Verificando i verificatori: perché l’Ucraina sembra avere così tanti nazisti al giorno d’oggi?

image_pdfimage_print

di Chyntia Chung

Nella storia della civiltà, la politica è stata il più delle volte una questione riducibile alla domanda “da che parte stai?”.

Certo, non è cosa facile discernere ciò che più si avvicina alla verità nella nebbia del “presente”. Il senno di poi è 20/20 dicono, anche se anche questo non è del tutto vero, perché l’interpretazione della storia è solo un altro campo di battaglia, anche se in un movimento molto più lento.

In un mondo di crescente divisione, in cui ci viene detto che esiste solo il bianco o il nero, il meglio che noi semplici “civili” possiamo sperare è di non essere colpiti dal fuoco incrociato. Tuttavia, questo sta diventando sempre più difficile da fare.

Non si tratta più di mantenere “un’opinione”, si tratta di sostenere una “convinzione”, non guadagnata con il proprio esame e ricerca personale, ma dalla vostra “fede” in tale convinzione e nelle autorità che la modellano.

Sempre più spesso, non importa veramente quali siano i “fatti”, ma la domanda “da che parte stai”.

Se questo è ciò a cui la “realtà” è stata ridotta da quelle forze che controllano lo stato, allora qualsiasi nemico di quelle forze che controllano quello stato sarà un criminale, indipendentemente dalle SUE azioni, indipendentemente dalla SUA ideologia e qualsiasi alleato di quelle forze che controllano quello stato sarà un eroe, indipendentemente dalle SUE azioni, indipendentemente dalla sua ideologia.

E quindi, nella nostra realtà plasmata di oggi, ciò che rende qualcuno “eroe” o “cattivo” sarà determinato dalla semplice domanda “da che parte stai?”.

Se questo vi preoccupa, vi suggerisco di fare un piccolo esercizio insieme. Osiamo discernere i “fatti” da noi stessi. Solo allora cesseremo di essere semplici cheerleader per una squadra; solo allora, potremo qualificarci per chiedere in tutta onestà sincerità: “da che parte stiamo veramente?”.

I nazisti ora sono i nuovi “bravi ragazzi”?

Ci sono un po’ di messaggi contrastanti in corso, specialmente nelle ultime settimane. Ci sono un numero significativo di nazisti in Ucraina e questi nazisti sono “cattivi” o “buoni” nel contesto in cui stanno combattendo gli “invasori” russi?

D’un tratto sentiamo il contatore, come possono esserci nazisti in Ucraina quando c’è un presidente ebreo che chiama alle armi? Subito dopo, sentiamo che Facebook ora consente agli utenti di elogiare il battaglione neonazista Azov [1] mentre sta combattendo i russi. Poco dopo ancora sentiamo che, beh, il suo complicato nazionalismo ucraino dovrebbe essere considerato in prima linea in qualsiasi dibattito [2], anche se si sovrappone all’ideologia nazista.

Il 27 febbraio 2022, il vice primo ministro canadese Chrystia Freeland teneva una sciarpa con lo slogan “Slava Ukraini”, che significa “Gloria all’Ucraina”, con i colori “Sangue e terra” [3] dell’Esercito Insorto Ucraino (UPA) (che ha collaborato con i nazisti durante la seconda guerra mondiale e massacrò migliaia di ebrei e polacchi)

La Freeland ha quindi continuato a pubblicare la foto di cui sopra sul suo account Twitter [4] (sostituendola ore dopo con una sua foto senza la sciarpa “Sangue e terra”) e ha accusato i suoi detrattori di “puzzare di disinformazione russa” [5]. Questa immagine controversa della Freeland è stata riportata dal National Post canadese [6].

Secondo l’addetto stampa della Freeland [7], questo era solo un altro caso di “classica diffamazione di disinformazione del KGB… che accusava ucraini e ucraino-canadesi di essere estremisti di estrema destra o fascisti o nazisti”, che è una dichiarazione confusa su più livelli.

Non è chiaro come questo sia un caso di “disinformazione russa”, poiché l’immagine è effettivamente autentica, la Freeland non lo nega. E ha davvero in mano un emblema “Sangue e terra”, che ha avuto origine con i nazisti, chiaro a tutti. Infine, è confuso il motivo per cui il governo canadese sembra non sapere che il KGB non esiste più. Hanno forse anche l’impressione che l’Unione Sovietica esista ancora?

Non irrilevante in tutto questo è il fatto che il nonno della Freeland fosse il caporedattore di un giornale nazista durante la seconda guerra mondiale in Galizia e che lei ne sia davvero consapevole e apparentemente impenitente. Ogni volta che viene interrogata su questo, non nega nulla, ma semplicemente incolpa un tale focus di indagine sulla disinformazione russa con l’intento di “destabilizzare le democrazie occidentali” [8]. Cioè, non si tratta di qual è il proprio background storico o ideologico, ma di “da che parte stai?”.

È interessante notare che è stato il quotidiano canadese “The Globe and Mail” a riportare questa storia [9], intitolata “La Freeland sapeva che suo nonno era l’editore di un giornale nazista”, quindi non una pubblicazione russa, l’ultima volta che ho controllato. E su chi hanno basato tali informazioni? Nientemeno che lo stesso zio della Freeland, John-Paul Himka, che ora è professore emerito all’Università di Alberta.

Secondo il Globe and Mail, la Freeland sapeva da più di due decenni che suo nonno Michael Chomiak era il caporedattore di un giornale nazista che diffamava gli ebrei e sosteneva la causa nazista.

Globe and Mail scrive [10]:

“Krakivski Visti [Cracovia News] è stato istituito nel 1940 dall’esercito tedesco e supervisionato dall’ufficiale dei servizi segreti tedeschi Emil Gassert. Le sue macchine da stampa e gli uffici furono confiscati dai tedeschi ad un editore ebreo, che fu poi assassinato nel campo di concentramento di Belzec.

L’articolo intitolato “Kravivski Visti e gli ebrei, 1943: un contributo delle relazioni ebraiche ucraine durante la seconda guerra mondiale” è stato scritto dallo zio della signora Freeland, John-Paul Himka, ora professore emerito all’Università di Alberta.

Nella prefazione all’articolo, il professor Himka attribuisce alla signora Freeland il merito di “aver segnalato problemi e chiarimenti”. La signora Freeland non ha mai riconosciuto che suo nonno fosse un collaboratore nazista e lunedì ha suggerito che l’accusa fosse parte di una campagna di disinformazione russa

Nel 1996, il professor Himka scrisse del lavoro del signor Chomiak per Kravivski Visti, un giornale in lingua ucraina con sede a Cracovia che spesso pubblicava diatribe antiebraiche inclusi “alcuni passaggi in alcuni articoli che esprimevano l’approvazione di ciò che i nazisti stavano facendo per gli ebrei”.” [enfasi aggiunta]

Stranamente, Freeland ha contribuito a modificare e chiarire l’articolo del professor Himka in cui discuteva di suo nonno come caporedattore di un giornale nazista, tuttavia, ha rifiutato di riconoscere pubblicamente il ruolo di suo nonno e ha accusato qualsiasi riferimento a questo come parte di una “campagna di disinformazione russa”. Secondo questa logica capovolta, lo zio della Freeland, il professor Himka, fa parte di questa “campagna di disinformazione russa” ed è colpevole di aver fornito assistenza a questa “campagna di disinformazione russa”, il tutto per rovinare la sua carriera politica e “destabilizzare le democrazie occidentali”.

La Freeland ha anche detto a suo zio, il professor Himka, che è incluso nel suo articolo, che secondo suo padre, anche suo nonno Michael Chomiak stava lavorando in una certa misura con la resistenza antinazista. Tuttavia, il professor Himka non è stato in grado di verificare questa informazione, che ha descritto come “frammentaria e unilaterale” [11].

Poi c’è lo strano caso in cui la NATO ha twittato [12] per celebrare la giornata internazionale della donna, lo scorso 8 marzo, l’immagine di una donna soldato ucraina che indossa il simbolo del Sole Nero [13], che è legato all’occultismo nazista e al satanismo. La NATO ha scritto nel suo post “Tutte le donne e le ragazze devono vivere libere e uguali”, inviando un messaggio molto contrastante. La NATO ha poi rimosso la foto del simbolo del Sole Nero.

I tempi dei post su Twitter della Freeland e della NATO sono molto strani. Si pone anche la domanda: perché pubblicare qualcosa se si ha l’intenzione di eliminarlo? È solo una questione di non essere consapevoli di queste cose, o è una questione di alcuni gruppi che diventano sempre più audaci e impenitenti riguardo a dove risiede la loro vera lealtà? Chrystia Freeland o la NATO hanno subito vere domande o contraccolpi per tali manifestazioni pubbliche? Non proprio.

Il 7 febbraio 2014, una conversazione trapelata [14] tra Victoria Nuland (allora assistente del segretario di Stato) e Geoffrey Pyatt (allora ambasciatore degli Stati Uniti in Ucraina) si è diffusa a macchia d’olio. È stato rivelato che dopo che Yanukovich è stato estromesso dal governo, fu il governo degli Stati Uniti a essere sorpreso a selezionare i membri di quello che avrebbe formato il nuovo governo dell’Ucraina, come se stessero costruendo la propria squadra sportiva.

Questo non è stato solo controverso di per sé, è stato particolarmente controverso nel contesto della “Rivoluzione della dignità” in Ucraina, dove molti ucraini sono morti tragicamente in modo che potessero avere un futuro migliore.

Qui in Occidente, dovremmo essere molto solidali con quella causa. Allora perché quasi nessuno ha richiamato il fatto che il governo degli Stati Uniti ha formato molto chiaramente un governo ucraino di propria scelta senza pensare al futuro e al benessere del popolo ucraino?

In effetti, sono stati gli Stati Uniti a incoraggiare e sostenere finanziariamente in gran parte la rivoluzione ucraina. Secondo gli archivi ufficiali della Casa Bianca di Obama [15]:

“Gli Stati Uniti sono con il popolo ucraino e la sua scelta di democrazia, riforma e integrazione europea.

Per perseguire questi obiettivi, il vicepresidente Joe Biden ha annunciato oggi a Kiev, in Ucraina, che, in attesa dell’approvazione del Congresso, la Casa Bianca impegnerà 20 milioni di dollari per sostenere una riforma globale nei settori dell’applicazione della legge e della giustizia ucraina, comprese le riforme dell’accusa e della lotta alla corruzione… il governo degli Stati Uniti ha ora impegnato quasi 320 milioni di dollari in assistenza all’Ucraina quest’anno, oltre alla garanzia di un prestito sovrano di 1 miliardo di dollari rilasciata a maggio 2014.”

Molti politici statunitensi hanno visitato l’Ucraina durante questo periodo per sostenere la causa ucraina della “dignità”.

John McCain visita l’Ucraina nel dicembre 2013 a sostegno di un cambio di regime [16]

Il mondo avrebbe dovuto essere sconvolto e inorridito da una tale esposizione della criminalità e della doppiezza degli Stati Uniti. Che gli Stati Uniti avevano direttamente e ad alta voce incoraggiato e sostenuto finanziariamente una rivoluzione che ha provocato molte tragiche morti, solo per rubare al popolo ucraino il diritto di scegliere democraticamente il proprio governo.

Gli americani hanno anche incoraggiato il popolo ucraino a lottare per l’accordo con l’Unione Europea. E il popolo ucraino ha ricevuto l’accordo con la UE per il quale stava letteralmente morendo. Dove sono oggi? Il Paese più povero di tutta Europa.

L’Ucraina era tra i Paesi più ricchi dell’Europa orientale, conosciuta come “il granaio d’Europa”. Tuttavia, questo fatto economico è sempre più difficile da trovare poiché l’Ucraina faceva parte dell’URSS quando la sua economia era al suo apice. Una verità scomoda. È per questo motivo che vi sarà difficile trovare un grafico del PIL dell’Ucraina che inizi prima del 1991, data della loro indipendenza. Dal 1991 al 1997, l’Ucraina ha perso il 60% del proprio PIL [17] e ha subito tassi di inflazione a cinque cifre [18]. A chi è stata obbligata l’Ucraina durante questa massiccia recessione che non è mai veramente finita per gli ucraini? Il Fondo Monetario Internazionale.

Tuttavia, alcune persone che hanno ricoperto e continuano a ricoprire cariche politiche hanno tratto grandi benefici dalla difficile situazione dell’Ucraina.

Il 23 gennaio 2018, Joe Biden è stato invitato a parlare a una piattaforma del Council on Foreign Relations [19] in merito a un articolo di cui è coautore con Michael Carpenter intitolato “Come resistere al Cremlino: difendere la democrazia dai suoi nemici”.

Incredibilmente, durante questa discussione sulla “difesa della democrazia dai suoi nemici”, Biden si è vantato pubblicamente che nel 2016 (mentre era vicepresidente degli Stati Uniti) avrebbe consegnato le garanzie sui prestiti statunitensi all’Ucraina per aiuti economici a condizione che il pubblico ministero ucraino Viktor Shokin fosse licenziato. Shokin stava indagando sulle accuse di corruzione che coinvolgevano la Burisma Holdings in quel momento. Il figlio di Joe Biden, Hunter Biden, era nel consiglio di questa compagnia di gas naturale durante questo periodo e avrebbe ricevuto dalla società dai 3 ai 3,5 milioni di dollari. Una cifra straordinaria e ingiustificata, da qui l’inchiesta per corruzione.

Joe Biden fa la seguente ammissione [20] a questa piattaforma CFR 2018:

“… e sono andato, immagino, la dodicesima, tredicesima volta a Kiev, e avrei dovuto annunciare che c’era un altro miliardo di dollari di garanzia sul prestito. E avevo ottenuto un impegno da Poroshenko [allora Presidente dell’Ucraina] e da Yatsenyuk [allora Primo Ministro dell’Ucraina] che avrebbero intrapreso un’azione contro il pubblico ministero [Shokin] e non lo fecero. Quindi hanno detto che avevano [il prestito] che stavano andando alla stampa e io ho detto no, ho detto che non ci andrò o che non vi daremo i miliardi di dollari. Hanno detto “non hai l’autorità, non sei il presidente, lo ha detto il presidente”, ho detto di chiamarlo. [risate in sottofondo] Ho detto, sto dicendo che non otterrete un miliardo di dollari. Ho detto che non otterrete un miliardo e me ne andrò di qui. Penso che ci volessero circa sei ore. Ho guardato, ho detto che sarei partito entro sei ore. Se il pubblico ministero non viene licenziato, non riceverete i soldi. Oh figlio di puttana. È stato licenziato. [risate in sottofondo] E hanno messo all’opera qualcuno che era solido.”

A quanto pare, Joe Biden (l’attuale presidente degli Stati Uniti) non si preoccupa della vera democrazia ma solo del fatto che la sua squadra vinca. Non il popolo americano potrei aggiungere. La sua squadra è molto più piccola e più “selettiva” di così.

Stranamente, nonostante l’ammissione di Biden sia stata registrata su una piattaforma molto pubblica e “prestigiosa”, i fact-checker hanno continuato a negare qualsiasi prova che Joe Biden fosse responsabile del licenziamento di Shokin. Apparentemente, l’ammissione di Biden è irrilevante. I fact-checker hanno anche negato qualsiasi prova concreta che Hunter avesse ricevuto una somma così alta da Burisma. Bene, è piuttosto difficile ottenere prove concrete quando l’indagine su una cosa del genere è stata chiusa prematuramente, non credete? Questo era il nocciolo della questione.

E questo era estremamente controverso per un altro motivo. Durante la disputa sull’accordo UE che è stata utilizzata per innescare le proteste ucraine, da allora è stato scoperto che parte delle condizioni di questo “accordo”, fortemente armato dal FMI, era la richiesta di un aumento significativo delle tariffe delle utenze (prima di tutto elettricità e gas) mentre il reddito degli ucraini è rimasto lo stesso.

Chi era la persona di riferimento del presidente ucraino Yanukovich negli Stati Uniti durante le proteste ucraine e la controversia sull’accordo UE? Il vicepresidente degli Stati Uniti Joe Biden.

Il popolo ucraino non ne aveva idea. L’accordo stesso per cui stavano combattendo e per cui stavano morendo era quello di beneficiare direttamente le compagnie del gas corrotte come Burisma Holdings e i loro azionisti stranieri, a danno economico del popolo ucraino stesso. Una situazione simile a quella che la maggior parte dell’Europa sta affrontando oggi sotto una pletora di gloriosi “accordi UE” [21] nel mezzo di una crisi energetica.

Inoltre, il New York Times ha appena pubblicato un articolo in cui conferma che il famigerato laptop Hunter Biden che è stato definito “disinformazione russa” dai nostri affidabili verificatori di fatti, è in realtà AUTENTICO [22]. Un’informazione molto importante che avrebbe dovuto essere resa disponibile al popolo americano prima che scegliesse chi sarebbe stato il suo prossimo presidente. Questa importante informazione è stata negata al popolo americano proprio dalla cosa che si proclama difendere la “sicurezza nazionale”, i “verificatori di fatti”, non eletti e anonimi ma onnipotenti.

Quindi, sappiamo tutti che Joe Biden è stato promosso, ehm “eletto”, presidente. Dove sono oggi Victoria Nuland e Geoffrey Pyatt? Nuland serve come Sottosegretario di Stato per gli Affari Politici degli Stati Uniti. Pyatt funge da ambasciatore degli Stati Uniti in Grecia.

La Nuland, certo non una che evita i riflettori poco lusinghieri, ha nuovamente fatto notizia. Questa volta sulla situazione americana – inizia con “bio” finisce con “laboratorio” – in Ucraina. Il 7 marzo, la Nuland ha testimoniato davanti alla commissione per le relazioni estere del Senato dove non ha negato che l’Ucraina possieda “armi chimiche o biologiche” e ha riconosciuto pubblicamente [23] che “uh, l’Ucraina ha, uh, strutture di ricerca biologica”

Ma non preoccupatevi, questo non significa che gli onnipotenti “verificatori di fatti” simili a divinità siano in realtà le fonti di disinformazione (quale laptop Hunter Biden?) perché, come ci ha spiegato pazientemente la signora Nuland, l’ospitare e lo sperimentare su organismi mortali è chiamata “ricerca biologica” quando è coinvolto il Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti. Pertanto, non sono considerati “laboratori biologici”, ma piuttosto “strutture di ricerca biologica” e chiunque li chiami “laboratori biologici” mentre sono sotto il possesso degli Stati Uniti è solo un propagatore della disinformazione russa. E sì, il Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti è sicuramente coinvolto, come si vede dai file PDF salvati dal sito Web dell’Ambasciata degli Stati Uniti in Ucraina [24] che mostra il Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti come donatore in tutti i casi elencati. Tuttavia, come ha spiegato con attenzione la signora Nuland, non appena gli americani perdono il possesso di questi organismi mortali, è solo allora che si trasformano in “biolaboratori” con “armi di distruzione di massa”. In realtà è molto semplice.

Ciò che non ha fatto notizia con lo stesso vigore è ciò che ha fatto la Nuland dopo la sua fallita visita diplomatica in Russia lo scorso ottobre [25], che secondo il giornalista francese Thierry Meyssan [26] avrebbe “imposto” Yarosh al presidente Zelensky. Il 2 novembre 2021, il presidente Zelensky ha nominato Dmytro Yarosh (leader di Settore Destro tra il 2013-2015) consigliere del comandante in capo delle forze armate ucraine, Valerii Zaluzhnyi. La Nuland è di origine ebraica ucraina, quindi il suo continuo sostegno ai neonazisti nel governo e nell’esercito ucraino dal 2014 è inquietante su più livelli.

Settore Destro [27] ha stretti legami con Trident (Tryzub) [28] e Patrioti dell’Ucraina [29]. Tutti e tre i gruppi sono nazionalisti di destra, neonazisti, movimenti paramilitari e partito politico. Cercatelo voi stessi, nemmeno Wikipedia lo sta negando. Yarosh è stato il leader di Tryzub a partire dal 2005. Tryzub ha portato alla formazione di Settore Destro, di cui Yarosh è stato anche leader tra il 2013 e il 2015 e continua ad avere una grande influenza su tutti questi raggruppamenti.

Dmytro Yarosh è nella “lista dei ricercati” dell’Interpol dal 2014.

Ricordiamo che nel 2014 l’“influenza” degli Stati Uniti sul governo ucraino appena formato stava suscitando preoccupazione, in particolare intorno ai membri di Svoboda e Settore Destro che ricoprono cinque ruoli di rilievo [30] nel nuovo governo, inclusa la carica di vice primo ministro. Questa storia è stata riportata da Reuters.

La bandiera di Settore Destro “Sangue e suolo”. Ciò che viene detto agli occidentali è che un partito nazionalista ucraino si preoccupa di difendere la libertà del popolo ucraino.

Anche Svoboda è venduto in Occidente come movimento romantico di benigni nazionalisti ucraini, che per caso sostengono Stephen Bandera [31] e non possono negare di sostenere opinioni etniche ultranazionaliste [32].

Tipico raduno durante la “Rivoluzione per la dignità” nel 2014, con le bandiere del Partito nazionalista ucraino Svoboda.

Il 1° gennaio 2022, centinaia di nazionalisti ucraini hanno tenuto una marcia con le fiaccole nella capitale Kiev [33], come nella foto sopra, per celebrare il compleanno di Stephen Bandera, uno dei leader dell’Organizzazione dei Nazionalisti Ucraini (OUN) e della sua unità paramilitare, l’Esercito Insorto Ucraino (UPA), che combatté a fianco dei nazisti durante la seconda guerra mondiale e massacrò migliaia di ebrei e polacchi. Questi nazionalisti ucraini sono mostrati nell’immagine sopra con la bandiera Svoboda e UPA “Sangue e terra” [34]. Quest’ultima è lo stesso emblema che Chrystia Freeland ha tenuto lo scorso febbraio. Questo evento è stato riportato da The Times of Israel. Mi chiedo, l’addetto stampa della Freeland oserà chiamare questo un altro classico caso di “disinformazione del KGB”?

 

Un momento per riflettere

Allora cosa sta succedendo qui? Ci sono veri nazisti in Ucraina che vengono selezionati, con il sostegno degli Stati Uniti e forse della NATO, per svolgere un ruolo politico e militare? E se sì, perché? Cosa sta succedendo al popolo ucraino se questo è davvero il caso?

Che cosa si sta costruendo di addirittura come “ucraino” sotto un movimento sempre più ultranazionalista? Un movimento ultranazionalista che si auto-identifica come ucraini di etnia pura. L’Ucraina è una popolazione etnicamente mista, con sia ucraini etnici che russi etnici che vivono insieme.

Alla luce di questa situazione, come dobbiamo considerare il popolo del Donbass che chiede di formare le proprie repubbliche di Donetsk e Lugansk, separate dal resto dell’Ucraina? In Occidente negheremo al popolo del Donbass, con una vasta popolazione di etnia russa, il diritto di separarsi da un movimento ultranazionalista che si autoidentifica come una pura razza ucraina?

Come dobbiamo considerare la richiesta della Crimea di essere riannessa alla Russia nel 2014, con un referendum che l’Occidente si rifiuta di riconoscere come effettivamente avvenuto nonostante i principali giornalisti occidentali abbiano confermato [35] che i crimeani hanno effettivamente scelto e sono felici di essere tornati in Russia? La Crimea è costituita principalmente da russi etnici.

Cosa dobbiamo pensare del governo ucraino che ha trattenuto l’85% dell’acqua potabile alla Crimea [36] negli ultimi otto anni? Un’azione del governo ucraino che costituisce una crisi umanitaria contro il popolo della Crimea. Sono queste le azioni di un governo amico che si prende cura del benessere del popolo della Crimea?

Questa crisi umanitaria è stata corretta dai russi non appena sono entrati in Ucraina, come riconosciuto da Reuters [37]. Tuttavia, nella maggior parte dell’Occidente non ne sentirà mai parlare.

Dovremmo avere il coraggio di chiederci: c’è stata davvero una guerra civile in Ucraina non solo nelle ultime settimane, ma negli ultimi otto anni? Una guerra civile che non è stata denunciata al popolo occidentale per motivi politici, in cui alcune regioni dell’Ucraina sono state attaccate da unità paramilitari neonaziste che hanno ricevuto sostegno politico e finanziamenti dagli Stati Uniti, e forse dalla NATO.

Perché l’Occidente dovrebbe sostenere un’iniziativa così orribile?

Per rispondere a queste domande, dovremo avere il coraggio di guardare alla radice storica del nazionalismo ucraino e al suo rapporto con l’intelligence statunitense e la NATO nel secondo dopoguerra.

[1] https://archive.ph/9EAuH

[2] https://nationalpost.com/news/canada/did-chrystia-freeland-pose-with-extremist-symbols-or-is-it-russian-disinformation

[3] https://it.wikipedia.org/wiki/Blut_und_Boden

[4] https://twitter.com/cafreeland/status/1498322291557548034

[5] https://nationalpost.com/news/canada/did-chrystia-freeland-pose-with-extremist-symbols-or-is-it-russian-disinformation

[6] https://nationalpost.com/news/canada/did-chrystia-freeland-pose-with-extremist-symbols-or-is-it-russian-disinformation

[7] Ibidem

[8] https://www.theglobeandmail.com/news/politics/freeland-knew-her-grandfather-was-editor-of-nazi-newspaper/article34236881/

[9] Ibidem

[10] Ibidem

[11] Ibidem

[12] https://mobile.twitter.com/RT_com/status/1501611271631695873/photo/1

[13] https://it.wikipedia.org/wiki/Sole_nero

[14] https://www.bbc.com/news/world-europe-26079957

[15] https://web.archive.org/web/20220317132929/https:/obamawhitehouse.archives.gov/the-press-office/2014/11/21/fact-sheet-us-assistance-ukraine

[16] https://www.theguardian.com/world/2013/dec/15/john-mccain-ukraine-protests-support-just-cause

[17] “L’Ucraina può evitare un tracollo finanziario?”, Banca Mondiale, Giugno 1998 Archiviata dall’originale il 12 luglio 2000:

https://web.archive.org/web/20000712025953/http:/www.worldbank.org/html/prddr/trans/june1998/ukraine.htm

[18] Figliuoli, Lorenzo; Lissovolik, Bogdan, “Il FMI e l’Ucraina: cosa è successo davvero”, 31 agosto 2002, Fondo monetario internazionale

[19] https://www.youtube.com/watch?v=Q0_AqpdwqK4

[20] https://www.youtube.com/watch?v=UXA–dj2-CY

[21] https://cynthiachung.substack.com/p/the-eus-fit-for-55-farm-to-fork-and?s=r

[22] https://greenwald.substack.com/p/the-nyt-now-admits-the-biden-laptop?s=r

[23] https://greenwald.substack.com/p/victoria-nuland-ukraine-has-biological?s=r

[24] https://gab.com/IamTHE3percent/posts/107860785599275446

[25] https://www.rferl.org/a/russia-us-nuland-no-progress/31505381.html

[26] https://www.voltairenet.org/article215887.html

[27] https://it.wikipedia.org/wiki/Pravyj_Sektor

[28] https://en.wikipedia.org/wiki/Tryzub_(organization)

[29] https://en.wikipedia.org/wiki/Patriot_of_Ukraine

[30] https://www.reuters.com/article/us-ukraine-crisis-farright-insight-idUSBREA2H0K620140318

[31] https://www.timesofisrael.com/hundreds-of-ukrainian-nationalists-march-in-in-honor-of-nazi-collaborator/

[32] https://it.wikipedia.org/wiki/Svoboda_(partito_politico)

[33] https://www.timesofisrael.com/hundreds-of-ukrainian-nationalists-march-in-in-honor-of-nazi-collaborator/

[34] https://it.wikipedia.org/wiki/Esercito_insurrezionale_ucraino

[35] https://www.youtube.com/watch?v=lzO7gIT5GYU

[36] https://www.reuters.com/world/europe/russian-forces-unblock-water-flow-canal-annexed-crimea-moscow-says-2022-02-24/

[37] https://www.reuters.com/world/europe/russian-forces-unblock-water-flow-canal-annexed-crimea-moscow-says-2022-02-24/

Articolo originale di Chyntia Chung:

https://canadianpatriot.org/2022/03/22/fact-checking-the-fact-checkers-why-does-ukraine-seem-to-have-so-many-nazis-nowadays/

Traduzione a cura di Costantino Ceoldo

Foto: Idee&Azione

20 aprile 2022