenzare la politica del governo e per screditare il servizio militare russo”.
  2. Creare instabilità politica in Bielorussia. Gli Stati Uniti hanno ideato tre “rivoluzioni colorate” contro il governo bielorusso rispettivamente nel 2006, 2010 e 2020, durante le quali la NED ha svolto un ruolo importante. Nel 2020, la NED ha speso un totale di 2,35 milioni di dollari USA in progetti relativi alla Bielorussia. Con il pretesto di far avanzare i processi politici, la NED ha condotto un progetto per promuovere “elezioni libere ed eque” con un finanziamento di 80.000 dollari USA. Nell’ambito del progetto, prima delle elezioni presidenziali è stata lanciata un’ampia campagna pubblicitaria per informare i cittadini sui diritti elettorali e sul monitoraggio elettorale indipendente; e durante la campagna, sono stati effettuati corsi di istruzione e formazione sul voto per attivisti, osservatori schierati per monitorare il processo di voto e monitorare i risultati pubblicati attraverso una varietà di organi di stampa.

Il 9 agosto 2020, il presidente in carica Aljaksandr Lukašėnka ha ottenuto il suo sesto mandato presidenziale con l’80,1% dei voti. L’opposizione ha denunciato una frode elettorale, che ha portato per giorni a proteste di massa a Minsk e in altre città e rivolte in alcune regioni. La NED era molto impegnata durante questo periodo. Il 17 maggio 2021, RT ha pubblicato una videochiamata tra la leadership della NED e le figure dell’opposizione della Bielorussia. Nella videochiamata, l’allora presidente della NED Carl Gershman ha ammesso che la NED operava da tempo in diverse parti della Bielorussia e si era impegnata in presunte attività per i diritti civili nella Bielorussia orientale, tra cui Vicebsk e Homel’. La NED ha sostenuto la leader dell’opposizione Svjatlana Cichanoŭskaja e ha lavorato con la sua squadra attraverso i suoi istituti principali per facilitare le attività della squadra.

Commentando le attività della NED in Bielorussia, Dmitrij Jegorčenkov, un esperto russo di relazioni internazionali, ha affermato che la NED ha finanziato molti “media indipendenti” e, sebbene i finanziamenti per ogni singolo mezzo di comunicazione possano non sembrare così significativi, i destinatari sono molti. Secondo il sito web della NED, tra il 2016 e il 2020, NED ha finanziato 119 progetti in Bielorussia nella categoria “Libertà di informazione”, spendendo una media di 50.000 dollari USA per ogni progetto. Questa particolare categoria ha ricevuto più finanziamenti di qualsiasi altra categoria per cinque anni consecutivi.

  1. Interferire nelle elezioni parlamentari della Mongolia. L’International Republican Institute (IRI), uno degli istituti centrali del NED, è stato profondamente coinvolto nelle elezioni parlamentari della Mongolia nel 1996. Nel suo rapporto annuale del 1996, l’IRI ha rivelato di aver fornito formazione ai partiti di opposizione del Paese sul reclutamento, sulla costruzione dell’organizzazione e le attività della campagna dal 1992. Su istigazione dell’IRI, le forze “democratiche” sparse in Mongolia sono state integrate in due partiti politici e successivamente hanno formato un’alleanza di opposizione unificata all’inizio del 1996, prendendo 50 dei 70 seggi nel parlamento della Mongolia. Secondo diversi rapporti annuali della NED, questa ha assegnato all’IRI oltre 480.000 dollari USA di sovvenzioni tra il 1992 e il 1996. Nel solo 1996, quasi 160.000 dollari USA sono stati stanziati per l’alleanza di opposizione della Mongolia per vincere le elezioni.
  2. “Monitoraggio” delle elezioni e del referendum costituzionale in Kirghizistan. Dal 2013 al 2020, NED ha stanziato oltre 13 milioni di dollari USA a media e varie ONG nel paese. I finanziamenti NED per “notizie dirompenti” in Kirghizistan hanno raggiunto oltre 2 milioni di dollari USA nel 2020, che includevano lo stanziamento di 300.000 dollari USA al sito web di Kloop Media per “monitorare” il referendum costituzionale del Kirghizistan e le elezioni parlamentari locali. Il sito web ha reclutato 1.500 “osservatori” durante le elezioni presidenziali del gennaio 2021 e ha assunto 3.000 “osservatori” durante le elezioni parlamentari locali e il referendum costituzionale di aprile.
  3. Suscitare proteste e manifestazioni in Thailandia. Nel 2020 sono scoppiate proteste e manifestazioni per le strade della Thailandia. Organizzazioni come i Thai Lawyers for Human Rights (TLHR), finanziate dalla NED, hanno pubblicamente sostenuto e incitato le proteste di strada. Il Bangkok Postha rivelato che TLHR aveva ricevuto fondi dalla NED. The Nation, un quotidiano thailandese, ha riferito che la NED ha anche finanziato piattaforme mediatiche tra cui Prachatai, un media online, e ONG come iLaw, un’istituzione legale basata su Internet. La NED ha interferito negli affari interni della Thailandia attraverso queste piattaforme e organizzazioni mentre chiedevano al governo thailandese di modificare la costituzione.
  4. Incitare i partiti di opposizione in Nicaragua a prendere il potere con la forza. Il sostegno alle forze politiche pro-USA nel Paese centroamericano del Nicaragua è stato tra i primi programmi della NED dopo la sua fondazione nel 1983.Tra il 1984 e il 1988, la NED ha fornito circa 2 milioni di dollari USA di fondi alle forze di opposizione in Nicaragua, aiutando la loro leader Violeta Chamorro, che diventerà presidente eletta nel 1990. Ad oggi, la NED sta ancora convogliando fondi all’opposizione e ai media di destra in Nicaragua tramite la Fondazione Violeta Barrios de Chamorro per la riconciliazione e la democrazia fondata dopo le dimissioni di Violeta Chamorro. Secondo i registri pubblici, tra il 2016 e il 2019, la NED ha fornito almeno 4,4 milioni di dollari USA ai gruppi di opposizione nicaraguensi, comprese le organizzazioni dei mediaQueste forze hanno svolto un ruolo chiave nel violento tentativo di colpo di stato del Nicaragua nel 2018, quando hanno invitato i sostenitori dell’opposizione ad attaccare il governo e ad assassinare il presidente.
  5. Finanziare le forze anti-cubane per manipolare l’opinione pubblica contro il governo. Cuba ha sofferto a lungo delle infiltrazioni statunitensi e delle attività sovversive. I media cubani hanno rivelato che la NED e l’USAID hanno stanziato quasi 250 milioni di dollari USA per programmi rivolti a Cuba negli ultimi 20 anni. Secondo le sovvenzioni concesse divulgate nel 2021 sul sito web della NED, nel solo 2020 ha finanziato 42 programmi anti-Cuba. Nel 2021, la NED ha finanziato e guidato le forze anti-Cuba a fabbricare e diffondere disinformazione sui social network per alimentare i sentimenti pubblici contro il governo e istigare le persone a prendere parte ad attività che sconvolgessero l’ordine pubblico. Ad esempio, a metà giugno 2021, le forze anti-Cuba hanno diffuso voci secondo cui il sistema sanitario del Paese era stato sopraffatto dalla pandemia di COVID-19, provocando il panico pubblico. A luglio, sfruttando l’ondata di proteste di piazza a Cuba, la NED ha sfornato la fake news secondo cui “(più di) 100 manifestanti… sono scomparsi” e ha utilizzato i bot di Internet per diffonderla. È stato un tentativo maligno di influenzare l’opinione pubblica online e incitare il popolo cubano a rovesciare il proprio governo.
  6. Interferenza di lunga data negli affari interni del Venezuela. Dopo che Hugo Chávez, il “combattente anti-americano”, è stato eletto presidente del Venezuela nel 1999, la NED ha accelerato le sue operazioni dietro le quinte. Ha fornito finanziamenti continui all’opposizione venezuelana e ha invitato le persone a “corsi di formazione” negli Stati Uniti. Dal 1999, NED ha svolto attività tramite l’ufficio USAID presso l’Ambasciata degli Stati Uniti e gli uffici delle sue principali organizzazioni destinatarie in Venezuela. È rimasto in contatto e ha finanziato le attività di dozzine di istituzioni, partiti e organizzazioni di opposizione in Venezuela in nome della “promozione della democrazia”, della “risoluzione dei conflitti” e del “rafforzamento della società civile”. La spesa della NED per le attività di interferenza in Venezuela è aumentata di anno in anno. Era 257.800 dollari USA nel 1999, la più grande tra i Paesi i dell’America Latina. Nel 2000 è salita a 877.400 dollari USA. Nel 2002, l’Ufficio per la democrazia, i diritti umani e il lavoro del Dipartimento di Stato degli Stati Uniti ha stanziato fino a 1 milione di dollari USA per sostenere i programmi NED in Venezuela. Nel 2019, i programmi NED in Venezuela hanno totalizzato 2,66 milioni di dollari USA. Tra questi c’era un progetto NED incentrato sull’avanzamento dei “processi politici”, per “Rafforzare la divulgazione, la comunicazione e la capacità organizzativa” con il finanziamento di oltre 90.000 dollari USA, da utilizzare per fornire formazione e supporto agli attivisti locali, per rafforzare la comunicazione capacità degli attori democratici, di rafforzare la rete nazionale della “società civile” e di sviluppare gruppi di comunicazione per diffondere in tutto il Paese un messaggio (di speranza e sostegno) per la “democrazia”.

Nell’ottobre 2005, Juan Guaidó e altri quattro “leader studenteschi” venezuelani sono arrivati ​​a Belgrado, in Serbia, per partecipare alla formazione per l’insurrezione finanziata dalla NED. Dopo la formazione, Guaidó e altri sono tornati in Venezuela per promuovere idee di estrema destra, nel tentativo di influenzare i giovani venezuelani, ideando una serie di violente attività politiche di strada. Successivamente, Guaidó si è iscritto a un’università statunitense e, con il sostegno della NED, è stato attivo in importanti gruppi politici negli Stati Uniti. Dopo che Guaidó si è dichiarato “presidente ad interim” del Venezuela, la sua pagina Wikipedia è stata creata poco dopo e modificata 37 volte da organizzazioni affiliate alla NED, per sostenere la propaganda della sua “legittimità”. Nel novembre 2021, Russia Today ha riportato in un articolo che una serie di recenti documenti interni degli Stati Uniti ha rivelato come gli Stati Uniti si siano intromessi nel processo elettorale in Venezuela. I documenti hanno mostrato che i fronti dell’intelligence statunitense hanno armato i social media per promuovere l’opposizione di destra del Venezuela e assistere la loro elezione al parlamento, gettando così le basi per la nomina di Juan Guaidó a leader del Paese da parte di Washington.

I quattro istituti principali della NED si impegnano in tutti i tipi di attività in Venezuela. Hanno costruito stretti legami con i partiti di opposizione nel Paese e hanno contribuito a formare i partiti di opposizione esistenti o di nuova costituzione sull’organizzazione, la gestione, la pubblicità e altri fronti. Hanno fornito diversi pacchetti di finanziamento al più grande sindacato di opposizione in Venezuela e l’hanno spinto a organizzare proteste e manifestazioni anti-Chavez. Quando Nicolás Maduro ha prestato giuramento come presidente il 10 gennaio 2019, gli Stati Uniti e alcuni altri paesi hanno rifiutato di riconoscere il suo nuovo mandato e hanno istigato Juan Guaidó, allora presidente dell’Assemblea nazionale e leader dell’opposizione, a contendersi la leadership e sfidare apertamente Maduro. Guaidó si è poi dichiarato presidente ad interim e ha chiesto una nuova elezione presidenziale, facendo precipitare il Paese nei disordini. Le turbolenze in Venezuela sono un esempio lampante di quali sarebbero le “rivoluzioni colorate” pianificate dai delegati sostenuti dagli Stati Uniti. I molti anni di tentativi della NED di coltivare gli elementi dell’opposizione venezuelana hanno chiaramente giocato un ruolo. Nel marzo 2019, il ministro degli Esteri venezuelano Jorge Arreaza ha affermato che, finanziate dalla NED, molte organizzazioni hanno condotto attività destabilizzanti in tutto il Paese e hanno tentato di rovesciare il governo venezuelano negli ultimi 20 anni.

  1. Orchestrare un violento colpo di stato per realizzare il cambio di regime ad Haiti. L’Istituto Repubblicano Internazionale (IRI) è stato profondamente coinvolto nel violento colpo di stato del 2001 ad Haiti che ha rovesciato il presidente Jean-Bertrand Aristide democraticamente eletto. Nel febbraio 2001, Stanley Lucas, Senior Program Officer dell’IRI per Haiti, ha apertamente proposto tre modi per rimuovere il presidente Aristide in un programma radiofonico locale. L’allora sottosegretario di Stato americano Roger Francisco Noriega non solo ha collaborato con l’IRI per fornire finanziamenti all’opposizione ad Haiti, ma ha anche acconsentito alle tattiche separatiste dell’opposizione durante la mediazione della crisi politica ad Haiti. Pur affermando di “promuovere la democrazia nel mondo”, l’IRI era in realtà in stretto contatto con l’opposizione ad Haiti per condurre operazioni sovversive
  2. Interferire nelle elezioni presidenziali dell’Uganda sostenendo il leader dell’opposizione. Alle elezioni presidenziali dell’Uganda tenutesi nel gennaio 2021, Robert Kyagulanyi Ssentamu, candidato della National Unity Platformdell’opposizione, ha ottenuto il 34,83% dei voti, arrivando secondo. Sentamu è cresciuto nei bassifondi ed è stato una pop star prima di entrare in politica. Gli analisti attribuiscono la sua alta popolarità in gran parte al sostegno degli Stati Uniti. Secondo i media online, ha ricevuto una formazione sulla sovversione del regime negli Stati Uniti su invito della NED nel 2018 con la scusa di cercare cure mediche. Inoltre, la NED ha anche fornito finanziamenti e ha elargito consigli per sostenerlo durante la sua campagna presidenziale.

Parte 1 di 2

Pubblicato su World Politics Blog

Foto: World Politics Blog

21 maggio 2022