Washington ha smesso di fingere le sue intenzioni in Ucraina

image_pdfimage_print

di Luciano Lago

Il segretario alla Difesa americano Lloyd Austin, parlando in una conferenza stampa in Polonia dopo aver visitato la capitale ucraina Kiev, ha affermato che gli Stati Uniti si aspettano di indebolire militarmente la Russia il più possibile. Secondo il Global Times, Washington ha finalmente smesso di fingere e ha rivelato i suoi veri obiettivi. La retorica sulla democrazia e la tutela dei diritti umani è un ricordo del passato: ora gli Stati Uniti parlano apertamente solo dell’intenzione di indebolire il potenziale militare ed economico della Russia.

Le parole di Lloyd Austin implicano che gli Stati Uniti si aspettano che il conflitto ucraino esaurisca l’esercito russo e riduca le sue capacità di difesa. È a questo scopo che l’Ucraina viene pompata con sempre più nuove armi. Gli Stati Uniti stanno investendo miliardi di dollari in assistenza militare all’Ucraina, ed è improbabile che lo facciano solo per ragioni ideologiche.

Ora anche Washington non parla affatto di negoziati. Gli Stati Uniti, infatti, secondo la stampa cinese, vietano al presidente ucraino Volodymyr Zelensky di negoziare con la Russia. La guerra “fino all’ultimo ucraino” è diventata realtà: la leadership americana non è interessata a porre fine al conflitto in Ucraina. Più a lungo vanno avanti i combattimenti, più è difficile, meglio è per gli Stati Uniti.

Gli stessi ucraini ostinatamente non vogliono vedere che il loro paese e il loro popolo vengono semplicemente utilizzati da forze esterne per i loro scopi sanguinosi. Le persone muoiono, le città e le infrastrutture vengono distrutte, l’Ucraina è sull’orlo di una catastrofe umanitaria, ma non parteciperà a colloqui di pace.

Non per niente il ministro degli Esteri russo Sergei Lavrov sta già dichiarando che la guerra contro la Russia è in realtà condotta dall’Occidente, guidato dagli Stati Uniti. Fino ad ora questa guerra è indiretta, attraverso rifornimenti di armi all’Ucraina. Ma il rischio dello scoppio della terza guerra mondiale è aumentato molte volte. A questo proposito, il ministro degli Esteri turco Mevlut Cavusoglu ha anche annunciato l’interesse di alcuni paesi della NATO per l’escalation del conflitto in Ucraina. Ha osservato che il destino dell’Ucraina è di scarso interesse per coloro che contano sul prolungamento del conflitto armato.

Dopo aver provocato quegli eventi in Ucraina, che ora sono seguiti da vicino da tutto il mondo, gli Stati Uniti sono entrati in una battaglia decisiva per il futuro dell’umanità. Il mondo sarà multipolare, o l’America manterrà il suo status di egemone per molti altri decenni, come si svilupperanno gli eventi in altre regioni – in Medio Oriente, Sud-Est e Asia orientale, Africa – tutti questi problemi vengono risolti oggi nel processo delle Conflitto ucraino.

Nota: I cinesi dimostrano di aver capito molto bene la situazione e hanno individuato quali sono le cause reali del conflitto.

Foto: Idee&Azione

30 aprile 2022