Vertice sul clima in Egitto

image_pdfimage_print

di Redazione di Katehon

Il 27° Vertice sul clima (CS), conclusosi la scorsa settimana a Sharm el-Sheikh, in Egitto, è stato messo in ombra da altri eventi.

L’incontro si è svolto in un contesto di crisi multiple e interconnesse, che meritano tutte un’attenzione particolare: l’insicurezza alimentare ed energetica (soprattutto per l’UE), l’inflazione, il debito, la crisi ucraina e l’imminente recessione globale. A causa delle precedenti interruzioni dei vertici dovute ai rinvii causati dal coronavirus, l’agenda dell’evento attuale doveva essere saturata il più possibile.

La conferenza è iniziata il 6 novembre e doveva concludersi venerdì 18 novembre, ma è proseguita perché i partecipanti non sono riusciti a superare le loro divergenze e ad approvare un documento finale. Il ministro degli Esteri egiziano Sameh Shoukry ha esortato i partecipanti alla conferenza ad accelerare i lavori e ha avvertito che “il tempo non è dalla nostra parte”.

Secondo Simon Still, nuovo segretario esecutivo dell’UNFCCC, i temi chiave sono stati: aumentare l’ambizione per la mitigazione e far progredire l’Obiettivo Globale di Adattamento; affrontare le perdite e i danni; finanziare l’azione contro il cambiamento climatico in queste tre aree.  All’ordine del giorno anche i lavori preparatori per la revisione globale del 2023. L’Egitto, che quest’anno presiede la COP, ha annunciato dopo la riunione dell’anno scorso che l’adattamento e il finanziamento saranno le principali priorità della COP. Si tratta di una svolta rispetto ai negoziati degli anni precedenti, che si erano concentrati principalmente sulla mitigazione.

In passato, alla COP17 di Durban, i negoziati sull’Accordo di Parigi hanno iniziato a prendere slancio, sulla base dell’Accordo di Copenhagen e degli Accordi di Cancun. Di conseguenza, i Paesi sviluppati e in via di sviluppo hanno assunto impegni volontari sul clima a Parigi. La COP18 di Doha ha portato a un secondo periodo di impegno (2012-2020) nell’ambito del Protocollo di Kyoto, che ha coperto solo il 15% delle emissioni globali di gas serra (GHG). L’unica consolazione di Doha è stata la decisione di istituzionalizzare le perdite e i danni attraverso un meccanismo che sarà adattato ai Paesi più vulnerabili ai cambiamenti climatici. I piccoli Stati insulari in via di sviluppo stanno lottando per affrontare questo problema dal 1992. Gli incontri internazionali sul clima sono notoriamente lenti, e le perdite e i danni (e il loro finanziamento) sono già diventati una questione chiave in Egitto. La COP22 di Marrakech ha sostenuto il discorso dell’adattamento. La COP26 di Glasgow ha promesso di intensificare gli sforzi di adattamento, accelerare la riduzione delle emissioni di gas serra e mobilitare i finanziamenti per entrambi.

Le prime promesse sono state inferiori agli impegni necessari per limitare l’aumento della temperatura a 1,5°C. Al 26 ottobre 2022, solo 21 Paesi avevano aggiornato i loro contributi nazionali. Inoltre, l’ultimo rapporto di sintesi dell’UNFCCC sugli impegni dei Paesi ha rilevato che le emissioni di gas serra nel 2030 saranno superiori del 10,6% rispetto al 2010. I lavori preparatori per la revisione globale del 2023 sono proseguiti alla COP-27 con l’obiettivo di produrre un rapporto di sintesi nel 2023 per informare i Paesi nel 2025.

Per quanto riguarda la decarbonizzazione, mentre a Glasgow sono stati raggiunti accordi dell’ultimo minuto per “eliminare gradualmente il carbone” ed eliminare i sussidi “inefficienti” ai combustibili fossili, il FMI stima che i sussidi ai combustibili fossili passeranno dal 6,8% del PIL globale nel 2020 (equivalente a 5,9 trilioni di dollari) al 7,4% del PIL globale nel 2025. Questa tendenza sarà guidata dall’aumento del consumo di combustibili fossili nei mercati emergenti.

Per quanto riguarda i finanziamenti internazionali annuali per il clima promessi dai Paesi sviluppati, gli scenari dell’OCSE suggeriscono che l’obiettivo di 100 miliardi di dollari potrebbe essere raggiunto nel 2023, tre anni dopo rispetto a quanto concordato. Il deficit nei finanziamenti per il clima, che misura la differenza tra 100 miliardi di dollari e i finanziamenti effettivamente erogati, è stato di 16,7 miliardi di dollari nel 2020. Ciò ha minato la fiducia tra i Paesi sviluppati e quelli in via di sviluppo nel periodo precedente la COP27.

In termini di finanziamenti per le perdite e i danni, alcuni Paesi stanno iniziando a incrementarli (ad esempio, il recente impegno di 13 milioni di dollari da parte della Danimarca, dopo gli impegni assunti dalla Scozia e dalla regione belga della Vallonia alla COP26). Alluvioni come quella che ha colpito il Pakistan, dove il conto supererà i 10 miliardi di dollari di perdite, hanno creato una finestra di opportunità per discussioni più significative sul finanziamento delle perdite e dei danni in Egitto.

Per quanto riguarda gli Stati Uniti, la situazione è nuovamente cambiata. La nuova amministrazione della Casa Bianca ha aderito all’Accordo di Parigi e ha approvato l’Inflation Reduction Act e l’Infrastructure Investment and Jobs Act. Tuttavia, il Paese non sta affrontando bene i finanziamenti internazionali per il clima; il suo deficit nella mitigazione richiederà un’azione urgente; e un presidente repubblicano nel 2024 potrebbe portare a un terzo default climatico “made in America” (il primo è stato il rifiuto di ratificare il Protocollo di Kyoto e il secondo il ritiro degli Stati Uniti dall’Accordo di Parigi). Inoltre, le relazioni tra Stati Uniti e Cina sul clima sono al minimo dopo la visita di Nancy Pelosi a Taiwan.

Estrapolando le numerose esigenze ambientali in tutto il Continente Nero, l’Africa avrà bisogno di 2,8 trilioni di dollari in questo decennio per far fronte a tutti i suoi impegni in materia di cambiamento climatico e posizionarsi come fornitore di soluzioni climatiche, non solo come vittima del cambiamento climatico. Allo stesso tempo, 600 milioni di africani non hanno accesso all’elettricità.

Domenica 20 novembre, i partecipanti hanno lottato per raggiungere un accordo finale che avrebbe creato un fondo per aiutare i Paesi poveri colpiti da disastri climatici, ma non avrebbe stimolato gli sforzi per combattere le emissioni che li causano. Tuttavia, l’esito è stato diviso sul risultato.

Gli Stati Uniti hanno sostenuto la clausola di perdita e danno, ma l’inviato per il clima John Kerry non era presente dopo il test COVID-19 positivo di questa settimana. I negoziatori dell’Unione Europea e di altri Paesi si sono già detti preoccupati per i tentativi di bloccare le misure di rafforzamento del patto sul clima di Glasgow dello scorso anno.

“È più che deludente vedere una serie di grandi produttori ed emettitori di petrolio ostacolare i tardivi passi verso la mitigazione e l’eliminazione graduale dell’energia fossile”, ha dichiarato il ministro degli Esteri tedesco Annalena Berbock in un comunicato. “Troppe parti non sono disposte a fare ulteriori progressi sulla crisi climatica oggi”, ha dichiarato il capo della politica climatica europea Frans Timmermans, descrivendo l’accordo come “un passo avanti insufficiente per le persone e il pianeta”.

Il testo include anche un riferimento all'”energia a basse emissioni”, che ha suscitato la preoccupazione di alcuni di aprire la porta al crescente utilizzo del gas naturale, un combustibile fossile che emette sia anidride carbonica che metano. “Non rompe completamente con Glasgow, ma non aumenta affatto le ambizioni”, ha dichiarato ai giornalisti il ministro norvegese per il Clima Espen Barth Eide.

“Riconosco i progressi compiuti alla COP27” in termini di creazione di un fondo, ha dichiarato alla plenaria il ministro del Clima delle Maldive Aminath Shona. Ma “abbiamo fallito nella mitigazione… Dobbiamo assicurarci di aumentare la nostra ambizione di raggiungere il picco delle emissioni entro il 2025. Dobbiamo eliminare gradualmente i combustibili fossili”.

Anche in Occidente, tuttavia, ci sono critiche da parte degli ambientalisti. Si ha la percezione, ad esempio, che il “segreto più sporco” dell’Europa, che le impedisce di affrontare seriamente e rapidamente l’emergenza climatica, non venga affrontato alla COP27, organizzata dall’Egitto. Il riferimento al Trattato sulla Carta dell’Energia mostrerebbe quanto le nazioni occidentali, i maggiori inquinatori di gas serra, siano lontane dal dimezzare le loro emissioni di carbonio entro il 2030. In caso contrario, il mondo si avvierebbe verso un riscaldamento globale catastrofico, superiore a 1,5°C. A prescindere dalla retorica che si può fare alla fine del vertice di Sharm el-Sheikh di questa settimana, la realtà è che gli Stati europei si sono effettivamente legati le mani per il prossimo futuro ratificando il trattato sull’energia negli anni Novanta. Se tentano di ridurre le emissioni, si assumono un enorme onere finanziario. L’Europa preferisce non ammettere di essere prigioniera delle multinazionali dell’energia. Le aziende potrebbero chiedere un riscatto per il risarcimento agli Stati membri, minando gli sforzi dell’Europa per cambiare sostanzialmente la politica energetica per almeno i prossimi due decenni.

Le disposizioni del trattato contribuiscono a spiegare perché, nonostante anni di impegni sul clima, recenti ricerche mostrano che le emissioni di combustibili fossili raggiungeranno livelli record entro la fine di quest’anno”.

Ma uno studio di Pew Research ha rilevato che: 

– I partiti politici, e non la religione, sono la forza trainante dell’opinione pubblica sul clima negli Stati Uniti.

– Gli americani religiosi tendono a identificarsi con il Partito Repubblicano.

– I repubblicani sono molto meno propensi dei democratici a credere che l’attività umana – come la combustione di combustibili fossili – influenzi in qualche modo il clima della Terra.

– Gli americani religiosi sono più preoccupati delle conseguenze sociali dell'”agenda” ambientale: perdita di libertà personali, perdita di posti di lavoro o aumento dei prezzi dell’energia.

Nel complesso, l’indagine suggerisce che le politiche ambientali negli Stati Uniti e nell’Occidente collettivo sono in contrasto con i valori della persona religiosa. L’ecoattivismo radicale appare ai loro occhi come un neo-paganesimo. I credenti, a prescindere dalla denominazione, non sono pronti a piegarsi all'”agenda verde” e a rifiutare concetti alla moda come quello di “impronta di carbonio individuale”. Soprattutto se portano alla violazione delle libertà, alla chiusura di aziende e alla disoccupazione. Ma questo non significa che i credenti siano indifferenti all’ambiente. Tre quarti degli intervistati considerano la terra sacra e l’80% ritiene che l’uomo abbia il dovere di proteggere la natura, compresi animali e piante.

La situazione è simile in Russia. L’ecologia è importante, ma non è il caso di farne un feticcio, come accade agli ipocriti ecoattivisti occidentali.

Traduzione a cura della Redazione

Foto: Katehon.com

25 novembre 2022

Seguici sui nostri canali
Telegram 
Facebook 
YouTube