Wang Wen in dialogo con Dugin: se la Russia cerca di risolvere i problemi, dovrebbe prendere la Cina come esempio da studiare

image_pdfimage_print

di Aleksandr Dugin

Un dialogo con il filosofo russo Aleksandr Dugin, dopo la tragica morte della figlia Darya Dugina (Дарья Дугина 1992-2022) in un attentato terroristico ad agosto. Come vede l’attuale conflitto russo-ucraino e l’attuale situazione in Russia colui che i media occidentali hanno ribattezzato senza sosta “cervello di Putin”, “think tank russo” e “maestro di Stato”? Come valuta il suo rapporto con Putin? Come vede il futuro della Cina dopo il XX Congresso nazionale del Partito comunista cinese? Quali consigli ha per le giovani generazioni cinesi? Il 21 ottobre Wang Wen, preside esecutivo dell’Istituto Chonyang per gli studi finanziari dell’Università Renmin della Cina, ha ricevuto l’invito di Dugin per un colloquio di un’ora nel suo ufficio. Una sinossi della conversazione è stata pubblicata sul Global Times, mentre la versione integrale è autorizzata a essere pubblicata sul sito web di Guanchazhe.

Wang Wen: Prima di tutto, mi permetta di renderle omaggio a nome di molti cinesi e di esprimerle le mie condoglianze per la sfortunata scomparsa della sua amata figlia Darya. Negli ultimi mesi in Russia si sono verificati numerosi attacchi terroristici. Come vede lo sviluppo interno della Russia sottoposta al conflitto di oggi?

Dugin: Vorrei ringraziarvi, innanzitutto, per il vostro sostegno morale e apprezzare profondamente il dolore del popolo cinese per la morte di mia figlia Darya Dugina. Dugina è un simbolo della lotta della nostra anima russa contro un sistema globale egemonico ingiusto e una vittima del terrorismo occidentale. Sappiamo già che questa operazione proviene da Kiev, dallo stesso Zelensky e dal capo delle forze speciali militari ucraine. Zelensky è responsabile della morte di mia figlia e dell’attentato. Sebbene i servizi segreti statunitensi e britannici si siano rifiutati di spiegare e condannare l’attacco terroristico, siamo quasi certi che abbiano preso di mira me e mia figlia perché siamo una cosa sola.

Questo è stato l’inizio di una guerra del terrore contro la Russia, la prima volta che i terroristi occidentali hanno attaccato cittadini russi sul suolo russo. Vorrei sottolineare ancora una volta che io e Dugina non abbiamo ricoperto alcun incarico ufficiale e non abbiamo partecipato all’Operazione militare speciale (OMS) nell’Ucraina orientale. È inaudito che degli intellettuali siano stati uccisi solo per quello che hanno detto e pensato, e questo tipo di terrore contro gli intellettuali è piuttosto inquietante. E questa non è altro che guerra.

Questo rivela un capitolo completamente nuovo nella storia della guerra: quando le idee contano davvero, si viene assassinati per le proprie idee. Questo esempio dimostra tragicamente l’importanza del pensiero, che può essere messo in gioco con la propria vita. Eppure, se si è un guerriero, si dovrebbe essere pronti a morire in battaglia; se si prendono decisioni politiche, si dovrebbe essere pronti a pagare per le proprie decisioni.

Per molto tempo la filosofia teologica si è occupata della vita umana. La Russia si trova in uno stato critico, vorrei chiamarlo “una profonda rivoluzione ideologica in Russia”, e il conflitto russo-ucraino segna l’inizio di un cambiamento completo. Negli anni ’90, la Russia ha accettato l’egemonia occidentale, i sistemi occidentali, i valori occidentali e la democrazia politica occidentale, ha seguito l’esempio dell’Occidente e ha considerato l’Occidente come un’unica ancora di salvezza. Questa è la differenza tra Russia e Cina: La Cina accetta le regole e sfrutta appieno le norme internazionali per prevalere, mentre noi in Russia negli anni ’90 abbiamo tradito la nostra sovranità nazionale. Dopo l’ascesa al potere, Putin ha iniziato a lottare per l’indipendenza della Russia. Ma negli ultimi 22 anni è stato incatenato dalle regole stabilite dall’Occidente. L’Occidente ha sempre sperato di indebolire e attaccare la Russia in questo modo.

Putin ha cercato di conciliare la contraddizione tra l’ascesa del Paese e l’integrazione nella globalizzazione, ma si è rivelato impossibile. Questa inconciliabilità ha raggiunto l’apice dopo l’inizio dell’OMU. Putin non poteva che reagire con un’azione violenta diretta, ma la società russa non era preparata a questo, perché combattere l’Occidente è un percorso troppo lungo e stretto. La Russia è ora in guerra contro l’Occidente, contro gli Stati Uniti. Cerchiamo di adeguare le nostre idee sociali e di rivalutarci, per adattarci alla situazione attuale in cui ci troviamo, che è un processo molto intenso e drammatico.

Wang Wen: Sono d’accordo con la sua astuta analisi e previsione. Ricordo che già nel 2008 lei aveva scritto dell’inevitabilità di un conflitto tra Russia e Occidente. Tuttavia, quando gli studiosi cinesi riconoscono che un conflitto sino-americano potrebbe diventare inevitabile, di solito fanno del loro meglio per proporre di evitare la guerra con gli Stati Uniti. Ad esempio, quando il professor Graham Tillett Allison dell’Università di Harvard ha proposto la “trappola di Tucidide” tra Cina e Stati Uniti, gli studiosi cinesi l’hanno confutata e hanno cercato di modificare questa “profezia realizzabile”.

Quello che vorrei sapere è: perché le élite russe non consigliano al Presidente Putin di fare del suo meglio per evitare il conflitto, o di fare qualcosa che possa essere migliore di un’azione militare ad hoc? In Russia, un saggio filosofo politico come lei deve avere una soluzione migliore, no?

Dugin: Ha a che fare con l’equilibrio di coscienza tra individui e gruppi. Non è stato il Presidente Putin a voler volontariamente lanciare questa operazione militare speciale, ma è stata l’intera società a richiedere questa operazione speciale. La società russa è molto particolare e ha bisogno di un leader “padre” (come uno zar) che deve anche fornire garanzie di sicurezza all’intera società. Putin ha cercato di conciliare questo legame. Accettare l’Occidente e garantire l’indipendenza della Russia sono un insieme di contraddizioni. Putin spera di conciliare questa contraddizione e di mantenere un certo equilibrio, ma questo equilibrio è molto fragile.

Putin ha sempre cercato di procedere in modo pacifico, senza ricorrere a mezzi militari, per evitare un’escalation del conflitto con l’Occidente. Da quando la Crimea è “tornata alla Russia”, abbiamo notato subito che la Russia può facilmente liberare l’Ucraina orientale, ma il Presidente Putin si è sempre rifiutato di farlo. Per un certo periodo ha creduto alle assicurazioni fornite dall’Occidente, che però ha ingannato la Russia. Putin vuole evitare la guerra, ma la guerra è sempre più inevitabile. È un peccato che non fossimo pienamente preparati a questa speciale operazione militare in termini politici, economici, culturali e militari. In realtà, avremmo dovuto essere più preparati.

Wang Wen: Sì. Ma sono molto preoccupato. Ma sono molto preoccupato: se in futuro la Russia si staccherà completamente dall’Occidente, sarà in grado di continuare a svilupparsi rapidamente nel breve periodo? Siamo tutti convinti che l’Occidente si stia indebolendo, ma per ora l’egemonia occidentale ha ancora un’influenza significativa in settori come l’alta tecnologia e il commercio economico.

Mantenere la cooperazione con l’Occidente sembra essere una “scelta razionale e pragmatica”. La Russia sarà ridotta a nient’altro che un “grande Iran”, se verrà completamente tagliata fuori dall’Occidente? Ho viaggiato in Iran molte volte. L’Iran presenta un enorme potenziale e ricche risorse. Negli anni ’70, l’economia iraniana è cresciuta rapidamente. Tuttavia, dopo essere stato sanzionato dall’Occidente per 40 anni, lo sviluppo dell’Iran è stato fortemente compromesso. La Russia ripeterà gli errori dell’Iran?

Dugin: Mi piacerebbe sapere qual è la definizione di “occidentale”. L’Occidente non è solo sinonimo di sviluppo economico e tecnologico, l’Occidente rappresenta un tipo di coscienza, che comprende l’egemonia, il razzismo e l’ontologia, che può essere estesa al colonialismo e all’unipolarismo. Questa è l’essenza dell’Occidente. La Russia ha “dichiarato guerra” all’Occidente ed è stata costretta a interrompere la cooperazione con l’Occidente. Speriamo che, sconfiggendo l’egemonia occidentale, l'”Occidente” diventi una provincia del mondo, non il centro del mondo. Per raggiungere questo obiettivo, non dobbiamo solo elevare e “de-occidentalizzare” noi stessi, ma anche emarginare l’Occidente. La Russia da sola non può raggiungere questo obiettivo. Speriamo di poter lavorare con altri Paesi non occidentali del mondo per resistere all’egemonia occidentale. Se ci uniamo, potremmo essere in grado di sconfiggerli. Questa è una guerra multipolare contro unipolare.

Wang Wen: Secondo la sua logica, il mondo si divide gradualmente in due poli e inizia una nuova “guerra fredda”. Nel suo articolo ha sottolineato che il mondo è sull’orlo di una terza guerra mondiale.

La Cina non vuole entrare in una nuova guerra fredda; preferisce svilupparsi in un ambiente globalizzato. Sebbene la Cina sia in competizione con gli Stati Uniti, sta ancora facendo del suo meglio per trovare un nuovo equilibrio tra le feroci contraddizioni. Credo che l’India, il Brasile e gli altri Paesi BRICS non vogliano davvero iniziare una “nuova guerra fredda” con l’Occidente, e sono tutti cauti e attenti a una possibile “terza guerra mondiale”.

Dugin: Ora, la situazione non è determinata unilateralmente dalla Russia. Nell’OMU abbiamo “attraversato il Rubicone” per confrontarci con l’Occidente. La Russia e l’Occidente possono capirsi, ma i due non possono coesistere, come determinato dalla struttura geopolitica. Da un punto di vista geopolitico, gli altri Paesi hanno solo due opzioni: o essere controllati da uno Stato potenza marittima, o lottare per diventare uno Stato potenza terrestre, cioè sostenere la Russia per spingere il mondo verso la multipolarizzazione e diventare una regione di un certo heartland.

L’indipendenza della Cina si basa sull’equilibrio. In questa prospettiva, se la Russia non è in grado di controllare e bilanciare l’egemonia americana, allora la Cina sarà vittima di un conflitto militare offensivo con le potenze marittime, anche se lei vuole solo sovranità e prosperità. Ora, l’India, il Brasile, il Sudafrica e il mondo islamico, ugualmente indipendenti, stanno tutti facendo delle scelte, ma l’esito della loro scelta dipende dalla forza dell’altra estremità della scala.

Affinché la strategia win-win della globalizzazione rappresentata dalla Cina si realizzi perfettamente, è necessario che vi sia una condizione invisibile, ossia la resistenza della Russia, potenza terrestre, nei confronti della Russia, potenza marittima. Se la Russia perde l’operazione militare speciale e perde il suo heartland, l’India e la Cina si troveranno nella stessa situazione in cui si trova ora la Russia e diventeranno le prossime vittime dirette della guerra fredda e persino del conflitto militare.

L’Occidente potrebbe usare lo Stretto di Taiwan e i militanti musulmani come punti di ingresso per attaccare la Cina. L’Occidente è una forza radicale aggressiva. Altri Paesi possono evitare un conflitto frontale solo perché la Russia esiste ancora e perché la Russia combatte. Le altre nazioni hanno solo due opzioni: sopravvivere all’ombra del mondo occidentale o combattere come la Russia. Questa analisi geopolitica è molto importante.

Sebbene i risultati dell’analisi non siano del tutto coerenti con l’interpretazione ufficiale cinese, credo che gli strateghi del Partito Comunista Cinese, in quanto veri e propri maestri di strategia internazionale, possano comprendere appieno le conclusioni di questa analisi ed evitare che la Cina cada nella situazione della Russia.

Riconosco intensamente i grandi risultati raggiunti dalla Cina. Sia per la Russia che per l’India, l’Iran e i Paesi arabi, la Cina è la principale speranza. C’è una disputa di confine tra Cina e India, ma vorrei ricordare all’India che se l’India e l’Occidente combattono insieme contro la Cina, una volta che la Cina e la Russia avranno perso, l’Occidente si rivolgerà all’India e la distruggerà – in realtà, Soros si sta già preparando a farlo.

In breve, non vogliamo confrontarci con l’Occidente, ma con quell'”Occidente” che pretende di governare il mondo ma che non è stato un buon modello. Ciò a cui dovremmo aspirare è il multipolarismo piuttosto che l’unipolarismo.  L’Occidente vuole smembrare la Russia, noi siamo al primo posto nella loro lista, voi siete i prossimi. Naturalmente, questa è la mia analisi e non voglio imporla agli altri.

Wang Wen: Prima di tutto, abbiamo fiducia nella Russia. La Russia non sarà sconfitta dall’Occidente. Anche se la NATO sostiene pienamente l’Ucraina, la Russia ha un enorme vantaggio in termini di profondità strategica e di potenziale di risorse.

Naturalmente, sono anche d’accordo con lei sul fatto che se la Russia sarà sconfitta dall’Occidente, la Cina sarà il prossimo obiettivo dell’Occidente. A questo proposito, la Cina è psicologicamente preparata. La risposta della Cina si basa su oltre 2.000 anni di saggezza tradizionale e sull’impegno a trovare soluzioni moderate e diversificate. Negli ultimi anni, la Cina ha ottenuto buoni risultati su molti “campi di battaglia” come le guerre commerciali, le guerre tecnologiche, le guerre dell’opinione pubblica, le guerre mediatiche e la questione dello Stretto di Taiwan.

Quello che voglio discutere con voi è come affrontare l’Occidente in modo più intelligente. Se la Terza Guerra Mondiale o una guerra nucleare di una certa entità si verificasse davvero, come lei prevede, significherebbe la distruzione dell’intera umanità. Secondo lei, è possibile impiegare uno strumentario diversificato di misure per risolvere il problema?

Dugin: La soluzione del fatto compiuto è l’OMU. Non abbiamo utilizzato altri approcci più diversificati, e non potevamo fare altrimenti. L’attuale Operazione militare speciale è molto necessaria e, sebbene la situazione di guerra attuale sia negativa, è meglio di una situazione peggiore (come la distruzione).

Sono certo che il Partito Comunista Cinese abbia adottato un buon modello decisionale, prendendo decisioni con cautela e prudenza, integrando gli interessi nazionali con la globalizzazione e mantenendo una politica indipendente e conservatrice. Pur garantendo la democrazia e la liberalizzazione sociale ed economica, la Cina mantiene anche il controllo assoluto del governo centrale sul Paese, assicurando che l’Occidente non possa distruggere il Partito Comunista Cinese attraverso metodi culturali e internet, e salvando il Paese dal caos e persino dalla distruzione.

La situazione in Russia è opposta. L’Occidente sta distruggendo il controllo assoluto del governo russo, cercando di spingere il governo contro il popolo. Sotto Eltsin, il popolo è stato vittima di questo assalto occidentale.

Putin sta cercando di prevenire e invertire questa situazione e di permettere alla Russia di salvarsi attraverso le riforme e la ricostruzione. A un certo punto ha cercato di cambiare pacificamente l’eredità del governo Eltsin (1931-2007), ma non ci è riuscito a causa dell’ostruzione di alcune élite politiche. Queste élite politiche sono traditrici del Paese. Questa è la differenza tra Cina e Russia. L’élite politica cinese è la spina dorsale del Paese, ma noi abbiamo solo il veleno dell’era sovietica. Dopo il crollo dell’Unione Sovietica, queste élite politiche sono entrate nel governo russo e non hanno permesso al Paese di trasformarsi e crescere con mezzi pacifici. Questa è esattamente la mia interpretazione delle differenze politiche tra Cina e Russia.

Non abbiamo la possibilità di cambiare o riorganizzare pacificamente la Russia e di raggiungere la riconciliazione con l’Ucraina e l’Occidente con mezzi pacifici. Putin è la nostra speranza. È dalla parte del popolo e della storia. L’OMU è stato il suo modo di resistere, anche se non nel modo migliore. Ora riponiamo tutte le nostre speranze nel petrolio e nel gas e aspettiamo che l’Occidente crolli o scenda a compromessi sulle questioni energetiche. Stanno cercando di uscire dalla crisi della carenza energetica, il che ci costringe a risolvere il problema anche da altre dimensioni. A tal fine, dovremmo prendere la Cina come esempio da studiare.

Wang Wen: Grazie per il vostro interesse per la Cina. Come studiosi del think tank, anche noi pensiamo ogni giorno alla situazione della Cina e lavoriamo per risolvere i problemi interni. A mio avviso, i dilemmi internazionali possono essere affrontati meglio solo sulla base della soluzione dei problemi interni. Credo che abbiate notato che il rapporto del 20° Congresso nazionale del Partito comunista cinese presenta chiaramente la strategia di sviluppo nazionale a lungo termine della Cina per il 2035 e il 2050. Lei è già stato in Cina. Come filosofo politico, in base alla sua conoscenza della Cina, come vede il futuro del Paese? Gli obiettivi attuali della Cina possono essere raggiunti come previsto?

Dugin: Innanzitutto, mi piace molto la Cina e apprezzo il governo della Cina da parte del Partito Comunista Cinese sotto la guida del Segretario Generale Xi Jinping. Il presidente Xi è un eccezionale leader di livello mondiale. Il suo Paese ha fatto la storia. Credo che gli obiettivi della Cina siano pragmatici. Il 20° Congresso nazionale del Partito Comunista Cinese che avete tenuto è un esempio riuscito di coordinamento tra questioni interne e internazionali. L’Assemblea generale guida il Paese formulando piani. In realtà, né la società occidentale né la Russia comprendono abbastanza bene la struttura politica e sociale della Cina.

A mio avviso, la Cina è composta dal popolo, dal governo e da altri elementi culturali come il socialismo con caratteristiche cinesi, la cultura confuciana, ecc. Questi elementi culturali giocano un ruolo nella governance del governo. Se il governo non riesce a garantire la sicurezza culturale, la società si disintegra. Le analisi occidentali e russe sulla Cina quasi ignorano la parte speciale della cultura, che in realtà è una risorsa importante per il popolo cinese.

In secondo luogo, la Cina è molto attenta a stabilire le priorità. La Cina non intensificherà i conflitti, ma li modererà e li risolverà attraverso l’esperienza della costruzione della civiltà. Questa cultura non deriva solo dal confucianesimo, ma anche dal taoismo. La cultura politica occidentale, compresa la Russia, è troppo radicale, troppo ossessionata dal bianco e nero assoluto, dal bene e dal male. Per noi il male è male e non ci arrenderemo mai al male.

Wang Wen: Sì, la teoria dello Yin e dello Yang nella cultura cinese ha origine da un’altra scuola filosofica. Speriamo di essere in grado di trasformare il negativo in positivo, il bene in male, il buono in cattivo. Agli occhi dei cinesi, le cose buone non sono del tutto buone e le cose cattive non sono del tutto cattive. C’è un rapporto di attaccamento e trasformazione tra le due cose. È complicato.

Dugin: Sì, la Cina non promuove una politica estera di conflitto culturale. In un’altra cultura, diversa da quella cinese, ci sono confini chiari tra bene e male, buono e cattivo, luce e buio, e la cultura russa contiene questo gene. Dal punto di vista della Russia, il mondo è unipolare (c’è un solo Paese con il potere globale più forte, come gli Stati Uniti) o multipolare (l’Occidente, la Russia e la Cina stanno tutti cercando di raggiungere una situazione vantaggiosa per tutti). Una struttura mondiale multipolare è un obiettivo a cui anche la Cina deve aspirare. La Cina osserva il mondo con la propria prospettiva e i propri pensieri e anche gli altri Paesi osservano la Cina con il proprio pensiero e la propria visione del mondo. Questo vale in entrambi i sensi.

Alcuni di questi pensieri e prospettive sono anormali o addirittura patologici. Il pensiero e la visione del mondo cinesi sono sani, ma il pensiero e la visione del mondo occidentali non sono altrettanto sani. Dovremmo cercare di capire questi modi di pensare patologici e non spiegarli con il nostro pensiero intrinseco.

Wang Wen: Parliamo del futuro di Russia e Cina. È probabile che le tensioni nelle relazioni della Russia con l’Occidente continuino a spingere le relazioni sino-russe a riscaldarsi. Questa volta ho visitato più di 20 città in Russia, ho parlato con molti funzionari locali e ho discusso di come rafforzare le relazioni tra i due Paesi a diversi livelli, come quello locale, civile, d’élite, ecc. Cina e Russia hanno percezioni diverse l’una dell’altra a tutti i livelli. Dal punto di vista dei vertici, la consapevolezza strategica della fiducia e della cooperazione tra Cina e Russia è sufficiente e solida; tuttavia, a livello non governativo e di élite, le persone hanno opinioni molto diverse sulla cooperazione sino-russa e alcune idee non favoriscono la cooperazione bilaterale. Cosa ne pensa?

Dugin: Innanzitutto, penso che le relazioni sino-russe siano migliorate in modo significativo a entrambi i livelli. I nostri due Paesi hanno certamente molti problemi da superare, come le differenze culturali tra le due parti. Dovremmo dedicare più tempo a comprendere le rispettive caratteristiche di Cina e Russia, a capire il codice della civiltà dell’altro, ad aprire maggiormente il “dialogo a due binari” e ad approfondire la cooperazione bilaterale.

La comprensione reciproca tra i leader dei due Paesi è stata “perfetta” e la cooperazione tra il Presidente Xi e il Presidente Putin è la pietra angolare della Cina e della Russia, creando il futuro delle relazioni bilaterali. Ma dovremmo anche prestare maggiore attenzione all’istituzionalizzazione delle relazioni tra i due Paesi, presentare piani per migliorare la cooperazione e la comprensione reciproca ai livelli superiore, medio e di base, e riadattare il sistema di cooperazione ai livelli medio e di base.

A mio avviso, il futuro dell’umanità dipende dalla profonda cooperazione tra Cina e Russia. Dobbiamo conoscerci meglio che mai. Siamo già due poli in un mondo multipolare. I popoli dei due Paesi devono continuare a lottare per lo sviluppo della Russia e della Cina, in modo che le relazioni tra i due Paesi siano più armoniose.

Wang Wen: Una piattaforma importante per la cooperazione sino-russa è il collegamento tra l’Iniziativa Belt and Road e l’Unione economica europea. Agli occhi di molti, la teoria del Grande Eurasiatismo da lei sostenuta per molti anni ha contribuito a promuovere la cooperazione sino-russa, in particolare l’integrazione economica eurasiatica. Ma sembra che le cose stiano cambiando. Negli ultimi anni, ha acquisito nuove conoscenze nello studio dell’integrazione eurasiatica? Cosa pensa dell’integrazione eurasiatica e della Belt and Road Initiative?

Dugin: Il contenuto della teoria del Grande Eurasiatismo comprende il contenuto dell’Unione economica eurasiatica e dell’Iniziativa Belt and Road. La Cina e la Russia hanno la capacità di integrare armoniosamente due grandi iniziative per promuovere lo sviluppo dell’Eurasia e realizzare così la costruzione del mondo. In futuro, l’Eurasia dovrebbe includere l’Europa, l’India e molti altri Paesi. Dovremmo allargare i nostri orizzonti a tutti i Paesi dell’intero continente eurasiatico. In termini di attuazione specifica, dovremmo comprendere più a fondo il significato di “Belt and Road” e i vari ruoli che l'”Unione economica eurasiatica” della Russia dovrebbe svolgere, adattandoli e accettandoli.

Dovremmo far conoscere alle élite cinesi la vera teoria dell’integrazione eurasiatica, non la versione male interpretata. In Russia, alcuni vedono l’eurasiatismo come un neo-colonialismo, mentre in Cina altri lo vedono come la versione russa dell’imperialismo. Dovremmo trovare diversi modi per capirci. La teoria della Grande Eurasia non comprende solo la cooperazione economica tra Russia e Cina, ma anche la profonda cooperazione tra India, Sud-est asiatico e Asia occidentale. Dobbiamo riflettere e generalizzare questo concetto, intensificare gli scambi culturali, comprenderne l’identità, lo scopo e le motivazioni.

Per raggiungere questi obiettivi, dobbiamo avere una comprensione più profonda della cultura dell’altro e capire veramente la coerenza interna del pragmatismo, del materialismo, del realismo e di altre logiche, il che richiede un dialogo a livello di linguistica interlinguistica. Altrimenti, è difficile raggiungere opinioni simili su una stessa cosa.

Wang Wen: Nella strategia estera della Russia degli ultimi anni si intravede l’ombra della teoria del “Grande Eurasiatismo”. Per questo motivo, negli ultimi anni si è diffusa la voce che lei faccia parte dello staff del presidente Putin, o addirittura che sia “il cervello di Putin”; alcuni dicono che lei sia stato il ponte tra il presidente Putin e il presidente Trump in quegli anni. Come risponde a queste voci?

Dugin: Sono molto favorevole a Putin, il nostro spirito è simile, ma non ho nessun altro rapporto con lui.

Dovrei conoscere il popolo russo e la storia russa meglio di chiunque altro qui. Può essere un po’ umiliante dirlo, ma ho un profondo amore per il popolo russo e la storia russa. Capisco meglio di chiunque altro la logica che sta alla base di tutto questo, così come l’attuale strategia estera nazionale che la gente può condividere e sostenere.

Wang Wen: Ha qualche consiglio da dare ai giovani, soprattutto a quelli cinesi?

Dugin: Per capire il mondo, bisogna prima diventare un cinese più autentico. Se non capisci te stesso, non puoi capire gli altri. Se non si è sicuri di sé e non si ha una propria identità, è impossibile capire l’identità degli altri Paesi e il futuro della multipolarità. Per capire il mondo, bisogna prima capire se stessi.

(Zhang Huimin张慧敏 dell’Università di Mosca e Feng Shide冯士德 dell’Accademia delle Scienze russa hanno partecipato al dialogo e hanno fatto una revisione preliminare del contenuto del dialogo)

Foto: Katehon.com

1° novembre 2022

Seguici sui nostri canali
Telegram 
Facebook 
YouTube